VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Chi è attualmente il numero nove più forte del mondo?
  Harry Kane
  Mauro Icardi
  Gonzalo Higuain
  Robert Lewandowski
  Romelu Lukaku
  Luis Suarez
  Edinson Cavani
  Alvaro Morata
  Edin Dzeko

Editoriale

Il PSG e il fair play finanziario, sempre più aggirato. L'Inter imbrigliata, la Juventus parte in prima fila. Il Milan punta su altri mercati e modelli esteri, ma senza sponsor rischia di star dietro

Nato a Bergamo il 23-06-1984, giornalista per TuttoMercatoWeb dal 2008 e caporedattore dal 2009, ha diretto TuttoMondiali e TuttoEuropei. Ha collaborato con Odeon TV, SportItalia e Radio Sportiva. Dal 2012 lavora per il Corriere della Sera
10.09.2017 14:47 di Andrea Losapio  Twitter:    articolo letto 65736 volte
© foto di Lorenzo Di Benedetto

Il Paris Saint Germain, in settimana, ha presentato Kylian Mbappé. Sula carta uno degli investimenti più onerosi di sempre, secondo solo a quello per Neymar Jr. 180 milioni di euro che, però, sono ancora da investire, perché il Monaco lo ha ceduto in prestito con diritto di riscatto legato alla salvezza dei parigini. Insomma, l'anno prossimo il PSG potrà spendere 180 milioni, un po' come anni fa il Real Madrid fece per il trio Cristiano Ronaldo, Benzema e Kakà. Senza colpo ferire, perché se gli incassi sono superiori a 500 milioni - come per il PSG - tutto è molto più semplice. E poi ci sono le sponsorizzazioni, a società e giocatori, oppure i voluntary agreement per non rientrare più nel ffp. Insomma, una falla dietro l'altra che non può che essere un fallimento per chi, come Platini, voleva un calcio sostenibile. Lo è diventato nella maniera sbagliata, con un oligopolio che non verrà spezzato per molto tempo.

Milano ha due situazioni diverse, perché da una parte il Milan ha speso senza pensare molto alle conseguenze, invece l'Inter è stata bloccata dal fair play finanziario. Più che altro dalla mancata cessione di Perisic, ma la realtà è quella spiegata da Fassone: il Milan ha deciso di creare una squadra il più possibile duratura, con uno scheletro chiaro, mancando solo il grande centravanti. Potrebbe essere Cutrone? Visto il precedente di Mbappé un giovane è davvero un patrimonio inestimabile, anzi, forse troppo sopravvalutato. L'Inter non ha potuto spendere, perché in un certo momento c'è stato il semaforo rosso da parte della società: da Nainggolan al prestito con obbligo di riscatto di Cancelo fino alla conferma di Vanheusden il passo è molto più breve di quanto si possa pensare. Spalletti però, da parte sua, crede di poter fare molto meglio dei suoi predecessori: a più di una persona, sua amica, ha confessato come abbia trovato impossibile che la squadra dell'anno scorso sia arrivata in una posizione così lontana dalla sua Roma. Insomma, Inter già competitiva e... Gagliardini rischia di essere un problema, perché per ora non ha per nulla convinto. Tornando al Milan, il modello è quello delle squadre di Premier League, evitando di dover dipendere dal botteghino o da eventuali qualificazioni in Champions League. Più di Real Madrid o Barcellona, l'idea è quella di diventare come lo United: fatturato record nonostante le coppe siano diventate un'optional negli ultimi anni.

E la Juventus? Certo, qualche piccolo problema l'ha, non ha concluso una squadra di livello massimo e ha un gap ancora abbastanza grosso da Real Madrid e primissime in Europa, al di là delle due finali in due anni. Howedes può essere un buon jolly ma non è un leader difensivo, almeno non nel nostro calcio e non per ora, pur avendo vinto un Mondiale. Il Napoli è rimasto lo stesso, è molto forte, ma è mancato quel piccolo passo in più per essere a livello della Juve. La Fiorentina ha dimezzato in due anni gli stipendi (e probabilmente anche i risultati), mentre Lotito fa sempre miracoli con la Lazio: si può dire fortunato, ma è pur sempre audace.

Infine l'Italia: Ventura ha detto che ha ringiovanito di 3-4 anni la rosa. Ed è falso, solo di pochi mesi. La Spagna ha avuto gioco facile, ma forse è più una questione mentale che di condizione fisica. Il mettere le mani avanti con dieci mesi di anticipo, per aggrapparsi a un alibi già ampiamente discusso prima del 3-0 di Bernabeu non è da allenatore vincente. C'è tempo per farci ricredere, almeno fino a metà novembre. Anche se speriamo metà luglio.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Gattuso confermato, il Milan ha deciso. Ma Donnarumma va via, arriva Reina: se i cinesi in pagano, Elliott ha già l’acquirente. Sabatini in Cina per l’Inter del futuro 23.02 - Il Milan sta trovando una sua dimensione, non c’è motivo di cambiare, Fassone e Mirabelli hanno deciso: Gattuso sarà l’allenatore rossonero anche l’anno prossimo. La decisione è già stata comunicata a Rino che l’ha accolta con entusiasmo e una promessa: farà di tutto per provare a...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Sicuri che non vi interessa il fatturato? Ed è vero che chi spende di più, vince di più? 22.02 - Ancora numeri, per cercare di analizzare quanto il mercato influisce, soprattutto quanto i soldi influiscono sulle prestazioni. Soldi uguale mercato. Ma è vero che chi meglio spende meglio spende? Ovvero il famoso concetto del fatturato? E' un argomento che ciclicamente torna di attualità....

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Da Robben a Balo, quante offerte per l’estate! Juve su de Vrij, il Real tenta Bonucci… Ma Ibra non lo vuole nessuno? 21.02 - Sarà un’estate caldissima e non solo per le alte temperature (gli esperti parlano di una “bella stagione” torrida). Tutti si stanno affannando per cercare l’affare del secolo. Indubbiamente non mancano le super offerte. La lista di “parametri zero” è lunga ed interessante. Al Bayern...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il segreto delle "non-lacrime" di Allegri. Milan: l'allarme cinese... e occhio a maggio! Inter: è ora di giocare al gioco del silenzio. Napoli: il diritto di Sarri a fare come crede 20.02 - Ciao. Quando arriva il momento di compilare questo editoriale faccio un giro sui siti per cercare ispirazione ed evitare di scrivere cose come “prima o poi bisogna affrontarle tutte” o “lo scudetto si decide a primavera” o “la politica è tutto un magna-magna”. A volte i siti ti danno...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Napoli-Juve, marzo sarà decisivo. Inter, che flop! Sassuolo, il problema era dietro la scrivania. Cuore De Zerbi e Bergamo Gasperini-Sartori sono ai titoli di coda… 19.02 - Se la Juventus non ha lasciato punti a Firenze e nel derby significa che il Napoli, per vincere questo scudetto, dovrà andare oltre la soglia del miracolo. Tuttavia, sembra chiaro che il campionato si deciderà a marzo, in un modo o nell'altro. Allegri e Sarri sono reduci da una pessima...

EditorialeDI: Andrea Losapio

I meriti di Gattuso o i demeriti di Montella? Borussia-Atalanta, che spot per il calcio. Un po' meno il Napoli in Europa League. Rosa lunga alla Juventus, ma se si fanno tutti male... 18.02 - In sala stampa a Dortmund, con i gol di Europa League che scorrevano in sottofondo, alcuni giornalisti tedeschi paragonavano Cutrone a Inzaghi. "Ci somiglia, eh?". Non può essere che lui l'uomo copertina del Milan di Gennaro Gattuso. Lui, invece, assomiglia tanto al Pioli della scorsa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Primavera Cutrone e Primavera Merrill Lynch. Juventus europea, stampelle e pareggio. Napoli provinciale, limiti e sconfitta 17.02 - Dalla Primavera rossonera arriva Patrick Cutrone e alla Primavera come stagione prossima ventura guarda tutto il Milan che sta lavorando per la propria nuova struttura finanziaria pre-Elliott e, possibilmente, post-Elliott. Insomma, pre ottobre 2018. Ci sono grandi novità in vista...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Ecco perché la Juve non ha battuto il Tottenham. Mancano i campioni. Le grandi lontane. Campionato non allenante. Napoli, vai fuori dalla Coppa 16.02 - La Juventus può ancora ribaltare il risultato a Londra, è giusto pensarlo e crederlo. L’impresa è difficile, ma possibile, conosciamo bene il calcio e anche il carattere dei bianconeri. Il pareggio con il Tottenham però è stato liquidato troppo in fretta come un incidente di percorso....

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il calciomercato di oggi, i nomi di ieri. Quanto varrebbero ora i big che ci hanno fatto sognare. Da Ronaldo a Totti, da Maradona a Platini: ecco le loro valutazioni... 15.02 - Quando Totti ha detto (a Sky) che nel mercato di oggi varrebbe almeno 200 milioni di euro è scattato in testa a tutti il solito giochino. Ma quanto varrebbero ora i grandi campioni del passato, Totti compreso? Non è la prima volta che ci si pensa, non è la prima volta che si fa. Proprio...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter tra riscatti, governo e sogni… Lazio-de Vrij, dipende da Lotito! Europa League, no alle seconde linee! 14.02 - L’Inter, seppur faticando, è tornata a vincere. Da oggetto misterioso, il giovane Karamoh si è trasformato in “enfant prodige”… Mentre Epic Brozovic ha iniziato una guerra con l’intero popolo San Siro (il croato è destinato a perdere, anche malamente), il 19enne francesino, ex Caen,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.