VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Il PSG e il fair play finanziario, sempre più aggirato. L'Inter imbrigliata, la Juventus parte in prima fila. Il Milan punta su altri mercati e modelli esteri, ma senza sponsor rischia di star dietro

Nato a Bergamo il 23-06-1984, giornalista per TuttoMercatoWeb dal 2008 e caporedattore dal 2009, ha diretto TuttoMondiali e TuttoEuropei. Ha collaborato con Odeon TV, SportItalia e Radio Sportiva. Dal 2012 lavora per il Corriere della Sera
10.09.2017 14:47 di Andrea Losapio  Twitter:    articolo letto 65200 volte
© foto di Lorenzo Di Benedetto

Il Paris Saint Germain, in settimana, ha presentato Kylian Mbappé. Sula carta uno degli investimenti più onerosi di sempre, secondo solo a quello per Neymar Jr. 180 milioni di euro che, però, sono ancora da investire, perché il Monaco lo ha ceduto in prestito con diritto di riscatto legato alla salvezza dei parigini. Insomma, l'anno prossimo il PSG potrà spendere 180 milioni, un po' come anni fa il Real Madrid fece per il trio Cristiano Ronaldo, Benzema e Kakà. Senza colpo ferire, perché se gli incassi sono superiori a 500 milioni - come per il PSG - tutto è molto più semplice. E poi ci sono le sponsorizzazioni, a società e giocatori, oppure i voluntary agreement per non rientrare più nel ffp. Insomma, una falla dietro l'altra che non può che essere un fallimento per chi, come Platini, voleva un calcio sostenibile. Lo è diventato nella maniera sbagliata, con un oligopolio che non verrà spezzato per molto tempo.

Milano ha due situazioni diverse, perché da una parte il Milan ha speso senza pensare molto alle conseguenze, invece l'Inter è stata bloccata dal fair play finanziario. Più che altro dalla mancata cessione di Perisic, ma la realtà è quella spiegata da Fassone: il Milan ha deciso di creare una squadra il più possibile duratura, con uno scheletro chiaro, mancando solo il grande centravanti. Potrebbe essere Cutrone? Visto il precedente di Mbappé un giovane è davvero un patrimonio inestimabile, anzi, forse troppo sopravvalutato. L'Inter non ha potuto spendere, perché in un certo momento c'è stato il semaforo rosso da parte della società: da Nainggolan al prestito con obbligo di riscatto di Cancelo fino alla conferma di Vanheusden il passo è molto più breve di quanto si possa pensare. Spalletti però, da parte sua, crede di poter fare molto meglio dei suoi predecessori: a più di una persona, sua amica, ha confessato come abbia trovato impossibile che la squadra dell'anno scorso sia arrivata in una posizione così lontana dalla sua Roma. Insomma, Inter già competitiva e... Gagliardini rischia di essere un problema, perché per ora non ha per nulla convinto. Tornando al Milan, il modello è quello delle squadre di Premier League, evitando di dover dipendere dal botteghino o da eventuali qualificazioni in Champions League. Più di Real Madrid o Barcellona, l'idea è quella di diventare come lo United: fatturato record nonostante le coppe siano diventate un'optional negli ultimi anni.

E la Juventus? Certo, qualche piccolo problema l'ha, non ha concluso una squadra di livello massimo e ha un gap ancora abbastanza grosso da Real Madrid e primissime in Europa, al di là delle due finali in due anni. Howedes può essere un buon jolly ma non è un leader difensivo, almeno non nel nostro calcio e non per ora, pur avendo vinto un Mondiale. Il Napoli è rimasto lo stesso, è molto forte, ma è mancato quel piccolo passo in più per essere a livello della Juve. La Fiorentina ha dimezzato in due anni gli stipendi (e probabilmente anche i risultati), mentre Lotito fa sempre miracoli con la Lazio: si può dire fortunato, ma è pur sempre audace.

Infine l'Italia: Ventura ha detto che ha ringiovanito di 3-4 anni la rosa. Ed è falso, solo di pochi mesi. La Spagna ha avuto gioco facile, ma forse è più una questione mentale che di condizione fisica. Il mettere le mani avanti con dieci mesi di anticipo, per aggrapparsi a un alibi già ampiamente discusso prima del 3-0 di Bernabeu non è da allenatore vincente. C'è tempo per farci ricredere, almeno fino a metà novembre. Anche se speriamo metà luglio.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: l'incoerenza di chi non vuol vedere (occhio a Higuain...). Inter: c'è un nemico alle porte (ma anche una soluzione). Milan: il rebus del "9" e altre malignità. Napoli: se il problema è fuori dal campo 19.09 - Ciao. Stasera c’è il campionato, domani pure, dunque qualunque cosa io scriva rischia di essere usata contro di me. Per questo e per altri motivi ragioneremo su cose frivole. Per esempio, non so se avete letto, ma la migliore amica della piacente cantante Selena Gomez le ha donato...
Telegram

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ecco tutti gli errori fatti a Barcellona. Processo a Allegri. Douglas Costa non serve. Paragonare Dybala a Messi è follia. Donnarumma deve scegliere il Milan o Raiola. Inter, contatto per Chiesa 15.09 - Conosciamo troppo bene il calcio per non sapere che tirare conclusioni a settembre è roba da ricovero. Soprattutto quando si parla di Juve e di Allegri. Ricordate l’anno dei dodici punti in dieci partite? E comunque la non brillantezza, le partenze in salita a settembre, sono una...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Una brutta Champions e una speciale classifica: ecco quanto costano le squadre in Europa, che sorprese! 14.09 - Certo che questa due giorni di Champions non ci lascia con buoni pensieri... le italiane vanno male, un punto in tre partite, e comunque con una gara di sofferenza più che di sfortuna. La Juve che dimostra ancora di non essere al livello del Barcellona (e Dybala con alcune curve ancora...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Dybala-Messi, la differenza è abissale! Di Francesco, cena per Alisson… Inter, pensieri da grande! E brindiamo con Rooney… 13.09 - La Juventus ha perso al Camp Nou. Ci ha pensato Leo Messi a spegnere i sogni di gloria dei bianconeri. Tutti aspettavamo la consacrazione, l’ennesima, di Paulo Dybala. Non è andata benissimo… Ancora una volta, la Pulce ha confermato, a suon di giocate e leadership, di essere il numero...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: la questione europea e l'obiettivo già raggiunto. Milan: è il momento del silenzio (e delle scelte). Inter: c'è qualcosa che va oltre il campo. Napoli: 90' studiati a tavolino 12.09 - Buonanotte, tra brevissimo parleremo di calcio. È andato in onda lo show denominato Miss Italia, che poi è il celeberrimo concorso di bellezza. Una volta funzionava così: un gruppo di ragazze molto belle si metteva in mostra e il pubblico decideva (“Questa è la più bella, questa...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Caro Marotta, ecco perché non ha senso chiudere prima il mercato. E ridateci le comproprietà! Presidenza di A: Brunelli la scelta migliore... 11.09 - Gli inglesi chiudono prima il mercato? Bene, allora facciamolo anche noi. Siamo il Paese del "copia e incolla". Senza senso e senza ragione. Non abbiamo una nostra idea e dobbiamo replicare, male, quelle degli altri. Il problema del nostro calciomercato non è, come dice Marotta, la...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Il PSG e il fair play finanziario, sempre più aggirato. L'Inter imbrigliata, la Juventus parte in prima fila. Il Milan punta su altri mercati e modelli esteri, ma senza sponsor rischia di star dietro 10.09 - Il Paris Saint Germain, in settimana, ha presentato Kylian Mbappé. Sula carta uno degli investimenti più onerosi di sempre, secondo solo a quello per Neymar Jr. 180 milioni di euro che, però, sono ancora da investire, perché il Monaco lo ha ceduto in prestito con diritto di riscatto...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.