VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Il rango non conferisce privilegi o potenza. Esso conferisce responsabilità... insegna Zeman. Forza made in Italy

Nato a Magenta il 28/4/1974, giornalista professionista dal 2001. Vanta collaborazioni con diverse testate web e cartacee, oltre ad esperienze da telecronista. Opinionista Campionato dei Campioni. Direttore del mensile cartaceo CALCIO2000
22.04.2015 00:00 di Fabrizio Ponciroli   articolo letto 38751 volte
© foto di Federico De Luca

Zeman ha alzato bandiera bianca. Lui, il boemo che non ha paura di niente e nessuno, che ha sfidato il Palazzo e pure i coinquilini di casa, che si è seduto su entrambe le panchine capitoline, che ha accusato la Vecchia Signora di bombarsi, ha detto basta. "La squadra non mi segue. Non posso vedere la mia squadra fare cose diverse da quelle che dico". Parole durissime che la dicono lunga sull'aria che si respira a Cagliari. Da isola felice a covo di rinnegati, un tuffo nell'anonimato… Lo ammetto, non ho mai amato Zeman. Sempre stato convinto che, senza un approccio difensivo di un certo livello, in Italia non si possa vincere ma la mia stima per l'uomo (e l'allenatore) non è mai stata in discussione. Vederlo abbandonare il campo di battaglia (di questo si tratta, considerato anche il recente, assurdo blitz degli ultras) mi ha davvero fatto male al cuore. Probabilmente il calcio di oggi non è più quello che conosceva Zeman. Da elegante gentiluomo l'ha capito prima di tutti, lasciando un ultimo monito: "Ora tutti si dovranno prendere le proprie responsabilità". Un "invito" ai suoi, ormai, ex giocatori a dimostrare che, senza la sua presenza, si possa far meglio. Un ultimo regalo alla presidenza Giulini. Inutile proseguire in un progetto in cui, Zeman e Giulini a parte, nessuno ha dimostrato di crederci fino in fondo. E' un anno malsano questo. Il Parma che si sbriciola, il Cagliari che si perde per strada, le milanesi che giocano a non farsi male, Roma, sponda giallorossa, che pensa più alle parole del patron Pallotta che alla Champions da conquistare e una città, quella di Napoli, che rispolvera anacronistici metodi (leggi ritiro ad oltranza). E non dimentichiamoci Firenze, un luogo dove servirebbe una benedizione divina, vista la moltitudine di infortuni (l'ultimo, Babacar, il più pesante da digerire). Una stagione sui generis che, comunque, ci sta regalando soddisfazioni europee inattese. Oggi tocca alla Juve. A Monaco non sarà una passeggiata di salute ma la tranquillità di Allegri è un bel punto di partenza. Poi Napoli e Fiorentina, con la speranza che sia, almeno a livello internazionale, l'anno buono. Zeman non ci crede più ma io ci credo alla grande. Perché non possiamo aspirare ad una Juventus finalista e ad un atto finale di Europa League a tinte solo italiane? Non mi pare che gli altri Paesi (Liga a parte) stiano entusiasmando (gli inglesi sono già tutti in poltrona a veder giocare gli altri). Dove sono tutti quelli che dicevano che il nostro calcio era finito, a pezzi, ormai morto e sepolto? Vero, ci manca ancora l'ultimo scalino, quello più difficile ma, signori, già essere dove siamo giunti, con tre squadre ancora in gioco, è un risultato di cui andare fieri (ad inizio anno neanche il più ottimista degli scommettitori avrebbe osato tanto). Ecco, se poi si riuscisse ad arrivare fino in fondo, allora sì che potremmo citofonare a chi ci denigrava e fargli notare che il Made in Italy, nelle difficoltà, sa esaltarsi. E più in difficoltà di noi, ultimamente, non c'è proprio nessuno… Anche Zeman se ne è accorto…


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Il Napoli è devastante, Juve alla tedesca. Il duello è appena iniziato... 21.09 - Impossibile non parlare di calcio giocato nella sera dell'infrasettimanale. Impossibile non parlarne dopo una serata piena di emozioni e che regala al campionato dopo 5 giornate le due prime della classe lassù in testa alla classifica a punteggio pieno con una dimostrazione di forza...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter, buon carattere…. Mondi diversi: Patrick vs Patrik! Sarri perché non parla? E poi CR7 a Lisbona! 20.09 - L’Inter si ferma a quattro vittorie. A Bologna, i nerazzurri non vanno oltre l’1-1. Straordinari i giocatori di Donadoni, bravi a non mollare quelli di Spalletti. Onestamente Icardi (altro gol) e compagni non hanno incantato. Nella prima frazione, il Bologna ha dominato con un Verdi...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incoerenza di chi non vuol vedere (occhio a Higuain...). Inter: c'è un nemico alle porte (ma anche una soluzione). Milan: il rebus del "9" e altre malignità. Napoli: se il problema è fuori dal campo 19.09 - Ciao. Stasera c’è il campionato, domani pure, dunque qualunque cosa io scriva rischia di essere usata contro di me. Per questo e per altri motivi ragioneremo su cose frivole. Per esempio, non so se avete letto, ma la migliore amica della piacente cantante Selena Gomez le ha donato...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ecco tutti gli errori fatti a Barcellona. Processo a Allegri. Douglas Costa non serve. Paragonare Dybala a Messi è follia. Donnarumma deve scegliere il Milan o Raiola. Inter, contatto per Chiesa 15.09 - Conosciamo troppo bene il calcio per non sapere che tirare conclusioni a settembre è roba da ricovero. Soprattutto quando si parla di Juve e di Allegri. Ricordate l’anno dei dodici punti in dieci partite? E comunque la non brillantezza, le partenze in salita a settembre, sono una...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Una brutta Champions e una speciale classifica: ecco quanto costano le squadre in Europa, che sorprese! 14.09 - Certo che questa due giorni di Champions non ci lascia con buoni pensieri... le italiane vanno male, un punto in tre partite, e comunque con una gara di sofferenza più che di sfortuna. La Juve che dimostra ancora di non essere al livello del Barcellona (e Dybala con alcune curve ancora...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Dybala-Messi, la differenza è abissale! Di Francesco, cena per Alisson… Inter, pensieri da grande! E brindiamo con Rooney… 13.09 - La Juventus ha perso al Camp Nou. Ci ha pensato Leo Messi a spegnere i sogni di gloria dei bianconeri. Tutti aspettavamo la consacrazione, l’ennesima, di Paulo Dybala. Non è andata benissimo… Ancora una volta, la Pulce ha confermato, a suon di giocate e leadership, di essere il numero...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: la questione europea e l'obiettivo già raggiunto. Milan: è il momento del silenzio (e delle scelte). Inter: c'è qualcosa che va oltre il campo. Napoli: 90' studiati a tavolino 12.09 - Buonanotte, tra brevissimo parleremo di calcio. È andato in onda lo show denominato Miss Italia, che poi è il celeberrimo concorso di bellezza. Una volta funzionava così: un gruppo di ragazze molto belle si metteva in mostra e il pubblico decideva (“Questa è la più bella, questa...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.