VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Il Real chiama Morata, la Juve prova a resistere. Baselli e Vazquez per gennaio. Arriva Berardi, Zaza a Sassuolo. Milan, Balotelli nel tridente. Serve Witsel. Napoli, cinque schiaffi a Maradona

Giornalista professionista e scrittore, editorialista del Quotidiano Sportivo che ha rifondato e diretto per cinque anni. Opinionista radio e tv. Twitter @EnzoBucchioni
18.09.2015 11:18 di Enzo Bucchioni   articolo letto 129561 volte
© foto di Federico De Luca

Mi sono divertito a leggere della resurrezione della Juventus raccontata dagli stessi che tre giorni prima avevano già celebrato i funerali. Molto più banalmente la straordinaria vittoria di Manchester è frutto di scelte migliori da parte di Allegri che sta finalmente trovando una strada tattica più logica con idee più appropriate dopo la rivoluzione estiva, di una gara di grande carattere dei bianconeri e di una pessima prestazione del City.

Hernanes regista è il futuro. Per fare il trequartista non ha più il passo e neanche i tempi, in quella posizione può solo migliorare e dare personalità, tecnica. Ha tutto per diventare il nuovo faro bianconero e Marchisio, quando tornerà, sarà sicuramente più utile come secondo centrocampista viste le difficoltà di Sturaro e la giovane età di Lemina. Il 4-3-3 scelto a Manchester è poi l'ideale per valorizzare Cuadrado che comunque è bravo anche nel 3-5-2 come esterno destro con Alex Sandro a sinistra. Insomma, la nuova Juve sta prendendo forma, le figuracce in campionato sono frutto di alcune indecisioni ed errori del tecnico (Padoin regista, perché?), della preparazione pesante, degli infortuni e di qualche calo di determinazione. Comunque la campagna acquisti è stata importante, questa vittoria darà la scossa e la Juve per me è già ripartita.

Uno dei migliori a Manchester è stato sicuramente Morata, un vero killer in campo internazionale, a dimostrazione della grande personalità. Il Real ha già deciso di riportarlo a casa grazie alla clausola rescissoria da trenta milioni. Morata è destinato a sostituire Benzema o Bale nell'attacco di Benitez.

Cosa può fare la Juve per contrastare il Real?

L'operazione è oggettivamente difficile, Morata è venuto in Italia perché non giocava titolare, se il club spagnolo gli offrirà una maglia sicura e un ingaggio importante ci sarebbe da alzare bandiera bianca.

Però Marotta non molla, conta molto sulla sensibilità e l'attaccamento del ragazzo che si è sempre dimostrato grato alla Signora che ha creduto in lui. La Juve sta cercando di alzare da subito i suoi emolumenti, attualmente a 2,5 milioni annui più bonus. Contemporaneamente c'è l'intenzione di portare il contratto dal 2019 al 2021.

Insomma contratto prolungato per altri sei anni e guadagni da 3,5 di partenza a salire. Basterà? Vedremo. Intanto questo è un giocatore vero e ormai è chiaro, potrebbe diventare un punto fermo del ringiovanimento che non è finito.

La Juventus infatti si sta guardando attorno e viste le difficoltà di Khedira e anche di Marchisio al secondo infortunio, sta pensando di rinforzare il centrocampo con un altro ingresso di un giovane italiano che sta crescendo. I bianconeri stanno seguendo con grande attenzione Baselli del Toro e presto valuteranno se potrà essere uno dei colpi di gennaio anche se comprare da Cairo è sempre difficile. Nel mirino anche Vazquez del Palermo per il ruolo di trequartista che alla fine è rimasto scoperto per le vicissitudini estive. Marotta voleva prendere anche l'italoargentino insieme a Dybala, Zamparini l'ha sparata grossa. Ora, con più calma e minori pretese, il discorso potrebbe ricominciare a gennaio. Ma c'è un'altra idea che frulla ed è quella di riprendere Berardi dal Sassuolo e di scambiarlo con Zaza. Come ricorderete, Allegri avrebbe voluto Berardi già l'estate scorsa. Le due dirigenze hanno invece deciso di fare le cose per gradi e di prendere prima Zaza che per adesso, però, sta faticando a entrare nella nuova dimensione. Se la situazione non dovesse cambiare, a gennaio possibile il giro di valzer. Insomma, una ottima campagna acquisti con molti giovani interessanti, sta comunque dimostrando qualche lacuna e la Juve sta già correndo al ripari.

Anche il Milan ha avuto i suoi problemi nelle prime giornate e li ha ancora costringendo Mihajlovic a correggere in corsa le sue scelte iniziali. E' chiaro che Bertolacci non serviva, è troppo simile a Bonaventura. E' altrettanto chiaro che De Jong non può essere il regista. Con Montolivo con i piedi buoni davanti alla difesa, Kucka a sinistra e De Jong a destra, il Milan potrebbe permettersi anche di giocare con il tridente come faceva Miha nella Sampdoria. Balotelli centroavanti come Okaka, Bacca come Eder e Luiz Adriano come Gabbiadini. Naturalmente tutte e tre le punte dovranno fare grande movimento in fase di copertura. Questo è il nuovo Milan che sta nascendo con la convinzione assoluta che a gennaio serve un centrocampista vero. La Juve ha mollato definitivamente Witsel e allora servono 25 milioni per prendere il belga e rimettere in Milan ancor più nella scia di Juve, Inter e Roma.

Anche il Napoli spera di riagganciare presto il treno delle grandi e dei segnali incoraggianti sono arrivati ieri sera. Jorginho in un centrocampo a tre può tornare quello di Verona. Hysaj a destra rende molto di più. E il 4-3-3 può essere una buona alternativa. Cinque gol al Bruges sono una bella risposta a Diego Armando Maradona che quando giocava con i piedi era il migliore del mondo, ma ora che pensa con i piedi fa solo dei danni al Napoli e ai napoletani. Parole troppo grosse e pesanti contro Sarri che nascondono il livore di chi era il numero uno del calcio e il calcio ha messo ai margini. Peccato. Voto alto invece a De Laurentiis che per difendere il suo allenatore è andato conto il Mito di Napoli. Altissimo a Sarri che ha risposto da gran signore: sono onorato che Maradona sappia chi sono io. Il problema, purtroppo, è che anche noi sappiamo chi è Maradona quando esce dalle righe.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Montella, questo Milan ha bisogno di identità. Verona, in "Pecchiata" verso il baratro. Baroni, è stato bello... Juve e Napoli, avanti così! 25.09 - Quest'ultima giornata di campionato ci consegna diverse cartoline. Una da Milano: una volta l'Inter queste partite non le avrebbe mai vinte, invece, anche se non indovina la domenica giusta Spalletti fa punti. Nel calcio si dice: sono segnali. Seconda cartolina da Torino: Mihajlovic...
Telegram

EditorialeDI: Marco Conterio

Troppe Serie A, il calcio sia riformato subito: chi ha la memoria corta non è De Laurentiis. Juve schiacciasassi e Higuain non è diventato un brocco mentre il Torino è ancora vittima degli eccessi di Mihajlovic. 24.09 - I campionati di Serie A vanno avanti. No, non c'è refuso e neppure stortura in questo attacco ma la pura e semplice, nonché amara, verità. La Juventus, il Napoli e la Roma sono da Champions. Inter e Milan degne di una lega d'alto spessore e perché no pure una Lazio mai doma nonostante...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva: a Suso era andata molto peggio. Moratti: ruolo operativo non significa quote. Napoli: e goditela una volta per tutte! 23.09 - C'è qualcosa di psicologicamente ossessivo e di calcisticamente patologico nei detrattori di Andrè Silva. Dopo la tripletta di Vienna, era la fine del mondo se un talento del genere non giocava contro l'Udinese. Dopo la Spal, è tornato un boomerang da usare contro la campagna acquisti...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Campionato falsato, subito la riforma e premio-promozione. I limiti dell’Inter, a gennaio uno fra Ozil, Draxler e Vidal. Juve, i nodi di un mercato modesto. Howedes rotto, Douglas Costa fantasma. Con Uva in Uefa l’Italia più forte 22.09 - Dopo cinque giornate è già abbastanza chiaro che il campionato è falsato. Facendo una proiezione, a dicembre, ma forse prima, la situazione sarà già ben delineata con 7-8 squadre in corsa per i posti che contano, quattro o cinque in lotta per non retrocedere e le altre (troppe) senza...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il Napoli è devastante, Juve alla tedesca. Il duello è appena iniziato... 21.09 - Impossibile non parlare di calcio giocato nella sera dell'infrasettimanale. Impossibile non parlarne dopo una serata piena di emozioni e che regala al campionato dopo 5 giornate le due prime della classe lassù in testa alla classifica a punteggio pieno con una dimostrazione di forza...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter, buon carattere…. Mondi diversi: Patrick vs Patrik! Sarri perché non parla? E poi CR7 a Lisbona! 20.09 - L’Inter si ferma a quattro vittorie. A Bologna, i nerazzurri non vanno oltre l’1-1. Straordinari i giocatori di Donadoni, bravi a non mollare quelli di Spalletti. Onestamente Icardi (altro gol) e compagni non hanno incantato. Nella prima frazione, il Bologna ha dominato con un Verdi...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incoerenza di chi non vuol vedere (occhio a Higuain...). Inter: c'è un nemico alle porte (ma anche una soluzione). Milan: il rebus del "9" e altre malignità. Napoli: se il problema è fuori dal campo 19.09 - Ciao. Stasera c’è il campionato, domani pure, dunque qualunque cosa io scriva rischia di essere usata contro di me. Per questo e per altri motivi ragioneremo su cose frivole. Per esempio, non so se avete letto, ma la migliore amica della piacente cantante Selena Gomez le ha donato...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.