HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Stelle di Natale AIL 2018
SONDAGGIO
Ottavi di Champions: chi ha più possibilità tra Inter e Napoli?
  Andranno entrambe agli ottavi
  Si qualificherà solo il Napoli
  Si qualificherà solo l'Inter
  Verranno entrambe eliminate

La Giovane Italia
Editoriale

Il Var così è inutile, parte terza. Juventus-Napoli è la spiegazione che il fair play finanziario ha solo fatto danni. Il Milan continua a ostinarsi a non prendere un allenatore top

Nato a Bergamo il 23-06-1984, vive a Firenze. Giornalista per TuttoMercatoWeb dal 2008, ha diretto TuttoMondiali e TuttoEuropei. Ha collaborato con Odeon TV, SportItalia e Radio Sportiva. Dal 2012 lavora per il Corriere della Sera
30.09.2018 11:50 di Andrea Losapio  Twitter:    articolo letto 84842 volte
© foto di Lorenzo Di Benedetto

Ventuno punti in sette partite, più sei sulla seconda - magari cinque, se oggi il Sassuolo dovesse vincere con il Milan - e già due gol nello scontro diretto con la più probabile antagonista da qui a maggio. Come in Germania, la Juventus appare sempre di più uguale al Bayern Monaco. Strangolatore di campionati, killer di trofei. Allegri guida un boeing 737 e gli altri un'auto: magari all'inizio ci può essere un piccolo problemino, su 1000km (o un campionato intero) è chiaro come vada a finire. Allegri era specialista nel partire così così, per poi prendere giri con l'andare del tempo. Quest'anno ha una squadra talmente forte che non ha nemmeno bisogno del decollo, è davanti a tutti già da prima. La gara con il Napoli è stata chiara: 1-0 subito, con la possibilità di raddoppiare oppure di andare in vantaggio anche prima, con Zielinski. Poi si accende il super campione, che il Napoli non ha, e va a finire come deve, con i gol di Mandzukic. Siamo alla settima giornata, sembra già alla trentaquattresima. La prossima è Udinese-Juventus, finora CR7 e compagni hanno faticato fuori casa, chissà che non ci possa essere una sorpresa. Verrebbe da sperarci, per il prosieguo di un campionato che ora ha solo la lotta per il secondo posto.

E l'espulsione di Mario Rui? Non è un episodio da Var, ma è evidente che il rosso ci sia. Due falli da giallo, entrambi abbastanza evitabili. Chiaro che quando sale la tensione non sempre ci sia la lucidità adatta per rispondere completamente dei propri comportamenti. Vero, dall'altra parte, che la gestione della partita è stata abbastanza cervellotica, con due episodi su tutti: Chiellini che compie un fallo di mano - senza prendere ammonizione - e Cristiano Ronaldo che tira due volte in porta, quando ha già sentito il fischio, con il fischietto che sorvola. Troppo poco per dire che Banti ha cambiato il corso della partita (ci ha pensato per la prima volta CR7), parecchio per accusare di doppiopesismo, con ovvie ripercussioni nelle polemiche dei prossimi giorni. Avrebbero anche stancato.

Intanto il Var continua nella sua crociata per l'inutilità dopo un anno, quello scorso, abbastanza buono. Che però è stato macchiato dalla conduzione di Orsato in Inter-Juventus, dove è stato espulso (giustamente) Vecino, ma non Pjanic, anche lui evidentemente da cacciare. Cosa che gli doveva accadere nel turno infrasettimanale con il Bologna (sarebbe finita in maniera uguale) e con il Parma, per entratacce esagerate. Però il nuovo perimetro del Var - che devia verso il corretto solo gli episodi estremamente chiari, come falli di mano e fuorigioco - non dà la possibilità di correggere una decisione sbagliata, ma solo una evidentemente errata. Insomma, siamo tornati al pre Var tranne per fuorigioco e falli di mani. Ecco, appunto, il fallo di mano di Vitor Hugo in Inter-Fiorentina è evidente. Ma anche il calcione di Asamoah che di fatto scombina praticamente tutto, perché subito dopo arriva il gol del 2-1 di D'Ambrosio. Avremmo dovuto aprire ancora di più al Var, invece lo abbiamo relegato in un angolo.

Chiosa dedicata al Milan, sempre più in difficoltà nonostante l'arrivo di Higuain. I risultati, non ultimo il pari a Empoli, stanno minando la credibilità di Gennaro Gattuso, sia nei confronti della proprietà - comunque già scettica - ma anche per la squadra. È dai tempi di Ancelotti che i rossoneri non prendono un allenatore top, con un'esperienza già consolidata. Si può obiettare che anche il tecnico di Reggiolo non avesse le stimmate del vincitore, ma aveva già guidato un Parma stellare e una Juventus dell'ultimo Zidane. Uno abituato alle pressioni e a gestire dei campioni. Invece tutti quelli del dopo Ancelotti non hanno queste caratteristiche, nemmeno Allegri (arrivato dal Cagliari, più in stile Arrigo Sacchi). Troppi improvvisati, da Inzaghi a Seedorf, oppure con un'esperienza limitata a Serie B o Primavera (Gattuso). Anche se l'ombra di Conte, alla luce di quello già successo anni fa con l'Atalanta (presa in difficoltà e rimasta molto in difficoltà fino al suo addio, all'Epifania) forse è da vedere con un'ottica già proiettata verso il prossimo anno.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Napoli e Giuntoli il matrimonio va avanti, si lavora ancora per Zielinski. Milan, per Cahill c’è l’ok del Chelsea ma resta l’ostacolo ingaggio. La Juventus ripensa a Isco. Roma anche Weigl nella lista di Monchi. Fiorentina su Sansone 08.12 - Meno di un mese e il mercato sarà di nuovo aperto. E allora parto subito con il Napoli e con Cristiano Giuntoli. Un matrimonio destinato a durare ancora a lungo. Con De Laurentiis il feeling è forte e le parti sono vicine a prolungare il rapporto per continuare un ciclo che si è aperto...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Marotta sfida la Juventus. Duello a tutto mercato per Barella, Chiesa, Milinkovic Savic, Martial e non solo: il sogno è Dybala nerazzurro. Spalletti, i segreti per fermare Allegri. Un Ronaldo dall’altra parte vent’anni dopo il rigore contestato 07.12 - Marotta non è ancora un dirigente dell’Inter, almeno in via ufficiale. Per opportunità sarà presentato soltanto giovedì prossimo, dopo la sfida di questa sera con la Juve, il suo passato ancora vivo e caldo. Tutto sommato la scelta di Suning è condivisibile, nel calcio ci sono già...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Vince sempre il più ricco? E come si fa a batterlo? 07.12 - Spesso si fanno discorsi relativi al fatturato e alla capacità di spesa. È evidente che se hai più soldi sei avvantaggiato: diciamo che come minimo puoi permetterti più errori. Ma da qualche tempo a questa parte, soprattutto in Italia, sembra quasi si sia innestato un circolo virtuoso...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Derby d’Italia: ma davvero l’Inter pensa di avere qualche speranza? La Juve allo Stadium prepara una vittoria dal sapore spietato. Quello che deve temere la Juventus è su Isco: Paratici sta lavorando, ma la situazione è complicata 05.12 - Era dal 2010 che non si giocava un derby d’Italia al venerdì, occasione che può essere di buon auspicio per entrambe: perché era l’ultimo anno in cui un’italiana vinse la Champions, e quell’italiana fu l’Inter - e il derby si anticipò appunto prima della semifinale Inter-Barcellona. Ma...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incredibile "fame" bianconera e un solo dubbio. Inter: su Spalletti bisogna darsi una regolata. Milan: altalena Gattuso, da "inadatto" a "mister modello". Tutte le rogne del Var... 04.12 - Il problema del Var che fa incazzare tutti come delle bestie (giustamente) è un non-problema, nel senso che non dipende mica dal Var. Prendersela col Var è come prendersela col semaforo che “questo rosso dura troppo! Maledetto!”. Oh, mica lo decide lui. Ecco, qui la questione...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

La Juventus non ammazza il campionato ma tutto il sistema. L'inutilità del Var. Milan, serve la svolta a gennaio. Serie B e C, quando le decisioni? 03.12 - Non è un discorso di essere tifosi della Juventus oppure no. Quelli che leggerete sono solo complimenti verso la società, i tifosi, la squadra, Allegri, i magazzinieri, la segreteria, l'ufficio stampa e l'autista della Juventus. Però il problema non è la Juve, il vero problema è che...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

Dai mecenati al FFP, dai crac alla noia. Così non va: come ripensare la Serie A? O si vara la Superlega o si cambiano le regole, guardando a modelli molto diversi come quello NBA 02.12 - È appena iniziato il mese di dicembre, non siamo ancora al giro di boa della Serie A e tra gli italiani che vivono di pane e pallone ci sono due correnti di pensiero. Ci sono coloro che considerano il discorso Scudetto già concluso, chi dice che raggiungere una Juventus che finora...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Di Francesco merita ancora fiducia, a gennaio 2 acquisti. L’Inter si inserisce nella corsa a Tonali, per Gabigol spunta l’ipotesi Premier. Milan per la difesa uno tra Christensen e Cahill. Fabregas più di un’idea ma costi alti 01.12 - Di Francesco e il futuro. Un futuro ancora giallorosso. Merita fiducia anche se la sconfitta con il Real ha fatto riemergere i soliti problemi, soprattutto la mancanza di continuità. La partita di martedì sera va analizzata bene. Il primo tempo è stato molto buono. Casomai è inspiegabile...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Fabregas al Milan, manca solo l’ok di Abramovich. Ibra già fatto. Juve punta i giovani Ndombelè e Gedson Fernandes, Ramsey più vicino, Isco nel mirino. Inter, Marotta vuole Martial. Perisic può partire per Chiesa 30.11 - Il Milan ha buone possibilità di portare a casa a gennaio Cesc Fabregas, 31 anni, panchinaro di lusso del Chelsea. Il centrocampista spagnolo con Sarri gioca pochissimo ed ha capito che il progetto di rilancio dei rossoneri può allungargli una straordinaria carriera. All’inizio della...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Inter e Napoli, tutto rinviato, ma nulla è perduto. Anzi: vietato, vietatissimo mollare 29.11 - Tutto rinviato, nei gironi più difficili Napoli e Inter dovranno sudarsi la qualificazione fino all'ultimo. Non basta la vittoria del Napoli per 3-1 contro la Stella Rossa: sarà decisiva la sfida ad Anfield Road, ancora una volta uno scontro dentro o fuori con il Liverpool per Ancelotti....
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
-->