HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Icardi non è più il capitano: condividete la scelta dell'Inter?
  Si
  No

La Giovane Italia
Editoriale

Il Var così è inutile, parte terza. Juventus-Napoli è la spiegazione che il fair play finanziario ha solo fatto danni. Il Milan continua a ostinarsi a non prendere un allenatore top

Nato a Bergamo il 23-06-1984, vive a Firenze. Giornalista per TuttoMercatoWeb dal 2008, ha diretto TuttoMondiali e TuttoEuropei. Ha collaborato con Odeon TV, SportItalia e Radio Sportiva. Dal 2012 lavora per il Corriere della Sera
30.09.2018 11:50 di Andrea Losapio  Twitter:    articolo letto 85069 volte
© foto di Lorenzo Di Benedetto

Ventuno punti in sette partite, più sei sulla seconda - magari cinque, se oggi il Sassuolo dovesse vincere con il Milan - e già due gol nello scontro diretto con la più probabile antagonista da qui a maggio. Come in Germania, la Juventus appare sempre di più uguale al Bayern Monaco. Strangolatore di campionati, killer di trofei. Allegri guida un boeing 737 e gli altri un'auto: magari all'inizio ci può essere un piccolo problemino, su 1000km (o un campionato intero) è chiaro come vada a finire. Allegri era specialista nel partire così così, per poi prendere giri con l'andare del tempo. Quest'anno ha una squadra talmente forte che non ha nemmeno bisogno del decollo, è davanti a tutti già da prima. La gara con il Napoli è stata chiara: 1-0 subito, con la possibilità di raddoppiare oppure di andare in vantaggio anche prima, con Zielinski. Poi si accende il super campione, che il Napoli non ha, e va a finire come deve, con i gol di Mandzukic. Siamo alla settima giornata, sembra già alla trentaquattresima. La prossima è Udinese-Juventus, finora CR7 e compagni hanno faticato fuori casa, chissà che non ci possa essere una sorpresa. Verrebbe da sperarci, per il prosieguo di un campionato che ora ha solo la lotta per il secondo posto.

E l'espulsione di Mario Rui? Non è un episodio da Var, ma è evidente che il rosso ci sia. Due falli da giallo, entrambi abbastanza evitabili. Chiaro che quando sale la tensione non sempre ci sia la lucidità adatta per rispondere completamente dei propri comportamenti. Vero, dall'altra parte, che la gestione della partita è stata abbastanza cervellotica, con due episodi su tutti: Chiellini che compie un fallo di mano - senza prendere ammonizione - e Cristiano Ronaldo che tira due volte in porta, quando ha già sentito il fischio, con il fischietto che sorvola. Troppo poco per dire che Banti ha cambiato il corso della partita (ci ha pensato per la prima volta CR7), parecchio per accusare di doppiopesismo, con ovvie ripercussioni nelle polemiche dei prossimi giorni. Avrebbero anche stancato.

Intanto il Var continua nella sua crociata per l'inutilità dopo un anno, quello scorso, abbastanza buono. Che però è stato macchiato dalla conduzione di Orsato in Inter-Juventus, dove è stato espulso (giustamente) Vecino, ma non Pjanic, anche lui evidentemente da cacciare. Cosa che gli doveva accadere nel turno infrasettimanale con il Bologna (sarebbe finita in maniera uguale) e con il Parma, per entratacce esagerate. Però il nuovo perimetro del Var - che devia verso il corretto solo gli episodi estremamente chiari, come falli di mano e fuorigioco - non dà la possibilità di correggere una decisione sbagliata, ma solo una evidentemente errata. Insomma, siamo tornati al pre Var tranne per fuorigioco e falli di mani. Ecco, appunto, il fallo di mano di Vitor Hugo in Inter-Fiorentina è evidente. Ma anche il calcione di Asamoah che di fatto scombina praticamente tutto, perché subito dopo arriva il gol del 2-1 di D'Ambrosio. Avremmo dovuto aprire ancora di più al Var, invece lo abbiamo relegato in un angolo.

Chiosa dedicata al Milan, sempre più in difficoltà nonostante l'arrivo di Higuain. I risultati, non ultimo il pari a Empoli, stanno minando la credibilità di Gennaro Gattuso, sia nei confronti della proprietà - comunque già scettica - ma anche per la squadra. È dai tempi di Ancelotti che i rossoneri non prendono un allenatore top, con un'esperienza già consolidata. Si può obiettare che anche il tecnico di Reggiolo non avesse le stimmate del vincitore, ma aveva già guidato un Parma stellare e una Juventus dell'ultimo Zidane. Uno abituato alle pressioni e a gestire dei campioni. Invece tutti quelli del dopo Ancelotti non hanno queste caratteristiche, nemmeno Allegri (arrivato dal Cagliari, più in stile Arrigo Sacchi). Troppi improvvisati, da Inzaghi a Seedorf, oppure con un'esperienza limitata a Serie B o Primavera (Gattuso). Anche se l'ombra di Conte, alla luce di quello già successo anni fa con l'Atalanta (presa in difficoltà e rimasta molto in difficoltà fino al suo addio, all'Epifania) forse è da vedere con un'ottica già proiettata verso il prossimo anno.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juve: la mossa di Allegri per l’Atletico, quella di Paratici sul mercato. Inter: il ritorno di Icardi, il “metodo Marotta” e… la situazione Conte. Milan: Leonardo, gran doppietta. E su Cuneo-ProPiacenza… 19.02 - Buondì, la Roma sta giocando contro il Bologna, nel frattempo Wanda Nara brucia in un camino le foto di lei con Icardi. Pare sia un’usanza per scacciare le maledizioni. Io insisto: meglio i gin-tonic. Comunque, è stata una settimana molto intensa e tutti hanno parlato di un “caso”...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

A Cuneo, il funerale del calcio italiano. Leonardo, su Piatek a 35 milioni hai avuto ragione tu. Su Gattuso ti sei ricreduto. Caso Icardi, Wanda-Nera e, forse, Maxi Lopez non era così matto... 18.02 - Voi, giustamente, vorreste parlare della Juventus che si gioca la Champions, del Milan che sogna il ritorno nell'Europa che conta, del caso Icardi e del Napoli che prepara tre colpi per l'estate. Vi devo deludere. Non fregherà niente a nessuno ma sappiate che ieri c'è stato il funerale...

Editoriale DI: Andrea Losapio

Icardi è il caso dell'anno, anche se tutti vorrebbero il rinnovo... ma il problema è Higuain. Mercoledì tocca (davvero) a Cristiano Ronaldo, il Napoli deve affidarsi al suo Re di Coppe 17.02 - Ci sono tre assunti nella vicenda Icardi. Sia Mauro che il club vorrebbero il rinnovo, ognuno alle sue condizioni. Nessuno ha mai avuto intenzione di pagare i 110 milioni della clausola rescissoria anche se potrebbero farlo nella prossima estate per via del giro di centravanti che...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Zaniolo, la Juve c’è ma la Roma è pronta a blindarlo fino al 2024. Anche il City su Dybala, il Real tratta Hazard. Per la difesa il Manchester United guarda in Italia. Nel mirino Koulibaly e Milenkovic. Il Napoli insiste per Lozano e Fornals 16.02 - La prima doppietta in Champions League ha solo confermato quello che è evidente da tempo. Nicolò Zaniolo ha tutto per diventare un grande giocatore. Ed inevitabilmente è già diventato uomo mercato. La Roma sta cercando di blindarlo anche perché sa bene che le sirene sono in agguato....

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Icardi andrà via, ma ora l’Inter punta al rinnovo. Chi paga 110 milioni? Tutte le colpe di Wanda. Punito dalla società, scaricato dallo spogliatoio. I tifosi contro l’argentino. Avanti con Lautaro. Le idee di Marotta per l’attacco 15.02 - E adesso come finirà? E’ questa la domanda delle domande che ruota e rimbalza fra l’Inter, Icardi, Wanda Nara, i compagni e i tifosi. Dopo la decisione della società di togliergli la fascia, degradare Maurito, e per reazione il suo rifiuto di seguire la squadra a Vienna, si sta...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Capitani, fasce, rinnovi e cessioni: Icardi e Hamsik 14.02 - La notizia in casa Inter è di quelle che tengono l’attenzione alta per tutta la giornata, forse per tutta la stagione. Icardi non è più il capitano dell’Inter, Icardi non è convocato per la partita di Europa League contro il Rapid Vienna. Anzi di più: Icardi ha scelto di non andare...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Roma padrona, adesso le scuse a Di Francesco e Monchi. Quello che Paratici non dice: l’asse di scambio Isco-Dybala è più di una possibilità per la Juventus. Lo spogliatoio vuole Sarri fuori: Inter, Roma o Milan se lo prenderebbero? 13.02 - Roma padrona, in Champions non perdona. Visto che bisogna adeguarsi a chi c’è al governo, allora si può riattare uno slogan politico usato da quella parte nell’epoca Tangentopoli per fotografare i giallorossi in Europa. Tanto parlare, tanto condannare, e poi la Roma è stata una potenza...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: Ramsey e non solo! Inter: Marotta e la rivoluzione di giugno (nomi e modalità). Milan: Gattuso non va celebrato oggi. E su Sanremo… 12.02 - Uè, ciao. Son tornato da Sanremo. Non potere capire, sembrava l’inferno. Cioè, noi pensiamo sempre che il mondo del calcio sia il più complicato e fetente in assoluto e invece c’è chi prova a competere. C’è stata questa cosa del vincitore Mahmood che ha scatenato il tutti contro tutti...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Sarri-Napoli, l'addio è stato un flop per tutti. Inter, su Icardi ha ragione Spalletti. Frosinone, la cura di Baroni. Roma, Faggiano l'uomo giusto per il dopo Monchi. Benevento, hai fatto bene a fidarti di Bucchi 11.02 - Dirlo dopo questo week end è troppo facile ma un passaggio lo avevamo già fatto. Il divorzio estivo tra il Napoli e Maurizio Sarri è stato un flop per tutti. Quando le cose vanno bene e un allenatore trova l'habitat ideale bisognerebbe fare di tutto per andare avanti il più possibile....

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

La differenza tra Piatek e Hamsik: De Laurentiis e la lezione alla medio-alta borghesia del calcio italiano che troppo spesso non viene compresa 10.02 - Nel calcio per costruire un progetto importante saper cedere è molto più importante di saper acquistare. Saper resistere, contrattare e rifiutare quando da una cessione sembra possano arrivare solo vantaggi è fondamentale. E' la differenza tra chi fa impresa in modo lungimirante e...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510