VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
Editoriale

In serie A si comincia a volare: Juve e Napoli rispondono all'Inter. Risorge il Milan, tiene la Roma. Ma adesso sul mercato chi ha bisogno di più?

26.10.2017 07:50 di Luca Marchetti   articolo letto 21364 volte
© foto di Federico De Luca

In tre punti ci sono 4 squadre. Vi basta per dichiarare la serie A il campionato più combattuto d'Europa? E forse anche bello. Intanto perché di scontato c'è poco e le emozioni sono tante. Che Napoli e Juventus potessero essere le protagoniste annunciate forse lo sapevamo. Non potevamo immaginare che Allegri continuasse a togliersi giacchini e cappotti per dimostrare la sua rabbia quando la Juve stacca la spina e che i bianconeri potessero rischiare così. Ma non potevamo neanche immaginare che la Juve facesse 31 gol in 10 partite: sono 3 di media realizzati ad ogni squadra. Una media pazzesca. Una media più alta del Napoli che con il bel gioco ha costruito le sue fortune, affidandosi a un gruppo solido che dallo scorso anno lavora insieme. Pochi innesti sul mercato e questa è la forza di Sarri. Impreziosita dalle gemme di un Mertens che è tornato ad essere scintillante. Ma anche il superNapoli rischia. Prima va sotto, poi riemerge, poi soffre. E anche Sarri si arrabbia, eccome, in panchina sul gol di Izzo.
Il Napoli torna primo, la Juve rimane a tre punti. E ora cominciano ad ingranare anche i nuovi: dopo aver puntato sull'usato sicuro ecco la perla di Bernardeschi. Dopo un periodo di appannamento ecco di nuovo Dybala e Higuain. La Juve è arrabbiata. La Juve è tornata.
La vera grande sorpresa sono Inter e Lazio. L'Inter addirittura lassù, in mezzo alle due pretendenti al trono. Tutti a chiedersi se l'Inter reggerà. Intanto dal trittico derby, Napoli, Samp è uscita con sette punti. Non basta? Ha fatto 70 minuti strepitosi contro i blucerchiati. Non basta? Icardi ne ha fatti 11 in 10 partite. Non basta? Si muove da squadra, pensa da squadra, vive da squadra. Non basta? Ha sicuramente ancora margini di crescita e consapevolezze da prendere. Non basta? No. Forse non basta, ma non lo sa neanche Spalletti, il vero grande acquisto di questa squadra che ha rigenerato giocatori che non sembravano più in grado di potersi esprimere a questi livelli (considerata la passata stagione), che ha avuto la possibilità di lavorare su un bel gruppo sin dall'inizio della stagione e che per forza o per amore ha individuato i suoi titolari. Una ricetta quasi invincibile, quella del gruppo solido.
Non a caso le prime quattro di questa classifica fanno proprio leva sul gruppo. E non a caso, quella che ha avuto un periodo di ambientamento più lungo è stata proprio la Juventus che è quella che ha avuto più innesti. La Lazio forse è l'esempio più bello di concetto di gruppo e di titolari. Chissà se il nervosismo di Lulic può incrinare qualcosa, ma questa Lazio è decisamente bella. Altra vittoria, tre pali per Immobile (forse abbiamo trovato chi può fermarlo!) e una consapevolezza che cresce ogni giorno di più. Sono una realtà, bella, di questo campionato. Sicuramente sul campo.
Poi c'è la Roma, con una gara in meno. Che fatica un po' ad aver la meglio sul Crotone ma che ha la miglior difesa del campionato e che fra poco si ritroverà con una rosa più larga. C'è poi la resurrezione del Milan. Dopo le buone prestazioni arrivano i gol e i punti. Montella respira, il Milan respira. Ma all'orizzonte c'è la Juve, basta poco per tornare in affanno.
A vederlo così, il campionato, purtroppo sembra che tutto funzioni e che non ci sia bisogno di tornare sul mercato. E invece, guardatela dall'altra parte. In tanti ora stanno facendo la bocca alla vittoria, di un obiettivo più grande di quello sperato o individuato all'inizio. L'appetito vien mangiando. E il mercato significa migliorarsi... e allora attenzione... perché ci si sta già muovendo sotto traccia...
Capitolo panchine: Delneri si puntella, anche se si parlava di un cambio già deciso. Bucchi torna sulla graticola, De Zerbi prima vede il paradiso e poi l'inferno ma l'in bocca al lupo per un'impresa (letterale) è praticamente d'obbligo. In B cambia il Perugia: entro poche ore sarà ufficiale Breda, il normalizzatore.
Tenetevi forte...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Milan, crocevia Usa. La Nazionale riparte dal Milan. Perisic e i giocatori che vanno attesi 18.11 - Se il New York Times arriva ad occuparsi del Milan, vuol dire che il Milan fa gola. Stupiscono, ma forse fino ad un certo punto, i tempi scelti per lanciare la bomba mediatica, da un autorevole quotidiano che comunque negli ultimi due anni non era mai entrato nelle vicende del closing...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Collina l’uomo nuovo per la Federcalcio. Ancelotti, no alla Nazionale. Non farà la foglia di fico di Tavecchio che deve solo andar via. La colpa è sua: non ha capito la guerra fra Ventura e i giocatori. Tutti i retroscena. L’ex Ct via dall’It 17.11 - C’è solo un uomo in grado di cambiare il calcio in Italia e di rilanciarlo verso il futuro con interventi radicali e riforme illuminate e quell’uomo si chiama Pierluigi Collina. L’attuale capo degli arbitri della Fifa è l’unica personalità di livello mondiale spendibile dal paese...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non è una questione di nomi, ma di programmi. E stavolta sul serio... 16.11 - Lunedì. Lunedì sarà il giorno in cui ci saranno le risposte. Le proposte che Tavecchio (che non si è dimesso) presenterà il nuovo programma da cui ripartire. Uomini e idee. E' lì che si giocherà la vera partita, è lì che misureremo la voglia di cambiamento del movimento calcio italiano. Delle...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Nazionale interessa davvero? Allora nuova “regola”: cinque italiani in campo (minimo) in ogni club!!! 15.11 - La delusione è ancora forte, quasi insostenibile. Come era prevedibile, tutti si sono inorriditi per quanto successo. L’Italia fuori dal Mondiale, una catastrofe, un’apocalisse, la morte del calcio italiano. Tanti presidenti di club si sono espositi in prima persona… Tutti avviliti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Qui muore il calcio italiano 14.11 - Qui muore il calcio italiano, condannato dall'improvvisazione, le cattive abitudini, il malcostume di chi pensa che ce la farà per qualche bislacco diritto divino. Qui muore il calcio italiano. E ci fa male, malissimo, ma guardiamoci in faccia: è dannatamente giusto così. Qui...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tifiamo Italia ma cambiamola da subito: 4 proposte per riformare serie A, B, C e D. Marotta, il problema non è la chiusura tardiva del mercato... 13.11 - Questa sera l'Italia del pallone, e non solo, si ferma. Come fosse una finale del Mondiale, il fiato sospeso per l'importanza della gara. Tutti su Rai 1 a tifare gli azzurri sbiaditi. Non è la finale di un Mondiale e neanche una semifinale. Un play off per farlo il Mondiale. Giochi...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Italia, i colpevoli dopo martedì. Esonerare Ventura ora è inutile, magari due partite fa... L'ombra di Conte e gli errori di Tavecchio 12.11 - Il giorno dei processi non è ancora arrivato. Sarà in ogni caso quello di martedì, perché la partita della Friends Arena, pur difficile come dimostrato già dalla sconfitta dei nostri cugini francesi, ha scavato l’ennesimo solco incolmabile fra la Nazionale di Ventura e la realtà....

EditorialeDI: Mauro Suma

Italia, un palo che non trema. Milano, Herrera e i criteri del Comune. Pirlo, freddezza rossonera 11.11 - Han fatto quello che hanno voluto. Ci hanno tenuti bassi nel primo tempo e ci han fatto venire fuori nel secondo. In attesa dell'attimo buono, che hanno artigliato prima e gestito con disinvoltura poi. Non sono solo chiacchiere e zazzera bionda questi svedesi. Il peggior sorteggio...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Insigne non deve mancare. Ventura imita Maldini. Milan, no al blocco del mercato. Ottimismo per i conti. Donnarumma verso il Psg che pensa anche a Conte. Juve, preso Barella. Napoli, Quagliarella per Milik 10.11 - Cari amici, lo so che della Nazionale non ve ne può fregar di meno. Azzurro Tenebra, scriveva Arpino. Azzurro pallido oggi. Ma stasera il tifo positivo di tutta l’Italia deve accompagnare la Nazionale nello storico spareggio con la Svezia che venti anni dopo ricorda quello di Cesare...

EditorialeDI: Luca Marchetti

L’Italia e Insigne, il Napoli e i terzini, l’Inter e Joao Mario e il FFP del Milan 09.11 - Ora tutti concentrati sull’Italia. E di parole sull’importanza della partita in previsione domani ne sono state dette e scritte tantissime. Dai protagonisti di questo spareggio e da tanti colleghi. Tutti d’accordo, l’Italia non può mancare dal Mondiale. Il rischio, paradossalmente...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.