HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Lotta per l'Europa: Inter e Milan andranno in Champions?
  Sì, arriveranno entrambe in Champions League
  Solo l'Inter riuscirà nell'obiettivo
  Niente Inter: sarà solo il Milan a raggiungerla
  Nessuna delle due riuscirà ad andarci

La Giovane Italia
Editoriale

Incredibile Cristiano! Si sente perseguitato dalla Uefa, e ha deciso di boicottare la Nations League! Come se al momento non ci fossero altre preoccupazioni. L’Italia e Mancini invece devono considerarla priorità, per non finire come Ventura

10.10.2018 00:00 di Tancredi Palmeri  Twitter:    articolo letto 43296 volte

La faccenda ha dell’incredibile, e sarebbe da farci una risata sopra se non apparisse assurda. E terribilmente fuori luogo, visto il momento estremamente delicato.
Cristiano Ronaldo, e insieme con lui il suo entourage familiare e lavorativo (che nel caso di Cristiano si mischiano), si è convinto che tutte le sfortune calcistiche in ambito europeo che gli sono capitate recentemente - ammesso che di sfortune si possa parlare - facciano parte di un disegno preciso.
Da fonti vicine al giocatore filtra la tesi in cui il mondo CR7 crede: ovvero che tutto inizi dal Real Madrid, e dalla volontà politica di Florentino di detronizzare l’importanza del portoghese dalle gerarchie internazionali. Per questo motivo, secondo quello che di cui ci si è convinti, il Real Madrid avrebbe fatto pressioni sull’Uefa affinché non fosse assegnato a Cristiano il premio come miglior giocatore della stagione. E’ assolutamente vero che l’aereo del portoghese fosse pronto a decollare per Montecarlo, quando fu presa la decisione di mollare tutti in asso e non partecipare alla cerimonia in segno di protesta.
Poche settimane dopo è arrivata l’espulsione indiscriminata a Valencia, e inutile aggiungere che Cristiano Ronaldo sia convinto che anche quella non fosse una casualità, ma rientrasse sempre nell’ambito della nuova politica Uefa influenzata dal Real Madrid.
E per questo motivo CR7 ha deciso di prendersi la sua rivincita politica: l’Uefa sta lanciando la nuova competizione per nazionali, la Nations League, con gran dispiego di pubblicità e eventi, grazie a un calendario fatto di partite di cartello? Bene, Cristiano per ritorsione verso quella che crede essere una congiura nei suoi confronti, ha deciso di boicottare la Nations League. Ovviamente informando la federazione portoghese e il ct, che mai si metterebbero contro l’alpha e omega dell’intero movimento calcistico portoghese, e devono assecondarne i voleri.
Cristiano Ronaldo non vuole contribuire con la sua presenza alla buona riuscita della Nations League, e ha scientemente deciso di privare la competizione di quella che senza dubbio sarebbe la stella più importante, visto che in questo caso non ci sarebbe un Messi verso cui rivolgersi in alternativa.

Siccome poi la vita prende pieghe particolari e imprevedibili, questo boicottaggio da parte di Cristiano Ronaldo della Nations League a ottobre 2018 è diventato anche un elemento utile al giocatore per avere il tempo necessario per dedicarsi alla strategia difensiva e di contrattacco alle accuse, ed evitare di esporsi in patria a ulteriori attenzioni mediatiche.
L’accusa di stupro a Cristiano dà comunque l’occasione per interrogarci, appassionati e addetti ai lavori.
Fino a che punto può arrivare il tifo calcistico? E’ così importante? Così importante da giustificare o accusare a prescindere, solo perché nello specifico caso si è juventini o anti-juventini?
Tutto ciò è aberrante. Ma se gli appassionati possono permettersi tale disinvoltura a cuor leggero, di certo però non possono permetterselo gli addetti ai lavori.
L’episodio è un fatto di cronaca, la giustizia farà il suo corso, sarà come sarà. Ai media spetta informare, in maniera sobria ma puntuale, senza paura e senza reticenza.
Che senso hanno i dibattiti pubblici medievali tra innocentisti e colpevolisti?
E che senso ha il silenzio mediatico altrettanto medievale in cui l’Italia era piombata per alcuni giorni, mentre all’estero era (e tuttora è) notizia in primo piano, prima che il discutibile tweet della Juventus sembrava quasi avesse dato finalmente il permesso di trattare la notizia?

Fortuna che c’è anche il campo. Dove invece l’Italia diversamente da Cristiano Ronaldo non può permettersi di relegare a ruolo di secondo piano la Nations League. Al di là dell’essere un vero e proprio trofeo, non può farlo proprio per quello che vuole Mancini: dare la priorità alle qualificazioni europee. Perché se dovessimo retrocedere in Lega B, allora sarebbero altissime le possibilità di non essere testa di serie ai sorteggi per la qualificazione. Per questo il ritorno con Polonia e Portogallo sono una sorta di turno preliminare per le qualificazioni: il nostro destino a Euro 2020 lo impostiamo in questo mese, abbiamo assoluta necessità di una vittoria nelle due partite.

Altrimenti rischiamo di fare la fine di Ventura. Nel senso di non qualificarsi, e non di andare al Chievo. A proposito, bella pensata da parte del presidente Campedelli: se qualcuno giocando contro il Chievo si fosse trovato con scarse motivazioni, adesso di colpo invece la partita contro gli ultimi ancora penalizzati ritrova tutto un altro significato. Sempre che Ventura arriv: l’ex ct infatti ha chiesto due anni e mezzo di contratto, che pare una richiesta abnorme da fare a una squadra con molte possibilità di retrocedere.
Più che da allenatore, una richiesta da esattore delle tasse. Ma chi è causa del suo mal, pianga se stesso.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juve, le plusvalenze non fanno vincere la Champions. Il Milan se ne frega del fair play finanziario, l'Inter riparte da Spalletti? Conte, Tuchel, Sarri e altre leggende 21.04 - La festa Scudetto non è tale quando esci dai quarti di Champions League per mano dell'Ajax. E soprattutto quando potevi farlo una settimana prima, con un pari tranquillo a Ferrara, invece di inserire giocatori di Serie C oppure giovani. La formazione era più forte di quella della...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Juventus, risalgono le quotazioni di Conte. Dybala in partenza, Bayern in prima fila ma c’è anche il Liverpool in un possibile scambio con Salah. Per la difesa spunta anche Jérôme Boateng. Marotta e Paratici, che sfida per Chiesa 20.04 - A fine stagione ci sarà un cambiamento inevitabile. Per la Juventus è già cominciata la fase di riflessione. Il primo nodo resta sempre Allegri. E’ vero che ci sono state le conferme del presidente Agnelli e dello stesso allenatore su un futuro ancora bianconero, ma la sensazione...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Allegri non resterà. Agnelli punta tutto su Conte, l’unico grande motivatore. Arriverà un giocatore super per reparto. Il tentativo per Guardiola di due mesi fa. Napoli, fine del ciclo. Insigne un caso 19.04 - Andrea Agnelli ha confermato Allegri a caldo, subito dopo la bruciante eliminazione dalla Champions e sinceramente penso sia stata soltanto una mossa mediatica. Il tentativo, un classico in questi casi, e niente di più di cercare di deviare l’attenzione dal dramma sportivo per far...

Editoriale DI: Luca Marchetti

La Juve, la Champions, i soldi e il mercato. I programmi della Roma e la “nuova” recompra 18.04 - La mancata qualificazione alle semifinali per la Juventus non è semplicemente una sconfitta che fa male. Perché tradisce le aspettative dei tifosi della Juventus, prima ancora che le ambizioni della società a del suo presidente Agnelli. L’Ajax ha frantumato la Juventus, ha scoperto...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

E’ la disfatta di Allegri, checché ne dica Agnelli: vincere non era l’unica cosa che conta? La Juventus ha giocato solo quando ha dovuto reagire. Rilassatasi con l’Ajax, è crollata. Gli juventini vogliono Allegri? 17.04 - Il ranking. Il nuovo tormentone è il ranking. Uscire da questa disfatta - né più, né meno - contro l’Ajax, e parlare da parte di Agnelli di ranking e degli ultimi cinque anni sempre nei Quarti, ha lo stesso effetto dell’ingaggiare un make-up artist da Oscar per fare agghindare un...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: i rischi della super sfida e il moralismo senza senso sui “ragazzotti”. Inter: la verità tra le parole di Marotta (Icardi, Spalletti e... Conte). Milan: il futuro di Gattuso, spiegato nel presente. Napoli: la coerenza non è un optional 16.04 - Mentre scriviamo brucia Notre Dame e c’è davvero poco da ridere. Qualcuno fa grassa ironia “in fondo non è morto nessuno!”. Ah, pisquani, quanta pochezza. Brucia Notre Dame e noi siam qui a parlare di pallone, del resto di arte capiamo nulla, ma che fastidio accendere la tv e vedere...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan, angeli e demoni. Inter, traguardo vicino. Napoli, che horror! Chievo giustamente in B. Gravina, prima i veri problemi poi il resto... 15.04 - Le lotte per il quarto posto, e per il terzultimo, sono le uniche rimaste a farci divertire. Penserete, giustamente, come sia caduta in basso la serie A. Vero! La Juventus, ormai, deve fare i calcoli per quando festeggiare. Deve decidere solo la data e si organizza per la passerella,...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

La formazione di Allegri è il frutto di un campionato che non funziona. Vincere così non aiuta nessuno, nemmeno la Juve. E Andrea Agnelli lo sa bene... 14.04 - Un esordiente nel massimo campionato con la maglia della Juventus, due esordienti assoluti in Serie A, più Hans Nicolussi Caviglia. Centrocampista classe 2000 che prima di ieri sera aveva giocato in Serie A solo dieci minuti contro l'Udinese (quando il risultato era 4-0). A Ferrara,...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Inter, è Lukaku la prima scelta se parte Icardi. Dzeko e Zapata le altre ipotesi. Juventus, per il centrocampo si continua a monitorare Ndombele del Lione. Svolta Mertens, l’attaccante belga ora potrebbe rimanere. Giuntoli al lavoro per Callejon 13.04 - La fine del campionato è dietro l’angolo e una decisione deve essere presa per forza. La svolta tra l’Inter e Icardi sta per arrivare. L’addio resta l’ipotesi più probabile ma non scontata. Icardi è un grande bomber, ha 26 anni e ora più che mai è un’occasione di mercato per tante...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Juve, il Real vuole Kean. De Ligt, passi avanti. Conte, scatto della Roma. Un piano con Faggiano come ds. L’ombra del Qatar. Ma l’Inter vuole chiudere in fretta. Skriniar rinnova, Chiesa più lontano. Pioli-Fiorentina alle carte bollate 12.04 - La Juve deve fare in fretta a rinnovare il contratto di Moise Kean in scadenza fra un anno. Dopo la raffica di gol e le capacità tecniche e fisiche messe in mostra dal ragazzo del 2000, mezza Europa lo sta monitorando, ma in particolare è scattata l’attenzione del Real Madrid. Zidane...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510