HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi merita il Pallone d'Oro 2018?
  Sergio Aguero
  Alisson Becker
  Gareth Bale
  Karim Benzema
  Edinson Cavani
  Thibaut Courtois
  Cristiano Ronaldo
  Kevin De Bruyne
  Roberto Firmino
  Diego Godin
  Antoine Griezmann
  Eden Hazard
  N'Golo Kanté
  Isco
  Harry Kane
  Lionel Messi
  Neymar
  Jan Oblak
  Luka Modric
  Paul Pogba
  Sadio Mané
  Hugo Lloris
  Marcelo
  Kylian Mbappé
  Mario Mandzukic
  Ivan Rakitic
  Sergio Ramos
  Mohamed Salah
  Luis Suarez
  Raphael Varane

La Giovane Italia
Editoriale

Incredibile Cristiano! Si sente perseguitato dalla Uefa, e ha deciso di boicottare la Nations League! Come se al momento non ci fossero altre preoccupazioni. L’Italia e Mancini invece devono considerarla priorità, per non finire come Ventura

10.10.2018 00:00 di Tancredi Palmeri  Twitter:    articolo letto 42993 volte

La faccenda ha dell’incredibile, e sarebbe da farci una risata sopra se non apparisse assurda. E terribilmente fuori luogo, visto il momento estremamente delicato.
Cristiano Ronaldo, e insieme con lui il suo entourage familiare e lavorativo (che nel caso di Cristiano si mischiano), si è convinto che tutte le sfortune calcistiche in ambito europeo che gli sono capitate recentemente - ammesso che di sfortune si possa parlare - facciano parte di un disegno preciso.
Da fonti vicine al giocatore filtra la tesi in cui il mondo CR7 crede: ovvero che tutto inizi dal Real Madrid, e dalla volontà politica di Florentino di detronizzare l’importanza del portoghese dalle gerarchie internazionali. Per questo motivo, secondo quello che di cui ci si è convinti, il Real Madrid avrebbe fatto pressioni sull’Uefa affinché non fosse assegnato a Cristiano il premio come miglior giocatore della stagione. E’ assolutamente vero che l’aereo del portoghese fosse pronto a decollare per Montecarlo, quando fu presa la decisione di mollare tutti in asso e non partecipare alla cerimonia in segno di protesta.
Poche settimane dopo è arrivata l’espulsione indiscriminata a Valencia, e inutile aggiungere che Cristiano Ronaldo sia convinto che anche quella non fosse una casualità, ma rientrasse sempre nell’ambito della nuova politica Uefa influenzata dal Real Madrid.
E per questo motivo CR7 ha deciso di prendersi la sua rivincita politica: l’Uefa sta lanciando la nuova competizione per nazionali, la Nations League, con gran dispiego di pubblicità e eventi, grazie a un calendario fatto di partite di cartello? Bene, Cristiano per ritorsione verso quella che crede essere una congiura nei suoi confronti, ha deciso di boicottare la Nations League. Ovviamente informando la federazione portoghese e il ct, che mai si metterebbero contro l’alpha e omega dell’intero movimento calcistico portoghese, e devono assecondarne i voleri.
Cristiano Ronaldo non vuole contribuire con la sua presenza alla buona riuscita della Nations League, e ha scientemente deciso di privare la competizione di quella che senza dubbio sarebbe la stella più importante, visto che in questo caso non ci sarebbe un Messi verso cui rivolgersi in alternativa.

Siccome poi la vita prende pieghe particolari e imprevedibili, questo boicottaggio da parte di Cristiano Ronaldo della Nations League a ottobre 2018 è diventato anche un elemento utile al giocatore per avere il tempo necessario per dedicarsi alla strategia difensiva e di contrattacco alle accuse, ed evitare di esporsi in patria a ulteriori attenzioni mediatiche.
L’accusa di stupro a Cristiano dà comunque l’occasione per interrogarci, appassionati e addetti ai lavori.
Fino a che punto può arrivare il tifo calcistico? E’ così importante? Così importante da giustificare o accusare a prescindere, solo perché nello specifico caso si è juventini o anti-juventini?
Tutto ciò è aberrante. Ma se gli appassionati possono permettersi tale disinvoltura a cuor leggero, di certo però non possono permetterselo gli addetti ai lavori.
L’episodio è un fatto di cronaca, la giustizia farà il suo corso, sarà come sarà. Ai media spetta informare, in maniera sobria ma puntuale, senza paura e senza reticenza.
Che senso hanno i dibattiti pubblici medievali tra innocentisti e colpevolisti?
E che senso ha il silenzio mediatico altrettanto medievale in cui l’Italia era piombata per alcuni giorni, mentre all’estero era (e tuttora è) notizia in primo piano, prima che il discutibile tweet della Juventus sembrava quasi avesse dato finalmente il permesso di trattare la notizia?

Fortuna che c’è anche il campo. Dove invece l’Italia diversamente da Cristiano Ronaldo non può permettersi di relegare a ruolo di secondo piano la Nations League. Al di là dell’essere un vero e proprio trofeo, non può farlo proprio per quello che vuole Mancini: dare la priorità alle qualificazioni europee. Perché se dovessimo retrocedere in Lega B, allora sarebbero altissime le possibilità di non essere testa di serie ai sorteggi per la qualificazione. Per questo il ritorno con Polonia e Portogallo sono una sorta di turno preliminare per le qualificazioni: il nostro destino a Euro 2020 lo impostiamo in questo mese, abbiamo assoluta necessità di una vittoria nelle due partite.

Altrimenti rischiamo di fare la fine di Ventura. Nel senso di non qualificarsi, e non di andare al Chievo. A proposito, bella pensata da parte del presidente Campedelli: se qualcuno giocando contro il Chievo si fosse trovato con scarse motivazioni, adesso di colpo invece la partita contro gli ultimi ancora penalizzati ritrova tutto un altro significato. Sempre che Ventura arriv: l’ex ct infatti ha chiesto due anni e mezzo di contratto, che pare una richiesta abnorme da fare a una squadra con molte possibilità di retrocedere.
Più che da allenatore, una richiesta da esattore delle tasse. Ma chi è causa del suo mal, pianga se stesso.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

La pausa degli esoneri e dei primi acquisti per gennaio. Pungiball Ventura, ma il Chievo ha fatto benissimo. Finalmente c'è la formazione: ora Mancini segua il consiglio di Sarri 14.10 - Lo sport Nazionale degli ultimi undici mesi è stato insultare Gian Piero Ventura. Non è stato solo il colpevole dell'eliminazione dell'Italia dal Mondiale, ma dallo scorso 13 novembre di qualsivoglia problema. L'aumento dello spread? E' colpa di Ventura. Il surroscaldamento globale?...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Conte ipotesi concreta per il Real, Florentino pronto a tutto per avere anche Hazard. Milan, che colpo Paquetà. Under verso il rinnovo fino al 2023. Napoli a breve l’accordo con Zielinski, per gennaio non sono previste operazioni in entrata 13.10 - Lopetegui, Conte, Real e Chelsea. Il mese di ottobre potrebbe regalarci un’altra interessante rivoluzione in panchina. Florentino Perez non è soddisfatto del rendimento del suo allenatore, fortemente voluto in estate dopo l’addio di Zidane e ora sta pensando in maniera concreta ad...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Ronaldo, una vergogna. In certi casi è vietato tifare. Juve su James Rodriguez e Rabiot. Milan, dopo Paquetà tutto su Barella. Derby con l’Inter per Ramsey 12.10 - Attorno alla vicenda personalissima che coinvolge Cristiano Ronaldo stiamo scrivendo un’altra pagina imbarazzante. E dico poco. Fatevi questa domanda: avete elementi seri che vi possano far pensare che Cristiano Ronaldo sia colpevole di stupro? La risposta sensata, quasi obbligata,...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Milan: un colpo in Brasile. Leicester: in arrivo un italiano, faceva il cameriere! E una Nazionale che non decolla... 11.10 - Il Milan ha praticamente preso Paquetà, il primo colpo di Leonardo. Nella notte italiana, Globo Esporte aveva lanciato l'indiscrezione. Nel corso della giornata le conferme. Accordo raggiunto tra Milan e Flamengo per il centrocampista offensivo brasiliano classe '97. Il ragazzo arriverà...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Incredibile Cristiano! Si sente perseguitato dalla Uefa, e ha deciso di boicottare la Nations League! Come se al momento non ci fossero altre preoccupazioni. L’Italia e Mancini invece devono considerarla priorità, per non finire come Ventura 10.10 - La faccenda ha dell’incredibile, e sarebbe da farci una risata sopra se non apparisse assurda. E terribilmente fuori luogo, visto il momento estremamente delicato. Cristiano Ronaldo, e insieme con lui il suo entourage familiare e lavorativo (che nel caso di Cristiano si mischiano),...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: Allegri sta vincendo l'ultima sfida (e Ronaldo...). Inter: Spalletti ha un muro insuperabile da battere (e c'entra Icardi). Milan: il mercato e la memoria corta. Arriva il derby, con le solite balle... 09.10 - C’è la sosta. Porca malora. La sosta non piace a noi, ma neppure ai giocatori: Mancini ne ha convocati 28 e sono tornati a casa in 29 (anche il giardiniere di Coverciano si è dato malato). Ma non è questo il punto: le soste ci sono e ce le teniamo. Parliamo piuttosto di Temptation...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Serie A senza emozioni. La Juve cala subito il sipario. Ventura-Chievo? La sua giusta dimensione. Gattuso, numeri da... Conte! E Ancelotti si sta prendendo il Vesuvio 08.10 - Il problema della serie A non sono gli stadi, i diritti tv, il mercato o il marketing. Il vero problema sta diventando la Juventus. E non è una battuta. Vuole essere un'analisi semiseria. La, quasi, ossessione dei bianconeri di vincere questa maledetta Champions sta aumentando il...

Editoriale DI: Marco Conterio

L'assurdo processo mediatico per Ronaldo già prima delle sentenze. In campo Fenomeno e Juve pazzesca. L'Italia finalmente si accorge di Pellegrini mentre è in cerca di un 9. Solo che Cutrone è in panchina e il Milan pensa a Ibra 07.10 - Giustizialisti e innocentisti. Accecati dalla voglia di una soluzione, prima che il tempo faccia il suo corso. Scrivere di Cristiano Ronaldo in queste delicate ore non è certo facile. Perché pende su di lui una scure importante, un'accusa grave. Però non c'è null'altro da aggiungere....

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Marotta, il futuro è ancora un rebus. Dybala che momento, ma non paragoniamolo a Messi e  Ronaldo. Ancelotti e il capolavoro con il Liverpool. Icardi in area di rigore è tra i primi 3 attaccanti al mondo. Italia, è l’ora di cominciare a vincere 06.10 - Il futuro di Beppe Marotta resta ancora un rebus. La separazione con la Juventus è troppo fresca per avere certezze su quello che sarà il domani. Di sicuro gli 8 anni di successi sono un biglietto da visita che nessuno ha in Italia. Credo che bisognerà attendere qualche mese prima...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Ibra, arrivano le conferme. Ecco come e quando tornerà al Milan. Higuain-Cutrone possono giocare assieme. Ancelotti è un numero uno e si sapeva, ma Napoli non può rinnegare Sarri 05.10 - Ibra torna al Milan, arrivano le prime conferme. E’ direttamente Leonardo, il direttore generale del Milan, ad ammettere che l’operazione si può fare. E’ chiaro che un dirigente non può dire la verità, tutta la verità, nient’altro che la verità come se fosse in tribunale, le parole...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy