HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Calciomercato chiuso: quale big s'è mossa meglio?
  Juventus
  Napoli
  Roma
  Inter
  Lazio
  Milan

La Giovane Italia
Editoriale

Insigne non deve mancare. Ventura imita Maldini. Milan, no al blocco del mercato. Ottimismo per i conti. Donnarumma verso il Psg che pensa anche a Conte. Juve, preso Barella. Napoli, Quagliarella per Milik

10.11.2017 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 18157 volte
© foto di Federico De Luca

Cari amici, lo so che della Nazionale non ve ne può fregar di meno. Azzurro Tenebra, scriveva Arpino. Azzurro pallido oggi. Ma stasera il tifo positivo di tutta l’Italia deve accompagnare la Nazionale nello storico spareggio con la Svezia che venti anni dopo ricorda quello di Cesare Maldini contro la Russia. Non oso neppure pensare a un’Italia fuori dal mondiale, chi ha parlato di catastrofe sa benissimo perché lo ha detto e ha pure ragione. La catastrofe sarebbe sportiva, ma anche soprattutto economica.

Ma non pensiamoci, la Svezia è un avversario battibile. Serve l’Italia migliore e sono convinto che la vedremo per ragioni tecnico-tattiche, ma anche caratteriali. Intanto cambia il modulo. I giocatori più esperti hanno convinto il Ct. Non voglio dire che Ventura sia stato commissariato dal gruppo storico della nazionale, ma dopo la riunione dei giocatori senza Ventura nel dopo-Macedonia (ricordate?), qualcosa è successo. Ventura ha ragionato, capito e ingoiato, non si è messo di traverso. E’ convenuto anche a lui. Quindi stasera spazio al 3-5-2 e a una squadra più simile a quella di Conte all’Europeo. Giocheranno i più esperti, giusto così. Con Buffon, Barzagli, Bonucci e Chiellini, ci saranno Candreva a destra e Darmian a sinistra. Almeno spero. E poi De Rossi vertice basso, Verratti e Parolo interni. Davanti l’unico sicuro è Immobile. Ieri si è fatto male Zaza e mi dispiace per lui, ma a maggior ragione l’altro attaccante dovrà essere Lorenzo Insigne. Sento parlare di Eder, ma, con tutto il rispetto per l’interista, non è possibile lasciar fuori Insigne, l’uomo di maggior talento, l’italiano più forte che, fra l’altro, sa anche giocare per la squadra. Oltre a inventare fa pressing, raddoppia, aiuta: oggi è un giocatore completo. E se con Sarri gioca esterno, non importa. Insigne, proprio con Immobile, ha giocato una vita da seconda punta e l’ha fatto benissimo. Dunque, tocchiamo ferro, ma conquistati i mondiali (speriamo) servirà comunque una profonda riflessione sul futuro della Nazionale. Ne riparleremo.

Parliamo ora del Milan. C’era parecchia attesa per l’incontro che l’Ad Fassone ha avuto con la commissione dell’Uefa che si occupa dei bilanci e del fair play finanziario. In ballo la verifica dei conti per la sostenibilità del Voluntary Agreement che in genere viene concesso alle nuove proprietà che hanno necessità di rilanciare un club. L’incontro è durato più di tre ore, Fassone ha spiegato come sta operando economicamente questo nuovo Milan, quali sono gli obiettivi economici e in particolare ha sviscerato nei dettagli il business plan quadriennale già inviato alla commissione nei giorni scorsi. Le difficoltà ci sono, inutile negarlo. L’obiettivo Champions (con i ricavi annessi) è più lontano, ma Fassone ha illustrato anche la strada alternativa per arrivare comunque a bilanci sostenibili e ai risultati sportivi nel giro di quattro anni.

La commissione darà una risposta al Milan nel giro di qualche giorno, ma negli ambienti rossoneri c’è ottimismo. Il rilancio di una società storica è visto con favore, l’ingresso di nuove entità economiche va accompagnato. Non ci sarà, stando a indiscrezioni, il blocco del mercato nel 2018 come paventato dai pessimisti. Al massimo potrebbe esserci qualche multa per step non rispettati, ma siamo comunque ancora nel campo delle ipotesi. Come detto Fassone & C. sono moderatamente ottimisti. Come detto sembra da escludere la bocciatura del piano con relativa multa e blocco del mercato. Restano altre due soluzioni. La prima, quella sperata, l’accettazione del piano. La seconda l’avvio dell’iter per il Settlement Agreement che si concluderebbe con possibili sanzioni come già successo con Inter e Roma multate con 20 e 30 milioni di euro.

In attesa, comunque, si pensa come risistemare questa squadra e la cessione di Donnarumma sembra ormai quasi un dato acquisito. Potrebbe già essere anche nel business plan presentato all’Uefa nella casella ricavi dell’anno prossimo. Raiola troverà di sicuro una squadra disposta a pagare la clausola da 70 milioni e forse questa squadra c’è già. Parliamo del Psg, naturalmente, che voleva già il giocatore l’estate scorsa. Lo sceicco non è ancora soddisfatto della squadra che sta mettendo in piedi, non gli bastano Neymar e Mbappè, vuole anche un grandissimo portiere. Ma, soprattutto, sta pensando al cambio di panchina. Vuole vincere la Champions e il pensiero porta a Simeone, ma fra gli obiettivi ora c’è anche Conte. Simeone vorrebbe portarsi Oblak, ma la clausola rescissoria da 100 milioni potrebbe far virare decisamente su Donnarumma. Fra l’altro il Milan sembra orientato a non voler più lavorare con Raiola e quindi potrebbe finire sul mercato anche Bonaventura. Ma non solo.

C’è anche la Juve che si muove, ma sott’acqua. Praticamente chiuso l’accordo con il Cagliari per il giovane centrocampista Niccolò Barella, 20 anni e un passato sempre tinto d’azzurro in tutte le nazionali giovanili. Il Cagliari ha chiesto 20 milioni, si stanno studiando i dettagli sul pagamento con fissi 15 più vari bonus, ma l’intesa c’è. Fra l’altro nel solco del nuovo corso bianconero che prevede l’acquisto dei migliori giovani italiani in circolazione. Il regista cagliaritano potrebbe rimanere un altro anno con i rossoblù per maturare con l’arrivo in bianconero previsto nel 2019, sul modello Caldara.

Il Napoli, invece, ha bisogno di giocatori pronti per provare fino in fondo a vincere lo scudetto all’insegna del motto . Gli infortuni di Milik prima e Ghoulam poi sono ostacoli importanti e hanno creato non poche difficoltà. Che fare? L’arrivo di Inglese non è più così automatico. Si discute sulla necessità di affidarsi a un attaccante pronto subito, che dia garanzie. L’attenzione si è puntata sul napoletano Quagliarella che risolti tutti i problemi personali in maniera finalmente felice, potrebbe davvero dare quello che non riuscì a dare nella precedente esperienza. I rapporti del Napoli con la Samp sono buoni anche se i doriani non vorrebbero privarsi del loro bomber. Quagliarella è combattuto, sta bene a Genova, ma per lui, a 35 anni, potrebbe essere il coronamento della carriera. Alla Samp potrebbe andare Inglese o direttamente Milik per riacquistare il ritmo-gara e la condizione in vista della stagione successiva di nuovo a Napoli. Più difficile arrivare a un terzino importante. Vrsaljko sembra incedibile per l’Atletico. Il Benfica spara troppo alto per Grimaldo, mentre l’ultima idea porterebbe al giovane Barreca del Toro che nel ruolo ha altre soluzioni.

I piani dell’Inter stanno invece complicandosi. Arrivare allo scambio Pastore-Joao Mario è difficile. Troppa la differenza di valutazione e troppo alto lo stipendio dell’argentino. Fra l’altro lui non è convinto e forse neppure il Psg. Come già detto, arriverà Ramires dalla Cina, si aggregherà già a dicembre per entrare gradatamente in clima-Inter. L’operazione potrebbe essere ostacolata dal no di Gabigol che è stato promesso al Jiangsu Suning. Il brasiliano non vuole lasciare il Benfica (gioca pochissimo) per un calcio come quello cinese che non reputa stimolante.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Modric, l’ultimo no del Real. Ma nella notte restano piccole speranze. All’Inter è mancato uno come Mendes per Ronaldo. Nerazzurri sono comunque l’anti-Juve. E c’è sempre Rafinha. Milan, colpi da Champions League 17.08 - Florentino Perez ha detto l’ultimo no. Il Real Madrid non libera Luca Modric, non lo farà andare all’Inter come avrebbe voluto. Del resto, hanno spiegato i dirigenti madridisti al procuratore del giocatore nell’ultimo incontro di ieri, in due mesi sono cambiate troppe cose e il presidente...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Ancora 48 ore e tutti si affannano: anche chi sembra aver chiuso tutto. 48 ore da vivere con il fiato sospeso... 16.08 - Siamo ormai alle battute finali e tutti si affannano per rifinire la squadra. Il Milan, è naturalmente, la big più attiva visto che per i problemi societari si è potuta muovere concretamente soltanto un paio di settimane fa. Sono arrivati a Milano Castillejo e Laxalt, entrambe operazioni...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Promosse e bocciate del calciomercato a 72 ore dalla fine: Juventus e Inter regine assolute. Segue il Milan. Solo sufficienti Napoli, Roma e Lazio. E in coda, in bocca al lupo all'Udinese, ne ha bisogno... 15.08 - A 72 ore dalla fine del calciomercato, andiamo con il pagellone sospeso della Serie A, con le squadre divise tra promosse, rimandate e bocciate. Ma con una premessa fondamentale: qua non si giudica il conto economico, e nemmeno soltanto gli acquisti. E nemmeno della squadra costruita...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: mercato con (doppia) sorpresa, ma occhio a Nedved... Inter: dopo il settimo (Keita) c'è una certezza. Milan: 2 colpi in 4 giorni, l'impresa di Leonardo. Napoli: il "complesso" di De Laurentiis 14.08 - Ciao. C'è il fuso. Son dall'altra parte del mondo. Al mare. È un posto strano. Qui, per dire, è nuvoloso da 4 giorni. Sapete quando sono arrivato? Quattro giorni fa. Il fuso è devastante. Soprattutto se vuoi stare al passo con le robe del mercato. Per questo metto tanti punti. Almeno...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

De Laurentiis, 5 giorni per dare un senso a questo mercato. Milan, sessione intelligente. L’Inter dietro la Juve. Volevate il Commissario? Era meglio Montalbano… 13.08 - Cinque giorni e poi sarà tutto finito. L’assurdità di chiudere il calciomercato il 17 agosto, alle ore 20.00, lascerà tanti cadaveri sulla riva del fiume. Lo scriviamo da mesi, adesso, molti club di serie A iniziano a capire la fesseria di seguire Marotta nell’unica sciocchezza fatta,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il mondo dorato di CR7 e quello sommerso dei Tribunali, dove vige il tutti contro tutti. Tra udienze, sentenze e ricorsi B e C sono in pieno caos. E anche la Serie A non può dirsi tranquilla 12.08 - E' un'estate strana, particolare. Senza dubbio unica quella che tra meno di una settimana - per gli operatori di calciomercato - chiuderà i battenti. Non sono mancate le notizie, né i colpi di scena. Sono stati mesi che hanno riportato una manciata di club italiani a sedere di nuovo...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Ore decisive per il futuro di Modric. Inter, fatta per Keita. Il Milan pronto a chiudere per Bakayoko. Ochoa in pole per il Napoli, occhio anche a Tatarusanu. 11.08 - Luka Modric, l’Inter e il Real Madrid. Sono ore decisive per il futuro del centrocampista croato vice campione del mondo, che vorrebbe andare all’Inter, anche se non è intenzionato ad arrivare ai ferri corti con Florentino Perez. Il numero uno del Real non cede. Anzi in Spagna sono...

EditorialeDI: Luca Serafini

I colpi di Leo, il ruolo di Paolo, il lavoro di Rino: notte prima degli esami 10.08 - Tra una settimana è campionato. Possiamo davvero dire che l’estate è volata, sotto questa cappa di afa con ventate di grande ottimismo. Di meritato sollievo. Mi fanno ridere i censori del ruolo di Paolo Maldini, come se avere una figura di riferimento così autorevole non fosse già...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Modric ancora attesa, Keita si tratta ad oltranza. Bakayoko convinto ora si fa sul serio. Portieri Napoli e quello del Chievo. Ultima settimana... 09.08 - Doveva essere il Modric-day, nel bene o nel male, ma si è trasformato in un altro giorno di attesa. Tutto rinviato a data da destinarsi, forse venerdì, visto che le prossime ore saranno quelle di Cortouis e che Florentino non vorrà togliere la scena al suo portiere con la grana Modric....

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Modric-Inter: è il D-Day. Ecco perché tutti i fattori esterni sono contro l’Inter (diversamente da come erano stati tutti a favore della Juve con Cristiano). Pogba-Barcellona: dipende da Lotito… 08.08 - E’ arrivato il giorno in cui l’Inter saprà se può tornare a sognare l’impossibile, come non le accadeva dai tempi del Triplete. Nonché in cui la Serie A può scoprire se davvero le cose hanno già cominciato a cambiare a livello sistemico, o se il locomotore Juventus tira ancora il...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy