VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Inter a orologeria: lo strano ultimatum a Mazzarri e le due novità per l'anno prossimo. Da Abu Dhabi a Singapore, in otto giorni tre grosse sorprese in casa Milan

Nato a Milano il 3/7/1978, laureato in Scienze ambientali presso l'Università dell'Insubria di Como, da ottobre 2008 è Capo Servizio Sport presso il quotidiano "Libero". Opinionista Rai e Telelombardia
08.04.2014 00:00 di Fabrizio Biasin  Twitter:    articolo letto 35154 volte
© foto di Federico De Luca

Inizio a scrivere dieci minuti esatti dopo aver perso tutti i numeri di telefono del mio modernissimo smartphone 'Stafava (marca fittizia). A un bel punto entro nella rubrica e non c'è più nulla, neppure il contatto di Flavia Vento, rubato a suo tempo a una collega distratta per fare sontuosi scherzi telefonici in certe noiose sere tra amici, annaffiati da amaro Unicum. Flavia, se per caso stai leggendo sappi che Leonardo di Caprio non è mai stato a Frosinone alla sagra del cecio e soprattutto non ha mai pensato a te come partner per "Titanic 2, la riemersione". Anche perché non è che il barcone può venir su dagli abissi e poi affondare un'altra volta. Che è, Mandrake?
Maremma ladra prataiola, mi vien da dire, ma non lo farò perché sono un signore e perché in fondo la signorina del call center è stata gentile. Io: "Come posso fare per salvare il salvabile?. Lei: "Ha fatto il becap?". Io: "No, però la varicella sì". Lei: "Mi ha fatto perlomeno un giro di recente su Aiclaud?". Io: "No, era tutto prenotato". Lei: "Ha problemi di tavolini che ballano?". Io: "No, perché?". Lei: "Perché ora al massimo il suo cellulare serve a bilanciare il tavolino traballante. Lo faccia traballare, è un peccato altrimenti". Simpatica.
Questo in effetti non è un editoriale, ma un appello: tu, amico disperso, rimandami il tuo numero. Io in cambio prometto di fare due becap al giorno e provo a capire dove si è nascosto questo maledetto Claud. E anche Thohir, mi mandasse il suo contatto, così potrò ammorbarlo con la mia strampalata teoria sullo stato delle cose interiste.
Prendiamo l'indonesiano: fa avanti e indietro da Giacarta tipo trottolino amoroso dududu dadada per il bene dell'Inter. Quando è a casa gli tocca stare sveglio a indicibili orari marzulliani per vedere partite di rara bruttezza. Allora rilancia: "Vado a San Siro, che magari mi tolgo qualche soddisfazione e faccio il figo con gli amici". Arriva al Meazza e infila una serataccia dopo l'altra, non ultima quella incredibile col Bologna con tanto di rigore - il primo stagionale - calciato assai male. "Non so se ridere o piangere", ripete Et. Ma la risposta la sa già: c'è da piangere. Non sarà lui a farlo. A meno che non arrivi la benedetta qualificazione all'Europa League a salvare la capra del patron e i cavoli dell'allenatore. Perché la frase "Mazzarri sarà l'allenatore della prossima stagione" ha lo stesso valore di "Strama, stai sereno" di un anno fa. Trattasi in definitiva di una piccola bugia, anche perché a Walter non basterà il sesto posto (quello che costringe ai preliminari della coppetta) causa impegni internazionali già presi da Erick.
In caso di fallimento l'esonero sarà quasi scontato, soprattutto perché Mazzarri, tra una bottiglietta azzannata e un "Walter Mazzarri Post Gara Show", non sembra avere propriamente in mano lo spogliatoio. Sfortuna, momento negativo, vortice di sfiga, suicidio di massa, invasione di cavallette: le scuse sono tante, molto poche quelle credibili. La faccenda in definitiva è sempre la stessa: Erick in attesa di vedere come andrà a finire "l'anno zero", ha già fatto i suoi bei sondaggi all'estero (il nome del papabile - se mai accetterà - non lo ripeto perché vi ammorbo ormai da due mesi).
Al contrario, certe scelte a livello di "giocatori da liquidare" sembrano già state prese. I 250 milioni in arrivo dalle banche serviranno per subentrare alle garanzie di Massimo Moratti (170 milioni) e mettere qualche soldino da parte, ma non aspettatevi grandi spese. Venti milioni sono già stati spesi per Hernanes, poco meno di 40 se ne andranno per il rosso del prossimo bilancio. Il sogno impossibile rimane Dzeko, ma è, appunto, impossibile. La necessita riguarda un centrocampista (Obi Mikel più di Javi Garcia oltre a Nilton, quasi fatto), ma per puntare ai grandi colpi bisognerà fare indicibili sacrifici. Handanovic partirà solo in caso di offertona da leccarsi i baffi, Guarin è tornato a vacillare dopo la "sceneggiata Vucinic" dello scorso gennaio. Tutto da capire invece il destino di Kovacic: l'allenatore non lo vede, il patron invece lo considera il giocatore simbolo del suo progetto gggiovane (con tre G). Tra Walter e Mateo, ne resterà soltanto uno.
Acque mediamente agitate (ma si è visto di peggio) pure in casa Milan. Barbara Berlusconi e Adriano Galliani continuano a mandarsi pubblici messaggi d'amore del genere Pina con Ugo ("Mi ami?" "No, però ti stimo moltissimo"). BB ribadisce che la famiglia cerca soci per finanziare mercato e stadio griffato "Fabio Novembre". Nel frattempo AG incontra Peter Lim: un riccastro di Singapore che - voci spagnole assai poco credibili - vorrebbe prendersi il 51% del Milan per circa 300 milioni. Francamente troppo pochi per un brand appetitoso come quello rossonero. Ma soprattutto si tratterebbe di un'inimmaginabile invasione di campo del braccio destro di papà Silvio, troppo intelligente per commettere certi errori. Barbara attualmente è a caccia di soldi dall'altra parte del mondo, il suo rientro anticiperà di poco il cda del 16 aprile. Lì ci sarà una prima resa dei conti: la questione ds è ancora aperta (Sogliano addio, Galli forse), mentre Paolo Maldini attende paziente un nuovo segnale dalla famiglia. La partita è apertissima.
Mentre ce la raccontiamo, si gioca ancora a calcio. La Signora tira due pacchette sul sedere a coloro che pensavano a una fantasmagorica riapertura del campionato. Neanche per idea. La Juve - stanca o non stanca - è troppo forte per la meravigliosa Roma targata Garcia, figuriamoci per il pericolante Livorno. Il terzo scudetto targato Conte sarà anche il più meritato.
Ottime notizie anche in casa Milan: "l'allenatore con la valigia venuto dall'Olanda", "l'inadatto", "il raccomandato", "quel mattacchione di Clarence" ha dimostrato a lor signori che basta un po' di cervello per mettere a cuccia chi gli vuole male. Seedorf ha in testa un tipo di calcio ben diverso da quello che sta promuovendo, ma ha fatto un saggio passo indietro quando ha capito che gli stavano scavando la fossa. Mica pirla... (Twitter: @FBiasin).


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Campionato falsato, subito la riforma e premio-promozione. I limiti dell’Inter, a gennaio uno fra Ozil, Draxler e Vidal. Juve, i nodi di un mercato modesto. Howedes rotto, Douglas Costa fantasma. Con Uva in Uefa l’Italia più forte 22.09 - Dopo cinque giornate è già abbastanza chiaro che il campionato è falsato. Facendo una proiezione, a dicembre, ma forse prima, la situazione sarà già ben delineata con 7-8 squadre in corsa per i posti che contano, quattro o cinque in lotta per non retrocedere e le altre (troppe) senza...
Telegram

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il Napoli è devastante, Juve alla tedesca. Il duello è appena iniziato... 21.09 - Impossibile non parlare di calcio giocato nella sera dell'infrasettimanale. Impossibile non parlarne dopo una serata piena di emozioni e che regala al campionato dopo 5 giornate le due prime della classe lassù in testa alla classifica a punteggio pieno con una dimostrazione di forza...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter, buon carattere…. Mondi diversi: Patrick vs Patrik! Sarri perché non parla? E poi CR7 a Lisbona! 20.09 - L’Inter si ferma a quattro vittorie. A Bologna, i nerazzurri non vanno oltre l’1-1. Straordinari i giocatori di Donadoni, bravi a non mollare quelli di Spalletti. Onestamente Icardi (altro gol) e compagni non hanno incantato. Nella prima frazione, il Bologna ha dominato con un Verdi...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incoerenza di chi non vuol vedere (occhio a Higuain...). Inter: c'è un nemico alle porte (ma anche una soluzione). Milan: il rebus del "9" e altre malignità. Napoli: se il problema è fuori dal campo 19.09 - Ciao. Stasera c’è il campionato, domani pure, dunque qualunque cosa io scriva rischia di essere usata contro di me. Per questo e per altri motivi ragioneremo su cose frivole. Per esempio, non so se avete letto, ma la migliore amica della piacente cantante Selena Gomez le ha donato...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ecco tutti gli errori fatti a Barcellona. Processo a Allegri. Douglas Costa non serve. Paragonare Dybala a Messi è follia. Donnarumma deve scegliere il Milan o Raiola. Inter, contatto per Chiesa 15.09 - Conosciamo troppo bene il calcio per non sapere che tirare conclusioni a settembre è roba da ricovero. Soprattutto quando si parla di Juve e di Allegri. Ricordate l’anno dei dodici punti in dieci partite? E comunque la non brillantezza, le partenze in salita a settembre, sono una...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Una brutta Champions e una speciale classifica: ecco quanto costano le squadre in Europa, che sorprese! 14.09 - Certo che questa due giorni di Champions non ci lascia con buoni pensieri... le italiane vanno male, un punto in tre partite, e comunque con una gara di sofferenza più che di sfortuna. La Juve che dimostra ancora di non essere al livello del Barcellona (e Dybala con alcune curve ancora...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Dybala-Messi, la differenza è abissale! Di Francesco, cena per Alisson… Inter, pensieri da grande! E brindiamo con Rooney… 13.09 - La Juventus ha perso al Camp Nou. Ci ha pensato Leo Messi a spegnere i sogni di gloria dei bianconeri. Tutti aspettavamo la consacrazione, l’ennesima, di Paulo Dybala. Non è andata benissimo… Ancora una volta, la Pulce ha confermato, a suon di giocate e leadership, di essere il numero...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.