VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi è stato il calciatore rivelazione della stagione di Serie A?
  Andrea Conti
  Mattia Caldara
  Federico Chiesa
  Piotr Zielinski
  Gianluigi Donnarumma
  Franck Kessie
  Sergej Milinkovic-Savic
  Roberto Gagliardini
  Emerson Palmieri
  Roberto Inglese
  Diego Falcinelli
  Giovanni Simeone
  Gerard Deulofeu
  Patrik Schick
  Lucas Torreira
  Lorenzo Pellegrini
  Jakub Jankto
  Amadou Diawara

TMW Mob
Editoriale

Inter-Atletico Madrid, scambio vicino Cerci-Icardi. Bruno Fernandes, il talento che illumina San Siro portato in Italia dal Novara a 25mila euro. Mancini, due richieste a Pozzo. Bologna, fidati di Corvino

Nato ad Avellino il 30 Settembre 1983 è Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb. Vive e lavora a Milano dal 2004. mcriscitiello@sportitalia.com Twitter: MCriscitiello
08.12.2014 00.00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 50827 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Appena rientrato da San Siro. Di Thohir neanche l'ombra, di Moratti c'era solo la sorella. Per scaramanzia non c'era neanche Gianpaolo Pozzo, rimasto a casa ad Udine. C'era Zanetti con la sciarpa dell'Inter, Hernanes che si faceva fotografare con i tifosi all'intervallo, Fassone in bella mostra e c'era anche l'Inter in campo; per un tempo, poi è rimasta negli spogliatoi. Che amarezza questa squadra. Con Mancini, un punto in tre partite. E' vero che Roby non ha la bacchetta magica ma fare peggio di Mazzarri sarebbe un paradosso. Diciamo che, però, Thohir un pò se lo merita. Se si cambia allenatore per convinzione va bene ma se si cambia per far felice la piazza, vuol significare che di calcio ne sai davvero poco. In più c'è stato un vero bagno di sangue (economico). Parliamo di mercato: inizialmente era una semplice idea, adesso sta diventando una vera trattativa. Tra Atletico Madrid e Inter, nelle ultime due settimane, sono stati fatti passi avanti importanti per lo scambio Cerci-Icardi. Ci sarebbe stato anche l'ok di Simeone e Mancini. Si farebbe subito, a gennaio. Questa settimana dovrebbe esserci un altro passo in avanti, quando Ausilio dovrebbe incontrare gli agenti di Icardi. L'argentino non sarebbe del tutto entusiasta di andare a Madrid perchè nel suo libro dei desideri c'è Londra: Chelsea o Arsenal. Però Icardi è stufo dell'Italia e ha problemi nel rinnovo con l'Inter, quindi non chiude la porta definitivamente ad un trasferimento nella Liga. Dopo la notizia, il giudizio personale: l'Inter farebbe un'altra fesseria a privarsi di Icardi, per riportare in Italia Cerci. Cose dell'altro mondo, a maggior ragione se Thohir non dovesse far cassa. Ieri, in occasione di Inter-Udinese, non si è parlato di calciomercato, anche perchè a Milano non era presente Gino Pozzo ma comunque i due club stanno parlando spesso di operazioni. Non a caso, sabato scorso, e in generale nelle ultime settimane il DS dei friulani Giaretta è spesso a vedere la Primavera dell'Inter. Vi spieghiamo il perchè: l'Inter, in estate, ha chiesto informazioni all'Udinese per portare Allan a Milano. I Pozzo hanno sparato 15 milioni e Ausilio andò su Medel. Ora Allan è tornato di moda ma piace anche Widmer. E le richieste sono diventate due. Non saranno operazioni invernali bensì estive. Per Allan, il prezzo è di 14 milioni di euro, per Widmer 11-12. Inter e Udinese già chiusero, in passato, l'operazione Handanovic per 11 milioni e nella trattativa rientrò Faraoni che ad Udine si è, poco alla volta, perso. In questa circostanza potrebbe essere, allo stesso modo, una contropartita ad oggi ancora non individuata.
A San Siro ha brillato la stella di Bruno Fernandes, portoghese del 1994 che ha ammaliato Mancini e tutti gli interisti. Questa è la seconda stagione di Bruno ad Udine e, in pochi, conoscono la sua storia. Fernandes fu portato in Italia dal Novara del Presidente De Salvo. Lo scouting piemontese puntò sul ragazzo, dopo averlo visto giocare in Patria e chiuse l'operazione per 25.000 euro. Si, 25.000 soltanto. Il Novara ha osservatori in tutta Italia e in tutta Europa e bruciò la concorrenza delle dirette concorrenti. Due anni fa fu proposto a Juve, Milan, Roma e Inter. Giocava nel Novara e non era di tendenza. Tutti risposero: non arriverà, il ragazzo al massimo può fare la serie B. Ci puntò solo l'Udinese di Gino Pozzo che pagò il ragazzo 4,5 milioni di euro al Novara per portarlo a Udine. 2 milioni per la prima metà, 2,5 milioni per la seconda con successivo sconto e commissioni pagate dal club friulano. Bruno Fernandes oggi è un talento che vale circa il triplo di quanto l'Udinese lo ha pagato al Novara e a Novara oggi c'è un nuovo Bruno Fernandes, stessa età con maggiore fiuto del gol e talento ancora più spiccato: Jacopo Manconi ma siccome è italiano, in Italia, non lo conoscono.
A Bologna, Saputo si è insediato e ha speso parole di elogio per Pantaleo Corvino. L'ex Direttore Sportivo della Fiorentina potrebbe ripartire proprio dal progetto Bologna, convinto dall'efficacia di Saputo e dalla sua solidità economica. Corvino sperava nella chiamata di una grande ma è pronto a rimettersi in gioco in serie B, categoria che in passato ha già vinto. Per Bologna sarebbe il primo grande acquisto della nuova era. Si punterebbe sui giovani di valore e su calciatori di categoria, per conquistare subito la serie A. Tacopina può essere un ottimo uomo immgine ma a questo nuovo Bologna manca la sostanza che, solo uno come Corvino, può dare nel breve e nel lungo periodo. Un occhio raffinato per i ragazzini e un mare di plusvalenze per gli anni successivi. Per informazioni: chiedere a Diego e Andrea Della Valle.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve, Mancini in corsa per il dopo Allegri. Ma piacciono anche Sousa e Spalletti. Via libera a Bonucci. Inter, Sabatini prepara la sorpresa in panchina. Milan, Morata vuole il Real. Bernardeschi in vendita per 60 mln 26.05 - Resta o non resta? Il futuro di Allegri è il grande rebus di questo finale di stagione. La sensazione, più che diffusa, è una e una sola: se ne andrà. E questo la Juve l’ha ampiamente capito. Le motivazioni sono abbastanza semplici, normali e condivisibili, dopo tre scudetti e tre...
Telegram

EditorialeDI: Luca Marchetti

La rincorsa di Inter e Milan: panchina e campo. La Roma irrompe su Schick. Juve in sordina 25.05 - Vi avevamo avvertito: sarebbe bastato che il campionato desse i suoi verdetti (anche non tutti) e poi sarebbe partito il mercato. Quella che sembra occuparsene di meno (sembra) è la Juventus, concentrata sull'Europa della Champions. Ma non credeteci troppo: chiedete a Keita e Schick...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Totti Day, niente scherzi! Donnarumma, tanta paura… Inter? 11 con le valigie, con possibile scambio con la Juve… 24.05 - Domenica 28 maggio, ore 18.00, Stadio Olimpico in Roma. Ultima giornata di Serie A con i giallorossi vogliosi di blindare il secondo posto. Ci dispiace, non è questo il “titolo ad effetto” che ci interessa… Domenica 28 maggio andrà in scena il Totti Day, non c’è altro che abbia senso…...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Il futuro di Allegri e della Juve, al di là di Cardiff. Inter, Spalletti ma non solo (e su Gabigol…). Milan: i legittimi festeggiamenti e il "benefattore" dietro Li. Napoli: il piano di Sarri per fare ancora meglio 23.05 - Succedono un sacco di cose. Una è che settimana scorsa mentre scrivevo codesta articolessa sul cellulare ho preso una capocciata devastante contro un palo della luce. Ve lo giuro. Sono un cretino. Mi sono fatto talmente male che ho deciso di prendermi una settimana di pausa: per la...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Capolavoro Juve: Agnelli vince tutto ma la famiglia lo ostacola. Inter, Sabatini ha "scelto" Spalletti. Roma, blitz decisivo per Di Francesco. Sassuolo e Bari, in due per Bucchi 22.05 - Fanno più effetto le immagini del "trionfo" del Milan che quelle dei festeggiamenti della Juventus. La fotografia di San Siro che lancia in aria Montella e del giro di campo della squadra che festeggia un preliminare di Europa League è il riassunto di quanto abbia lavorato male in...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Sabatini non basta a Suning: c'è un altro super consulente. Spalletti, le avances all'Inter ti stanno screditando: perché non restare a Roma? Bravo Napoli, strappo alla regola necessario per il grande obiettivo 21.05 - E' stata la settimana dei verdetti: Chelsea campione d'Inghilterra, Monaco campione di Francia, Feyenoord campione d'Olanda. E così via, col Real che può aggiungersi alla lista già questa sera: basterà un pareggio sul campo del Malaga. In Italia la Juventus ha alzato la Coppa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Giù le mani da Kessie! Milan-Atene e Juve-Cardiff. Inter: la guerra di Piero 20.05 - Ma Kessie inventeranno, se davvero il centrocampista dell'Atalanta verrà ufficializzato come nuovo giocatore del Milan? Fino a metà stagione, era il simbolo della freschezza e dell'energia dell'Atalanta, era il vero crack del centrocampo bergamasco anche più di Gagliardini, era il...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Milan, ecco i piani di Fassone e dei cinesi. Subito grandi, non solo Musacchio, Kessie e Rodriguez. Kalinic si può. Inter, Sabatini-Ausilio decidono su Spalletti 19.05 - Chissà dove saranno adesso quelli che vagavano per la Cina suonando ai campanelli con scritto mister Li per poi annunciare in Italia: non risponde nessuno, non esiste. Pensando che la Cina sia come Abbiategrasso. Chissà dove saranno le vedove di Galliani, delle cravatte gialle...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il primo passo della Juve parte 10 anni fa. Le ricostruzioni milanesi: fra Kessié e Pochettino. E i 7 gioielli del mercato italiano... 18.05 - Un passo, il primo. Quello che ti consente ancora di sperare nel triplete. Perché se la vittoria del campionato è stata rimandata dalla sconfitta di Roma (ma le prossime partite della Juventus destano meno preoccupazioni), aver alzato la coppa Italia consente alla Juventus di poter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Sarri vuole più soldi? Inter in ascolto… Donnarumma-Milan, pericolo! Roma-Genoa, incubi per Spalletti 17.05 - Tra poche ore sapremo se la Juventus alzerà al cielo il primo trofeo della stagione (Coppa Italia) o se, come qualcuno ha ripetuto, all’infinito, in questi giorni, “la sconfitta con la Roma ha minato le certezze dei bianconeri”. Un occhio alla Juve, l’altro alla Lazio, una delle realtà...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.