HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Come finirà il derby di Milano?
  Vincerà l'Inter
  Finirà in pari
  Vincerà il Milan

La Giovane Italia
Editoriale

Inter-Atletico Madrid, scambio vicino Cerci-Icardi. Bruno Fernandes, il talento che illumina San Siro portato in Italia dal Novara a 25mila euro. Mancini, due richieste a Pozzo. Bologna, fidati di Corvino

Nato ad Avellino il 30 Settembre 1983 è Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb. Vive e lavora a Milano dal 2004. mcriscitiello@sportitalia.com Twitter: MCriscitiello
08.12.2014 00:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 50911 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Appena rientrato da San Siro. Di Thohir neanche l'ombra, di Moratti c'era solo la sorella. Per scaramanzia non c'era neanche Gianpaolo Pozzo, rimasto a casa ad Udine. C'era Zanetti con la sciarpa dell'Inter, Hernanes che si faceva fotografare con i tifosi all'intervallo, Fassone in bella mostra e c'era anche l'Inter in campo; per un tempo, poi è rimasta negli spogliatoi. Che amarezza questa squadra. Con Mancini, un punto in tre partite. E' vero che Roby non ha la bacchetta magica ma fare peggio di Mazzarri sarebbe un paradosso. Diciamo che, però, Thohir un pò se lo merita. Se si cambia allenatore per convinzione va bene ma se si cambia per far felice la piazza, vuol significare che di calcio ne sai davvero poco. In più c'è stato un vero bagno di sangue (economico). Parliamo di mercato: inizialmente era una semplice idea, adesso sta diventando una vera trattativa. Tra Atletico Madrid e Inter, nelle ultime due settimane, sono stati fatti passi avanti importanti per lo scambio Cerci-Icardi. Ci sarebbe stato anche l'ok di Simeone e Mancini. Si farebbe subito, a gennaio. Questa settimana dovrebbe esserci un altro passo in avanti, quando Ausilio dovrebbe incontrare gli agenti di Icardi. L'argentino non sarebbe del tutto entusiasta di andare a Madrid perchè nel suo libro dei desideri c'è Londra: Chelsea o Arsenal. Però Icardi è stufo dell'Italia e ha problemi nel rinnovo con l'Inter, quindi non chiude la porta definitivamente ad un trasferimento nella Liga. Dopo la notizia, il giudizio personale: l'Inter farebbe un'altra fesseria a privarsi di Icardi, per riportare in Italia Cerci. Cose dell'altro mondo, a maggior ragione se Thohir non dovesse far cassa. Ieri, in occasione di Inter-Udinese, non si è parlato di calciomercato, anche perchè a Milano non era presente Gino Pozzo ma comunque i due club stanno parlando spesso di operazioni. Non a caso, sabato scorso, e in generale nelle ultime settimane il DS dei friulani Giaretta è spesso a vedere la Primavera dell'Inter. Vi spieghiamo il perchè: l'Inter, in estate, ha chiesto informazioni all'Udinese per portare Allan a Milano. I Pozzo hanno sparato 15 milioni e Ausilio andò su Medel. Ora Allan è tornato di moda ma piace anche Widmer. E le richieste sono diventate due. Non saranno operazioni invernali bensì estive. Per Allan, il prezzo è di 14 milioni di euro, per Widmer 11-12. Inter e Udinese già chiusero, in passato, l'operazione Handanovic per 11 milioni e nella trattativa rientrò Faraoni che ad Udine si è, poco alla volta, perso. In questa circostanza potrebbe essere, allo stesso modo, una contropartita ad oggi ancora non individuata.
A San Siro ha brillato la stella di Bruno Fernandes, portoghese del 1994 che ha ammaliato Mancini e tutti gli interisti. Questa è la seconda stagione di Bruno ad Udine e, in pochi, conoscono la sua storia. Fernandes fu portato in Italia dal Novara del Presidente De Salvo. Lo scouting piemontese puntò sul ragazzo, dopo averlo visto giocare in Patria e chiuse l'operazione per 25.000 euro. Si, 25.000 soltanto. Il Novara ha osservatori in tutta Italia e in tutta Europa e bruciò la concorrenza delle dirette concorrenti. Due anni fa fu proposto a Juve, Milan, Roma e Inter. Giocava nel Novara e non era di tendenza. Tutti risposero: non arriverà, il ragazzo al massimo può fare la serie B. Ci puntò solo l'Udinese di Gino Pozzo che pagò il ragazzo 4,5 milioni di euro al Novara per portarlo a Udine. 2 milioni per la prima metà, 2,5 milioni per la seconda con successivo sconto e commissioni pagate dal club friulano. Bruno Fernandes oggi è un talento che vale circa il triplo di quanto l'Udinese lo ha pagato al Novara e a Novara oggi c'è un nuovo Bruno Fernandes, stessa età con maggiore fiuto del gol e talento ancora più spiccato: Jacopo Manconi ma siccome è italiano, in Italia, non lo conoscono.
A Bologna, Saputo si è insediato e ha speso parole di elogio per Pantaleo Corvino. L'ex Direttore Sportivo della Fiorentina potrebbe ripartire proprio dal progetto Bologna, convinto dall'efficacia di Saputo e dalla sua solidità economica. Corvino sperava nella chiamata di una grande ma è pronto a rimettersi in gioco in serie B, categoria che in passato ha già vinto. Per Bologna sarebbe il primo grande acquisto della nuova era. Si punterebbe sui giovani di valore e su calciatori di categoria, per conquistare subito la serie A. Tacopina può essere un ottimo uomo immgine ma a questo nuovo Bologna manca la sostanza che, solo uno come Corvino, può dare nel breve e nel lungo periodo. Un occhio raffinato per i ragazzini e un mare di plusvalenze per gli anni successivi. Per informazioni: chiedere a Diego e Andrea Della Valle.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Inter, Conte furibondo attacca tutti. Caccia alla talpa che ha raccontato la lite Lukaku-Brozovic. Il belga è un problema. Sanchez nel derby. Milan, basta esperimenti. E’ Suso l’enigma, serve Bonaventura. Juve, troppi gufi attorno a Sarri 20.09 - Dopo il pareggio con lo Slavia in Champions, Antonio Conte si è autodefinito pubblicamente “un asino”, ben sapendo che gli asini sono altri. E’ furibondo per quello che sta succedendo in campo e fuori dal campo, e non l’ha mandato a dire alla squadra chiamata a raccolta in un faccia...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Le risposte della Champions sui progetti delle italiane. Cosa funziona e cosa non va... 19.09 - Un progetto per crescere ha bisogno di tempo. E soprattutto le battute d'arresto (più o meno dolorose) fanno parte del processo. E' necessario mantenere i nervi saldi, la capacità di poter guardare oltre un orizzonte che vada oltre i 90 minuti. Lo dimostra anche questa due giorni...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Conte mai così: che succede? Inter quasi fuori. A Napoli c’è squadra e società: non c’era invece il rigore, e un po’ di tifosi... Juventus: contro l’Atletico già decisiva, ecco perché. Atalanta con obbligo di qualificarsi 18.09 - Non era mai successo di vedere una squadra di Antonio Conte così. Chi scrive segue Conte da vicino da più di una decade, dal suo arrivo a Bari, e certo dalla Juve in poi non è certo un mistero da disvelare. Bene: mai una squadra di Conte aveva giocato in questa maniera, semplicemente...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

La Juve di Sarri (forse) non nascerà, ma Maurizio ha un piano. Milan: il problema di Giampaolo è nell’estate (e il mercato non c’entra). Inter: il lavoro di Marotta e...il pensiero di Conte. Napoli: c'è il Liverpool, alla faccia dei comunicati 17.09 - Buon martedì. Eccoci qui a parlare di calcio. Ho perso al fantacalcio perché hanno annullato il gol a Joao Pedro. Non si fa. Ma veniamo a noi. Il calcio fa ammattire tutti e infatti spuntano le polemiche come funghi. Spunta la polemica su Sarri che parla degli orari di giuoco “e poi...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

A Sarri serve tempo ma Conte non ne concede. Inter concreta ma non bella. Cellino ci riprova con lo stadio... a Cagliari finì male. Samp, tra Vialli e Ferrero perde Di Francesco 16.09 - Se passi da Massimiliano Allegri a Maurizio Sarri devi preventivare che il passaggio possa risultare traumatico e, soprattutto, che ci voglia del tempo. Lo diciamo da due mesi: ai bianconeri, quest'anno, servirà tanta pazienza. Sarri è un allenatore vero e non impari i suoi schemi...

Editoriale DI: Andrea Losapio

Il caso Mandzukic è chiaro: accetta il Qatar, aspetta la Cina o inguaia la Juventus?  La sicurezza di Koulibaly e la bacchetta magica di Conte. Il Milan riuscirà a ritornare grande? 15.09 - Doveva essere l'attacco di Mauro Icardi e Mario Mandzukic, sarà probabilmente di Gonzalo Higuain e Paulo Dybala. I due argentini erano sul mercato ad agosto, nella speranza di trovare una sistemazione e una plusvalenza. Due motivi diversi per la permanenza: il primo non voleva lasciare...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Juventus, Mandzukic verso  il Qatar. Per gennaio ipotesi scambio Emre Can-Rakitic. Inter, per il centrocampo idea Matic. De Paul, oltre alla Fiorentina  attenzione anche al Milan 14.09 - Gennaio è lontanissimo, ma il mercato non si ferma, mai. Anche perché la chiusura della sessione estiva ha lasciato alcune situazioni in sospeso. In casa Juventus ci sono due vicende aperte: Mandzukic e Emre Can. Il futuro dell’attaccante (escluso dalla lista Champions e assente anche...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Sarri seduto su un vulcano. Torna dove perse lo scudetto e chi esclude Matuidi o Rabiot? Khedira o Emre Can? E Dybala? Mandzukic sta in panca o va in Qatar? E Montella rischia già. Conte fra Lautaro e Sanchez 13.09 - Penso a Sarri e ancora una volta ho come la sensazione che esista davvero la Dea Eupalla, come sosteneva il mitico Gianni Brera del quale abbiamo parlato giustamente tanto in questi giorni. O se non esiste, credo che da qualche parte almeno si nasconda un Folletto malizioso capace...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Chi spende e chi vince: non sempre coincide, anzi... le classifiche in Europa e in Italia 12.09 - Manca poco meno di una settimana e poi inizierà anche la Champions League. E le ambizioni delle squadre che parteciperanno i "pronostici" possono arrivare anche da un'analisi economica. E ci viene in aiuto una ricerca fatta dal CIES, pochi giorni fa, che testimonia come la voglia...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

I problemi delle grandi. Juventus: difesa fragile, scontenti rumorosi. Inter: esterni in prova, l’Europa di Conte. Napoli: poca intensità, cazzimma da trovare. Roma: nazionali senza filtro, e senza storia. Milan: poche idee ma confuse 11.09 - Tra le sette piaghe bibliche inflitte all’umanità non c’era ancora la pausa per le Nazionali a settembre solo perché ancora in quel tempo non era iniziato il campionato, ma nell’anno 2019 di grazia del Signore la sosta di inizio settembre si piazza come indice di gradimento esattamente...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510