HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
"Messi venga in Italia". CR7 lancia la sfida, credete sia possibile?
  E' solo una provocazione, Messi chiuderà al Barcellona
  In caso di addio, andrà da Guardiola
  Perché non 'con' CR7? La Juve dovrebbe pensarci
  Superato il FFP, può essere il regalo di Elliott al Milan
  Suning può provarci: Messi all'Inter contro CR7 alla Juve
  Messi come Diego. Perché non chiudere al Napoli?
  Andrà al PSG se lasceranno Mbappé o Neymar

La Giovane Italia
Editoriale

Inter avanti per Rafinha, ma spuntano le alternative, le mosse (segrete) del Napoli e quelle (clamorose) delle spagnole: da CR7 a Griezmann...

18.01.2018 00:00 di Luca Marchetti   articolo letto 27724 volte
© foto di Federico De Luca

Il primo incontro con il Barcellona ora deve maturare. L'Inter, con il suo direttore sportivo, ha allacciato ufficialmente i rapporti (fra società importanti come Inter e Barca è molto meglio, anche diplomaticamente, parlarne di persona) e ha "lanciato" l'ultima offerta. 35 milioni di euro il diritto di riscatto per il prestito di Rafinha. Ora tocca ai blaugrana capire se il valore dato al giocatore è congruo o meno. L'Inter ha alzato (come era ovvio che fosse) la propria valutazione (partiva da circa 20), il Barca è sceso dai 50 di partenza. In questi casi si dice che a metà strada si trova la soluzione del problema. Ora però è leggermente più complicato perché il Barcellona vuole capire bene se può correre il "rischio" di vendere il giocatore a quella cifra, qualora Rafinha dovesse essere completamente recuperato, grazie al lavoro in nerazzurro. E per farlo capire meglio ai nerazzurri è stato schierato ieri in coppa. Ma l'Inter, come sappiamo, ha dalla sua la volontà del giocatore, che continuerà a parlare con il Barcellona per spingere verso questa soluzione.
Non dovesse andar bene? L'Inter comunque le sue alternative le sta continuando a monitorare. Proposto Schurrle dello Schalke, si sta valutando Sturridge del Liverpool (soprattutto se i nerazzurri dovessero decidere di cercare un'alternativa ad Icardi) soprattutto cercando di capire quanto chiede il Liverpool per il prestito. Ma forse quelli che intrigano più i nerazzurri sono in Spagna: Correa del Siviglia (che ha anche segnato nella partita vinta contro l'Atletico) magari in uno scambio con Brozovic e Gaitan dell'Atletico Madrid che però è extracomunitario, status per il quale l'Inter vorrebbe mantenersi il posto libero per Ramires, anche se questa pista si sta complicando sempre più vista la decisione da parte di Suning di tenerlo allo Jangsu.
Dopo il no di Verdi il Napoli è in fase di riflessione. Intanto è atteso nelle prossime ore un giovane straniero per le visite mediche a Villa Stuart: tutto top secret, si potrà sapere di più in mattinata. Rimane Politano l'ipotesi più concreta visto che il ragazzo è andato a parlare con il Sassuolo per capire i margini di cessione (anche se finora i neroverdi hanno detto sempre no alla cessione e anche ieri i toni della discussione sono stati piuttosto accesi). Ma la valuazione di 20 milioni e magari l'inserimento di Maksimovic, oltre alla voglia del ragazzo potrebbero fare la differenza, il Napoli proverà ad insistere. Deulofeu a titolo definitivo non scalda poi così tanto, Lucas Moura idem e potrebbe essere un'opportunità negli ultimi giorni di mercato. Non è detto che il Napoli però debba prendere un giocatore così, tanto per farlo. Valutazioni in corso quindi...
Le altre notizie di giornata: sondaggio del Chelsea per Emerson della Roma, il Milan non ha trovato ancora l'accordo con il Boca per Gustavo Gomez, anzi... la trattativa rischia seriamente di saltare.
Giornata di arrivi: a Torino ecco Damascan dallo Sheriff Tiraspol (e si continua a seguire Donsah del Bologna), a Cagliari visite mediche per Ceter, attaccante di 21 anni, e visite mediche anche per Djuiricic a Benevento (dove rimane l'idea Bonifazi per la difesa e dove è arrivato anche Cristian Cannavaro, figlio di Fabio, per la Primavera).
Il Bologna, anche senza la cessione di Verdi, ha comunque fatto una chiacchierata con la Juventus per Orsolini. L'Atalanta in questo momento non ha ancora dato l'ok (è a Bergamo in prestito biennale) ma è una trattativa che può decollare. A Sassuolo Sala può essere il sostituto di Gazzola, ma il ragazzo ancora non ha detto ok. Così come ancora non ha dato l'ok il Genoa per il ritorno di Ricci a Crotone.
Ma la notizia più clamorosa, come saprete certamente, arriva dalla Spagna. La novità è che il Barcellona potrebbe pagare la clausola di Grizemann all'Atletico Madrid (ora fissata a circa 110 milioni di euro ma che in estate diventerebbe di 200). E' più di un'idea visto che a Madrid già pensano a Lemar del Monaco per sostituirlo. All'altra sponda della capitale spagnola ormai è evidente che il mal di pancia di Cr7 è di quelli che possono portare ad un'autentica rivoluzione in casa madridista. Le squadre che possono permetterselo sono sostanzialmente due (Manchester United e PSG) ma anche loro devono mettersi a contare bene i soldi a disposizione e gli eventuali introiti. Se dovesse veramente maturare la frattura e se davvero CR7 dovesse accettare la corte di una delle sue pretendenti, la prossima estate sarà ancora più bollente della scorsa... E attenzione anche ai cinesi visto che il Tianjin avrebbe il posto anche il lista Champions asiatica: ha tagliato Pato.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Conte non prende l’Inter in corsa. Il piano di Marotta per convincerlo. Da Pogba a Chiesa, da Milinkovic Savic a Modric, tutte le piste. Via Icardi per fare cassa? Spalletti si salva se arriva terzo e vince in Europa. Di Francesco, ultima chiamata 14.12 - Beppe Marotta si è presentano con un’idea impegnativa: Sono qui per un progetto vincente. E già. E’ dal 2010 che i tifosi dell’Inter aspettano qualcosa di vincente e per riprovarci i nerazzurri hanno scelto non a caso, ma il numero Uno, quello che ha riportato in alto la Juventus...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Le incertezze della Champions: la cura non è solo il mercato... 13.12 - Possiamo dirlo senza mezzi termini: peggio di così difficilmente poteva andare. Martedì sera le due italiane non sono riuscite a qualificarsi nonostante avessero avuto tutto a disposizione, non soltanto in questo turno di Champions, ma anche i precedenti. Mercoledì Juve e Roma si...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Spalletti il grande imputato: il limite di carattere dell’Inter dell’ultimo mese rispecchia il valore della squadra o i limiti del tecnico? Napoli a testa alta, pagato solo il rodaggio iniziale di Ancelotti.Europa League: perché fa per il Napoli 12.12 - Cos’è peggio nella vita: un due di picche, o rimanere con il dubbio che sarebbe potuta andare bene se ci avessi provato? L’Inter esce dalla Champions manco fosse un adolescente impacciato, che si intreccia le mani mentre cerca in tasca il coraggio per rivolgere la parola alla ragazzina...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: Chiellini e altri difensori. Inter: 10 "segreti" sulla festa di Wanda Nara (e uno su Spalletti). Milan: Donnarumma, Abate... e un dato di fatto su Ibra. Napoli: forza Ancelotti, fai impazzire i critici 11.12 - Ciao. Sono stato al compleanno di Wanda Nara. Giuro. Mi ha invitato perché è gentile. E quindi non dovrei, ma vi racconto tutto il torbido di una festa che ha fatto molto parlare e ha indignato i più. Giustamente, tra l’altro: un capitano che va alla festa di sua moglie non si era...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Juve-Inter, la differenza tra il gioco e la vittoria. Roma, non c'è nulla. Napoli, devi farcela. Bigon e la meritocrazia: misteri del calcio 10.12 - La differenza tra la Juventus e l'Italia non sta solo nella classifica. Sarebbe riduttivo per una squadra che a dicembre, in campionato, ha vinto tutte le partite e pareggiata una. Se il calcio fosse un'equazione, allora, avremmo risolto molti problemi e ci saremmo messi l'anima in...

Editoriale DI: Marco Conterio

La vittoria di Allegri e la sconfitta di Spalletti. Cancelo, rimpianto nerazzurro e clamorosamente sottovalutato in Europa. Agnelli-Zhang segnano la fine della storica rivalità tra Juventus e Inter? 09.12 - Il tempo dei bilanci di fine anno si avvicina ma è chiaro che tracciare una linea su quel che è stato di questo 2018 non sia complicato. La gara di due sere fa di Torino ne è la chiara fotografia: il coraggio non basta, la Juventus prepara Capodanno da febbraio mentre le altre sono...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Napoli e Giuntoli il matrimonio va avanti, si lavora ancora per Zielinski. Milan, per Cahill c’è l’ok del Chelsea ma resta l’ostacolo ingaggio. La Juventus ripensa a Isco. Roma anche Weigl nella lista di Monchi. Fiorentina su Sansone 08.12 - Meno di un mese e il mercato sarà di nuovo aperto. E allora parto subito con il Napoli e con Cristiano Giuntoli. Un matrimonio destinato a durare ancora a lungo. Con De Laurentiis il feeling è forte e le parti sono vicine a prolungare il rapporto per continuare un ciclo che si è aperto...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Marotta sfida la Juventus. Duello a tutto mercato per Barella, Chiesa, Milinkovic Savic, Martial e non solo: il sogno è Dybala nerazzurro. Spalletti, i segreti per fermare Allegri. Un Ronaldo dall’altra parte vent’anni dopo il rigore contestato 07.12 - Marotta non è ancora un dirigente dell’Inter, almeno in via ufficiale. Per opportunità sarà presentato soltanto giovedì prossimo, dopo la sfida di questa sera con la Juve, il suo passato ancora vivo e caldo. Tutto sommato la scelta di Suning è condivisibile, nel calcio ci sono già...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Vince sempre il più ricco? E come si fa a batterlo? 07.12 - Spesso si fanno discorsi relativi al fatturato e alla capacità di spesa. È evidente che se hai più soldi sei avvantaggiato: diciamo che come minimo puoi permetterti più errori. Ma da qualche tempo a questa parte, soprattutto in Italia, sembra quasi si sia innestato un circolo virtuoso...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Derby d’Italia: ma davvero l’Inter pensa di avere qualche speranza? La Juve allo Stadium prepara una vittoria dal sapore spietato. Quello che deve temere la Juventus è su Isco: Paratici sta lavorando, ma la situazione è complicata 05.12 - Era dal 2010 che non si giocava un derby d’Italia al venerdì, occasione che può essere di buon auspicio per entrambe: perché era l’ultimo anno in cui un’italiana vinse la Champions, e quell’italiana fu l’Inter - e il derby si anticipò appunto prima della semifinale Inter-Barcellona. Ma...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
-->