HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2018/19?
  Barcellona
  Ajax
  Liverpool
  Tottenham

La Giovane Italia
Editoriale

Inter, c’è Mourinho e non Conte per il dopo-Spalletti. Milinkovic Savic al Milan, Chiesa e Barella nerazzurri, Isco alla Juve, Mancini alla Roma: tutti gli obiettivi del mercato estivo

08.02.2019 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 72351 volte
© foto di Federico De Luca

Dopo aver incontrato Conte che stava andando a comprare un divano sotto la sede dell’Inter, prima o poi qualcuno si imbatterà anche in Mourinho mentre passeggia gustandosi un gelato. Chissà…Miracoli, allucinazioni, miraggi e realtà del mercato.

Sono d’accordo con Spalletti, certi appuntamenti si danno lontano da occhi indiscreti, ricordo Moggi quando raccontava di aver fatto firmare il contratto a Ibrahimovic in un hangar durante il gran premio di Montecarlo di Formula Uno.

Detto questo, però, anche Spalletti sa che la sua posizione è ad altissimo rischio e forse non basterà a salvarlo neppure la eventuale qualificazione in Champions. Probabilmente soltanto vincendo l’Europa League continuerà la sua esperienza all’Inter, ma non è matematico neppure con quella. E’ vero che il tecnico nerazzurro ha un contratto oneroso rinnovato da poco, ma è altrettanto vero che le ambizioni dell’Inter stanno crescendo, Zhang ha voglia di tornare stabilmente tra le big e il tema è: Spalletti è l’allenatore giusto?

Molte cose fanno pensare che la risposta sia no. Non a caso si sta facendo uno screening degli allenatori-top, vincenti e carismatici. C’è anche Conte nella lista, ovvio, ma l’analisi di tutti i pro e i contro porta decisamente verso un altro nome che è quello di Josè Mourinho.

E’ Mou il vero obiettivo e non solo per il curriculum, ma soprattutto per suo senso di appartenenza al mondo Inter sempre sbandierato, il grande feeling con i tifosi. Ma piace anche la capacità manageriale di Mourinho, è un uomo-società mentre Conte spesso con le società si scontra. E’ successo alla Juve e Marotta lo ricorda bene e più di recente anche al Chelsea. E poi la gran parte dei giocatori attualmente in rosa sarebbero più adatti al calcio di Mou che non a quello di Conte secondo una analisi fatta dai dirigenti interisti. I contatti ci sono già stati, un colloquio pure, mi dicono a Milano ma (ovvio) in location super blindata. Presto si cercherà di stringere e concretizzare.

Senza trascurare, per altro, se non si dovesse concludere con Mou che costa molto, l’alternativa Conte giudicato più adatto per provare a vincere subito, meno affidabile nel medio-termine. Questi sono i due nomi caldi, troppo complicato portare via Simeone dall’Atletico, senza contare poi i margini di rischio più alti, quella spagnolo è un grande club, per carità, ma Mou e Conte vantano esperienze e risultati più importanti.

Dunque fari puntati su Mou, il primo nome della lista di Zhang. E su Spalletti all’Inter anche il prossimo anno, difficile scommettere un euro.

A proposito di prossimo anno, mai come nel mercato di gennaio si sono delineati chiaramente gli obiettivi dei Grandi Club per la prossima stagione.

Rimanendo in casa Inter, Marotta ha già portato a casa il colpo Godin a parametro zero e preso De Paul dall’Udinese per una trentina di milioni. Si è raffreddata invece la pista che porta a Modric. Un investimento ritenuto troppo oneroso in rapporto all’età del giocatore. Marotta vuole assolutamente portare a casa due giovani del 1997 che vogliono continuare a giocare in Italia, Federico Chiesa e Nicolò Barella. L’Inter si è messa avanti da un bel pezzo, sui due è in pole position anche se per Chiesa c’è la Juve in agguato.

Sempre in casa Juve, già presi il centrocampista Ramsey dall’Arsenal a parametro zero e il difensore Romero dal Genoa per una ventina di milioni. Per la difesa l’obiettivo è De Ligt dell’Ajax che però costa moltissimo e c’è dietro tutta l’Europa che conta. Su Pogba riflettori sempre accesi, ma dopo l’addio di Mourinho l’operazione-ritorno si è notevolmente complicata. Il vero colpo potrebbe essere Isco in rotta con il Real Madrid. L’operazione è imbastita, ma Florentino Perez ha chiesto Dybala. Anche Marcelo vuol seguire Ronaldo a Torino e in ballo potrebbe esserci anche James Rodriguez dei Blancos ora in prestito al Bayern che però piace molto anche ad Ancelotti per il suo Napoli.

Il Milan si è già rafforzato a gennaio con Paquetà e Piatek, l’obiettivo principale per giugno è Milinkovic Savic già sfiorato l’estate scorsa. Se poi sarà Champions serviranno almeno anche un regista (Sensi?) e un centrale di difesa.

Il Napoli che dovrà ringiovanire, punta Fornals del Villareal, 23 anni, e c’è già un’intesa di massima attorno ai 22 milioni. Piace molto anche l’attaccante Bergwijn del Psg, olandese del Suriname come Gullit. E come detto l’idea James Rodriguez c’è anche se ha un ingaggio elevato.

La Roma che sta cercando di blindare il ventenne Zaniolo astro nascente, ha in mano il difensore Mancini dell’Atalanta, 23 anni in aprile.

La Fiorentina s’è rafforzata con Muriel, ma per il futuro ha preso il centrocampista Traorè, 19 anni, e difensore Ramussen, 22, dall’Empoli per venti milioni e il centrocampista polacco Zurkowski, 22 anni, per cinque milioni dal Gornik.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juve: lo scudetto, le riflessioni sul futuro, un difensore in più e... la posizione di Allegri. Milan: l'Atalanta fa paura, ora Gattuso pretende risposte. Inter: i numeri di Spalletti e la "sfida" con Conte. Evviva Fognini, anche quando perde 23.04 - Ciao. La festa è finita e si torna a lavorare. Anzi no, molti fanno il megaponte fino all’1 maggio, alcuni fino al 2 giugno, altri non tornano proprio. Il megaponte è per molti, ma non per tutti. Non per noi “grandi eroi” di tuttomercatoweb che anche oggi ve ne diciamo di tutti i...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Basta spot elettorali! Il calcio italiano crolla in Europa ma noi pensiamo ai finti progressi. Juve, festa amara. Napoli, serviva Ancelotti per una stagione così? Pippo, vedi come vola il Bologna… 22.04 - Sabato pomeriggio avrei voluto vedere, al mare, la festa della Juventus e invece mi sono ritrovato senza calcio e sprofondato sul divano a rivedere un film nuovo che davano alla tv: Quo Vado! La scena più bella è quando Checco (a proposito, che fine hai fatto? Quando torni a regalarci...

Editoriale DI: Andrea Losapio

Juve, le plusvalenze non fanno vincere la Champions. Il Milan se ne frega del fair play finanziario, l'Inter riparte da Spalletti? Conte, Tuchel, Sarri e altre leggende 21.04 - La festa Scudetto non è tale quando esci dai quarti di Champions League per mano dell'Ajax. E soprattutto quando potevi farlo una settimana prima, con un pari tranquillo a Ferrara, invece di inserire giocatori di Serie C oppure giovani. La formazione era più forte di quella della...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Juventus, risalgono le quotazioni di Conte. Dybala in partenza, Bayern in prima fila ma c’è anche il Liverpool in un possibile scambio con Salah. Per la difesa spunta anche Jérôme Boateng. Marotta e Paratici, che sfida per Chiesa 20.04 - A fine stagione ci sarà un cambiamento inevitabile. Per la Juventus è già cominciata la fase di riflessione. Il primo nodo resta sempre Allegri. E’ vero che ci sono state le conferme del presidente Agnelli e dello stesso allenatore su un futuro ancora bianconero, ma la sensazione...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Allegri non resterà. Agnelli punta tutto su Conte, l’unico grande motivatore. Arriverà un giocatore super per reparto. Il tentativo per Guardiola di due mesi fa. Napoli, fine del ciclo. Insigne un caso 19.04 - Andrea Agnelli ha confermato Allegri a caldo, subito dopo la bruciante eliminazione dalla Champions e sinceramente penso sia stata soltanto una mossa mediatica. Il tentativo, un classico in questi casi, e niente di più di cercare di deviare l’attenzione dal dramma sportivo per far...

Editoriale DI: Luca Marchetti

La Juve, la Champions, i soldi e il mercato. I programmi della Roma e la “nuova” recompra 18.04 - La mancata qualificazione alle semifinali per la Juventus non è semplicemente una sconfitta che fa male. Perché tradisce le aspettative dei tifosi della Juventus, prima ancora che le ambizioni della società a del suo presidente Agnelli. L’Ajax ha frantumato la Juventus, ha scoperto...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

E’ la disfatta di Allegri, checché ne dica Agnelli: vincere non era l’unica cosa che conta? La Juventus ha giocato solo quando ha dovuto reagire. Rilassatasi con l’Ajax, è crollata. Gli juventini vogliono Allegri? 17.04 - Il ranking. Il nuovo tormentone è il ranking. Uscire da questa disfatta - né più, né meno - contro l’Ajax, e parlare da parte di Agnelli di ranking e degli ultimi cinque anni sempre nei Quarti, ha lo stesso effetto dell’ingaggiare un make-up artist da Oscar per fare agghindare un...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: i rischi della super sfida e il moralismo senza senso sui “ragazzotti”. Inter: la verità tra le parole di Marotta (Icardi, Spalletti e... Conte). Milan: il futuro di Gattuso, spiegato nel presente. Napoli: la coerenza non è un optional 16.04 - Mentre scriviamo brucia Notre Dame e c’è davvero poco da ridere. Qualcuno fa grassa ironia “in fondo non è morto nessuno!”. Ah, pisquani, quanta pochezza. Brucia Notre Dame e noi siam qui a parlare di pallone, del resto di arte capiamo nulla, ma che fastidio accendere la tv e vedere...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan, angeli e demoni. Inter, traguardo vicino. Napoli, che horror! Chievo giustamente in B. Gravina, prima i veri problemi poi il resto... 15.04 - Le lotte per il quarto posto, e per il terzultimo, sono le uniche rimaste a farci divertire. Penserete, giustamente, come sia caduta in basso la serie A. Vero! La Juventus, ormai, deve fare i calcoli per quando festeggiare. Deve decidere solo la data e si organizza per la passerella,...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

La formazione di Allegri è il frutto di un campionato che non funziona. Vincere così non aiuta nessuno, nemmeno la Juve. E Andrea Agnelli lo sa bene... 14.04 - Un esordiente nel massimo campionato con la maglia della Juventus, due esordienti assoluti in Serie A, più Hans Nicolussi Caviglia. Centrocampista classe 2000 che prima di ieri sera aveva giocato in Serie A solo dieci minuti contro l'Udinese (quando il risultato era 4-0). A Ferrara,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510