HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Il Milan punta su Pioli: la scelta vi convince?
  Si, è l'allenatore giusto
  No, era meglio confermare Giampaolo
  No, serviva un altro allenatore

La Giovane Italia
Editoriale

Inter, cosa vi aspettavate? Tre gol per fermare critiche senza senso. Bravo Gattuso, la strada del maestro è quella giusta. Ronaldo, ancora 0 gol: preparatevi al peggio

Nato a Napoli il 10/03/88, laureato in Filosofia e Politica presso l'Università Orientale di Napoli. Lavora per Tuttomercatoweb.com dal 2008, è il vice direttore dal 2012
02.09.2018 09:55 di Raimondo De Magistris  Twitter:    articolo letto 63145 volte
© foto di TUTTOmercatoWEB.com

Viviamo nell'epoca dei giudizi affrettati. In un momento storico in cui i commenti sono talmente copiosi e centrali che la notizia è diventata quasi un pretesto. I social non ci pagano per dire la nostra. Peggio. Ci costringono a farlo, altrimenti non esistiamo. Non solo devi dire la tua, ma la devi dire sempre, su tutto. Devi insinuare e devi essere originale. Un lavoraccio, gratuito e che spesso fa poco onore a chi scrive. Ma tant'è, l'importante è farsi notare.

Perché questo preambolo? Perché ricorda bene quest'inizio di stagione, c'entra con l'Inter che questa estate ha portato avanti un mercato oggettivamente importante. Il più importante dopo quello dei campioni d'Italia: Cristiano Ronaldo resta fuori categoria e l'acquisto di CR7 ha premiato la Juventus come regina dell'estate. Poco più di due settimane fa però, dopo il gong, tutti hanno etichettato la squadra di Spalletti come l'anti-Juve. E non possono essere un paio di partite di poco successive al Ferragosto a cambiare le carte in tavola.
Ieri a Bologna è arrivata la prima vittoria, nel finale l'Inter ha anche dilagato, ma anche ieri è sembrata un cantiere aperto: la condizione non è al top e l'intesa è tutta da trovare. Non ha entusiasmato insomma la squadra nerazzurra, almeno fino al pesantissimo gol di Nainggolan che psicologicamente ha pesato come un macigno. Anche a causa del forfait last minute di Mauro Icardi, in campo dal primo minuto c'erano cinque volti nuovi. Vien da sé che per vedere un gioco armonioso serve tempo. Non troppo, perché per gli allenatori il tempo scorre più velocemente che per i comuni mortali, ma nessuno - Luciano Spalletti compreso - ha la bacchetta magica. E leggere di 'Inter in crisi' o 'Inter costruita male', di 'Fallimento sul mercato perché in fondo Modric non è arrivato' è stato spaesante. L'Inter ha steccato con una squadra nuova di zecca 180 minuti, non 1800. E la Juventus tre anni fa ha conquistato lo Scudetto conquistando nove punti nelle prime otto giornate: ora la banda di Spalletti non può godere dello stesso credito, ma ciò che si è visto dopo il pari col Torino è sembrato qualcosa di surreale. Sparare sui nerazzurri perché quello era la tendenza del momento, senza alcuna lucidità.

Cantiere aperto è anche la Roma, che però non ha portato avanti in estate lo stesso calciomercato dell'Inter. Meno certezze per il presente e mirino di Monchi puntato sulla Roma che verrà. Non che Di Francesco tutto d'un tratto abbia una squadra da settimo posto, tutt'altro. Però perdere in un colpo solo Alisson, Nainggolan e Strootman non è boccone semplice da digerire, anche perché i sostituti o sono giocatori con caratteristiche molto diverse, che impongono un cambio di gioco, o giocatori giovani che devono ambientarsi a una realtà nuova. Più competitiva e più importante. Ecco perché in questo momento più certezze di Eusebio Di Francesco le ha Gennaro Gattuso. Il Milan intanto ha cambiato molto meno della Roma e poi, in questo avvio di stagione, l'allenatore rossonero s'è limitato a inserire un campione come Gonzalo Higuain nell'undici della passata stagione. Vanno bene Caldara, Castillejo, Laxalt e Bakayoko, ma ancor più importante in questo avvio è non perdere le certezze faticosamente costruite nei mesi passati inserendo gradualmente, e solo a gara in corso, i volti nuovi. Proprio come fatto a Napoli dal suo maestro Carlo Ancelotti. Che da grande allenatore qual è ha capito che la cosa giusta da fare per partire col piede giusto in questa avventura in salsa partenopea è sfruttare al massimo il lavoro di Sarri e portarlo avanti. Con qualche nuova idea ma senza stravolgimenti.

Quest'ultimo è sempre stato in fondo anche uno dei segreti di Massimiliano Allegri a Torino. Dybala nel suo primo anno bianconero vide il campo con continuità solo dopo diversi mesi. Ma come esempio si può prendere anche ieri sera: a Parma dieci giocatori della passata stagione più Cristiano Ronaldo, che per la terza gara di seguito non è andato a segno. Un digiuno che non può allarmare, perché il portoghese è fuoriclasse assoluto ed è sembrato tutt'altro che avulso dagli schemi bianconeri. Ma nell'epoca in cui vince chi la spara più grossa preparatevi a due settimane in cui sulle vostre bacheche leggerete di tutto, anche che Cristiano Ronaldo - uno che nelle ultime otto stagioni non ha mai segnato meno di 42 gol - faticherà ad arrivare in doppia cifra. Calma, è il 2 settembre. Siamo solo all'aperitivo.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Milan, Pioli merita fiducia. Primo passo: recuperare Piatek e lanciare Rebic. Inter per giugno obiettivi Tonali e Van de Beek. Napoli, Hysaj verso la Roma. Genoa, tieniti stretto Andreazzoli. Samp, Ranieri non basta 12.10 - Pioli merita fiducia. Non credo sia giusto giudicare a priori chi ancora non ha cominciato a lavorare. Il Milan ha una storia gloriosa e un passato fantastico ma se da 7 anni non riesce ad alzare la testa a certi livelli ci sarà pure un perché. La ripartenza è sempre stata difficile...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Milan, tutta colpa di Elliott. Il fondo deve vendere subito se vuole il bene del Club e non solo dei suoi conti. Boban e Maldini, che delusione. Inter tra Rakitic e Matic per gennaio. La Juve vuole Emerson Palmieri. Ranieri-Samp, ci siamo 11.10 - Con il Milan in pieno caos, dalla Cina arriva la notizia di un’inchiesta su mister Yonghong Li. I cinesi, a quanto pare, vogliono sapere come e dove il presunto magnate con gli occhi a mandorla, abbia fatto i soldi per comprare il Milan. Di riffe e di raffa circa un miliardo di euro....

Editoriale DI: Luca Marchetti

Il Milan e i cambiamenti: un’altra ripartenza. La Samp e una scelta complicata 10.10 - Si è presentato Pioli, ma soprattutto hanno parlato nuovamente Gazidis, Maldini e Boban, nella conferenza stampa del loro nuovo allenatore. Le speranze di Pioli, i suoi buoni propositi, il suo modo di porsi e le idee che intende portare fanno sicuramente parte del suo mondo, del...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

La colpa del Milan è dei milanisti: è una squadra da sesto posto, accettatelo! Lasciare a Pioli il tempo non dato a Giampaolo. L’Inter non fa sconti: giusto non pagare 4.5 milioni per favorire Spalletti (e il Milan)? 09.10 - L’unica cosa positiva di tutta questa storia a tinte rossonere è che un galantuomo come Stefano Pioli avrà la possibilità di rifarsi. Dopo aver dato alla città di Firenze quello che nessun contratto avrebbe potuto prevedere - uno straordinario slancio umano per tenere la testa alta...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: 90 minuti semi-perfetti e un dato di fatto “pericoloso”. Inter: il mercato estivo, le prime critiche e la richiesta di Conte. Milan: Spalletti è il prescelto, Pioli l’alternativa (in grande ascesa), Giampaolo è già il passato 08.10 - Ciao. C’è la sosta: un grande classico ottombrino. Due belle settimane di rotture di balle e questa volta con una maglia verde in più, quella della Nazionale. Sapete cosa cambia la presenza della maglia verde rispetto alla noia mortale del “pausone”? Niente. Ma per annoiarci c’è gran...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Maldini, in cerca di esperienza e alla ricerca della classe (persa a Genova): ecco cosa è successo. A Firenze ho visto la luce... classe 1997 e non è Chiesa 07.10 - Siete pronti a leggere una bestemmia pubblica? Eccola: in tutto questo strazio, al Milan, il meno colpevole è Marco Giampaolo. Un allenatore bravo, un grande teorico, non sempre un eccellente pratico a tal punto che pochi anni fa per far ripartire la sua carriera è dovuto scendere...

Editoriale DI: Marco Conterio

Conte e la lezione dell'Inter alla Serie A. Sarri resta ancora una splendida scommessa. Che succede ad Ancelotti e al Napoli? 06.10 - Quanto conta un allenatore, nel rendimento di una squadra? Nelle partite e nei campionati? Domande, non risposte. Trovarle è sempre stata un arcano, quando sembrava d'avere il Graal è arrivato il santone a sovvertire le gerarchie. Un'annata a raccontare un altro percorso, un'altra...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Genoa-Milan, un sabato di passione. Ultima chiamata per Giampaolo ma l’eventuale sostituto resta un rebus. Ai rossoneri serve un leader alla Ribery. Inter, contro la Juventus  ancora fiducia a Lautaro, Ramsey la chiave tattica di Sarri 05.10 - C’è una partita che vale una stagione o quasi. Dopo 6 giornate di campionato Genoa-Milan è uno spartiacque per Andreazzoli e Giampaolo. Ed è incredibile soprattutto la situazione del Milan Il rendimento dei rossoneri è inspiegabile, 2 vittorie e 4 sconfitte, le ultime 3 consecutive,...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Inter, sfida totale alla Juve. Torna Lukaku con Politano, Ronaldo con Higuain e Ramsey. Sarri-Conte dall’Arezzo allo scudetto. Milan, confusione totale: Elliott deve vendere nonostante le smentite. Insigne, ecco cosa è successo con Ancelotti 04.10 - Sarri e Conte, due allenatori che dodici anni fa non riuscirono a salvare l’Arezzo dalla retrocessione in serie C, domenica si ritrovano a ragionare di scudetto. E’ un’altra bella storia o favola, fate voi, confezionata dal Dio del Pallone. Quell’anno si divisero il lavoro su una...

Editoriale DI: Luca Marchetti

La lezione di Barcellona, (antipasto prima della Juve) e il rammarico del Napoli: le prestazioni non valgono allo stesso modo 03.10 - Solo la Juve fa risultato pieno con una prestazione convincente in questa due giorni di Champions, ma la prestazione dell’Inter a Barcellona deve essere valutata al di là del risultato. Perché è vero che nel finale è calato il ritmo, e che nel secondo tempo i blaugrana hanno registrato...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510