HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A: quale di questi attaccanti vi ha deluso di più?
  Giovanni Simeone
  Edin Dzeko
  Arkadiusz Milik
  Patrik Schick
  Marko Pjaca
  Paulo Dybala
  Duvan Zapata
  Keita Balde Diao
  Simone Zaza

La Giovane Italia
Editoriale

Inter, cosa vi aspettavate? Tre gol per fermare critiche senza senso. Bravo Gattuso, la strada del maestro è quella giusta. Ronaldo, ancora 0 gol: preparatevi al peggio

Nato a Napoli il 10/03/88, laureato in Filosofia e Politica presso l'Università Orientale di Napoli. Lavora per Tuttomercatoweb.com dal 2008, è il vice direttore dal 2012
02.09.2018 09:55 di Raimondo De Magistris  Twitter:    articolo letto 62686 volte
© foto di TUTTOmercatoWEB.com

Viviamo nell'epoca dei giudizi affrettati. In un momento storico in cui i commenti sono talmente copiosi e centrali che la notizia è diventata quasi un pretesto. I social non ci pagano per dire la nostra. Peggio. Ci costringono a farlo, altrimenti non esistiamo. Non solo devi dire la tua, ma la devi dire sempre, su tutto. Devi insinuare e devi essere originale. Un lavoraccio, gratuito e che spesso fa poco onore a chi scrive. Ma tant'è, l'importante è farsi notare.

Perché questo preambolo? Perché ricorda bene quest'inizio di stagione, c'entra con l'Inter che questa estate ha portato avanti un mercato oggettivamente importante. Il più importante dopo quello dei campioni d'Italia: Cristiano Ronaldo resta fuori categoria e l'acquisto di CR7 ha premiato la Juventus come regina dell'estate. Poco più di due settimane fa però, dopo il gong, tutti hanno etichettato la squadra di Spalletti come l'anti-Juve. E non possono essere un paio di partite di poco successive al Ferragosto a cambiare le carte in tavola.
Ieri a Bologna è arrivata la prima vittoria, nel finale l'Inter ha anche dilagato, ma anche ieri è sembrata un cantiere aperto: la condizione non è al top e l'intesa è tutta da trovare. Non ha entusiasmato insomma la squadra nerazzurra, almeno fino al pesantissimo gol di Nainggolan che psicologicamente ha pesato come un macigno. Anche a causa del forfait last minute di Mauro Icardi, in campo dal primo minuto c'erano cinque volti nuovi. Vien da sé che per vedere un gioco armonioso serve tempo. Non troppo, perché per gli allenatori il tempo scorre più velocemente che per i comuni mortali, ma nessuno - Luciano Spalletti compreso - ha la bacchetta magica. E leggere di 'Inter in crisi' o 'Inter costruita male', di 'Fallimento sul mercato perché in fondo Modric non è arrivato' è stato spaesante. L'Inter ha steccato con una squadra nuova di zecca 180 minuti, non 1800. E la Juventus tre anni fa ha conquistato lo Scudetto conquistando nove punti nelle prime otto giornate: ora la banda di Spalletti non può godere dello stesso credito, ma ciò che si è visto dopo il pari col Torino è sembrato qualcosa di surreale. Sparare sui nerazzurri perché quello era la tendenza del momento, senza alcuna lucidità.

Cantiere aperto è anche la Roma, che però non ha portato avanti in estate lo stesso calciomercato dell'Inter. Meno certezze per il presente e mirino di Monchi puntato sulla Roma che verrà. Non che Di Francesco tutto d'un tratto abbia una squadra da settimo posto, tutt'altro. Però perdere in un colpo solo Alisson, Nainggolan e Strootman non è boccone semplice da digerire, anche perché i sostituti o sono giocatori con caratteristiche molto diverse, che impongono un cambio di gioco, o giocatori giovani che devono ambientarsi a una realtà nuova. Più competitiva e più importante. Ecco perché in questo momento più certezze di Eusebio Di Francesco le ha Gennaro Gattuso. Il Milan intanto ha cambiato molto meno della Roma e poi, in questo avvio di stagione, l'allenatore rossonero s'è limitato a inserire un campione come Gonzalo Higuain nell'undici della passata stagione. Vanno bene Caldara, Castillejo, Laxalt e Bakayoko, ma ancor più importante in questo avvio è non perdere le certezze faticosamente costruite nei mesi passati inserendo gradualmente, e solo a gara in corso, i volti nuovi. Proprio come fatto a Napoli dal suo maestro Carlo Ancelotti. Che da grande allenatore qual è ha capito che la cosa giusta da fare per partire col piede giusto in questa avventura in salsa partenopea è sfruttare al massimo il lavoro di Sarri e portarlo avanti. Con qualche nuova idea ma senza stravolgimenti.

Quest'ultimo è sempre stato in fondo anche uno dei segreti di Massimiliano Allegri a Torino. Dybala nel suo primo anno bianconero vide il campo con continuità solo dopo diversi mesi. Ma come esempio si può prendere anche ieri sera: a Parma dieci giocatori della passata stagione più Cristiano Ronaldo, che per la terza gara di seguito non è andato a segno. Un digiuno che non può allarmare, perché il portoghese è fuoriclasse assoluto ed è sembrato tutt'altro che avulso dagli schemi bianconeri. Ma nell'epoca in cui vince chi la spara più grossa preparatevi a due settimane in cui sulle vostre bacheche leggerete di tutto, anche che Cristiano Ronaldo - uno che nelle ultime otto stagioni non ha mai segnato meno di 42 gol - faticherà ad arrivare in doppia cifra. Calma, è il 2 settembre. Siamo solo all'aperitivo.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Pronti per gennaio: il Milan più attivo ecco i primi nomi. E poi attenzione: parametri zero pazzeschi! 15.11 - Il mercato si avvicina alla velocità della luce. Sarà più corto del previsto, visto che chiuderà il 18 gennaio, ma non per questo sarà meno intenso. Se dovessimo sbilanciarci potremmo dire che per il Milan potrebbe essere una sessione di primo livello. Nel senso che a gennaio Elliot,...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Allegri cosa dici?! Hai cambiato idea rispetto a quando eri al Milan, e proprio prima di una partita con la Juve… Ibrahimovic in rossonero è possibile: ecco a che punto è la trattativa. Juventus su De Gea e James? C’è questo retroscena 14.11 - Massimilano Allegri è già l’allenatore che ha vinto più Panchine d’Oro nella storia, 4. Anche se ovviamente i suoi obiettivi sono altri. Il primo e ovvio è vincere la Champions (Allegri è anche il primo allenatore italiano a perdere entrambe le prime due finali di Champions a cui...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

C’è solo una cosa bella della Sosta per la Nazionale. No, non è vero, non c’è. Tra l’altro sarà la 2323esima quest’anno. Si sono moltiplicate. O forse è solo un’impressione. 13.11 - Juve: la panchina d’oro, i cervelli di ghisa. Inter: le scelte di Spalletti (e un segreto…). Milan: il (troppo) rigore di Higuain. Arbitri: l’esempio di IrraQuando c’è la Sosta per la Nazionale a nessuno frega nulla di qualunque cosa, si fa finta di appassionarsi a temi come “Balotelli...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan, no a Ibra. Napoli, un salto nel fango. Spal, l'unica società che ha sfruttato il triplo salto. Liverani, oro di Lecce. Gravina, ecco il primo colpo: Brunelli dalla Lega 12.11 - Arriva la sosta, nel momento meno opportuno, e come sempre si tornerà a parlare di calciomercato. La Juventus cerca un centrocampista, l'Inter in teoria è a posto così, la Roma necessita di almeno due tasselli, mentre il Napoli potrebbe aver bisogno di un vice Milik che, a gennaio,...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

En plein probabile, chi l'avrebbe mai detto: la Serie A è di nuovo la casa dei grandi difensori. De Laurentiis aveva ragione: Ancelotti vale un top player. Calo Juventus? Non c'è da fidarsi 11.11 - Kalidou Koulibaly, Milan Skriniar e Kostas Manolas. Poi la difesa della Juventus che può andare ad Harvard per dare lezioni sulla fase difensiva. Sono loro il miglior spot di una Serie A che quest'anno in Champions ha buone possibilità di portare tutte le squadre almeno agli ottavi...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Su Skriniar tutte le big d’Europa: City, United, Barcellona e Bayern Monaco, ma la sua volontà è rimanere all’Inter. Il Napoli in pressing su Tonali. Il Milan pensa a Paredes. Juventus, a San Siro prova verità 10.11 - L’Inter è al lavoro per blindare Skriniar. Il difensore slovacco cresce partita dopo partita e ormai è arrivato a un livello altissimo. Anche Spalletti dopo la gara con il Barcellona ha sottolineato che ormai è un giocatore top. Un vero leader della difesa, in grado di unire qualità...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Contro Mourinho, evviva Mourinho. Si scatena un altro Juventus-Inter. Gli eccessi del tifo da condannare. Bocciato dagli inglesi. Da Mazzone in giù, ma che calcio vogliamo? Il Var in Champions, ora basta, cosa aspettate? 09.11 - Mourinho non è tipo da mezze misure, o lo odi o lo ami, ma questo lo sapevamo già. Il doppio confronto fra Juventus e Manchester è stata l’occasione per rimettere in moto cose antiche, rivalità mai sopite, sgarbi mai digeriti, gesti sopra le righe, un Triplete esagerato, pensieri...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Sorprese (e certezze) in Champions: Juve, CR7 e Pellegrini. E una foto - da non conservare - della nostra Serie A 08.11 - Bene: se la giornata di martedì ci aveva confermato che Napoli e Inter non solo hanno una propria posizione in Champions, ma che ce l'hanno anche Icardi e Insigne la sorpresa arriva dalle gare del mercoledì. Anzi le sorprese: una positiva e una negativa. Chiaramente quella negativa...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Inter, perché aspettare 150 minuti? Mentre a Napoli il confine è solo il cielo. Ecco perché alla Juventus la vittoria contro il Manchester United serve…contro l’Inter. Davvero Mosca ultima chiamata per la Roma e Di Francesco? 07.11 - Il calcio è questione di punti di vista, certamente. Dunque è sicuramente un punto di vista positivo per l’Inter aver rischiato di pareggiare all’83’ al Camp Nou. Così come è sicuramente un punto di vista positivo l’aver tenuto a San Siro il risultato fino al finale di partita. Ma...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: i problemi di cui non si parla perché tanto... è la Juve. Milan: la zona Champions e le "indiscrezioni" su Wenger. Inter: il giorno del Barcellona. Napoli, vendicaci tutti 06.11 - Prima le cose importanti. Mi scrive Antonio Portaccio, lo trovate su messenger, ha una barba da competizione: “Ciao Fabrizio, io non ti ho scritto per i biglietti per il derby, inoltre ti leggo sempre. Se ci troviamo in giro ti offro un caffè, sono su Milano. Mo’ veniamo al favore,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy