HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Fitwalking for AIL
SONDAGGIO
Chi tra le italiane passerà il girone di Champions League?
  Tutte
  Juventus, Inter e Roma
  Juventus, Inter e Napoli
  Juventus, Napoli e Roma
  Inter, Napoli e Roma
  Juventus e Roma
  Juventus e Inter
  Juventus e Napoli
  Inter e Roma
  Inter e Napoli
  Roma e Napoli
  Solo la Juventus
  Solo la Roma
  Solo l'Inter
  Solo il Napoli
  Nessuna

La Giovane Italia
Editoriale

Inter, cosa vi aspettavate? Tre gol per fermare critiche senza senso. Bravo Gattuso, la strada del maestro è quella giusta. Ronaldo, ancora 0 gol: preparatevi al peggio

Nato a Napoli il 10/03/88, laureato in Filosofia e Politica presso l'Università Orientale di Napoli. Lavora per Tuttomercatoweb.com dal 2008, è il vice direttore dal 2012
02.09.2018 09:55 di Raimondo De Magistris  Twitter:    articolo letto 62640 volte
© foto di TUTTOmercatoWEB.com

Viviamo nell'epoca dei giudizi affrettati. In un momento storico in cui i commenti sono talmente copiosi e centrali che la notizia è diventata quasi un pretesto. I social non ci pagano per dire la nostra. Peggio. Ci costringono a farlo, altrimenti non esistiamo. Non solo devi dire la tua, ma la devi dire sempre, su tutto. Devi insinuare e devi essere originale. Un lavoraccio, gratuito e che spesso fa poco onore a chi scrive. Ma tant'è, l'importante è farsi notare.

Perché questo preambolo? Perché ricorda bene quest'inizio di stagione, c'entra con l'Inter che questa estate ha portato avanti un mercato oggettivamente importante. Il più importante dopo quello dei campioni d'Italia: Cristiano Ronaldo resta fuori categoria e l'acquisto di CR7 ha premiato la Juventus come regina dell'estate. Poco più di due settimane fa però, dopo il gong, tutti hanno etichettato la squadra di Spalletti come l'anti-Juve. E non possono essere un paio di partite di poco successive al Ferragosto a cambiare le carte in tavola.
Ieri a Bologna è arrivata la prima vittoria, nel finale l'Inter ha anche dilagato, ma anche ieri è sembrata un cantiere aperto: la condizione non è al top e l'intesa è tutta da trovare. Non ha entusiasmato insomma la squadra nerazzurra, almeno fino al pesantissimo gol di Nainggolan che psicologicamente ha pesato come un macigno. Anche a causa del forfait last minute di Mauro Icardi, in campo dal primo minuto c'erano cinque volti nuovi. Vien da sé che per vedere un gioco armonioso serve tempo. Non troppo, perché per gli allenatori il tempo scorre più velocemente che per i comuni mortali, ma nessuno - Luciano Spalletti compreso - ha la bacchetta magica. E leggere di 'Inter in crisi' o 'Inter costruita male', di 'Fallimento sul mercato perché in fondo Modric non è arrivato' è stato spaesante. L'Inter ha steccato con una squadra nuova di zecca 180 minuti, non 1800. E la Juventus tre anni fa ha conquistato lo Scudetto conquistando nove punti nelle prime otto giornate: ora la banda di Spalletti non può godere dello stesso credito, ma ciò che si è visto dopo il pari col Torino è sembrato qualcosa di surreale. Sparare sui nerazzurri perché quello era la tendenza del momento, senza alcuna lucidità.

Cantiere aperto è anche la Roma, che però non ha portato avanti in estate lo stesso calciomercato dell'Inter. Meno certezze per il presente e mirino di Monchi puntato sulla Roma che verrà. Non che Di Francesco tutto d'un tratto abbia una squadra da settimo posto, tutt'altro. Però perdere in un colpo solo Alisson, Nainggolan e Strootman non è boccone semplice da digerire, anche perché i sostituti o sono giocatori con caratteristiche molto diverse, che impongono un cambio di gioco, o giocatori giovani che devono ambientarsi a una realtà nuova. Più competitiva e più importante. Ecco perché in questo momento più certezze di Eusebio Di Francesco le ha Gennaro Gattuso. Il Milan intanto ha cambiato molto meno della Roma e poi, in questo avvio di stagione, l'allenatore rossonero s'è limitato a inserire un campione come Gonzalo Higuain nell'undici della passata stagione. Vanno bene Caldara, Castillejo, Laxalt e Bakayoko, ma ancor più importante in questo avvio è non perdere le certezze faticosamente costruite nei mesi passati inserendo gradualmente, e solo a gara in corso, i volti nuovi. Proprio come fatto a Napoli dal suo maestro Carlo Ancelotti. Che da grande allenatore qual è ha capito che la cosa giusta da fare per partire col piede giusto in questa avventura in salsa partenopea è sfruttare al massimo il lavoro di Sarri e portarlo avanti. Con qualche nuova idea ma senza stravolgimenti.

Quest'ultimo è sempre stato in fondo anche uno dei segreti di Massimiliano Allegri a Torino. Dybala nel suo primo anno bianconero vide il campo con continuità solo dopo diversi mesi. Ma come esempio si può prendere anche ieri sera: a Parma dieci giocatori della passata stagione più Cristiano Ronaldo, che per la terza gara di seguito non è andato a segno. Un digiuno che non può allarmare, perché il portoghese è fuoriclasse assoluto ed è sembrato tutt'altro che avulso dagli schemi bianconeri. Ma nell'epoca in cui vince chi la spara più grossa preparatevi a due settimane in cui sulle vostre bacheche leggerete di tutto, anche che Cristiano Ronaldo - uno che nelle ultime otto stagioni non ha mai segnato meno di 42 gol - faticherà ad arrivare in doppia cifra. Calma, è il 2 settembre. Siamo solo all'aperitivo.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juve: la lezione di Bernardeschi da non dimenticare (e la scelta su Dybala...). Inter: Spalletti, la squalifica e "l'insostituibile". Roma: il vero problema di Di Francesco è "oltre" Trigoria. Milan: i gufi (miopi) attorno a Gattuso. Viva il Var: se 25.09 - Hanno squalificato Spalletti perché ha detto “gol”. Lo ha detto alla telecamera, anzi no, al quarto uomo, anzi no, non si è capito. L’unica cosa chiara è che ha detto “goooool”. E lo ha detto in modo provocatorio, probabilmente con troppe “o”. Goooooooooooooooooooool. Troppo lungo,...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter in sala di attesa. Roma, per Monchi iniziano i primi test. Se il Milan non le chiude diventa tutto difficile. Da visionario a luminare: Faggiano ha vinto con Gervinho. E De Zerbi non sarà più solo bello… 24.09 - In Italia conta solo una cosa: vincere! E fin qui siamo tutti d’accordo. Le prestazioni non vengono mai analizzate e, sinceramente, capiamo che l’unica medicina sono i tre punti. L’Inter non è guarita, ci mancherebbe, però in 4 giorni ha vinto due partite a tempo scaduto e alla Pinetina...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il livello della Serie A è in crescita, ma lo Scudetto è un'altra storia. In B e in C il caos va avanti e c'è un colpevole: non si può riformare il calcio cambiando le norme in corsa 23.09 - Il gioco corale della Sampdoria orchestrato da Marco Giampaolo. La nuova Fiorentina, giovane, ricca di talento e con un tridente offensivo già forte, ma potenzialmente devastante. Il calcio rapido e verticale del Sassuolo di Roberto De Zerbi, e la personalità del leader del Cagliari...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Inter con la Samp per la svolta in campionato. Juventus: Dybala un anno decisivo, Bernardeschi ora è l’arma in più. Di Francesco merita fiducia ma serve un cambio di marcia. Atalanta: il rinnovo di Gasperini segnale forte della società 22.09 - Ne ero convinto e alla fine la Champions ha confermato la mia sensazione. Contro il Tottenham, l’Inter ha trovato il risultato, la prestazione ma soprattutto la reazione che voleva Spalletti. Quella rabbia che ha portato a ribaltare una situazione che avrebbe aperto in maniera ufficiale...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Var, ora è uno scandalo. Ecco perché gli arbitri sono tornati indietro e non lo usano quasi più. Il caso Ronaldo lo imporrebbe anche in Champions. La guerra fra Infantino (Fifa) e Ceferin (Uefa) dietro il cambio di linea 21.09 - Chi ha ucciso il Var? Quasi il titolo di un giallo, ma in effetti quello che sta succedendo ha molto del giallo. Nello scorso campionato di serie A il Var era stata una piacevole novità, un elemento in grado di aiutare gli arbitri e portare l’idea di giustizia e serenità nel calcio,...

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Champions delle emozioni: ecco chi è "condannato" a vincere... 20.09 - E' tornata la Champions. Ed è tornata in tutto il suo splendore. La Champions esalta, la Champions non perdona. La Champions dimostra che la Juve ha una squadra forte fisicamente, tecnicamente e mentalmente, anche senza CR7, anzi con l'espulsione di CR7. Ha mandato all'inferno la...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

L’Inter ha il cuore, ma la testa? Ecco l’errore più grosso che sembra non vedere. Le ragioni per cui la Juventus è la favorita per la Champions. Il Napoli può aver già compromesso la qualificazione. Mentre per la Roma a Madrid è facile 19.09 - Forse il Tottenham aveva creduto di vincerla. E forse poteva anche avere ragione. Ma aveva sottovalutato un aspetto: mai dare per finito chi ha mangiato merda per 7 anni, ed adesso è disperato per uscire dalla sua condizione. Eppure, a prescindente dalla folle rimonta, l’Inter...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve e Douglas: il suo errore e quello "degli altri". Inter: ecco chi ha fretta di seppellire i nerazzurri. Milan: la ricetta di Gattuso (in barba alle "ombre"). Ridateci il Var, per carità. E su Barella... 18.09 - L’ombra di Conte. L’ombra di Conte è devastante. È su tutti. Su Spalletti. Su Gattuso. Su Di Francesco. Ma anche su di te. Al lavoro sei stato rimbrottato? C’è l’ombra di Conte. La tua ragazza ultimamente ti tratta male? Pensaci, potrebbe essere l’ombra di Conte. Sei pallido? Per...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Si scrive Inter, si legge crisi. Ronaldo e il gol: adesso via ai titoloni. Allarme Roma mentre Gattuso deve prendere una decisione 17.09 - Parlare di crisi dopo 4 giornate è prematuro. Non si possono lanciare allarmi e non si possono fare funerali ad uno che ha solo il raffreddore. Se è vero che abbiamo forzato un pò la mano per il titolo è altrettanto vero che l'Inter non ha solo il raffreddore ma la diagnosi è piuttosto...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Il Var così è inutile, parte seconda. Ci hanno rotto il calcio: è tutto più che ridicolo. E il campionato sembra già finito 16.09 - In due settimane di pausa si sono sviluppati tre macrotemi: la Nazionale, il campionato dei tribunali e quello che sembra già finito, cioè la A, perché provate a pensare quando si sbloccherà Cristiano Ronaldo. Ieri si è aggiunto in maniera prepotente, ma in realtà è così dalla prima...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy