HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Inter, Sanchez ko: fiducia a Esposito o ritorno sul mercato?
  Avanti con Politano, Lukaku e Lautaro Martinez: sono più che sufficienti alle esigenze di Conte
  Occhi sul mercato, sia quello degli svincolati che invernale
  Fiducia al giovane Esposito: sarà lui a completare la batteria di attaccanti nerazzurri

La Giovane Italia
Editoriale

Inter: dopo Lazaro, pronto Lukaku. Milan scambio in vista con il PSG, Juve e DeLigt sempre avanti, Napoli arriva Manolas. Le grandi si muovono, il mercato impazza

27.06.2019 17:30 di Luca Marchetti   articolo letto 89116 volte
© foto di Federico De Luca

In ordine di tempo è Milan a “muoversi” per ultima. Ma questo non significa che sia in ritardo. Si sta muovendo,per cercare di colmare i propri gap, in mezzo a conti da far tornare e opportunità da poter cogliere. Posto che per Theo Hernandes (di proprietà del Real) si fa sul serio, soprattutto dpo l’incontro con Paolo Maldini a Ibiza, il lavoro più grande nei prossimi giorni sarà con l’ex responsabile dell’area tecnica Leonardo. In vista infatti c’è un ritorno di fiamma molto prepontente del Psg per Donnarumma. La valutazione del portiere della Nazionale è almeno 50 milioni di euro, Leo lo conosce molto bene e forse questo migliora anche la trattativa. Si sta ragionando però su uno scambio: Areola a Milano (con almeno 30 milioni di euro in più) e Donnarumma a Parigi. Questa la prima base parigina. Quei 30 milioni che magari possono proprio servire per Torreira. L’offerta ancora non è partita, lo farà nei prossimi giorni (strutturata peraltro con un prestito e obbligo di riscatto per un totale di 35): ma questo non significa che si chiuderà, anzi, visto che l’Arsenal non sembra intenzionato a privarsene.
Discorso diverso invece per un’altra inglese in casa Inter. Nelle prossime ore presenterà la prima offerta ufficiale al Manchester United da 70 milioni di euro tra prestito (che potrebbe essere biennale) e obbligo di riscatto. Qui però i segnali che arrivano dall’Inghilterra sono diversi perché pare ci sia una prima vera apertura dei Red Devils a queste condizioni. La trattativa dunque entrerà presto nel vivo, magari all’inizio della prossima settimana. Nel frattempo l’Inter definisce l’arrivo di Valentino Lazaro: accordo trovato con l’Herta Berlino per 22 milioni più bonus. Nel pomeriggio c’è stato un nuovo incontro con Federico Pastorello, intermediario dell’operazione, e si è trovata l’intesa. Sebbene non siano state ancora fissate le visite mediche (devono ancora essere sistemati alcuni dettagli) l’operazione non è a rischio. Conte avrà il suo esterno destro. In uscita si comincia a muovere qualcosa per Dalbert: il Lione ha offerto 18 milioni di euro, l’Inter ne vuole almeno 2 in più... insomma non c’è molta distanza. Nel frattempo si sta sbloccando anche la trattativa con lo Standard Liegi per Vanheusden: domani potrebbe arrivare l’ok definitivo per 12/13 milioni (magari con opzione per riacquisto dell’Inter). La necessità di fare 46 milioni totali di plusvalenze entro sabato sta portando l’Inter a valutare anche altre possibili cessioni. Oggi nuovo incontro col Genoa, che punta Andrea Pinamonti per un’operazione a titolo definitivo. Operazione sulla quale l’Inter sta riflettendo molto: inserendo la recompra non varrebbe (subito) come plusvalenza, ma non vorrebbe neanche perdere il “controllo” sul ragazzo (che comunque sarebbe stato mandato in prestito a giocare). Insomma c’è da ragionare.
Nel frattempo sempre nel pomeriggio era arrivato in sede l’agente di Borja Valero, altro possibile partente. In realta per il momento non sembra muoversi, nonostante il prossimo arrivo di Sensi (che si dovrebbe chiudere nelle prossime ore con Gravillon nella trattativa). Slitta invece l’operazione Dzeko perché bisogna riflettere sulle contropartite.
La Juventus nel frattempo ha praticamente raggiunto un accordo con De Ligt a 12 milioni di euro (bonus compresi) per 5 anni, con clausola rescissoria che dovrebbe essere da 150 milioni a salire al termine di ogni stagione. È proprio questo particolare che sta facendo la differenza nel la “sfida” di mercato con il PSG (le clausole sono vietate in Ligue1) e i tempi stretti hanno favorito la Juve. Da adesso in poi, con l’asse giocatore Juve, inizia la trattativa con l’Ajax (avvisato della novità) che può essere lunga e con insidie visto che gli olandesi partono da una richiesta di 75 milioni, la cifra che garantiva il Psg.
Nel frattempo la Juventus si è incontrata anche con la Roma per provare a fare delle operazioni, senz riuscirci. La più gustosa sarebbe stata Zaniolo-Higuain, ma l’argentino non avendo dato l’ok al trasferimento neanche è iniziata. Poi si è provato a capire Luca Pellegrini in scambio o con Spinazzola o con Perin, ma anche in questo caso nessun accordo. Le parti si sono lasciate con la possibilità di fare operazioni a livello giovanile, interessanti sia dal punto di vista tecnico che economico. Capitolo Raniot: la Juve mantiene un atteggiamento prudente, il giocatore avrebbe preso la decisione di diventare un nuovo giocatore bianconero ma ha già fatto sapere che prima del 1 luglio non firmerà il contratto: i bianconeri attendono.
A Napoli forse non dovranno aspettare tanto per abbracciare Kostas Manolas. Il Napoli infatti pagherà i 36 milioni della clausola rescissoria. 34 andranno alla ROMA (che realizza una plusvalenza da 30 milioni) due al giocatore. Per Manolas contratto da 4,5 milioni a stagione. Nella stessa operazione Diawara andrà invece alla Roma: valutazione finale sui 18 milioni più 2 bonus, quindi 20 se raggiungerà determinati obiettivi. Diawara è conosciuto benissimo da Fonseca, che lo ha visto da vicino nelle sfide tra Napoli e Shakthar in Champions League lo scorso anno. Nel frattepmo accordo raggiunto anche con Fabian Ruiz per il rinnovo fino al 2024, con aumento di ingaggio importante e l’eliminazione della clausola rescissoria presente nel contratto, che poteva essere attaccabile da club come il Real che lo stava già cercando. La firma arriverà a fine Europeo Under 21.
A Roma si continua a lavorare sulle uscite: il Marsiglia ha chiesto Schick, ma la società al momento non è convinta di cederlo, anche perché continua la trattativa fra l’entourage di El Shaarawy e lo Shanghai Shenhua. Se arriveranno le garanzie economiche per il giocatore, allora partirà la trattativa anche con la Roma.
La Lazio invece è sempre più vicina a Manuel Lazzari: appuntamento nel fine settimana per trovare l’accordo con la Spal. Nell’operazione potrebbe rientrare anche Murgia. Nel frattempo la Spal ha già trovato il sostituto: è D’Alessandro (lo voleva anche il Verona) che arriverà nei prossimi giorni, ideale sostituto per rimpiazzare un titolare come Lazzari.
Il Bologna ha chiuso Denswil dal Bruges, difensore, per 6,3 milioni e ha raggiunto anche l’accordo con il Sint Truden per Tomiyasu (7 milioni). Bigon, Di Vaio e Sabatini hanno sistemato la difesa (visto che arriverà anche Bani). Nel frattempo Avenatti è stato ceduto allo Standard Liegi (4 milioni più bonus). Il Genoa ha provato a prendere Gerson dalla Roma, ma la trattativa ha subito una frenata, passi in avanti invece per lo scambio con il Sassuolo (Cassata Russo) e in chiusura anche l’affare Barreca (prestito con diritto di riscatto). Al Sassuolo piace Okereke dello Spezia


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Matic, l’Inter alza il pressing.  Rakitic, Milinkovic e Tonali gli altri obiettivi. Leonardo vuole Paquetà. Mandzukic sempre più United, vicini i rinnovi di Cuadrado, Matuidi e Szczesny 19.10 - Matic è l’ipotesi più concreta per l’Inter in vista di gennaio. La società nerazzurra non ha ancora programmato in maniera definitiva le sue mosse, ma se ci dovessero essere i presupposti per un centrocampista in grado di alzare ulteriormente il livello qualitativo del reparto si...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Napoli, salta tutto. Adl attacca Insigne, Mertens e Callejon. E mette in vendita Koulibaly. Milan in rosso, giallo Donnarumma. Elliott aspetta lo stadio per vendere e rientrare. Inter, Conte vuole un centrocampista. Ibra, un segnale 18.10 - Ci sono giorni in cui ti prende così e ieri è stato uno di quei giorni in cui Adl, Aurelio De Laurentiis rigorosamente con due i per l’anagrafe, prende cappello e sbotta contro tutto e tutti. Non è la prima volta e non sarà l’ultima, il carattere non lo cambi a settant’anni, la diplomazia...

Editoriale DI: Luca Marchetti

I pensieri in casa Napoli, Milan più rosso che nero, l’Inter stringe i denti (fino a gennaio) 17.10 - A Napoli il processo di crescita continua, ma come in tutte le cose ci sono dei passaggi obbligati e dei nodi da sciogliere. Fra questi sicuramente il rapporto fra Insigne e Ancelotti, che deve essere chiarito fino in fondo, dopo le ultime decisioni dell’allenatore (la tribuna in...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Ecco i 23 convocati per Euro2020. In 16 sono già sicuri: Bernardeschi e Zaniolo devono migliorare, ma il nome a rischio più clamoroso è Romagnoli. Balotelli? No, a meno che... 16.10 - “Se erano qua è perché crediamo in questi giocatori, ma è anche vero che a giugno purtroppo qualcuno bravo dovrà rimanere a casa”. La frase di Roberto Mancini su Di Lorenzo e Cristante, in coda al record di 9 vittorie consecutive raggiunto contro il Liechtenstein, è più importante...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: la verità (sensata) di De Ligt. Inter: gli infortuni, il comandamento di Conte” e le panzane sul “vice Lukaku”. Milan: la logica sulla scelta di Pioli e le mezze verità di Silvio. Italia: è tutto bello, ma non esageriamo 15.10 - Ciao. Il dramma della pausa per la nazionale è che porta con sé molti effetti collaterali a contorno. Il primo è che tutti quelli che parlano di calcio si ritrovano spaesati, non sanno che dire, e allora pur di non ritrovarsi senza opinioni esprimono il loro giudizio su altri argomenti:...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan e Samp, servono i cambi di mentalità. Napoli, per Ancelotti l'anno della verità. Petrachi, se pensi una cosa non ritrattare... 14.10 - Ringraziamo Milan e Sampdoria che ci hanno consentito di lavorare in una settimana, quelle delle Nazionali, che è una autentica mazzata per giornalisti e tifosi. Queste continue soste spezzano e, consentitemi, falsano il campionato. Troppe pause, troppe volte i calciatori devono andare...

Editoriale DI: Andrea Losapio

Bentornata Italia. Inter, perché Lazaro? Milan e Sampdoria, scelte diverse ma uguali: uno paga 150 milioni di euro, altri sbandierano trattative per la cessione, autodestabilizzandosi. De Laurentis e Icardi, l'ammissione di non voler spendere 13.10 - La settima vittoria consecutiva manda Roberto Mancini e la sua Italia agli Europei. Ora c'è il Liechtenstein e il record di Vittorio Pozzo a una sola lunghezza, probabilmente verrà pareggiata proprio nella prossima. Facendo l'avvocato del Diavolo, però, c'è da sottolineare come -...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Milan, Pioli merita fiducia. Primo passo: recuperare Piatek e lanciare Rebic. Inter per giugno obiettivi Tonali e Van de Beek. Napoli, Hysaj verso la Roma. Genoa, tieniti stretto Andreazzoli. Samp, Ranieri non basta 12.10 - Pioli merita fiducia. Non credo sia giusto giudicare a priori chi ancora non ha cominciato a lavorare. Il Milan ha una storia gloriosa e un passato fantastico ma se da 7 anni non riesce ad alzare la testa a certi livelli ci sarà pure un perché. La ripartenza è sempre stata difficile...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Milan, tutta colpa di Elliott. Il fondo deve vendere subito se vuole il bene del Club e non solo dei suoi conti. Boban e Maldini, che delusione. Inter tra Rakitic e Matic per gennaio. La Juve vuole Emerson Palmieri. Ranieri-Samp, ci siamo 11.10 - Con il Milan in pieno caos, dalla Cina arriva la notizia di un’inchiesta su mister Yonghong Li. I cinesi, a quanto pare, vogliono sapere come e dove il presunto magnate con gli occhi a mandorla, abbia fatto i soldi per comprare il Milan. Di riffe e di raffa circa un miliardo di euro....

Editoriale DI: Luca Marchetti

Il Milan e i cambiamenti: un’altra ripartenza. La Samp e una scelta complicata 10.10 - Si è presentato Pioli, ma soprattutto hanno parlato nuovamente Gazidis, Maldini e Boban, nella conferenza stampa del loro nuovo allenatore. Le speranze di Pioli, i suoi buoni propositi, il suo modo di porsi e le idee che intende portare fanno sicuramente parte del suo mondo, del...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510