VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi è stato il calciatore rivelazione della stagione di Serie A?
  Andrea Conti
  Mattia Caldara
  Federico Chiesa
  Piotr Zielinski
  Gianluigi Donnarumma
  Franck Kessie
  Sergej Milinkovic-Savic
  Roberto Gagliardini
  Emerson Palmieri
  Roberto Inglese
  Diego Falcinelli
  Giovanni Simeone
  Gerard Deulofeu
  Patrik Schick
  Lucas Torreira
  Lorenzo Pellegrini
  Jakub Jankto
  Amadou Diawara

TMW Mob
Editoriale

Inter, è il partito di Simeone che vuol cacciare De Boer. Serve una società più forte. Napoli, i perché della crisi. De Laurentiis non ha mai amato Sarri: la lite continua. Serve Klose. Juve, Herrera e Cazorla. Poco gioco, Allegri lo ammette...

21.10.2016 00.00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 27915 volte
Inter, è il partito di Simeone che vuol cacciare De Boer. Serve una società più forte. Napoli, i perché della crisi. De Laurentiis non ha mai amato Sarri: la lite continua. Serve Klose. Juve, Herrera e Cazorla. Poco gioco, Allegri lo ammette...

La vittoria in Europa League sul Southampton serve solo a far stare zitti per qualche giorno "quelli che mandiamo via De Boer". L'Inter ha giocato male anche vincendo, paradossalmente ha fatto meglio in alcune partite perse, ma non è questo il problema.

Ai soloni del nulla vorrei fare una domanda: ma si può mettere in discussione un allenatore arrivato il dieci agosto, senza conoscere il campionato italiano e la nostra lingua?

La logica dice no, ma da qualche tempo la Milano calcistica invece di ragionare, parteggia. Fra i milanisti ci sono le vedove di Galliani e i Galliani boys che aspettano solo il fallimento della cordata cinese per sperare che il loro Ad luminoso (ogni riferimento alla pelata è puramente casuale, caso mai siamo colleghi) possa in qualche modo restare.

Una cosa simile sta accadendo alla Milano nerazzurra. C'è il partito degli anti-De Boer a prescindere, e il partito di quelli che, pilotati dal folto gruppo degli argentini vice presidente compreso, stanno tifando per Diego Pablo Simeone. Nostalgia pura. Interessi, amicizie e potere. Simeone di sicuro è un ottimo allenatore, all'Atletico ha fatto benissimo, ma vi piace davvero così tanto il calcio giocato dagli spagnoli? Ma l'Inter, con Moratti in testa, non è sempre stata la squadra del bel gioco e dello spettacolo?

Comunque la situazione è pirandelliana. De Boer andrebbe protetto di più e lasciato lavorare. Qualcuno dovrebbe spiegare ai cinesi che prima di comprare altri giocatori e cambiare allenatori, dovrebbero preoccuparsi di organizzare la società, di farla diventare fortissima negli uomini e nell'organizzazione. Il povero, bravissimo, Ausilio è un altro uomo solo. L'affare Icardi è la prova provata di un dilettantismo che resiste e persiste. Ma come fa un vicepresidente come Zanetti a dare in pasto agli ultrà (e dico ultrà) un giocatore, il capitano, pochi minuti prima di una partita? Icardi ha sbagliato, ma non è il solo. E poi, tornando al discorso, cacciare De Boer oggi vorrebbe dire buttare via un'altra stagione. Con questa squadra e questa situazione forse non riuscirebbe a far meglio neppure Ancelotti (ad esempio), l'allenatore più bravo in circolazione. Almeno per me.

L'allenatore sta diventando un caso anche a Napoli, ma qui ci pensa direttamente il presidente De Laurentiis. L'altra sera negli spogliatoi ha fatto il Vesuvio, nel senso di vulcano. Agli amici ha detto di tutto e di più sugli errori e sui limiti del suo allenatore che di sicuro qualcosa sta sbagliando, ma spesso ha fatto vedere il miglior calcio giocato in Italia. La verità è che De Laurentiis non ha mai amato Sarri. L'anno scorso dopo averlo preso fra mille dubbi e avergli dato solo 700 mila euro (lo valutava poco), in quell'inizio stentato del settembre del 2015, dopo la terza partita, pensava già all'esonero e anche in quel caso lo confidò ad amici. Poi c'è stata la tiritera del contratto, l'ha fatto firmare solo nel giorno stesso dell'ultimatum, quando ha capito che Sarri era davvero pronto a dire ciao.

De Laurentiis è fatto così, fa cose buone, ma con il suo modo estemporaneo destabilizza l'ambiente e la squadra. Con l'allenatore le strade sono solo due: o lo cacci o lo proteggi sempre. Se hai qualcosa da dirgli lo devi fare in gran segreto. Dunque, tempi duri per il Napoli anche oltre le tre sconfitte. Quando servirebbero calma e riflessione, arrivano il furore e l'istintività del presidente. Il problema è che lui colpe non ne vuole, lui è perfetto. La cessione di Higuain, ad esempio, favorita e benedetta da Adl, è colpa della Juve e del giocatore che ha tradito. Ma quando mai. Vi abbiamo detto in anteprima, molti mesi fa, che Adl sapeva già ad inizio primavera delle intenzioni del giocatore. E la clausola l'ha messa Adl. Ora di sicuro Sarri sta sbagliando qualcosa, è testardo con Gabbiadini, con il modulo, con i nuovi, è poco duttile e coriaceo, ma è sempre stato così: ha idee forti e ci crede. Le fiammate di collera di Adl servono solo a buttare all'aria le tante cose buone fatte fino ad oggi.

Detto fra noi, se davvero Adl vuole prendersi dei meriti ulteriori, offra un contratto a Klose. Se è in condizione, i gol li sa ancora fare, messo nei meccanismi del Napoli, preso a giuste dosi, può dare un contributo pratico e carismatico.

Parlando di Napoli e di Higuain, pensare alla Juve è automatico. Non voglio riaprire la questione del gioco che l'anno scorso mi ha contrapposto con una parte della tifoseria bianconera, tanto sapete come la penso. A qualcuno piace solo vincere, bontà sua. Questa volta però a parlare di brutto gioco, ci ha pensato direttamente Allegri. L'allenatore ha ragione, giocando così per la Juve non sarà sempre facile vincere, non ci saranno ogni volta i Buffon e Cuadrado a risolvere. In Europa serve una mentalità diversa e spero che l'allenatore lo dica, ma ci creda pure. Siamo solo all'inizio della stagione, la condizione non è ottimale, ma con il rientro degli infortunati è logico aspettarsi più velocità e più personalità altrimenti addio sogni di Champions.

Nel frattempo quelli che scoprono l'acqua calda spacciandola per fredda, hanno ritirato fuori la storia della Juve di Sousa, scritta più volte nei tempi giusti. L'anno scorso Allegri ha faticato a rinnovare il contratto (l'ha firmato solo il cinque maggio), aveva avuto contatti inglesi e non solo. La Juve lo sapeva e per cautelarsi contattò Paulo Sousa, ma tutto è successo in primavera ed è rimasto lì. Ora la Fiorentina va maluccio, ma non perché Sousa pensa alla Juve come Montella pensava al Milan, questo deve essere chiaro. Le cause sono altre.

Nel frattempo la Juve, società che programma, aspettando lo Zenit per Witsel, continua a seguire centrocampisti. Per gennaio nel mirino c'è sempre Herrera del Porto che ha solo un problema: non potrebbe giocare in Champions. Marotta sta lavorando anche su Santi Cazorla, 32 anni, che non rinnoverà con l'Arsenal. La Juve è in pole, dall'Inghilterra arrivano conferme, all'orizzonte c'è un altro colpo alla Evra o alla Dani Alves.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve, Mancini in corsa per il dopo Allegri. Ma piacciono anche Sousa e Spalletti. Via libera a Bonucci. Inter, Sabatini prepara la sorpresa in panchina. Milan, Morata vuole il Real. Bernardeschi in vendita per 60 mln 26.05 - Resta o non resta? Il futuro di Allegri è il grande rebus di questo finale di stagione. La sensazione, più che diffusa, è una e una sola: se ne andrà. E questo la Juve l’ha ampiamente capito. Le motivazioni sono abbastanza semplici, normali e condivisibili, dopo tre scudetti e tre...
Telegram

EditorialeDI: Luca Marchetti

La rincorsa di Inter e Milan: panchina e campo. La Roma irrompe su Schick. Juve in sordina 25.05 - Vi avevamo avvertito: sarebbe bastato che il campionato desse i suoi verdetti (anche non tutti) e poi sarebbe partito il mercato. Quella che sembra occuparsene di meno (sembra) è la Juventus, concentrata sull'Europa della Champions. Ma non credeteci troppo: chiedete a Keita e Schick...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Totti Day, niente scherzi! Donnarumma, tanta paura… Inter? 11 con le valigie, con possibile scambio con la Juve… 24.05 - Domenica 28 maggio, ore 18.00, Stadio Olimpico in Roma. Ultima giornata di Serie A con i giallorossi vogliosi di blindare il secondo posto. Ci dispiace, non è questo il “titolo ad effetto” che ci interessa… Domenica 28 maggio andrà in scena il Totti Day, non c’è altro che abbia senso…...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Il futuro di Allegri e della Juve, al di là di Cardiff. Inter, Spalletti ma non solo (e su Gabigol…). Milan: i legittimi festeggiamenti e il "benefattore" dietro Li. Napoli: il piano di Sarri per fare ancora meglio 23.05 - Succedono un sacco di cose. Una è che settimana scorsa mentre scrivevo codesta articolessa sul cellulare ho preso una capocciata devastante contro un palo della luce. Ve lo giuro. Sono un cretino. Mi sono fatto talmente male che ho deciso di prendermi una settimana di pausa: per la...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Capolavoro Juve: Agnelli vince tutto ma la famiglia lo ostacola. Inter, Sabatini ha "scelto" Spalletti. Roma, blitz decisivo per Di Francesco. Sassuolo e Bari, in due per Bucchi 22.05 - Fanno più effetto le immagini del "trionfo" del Milan che quelle dei festeggiamenti della Juventus. La fotografia di San Siro che lancia in aria Montella e del giro di campo della squadra che festeggia un preliminare di Europa League è il riassunto di quanto abbia lavorato male in...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Sabatini non basta a Suning: c'è un altro super consulente. Spalletti, le avances all'Inter ti stanno screditando: perché non restare a Roma? Bravo Napoli, strappo alla regola necessario per il grande obiettivo 21.05 - E' stata la settimana dei verdetti: Chelsea campione d'Inghilterra, Monaco campione di Francia, Feyenoord campione d'Olanda. E così via, col Real che può aggiungersi alla lista già questa sera: basterà un pareggio sul campo del Malaga. In Italia la Juventus ha alzato la Coppa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Giù le mani da Kessie! Milan-Atene e Juve-Cardiff. Inter: la guerra di Piero 20.05 - Ma Kessie inventeranno, se davvero il centrocampista dell'Atalanta verrà ufficializzato come nuovo giocatore del Milan? Fino a metà stagione, era il simbolo della freschezza e dell'energia dell'Atalanta, era il vero crack del centrocampo bergamasco anche più di Gagliardini, era il...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Milan, ecco i piani di Fassone e dei cinesi. Subito grandi, non solo Musacchio, Kessie e Rodriguez. Kalinic si può. Inter, Sabatini-Ausilio decidono su Spalletti 19.05 - Chissà dove saranno adesso quelli che vagavano per la Cina suonando ai campanelli con scritto mister Li per poi annunciare in Italia: non risponde nessuno, non esiste. Pensando che la Cina sia come Abbiategrasso. Chissà dove saranno le vedove di Galliani, delle cravatte gialle...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il primo passo della Juve parte 10 anni fa. Le ricostruzioni milanesi: fra Kessié e Pochettino. E i 7 gioielli del mercato italiano... 18.05 - Un passo, il primo. Quello che ti consente ancora di sperare nel triplete. Perché se la vittoria del campionato è stata rimandata dalla sconfitta di Roma (ma le prossime partite della Juventus destano meno preoccupazioni), aver alzato la coppa Italia consente alla Juventus di poter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Sarri vuole più soldi? Inter in ascolto… Donnarumma-Milan, pericolo! Roma-Genoa, incubi per Spalletti 17.05 - Tra poche ore sapremo se la Juventus alzerà al cielo il primo trofeo della stagione (Coppa Italia) o se, come qualcuno ha ripetuto, all’infinito, in questi giorni, “la sconfitta con la Roma ha minato le certezze dei bianconeri”. Un occhio alla Juve, l’altro alla Lazio, una delle realtà...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.