VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
Editoriale

Inter e Juve: tutti sicuri di avere Cerci. Kakà-Adel-El Shaa: partita a scacchi. Samp-Inter: Kovacic, l'idolo di Sinisa. Napoli, tutti vicini a Jolanda De Rienzo. Destro-Roma: in quella manata la foga di tutta la stagione

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
12.04.2014 00:00 di Mauro Suma   articolo letto 36593 volte

Alessio Cerci, il giocatore di tutti. Adesso è del Toro e dall'ambiente granata sale fiero l'urlo di battaglia: no, alla Juve no, questa volta non lo diamo. Interroghi l'ambiente juventino e affiora tutt'altra sicurezza. E cioè è presto detto, Cerci viene da noi nell'ambito degli accordi su Ciro Immobile. Si tratta di buoni rapporti collaudati nell'operazione Ogbonna. Siccome in questo caso due più due non fa quattro, continui il giro d'orizzonte e scopri che Cerci, proprio lui, lo stesso giocatore che non va alla Juve anzi sì viene da noi..., è già dell'Inter. Si è già nostro, filtra dagli ambienti interisti, si tratta di accordi già definiti quando è arrivato D'Ambrosio. Peggio del cubo di Rubik. Un fatto è certo: Cerci piace parecchio e difficilmente resta al Toro. Ma se c'è qualche altro che è certo che Alessio vada nella sua squadra, faccia pure un passo avanti. C'è posto.

Il riscatto di Rami e Taarabt è sempre d'attualità per i media che seguono il Milan. Adriano Galliani, attento ai prezzi e agli equilibri, non ne parla. Gli interessati hanno invece affrontato l'argomento. Attenzione, con accenti diversi. Rami: non mi interessa di niente e di nessuno, io resto al Milan. Taarabt: vediamo, parleremo, io voglio dare il massimo. I tifosi rossoneri fanno gli scongiuri. A sua volta non parla del futuro un certo Ricky Kakà. Ma l'amore per il Milan, il miglioramento della squadra e dell'atmosfera societaria fanno vedere sempre più rossonero il 2015 al Bambino d'oro. E poi c'è El Shaarawy, il più giovane rispetto a Taarabt e Kakà e il più strutturato contrattualmente: non è in prestito e non ha l'accordo in scadenza né oggi né fra un anno. Quindi, niente Napoli e niente Torino. Faraone tutto rossonero. Se il Milan resta in Europa c'è posto per tutti e tre, se il Milan non dovesse farcela, potrebbe iniziare una sottile, delicata, partita a scacchi. In ogni caso Taarabt gioca sempre. Proprio lui ha spiegato, dicendo la verità, i motivi per cui Mister Seedorf non lo ha schierato contro Parma e Lazio. Niente di contrattuale, nessuna clausola, nessun tetto di partite, niente obblighi rossoneri a seconda di un certo numero di partite giocate. Come volevasi dimostrare.

Se prima di Sampdoria-Inter, chiedessero a Sinisa Mihajlovic qualche giocatore vorrebbe nella sua squadra, le puntate sulla sua risposta avrebbero quota zero. Uno e solo uno: Kovacic. Per Sinisa, Kovacic non deve giocare davanti alla difesa, ma come regista/trequartista offensivo. Eppure il suo attuale allenatore, Walter Mazzarri, lo ha sgridato pubblicamente dopo una partita in cui lo ha schierato davanti alla difesa, niente meno che Juventus-Inter. Il giovane talento nerazzurro viene schierato un po' all'incontrario: in panchina nelle gare in cui l'Inter deve fare la partita e al centro del gioco ma in posizione arretrata quando l'Inter deve costruire una partita accorta. Kovacic per Mazzarri rischia di essere quello che è stato Henry per Ancelotti...

Può capitare all'ospite di una trasmissione televisiva di non essere d'accordo con il conduttore, o al conduttore stesso di non esserlo con un proprio collaboratore o un proprio ospite. Ma per amore del proprio lavoro e per il bene della trasmissione, si accetta e si affronta tutto. Anzi, si discute fino in fondo e si rende la vicenda accessibile a tutti, senza lasciare nulla di inespresso. Il conduttore della trasmissione tv napoletana in cui Jolanda De Rienzo è stata zittita ed esposta al pubblico giudizio per il rapporto che ha diritto di avere nella propria vita privata, non ha reso un buon servizio alla televisione stessa. Si è arroccato, ha messo alla porta i telespettatori, non tanto e non solo la collega. Il telespettatore aveva il diritto di sapere, sui punti, sui contenuti, se Jolanda la pensava in un modo oppure in un altro perché emotivamente coinvolta cosa della quale è stata accusata. Intanto la fermezza con cui ha sostenuto il contradditorio, ha mostrato chiaramente che di emotivo nel suo stato d'animo non c'era proprio nulla. Invece, spalleggiato inizialmente sul tema da Luciano Moggi, il conduttore della trasmissione ha deciso per la collega e le ha ordinato di lasciare lo studio. E' parso, dagli stralci dei filmati sulla rete, che anche il pubblico non fosse d'accordo con la "cacciata". Insomma, è curioso scoprire cammin facendo che Jolanda è coinvolta nelle vicende del Napoli: peraltro Frustalupi, assistente di Mazzarri all'Inter, è un professionista misurato e ponderato, lontanissimo dalle luci della ribalta, e oggi lavora con serietà per un altro Club senza aver mai fatto nessun tipo di polemica su qualsiasi fronte. Lo si sarebbe dovuto stabilire all'inizio del ciclo di trasmissioni, il coinvolgimento emotivo. Se la De Rienzo è stata invece ritenuta professionalmente in grado di partecipare al programma, deve poter dire la sua, non può rimanere vittima di un silenzio finto e prefabbricato. Non è televisione, non è vita. Piuttosto, in maniera ancor più trasparente, si segnala al pubblico il suo legame sentimentale e poi si ascolta la sua opinione. Tocca al pubblico stabilire se il suo giudizio è viziato o meno da aspetti emotivi, a nessun altro.

Mattia Destro va capito. Ha stretto i denti per tanti mesi. Ha temuto che il suo infortunio non finisse mai. Ha sofferto e palpitato per il Mondiale, temendo di perderlo. E sul più bello si è ritrovato bello, forte, lanciato, prolifico. Non ha retto del tutto, probabilmente, al cambio del colore della sua stagione e ha vissuto con foga, quasi bulimica, un normale contrasto di gioco fino a dare una manata non vista dall'arbitro. Mattia lo ammetta e eviti che il confronto juventini-romanisti sfoci nella solita guerra civile a sfondo calcistico del bel Paese. La partita in cui l'arbitro non ha visto il suo colpo ad Astori, altro ragazzo serio come Destro, era Cagliari-Roma. La Juventus non giocava. Con tutta la stima che si deve a Garcia, alla Roma e a tutto il popolo giallorosso per la splendida stagione, prima finisce questa diaspora e meglio è per il Campionato. E per il nostro calcio.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
La Champions non ci tira su, Malagò a piedi uniti e i giovani veramente giocano? 23.11 - Se il campionato ci aveva ritirato su il morale, riconsegnandoci la voglia di calcio, la Champions un po' ce ne toglie. Insigne, è vero, ci ha fatto vedere che sta arrivando a dei livelli internazionali (e questo fa aumentare il rammarico) Juve e Roma invece non riescono a utilizzare...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Rivoluzione? Invoco il Commissario… Juve, c’è un problema! Roma? Ha ragione Falcao… 22.11 - Sto ancora elaborando il lutto (l’esclusione dal Mondiale) ma mi sta anche salendo quella sana rabbia di chi pretende un cambiamento, non di facciata ma reale!!! Il popolo ha avuto il sangue che bramava: le teste di Ventura e Tavecchio sono rotolate sul selciato… Purtroppo, il resto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: attenti a quelli della “crisi” (e ai nemici in casa). Inter: Icardi e gli strani pensieri. Milan: il dubbio Montella e “la bella reazione”. Riflessione semiseria sul calcio italiano 21.11 - “Gli aspetti formali, tendenti alla verifica dello status quo, ci portano a considerare i rappresentanti delle Leghe, per quanto la situazione sia decisamente inaccettabile. E sì: bisogna riformare il calcio guardando al tutto!”. (Quelli che comandano, che hanno il culo sulla poltrona,...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tavecchio a casa, forse. Ventura fuori Paese ma attenzione ai successori. Gravina? C... Piace! Allegri, sveglia questa Juve. Palermo? Ve lo avevamo scritto un anno fa... 20.11 - E' successo l'impensabile e, allora, è giusto che si volti pagina perché il calcio è un'azienda e bisogna rispettare la meritocrazia. Prandelli e Abete salvarono la faccia e la dignità, qui non c'è stata né la faccia né la dignità. Un Mondiale si può sbagliare ma addirittura non salire...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il disastro economico-sportivo di Tavecchio e Ventura: gli effetti sulle tasche degli italiani e pure sul mercato. Ancelotti, gli specchietti per le allodole e il nome che serve. Allenatori e giocatori: la ricetta per cambiare davvero 19.11 - Carlo Tavecchio che scarica il barile, le colpe e versa pure lacrime rabbiose e di frustrazione no. Carlo Tavecchio ancora in sella, neppure. Invece son due fotografie che questi giorni regalano, istantanee e video che arrivano e che resteranno a lungo in un calcio italiano destinato...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, crocevia Usa. La Nazionale riparte dal Milan. Perisic e i giocatori che vanno attesi 18.11 - Se il New York Times arriva ad occuparsi del Milan, vuol dire che il Milan fa gola. Stupiscono, ma forse fino ad un certo punto, i tempi scelti per lanciare la bomba mediatica, da un autorevole quotidiano che comunque negli ultimi due anni non era mai entrato nelle vicende del closing...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Collina l’uomo nuovo per la Federcalcio. Ancelotti, no alla Nazionale. Non farà la foglia di fico di Tavecchio che deve solo andar via. La colpa è sua: non ha capito la guerra fra Ventura e i giocatori. Tutti i retroscena. L’ex Ct via dall’It 17.11 - C’è solo un uomo in grado di cambiare il calcio in Italia e di rilanciarlo verso il futuro con interventi radicali e riforme illuminate e quell’uomo si chiama Pierluigi Collina. L’attuale capo degli arbitri della Fifa è l’unica personalità di livello mondiale spendibile dal paese...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non è una questione di nomi, ma di programmi. E stavolta sul serio... 16.11 - Lunedì. Lunedì sarà il giorno in cui ci saranno le risposte. Le proposte che Tavecchio (che non si è dimesso) presenterà il nuovo programma da cui ripartire. Uomini e idee. E' lì che si giocherà la vera partita, è lì che misureremo la voglia di cambiamento del movimento calcio italiano. Delle...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Nazionale interessa davvero? Allora nuova “regola”: cinque italiani in campo (minimo) in ogni club!!! 15.11 - La delusione è ancora forte, quasi insostenibile. Come era prevedibile, tutti si sono inorriditi per quanto successo. L’Italia fuori dal Mondiale, una catastrofe, un’apocalisse, la morte del calcio italiano. Tanti presidenti di club si sono espositi in prima persona… Tutti avviliti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Qui muore il calcio italiano 14.11 - Qui muore il calcio italiano, condannato dall'improvvisazione, le cattive abitudini, il malcostume di chi pensa che ce la farà per qualche bislacco diritto divino. Qui muore il calcio italiano. E ci fa male, malissimo, ma guardiamoci in faccia: è dannatamente giusto così. Qui...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.