HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Lotta per l'Europa: Inter e Milan andranno in Champions?
  Sì, arriveranno entrambe in Champions League
  Solo l'Inter riuscirà nell'obiettivo
  Niente Inter: sarà solo il Milan a raggiungerla
  Nessuna delle due riuscirà ad andarci

La Giovane Italia
Editoriale

Inter e Milan, un Derby per Conte. Spalletti è già un ex. Neppure la Champions salverà Gattuso. Marotta pensa anche a Mourinho. Leonardo tra Wenger e Sarri. Montella-Fiorentina, a volte ritornano. Roma, Ranieri è un flop

05.04.2019 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 33436 volte
© foto di Federico De Luca

Torna di moda il derby per la panchina tra Inter e Milan e questa volta ci si gioca tutto attorno al nome di Antonio Conte, oggetto del desiderio di entrambi i club milanesi. Infatti se Spalletti è praticamente fuori dai piani dei nerazzurri, travolto dalla vicenda Icardi e dalla sua comunicazione per certi versi un po’ folle, sicuramente destabilizzante, anche Gattuso è lontano dal futuro rossonero. E neppure la conquista della Champions cambierà la storia e lui lo sa al punto di essersi fatto scappare la ormai nota frase ‘del mio futuro saprete fra due mesi’, che suona come un addio.
E proprio il Milan sembra aver superato l’Inter nel corteggiamento e nella corsa all’ex tecnico della Juve che da Leonardo e Maldini è ritenuto il più adatto per ricostruire, ripartire, un po’ come è successo alla Juventus. Il Milan ha bisogno di tornare a vincere, cerca un allenatore capace nel breve di trasformare lo spogliatoio e di far rendere al massimo (e anche di più) tutti i giocatori. Questa è la specialità di Conte che magari poi incontra più difficoltà nel medio periodo, ma subito è devastante. Oltre alla Juve, ha rilanciato la Nazionale dopo il crac dei mondiali brasiliani e anche al Chelsea ha vinto subito la Premier. Quello che ci vuole per il Milan che per mille ragioni, anche economiche, deve ritrovare in fretta autostima, gioco, consensi e trofei.
Conte, come è noto, aveva chiesto tempo a tutti i suoi estimatori per la causa in atto con Abramovic, ma ora è stato interrogato, aspetta solo la sentenza per liberarsi dal Chelsea. Poi deciderà.
Leonardo ha pronta anche una rosa di nomi già sottoposta a Conte per completare questa squadra, nomi che vanno da Allan Saint Maximin del Nizza, già trattato a gennaio, al brasiliano Everton, stella del Gremio, per finire a Pedro che l’ex bianconero aveva al Chelsea e porterebbe esperienza. Fra gli italiani emergenti a Conte piace molto Chiesa, ovvio, ma ha raggiunto una quotazione che va oltre le disponibilità del Milan che non può impiegare il budget per un giocatore solo che la Fiorentina valuta 100 milioni.
Al di là del mercato (il Milan deve riscattare anche Bakayoko), Conte sembra intrigato dall’idea di rilanciare un grande club da troppi anni in difficoltà. Fra l’altro stima molto diversi giocatori già in organico, si tratterebbe di inserire qualità ed esperienza, queste le sue richieste.
E l’Inter. Non molla presa, su Conte c’è, ovvio. Prima di affondare Marotta ha provato a vedere e capire se ci potesse essere ancora un futuro con Spalletti ancora sotto contratto lungo e oneroso, ma le ultime settimane hanno fatto vacillare le ultime resistenze: a fine anno si cambia Liberarsi di Spalletti costerà all’Inter una ventina di milioni, si cercherà una transazione. E’ improponibile, infatti, pensare dei ripartire con le stesso problematiche e il retaggio di certe incomprensioni sui metodi di lavoro destinate nel tempo a riproporsi.
E’ il momento di andare oltre e, ovviamente, Marotta ha pensato subito a Conte nonostante il burrascoso addio ai tempi delle Juve. La stima è immutata.
Come finirà? Siamo alle ultime riflessioni, ma non mancano le soluzioni di riserva.
L’Inter, ad esempio, pensa sempre al Grande Ritorno di Josè Mourinho. E’ vero che i cavalli di ritorno non sempre funzionano, soprattutto quando hanno vinto tutto e difficilmente potranno ripetersi, ma l’Inter potrebbe avere tanto da un personaggio carismatico e molto amato dalla tifoseria. La partita della settimana scorsa con tanti ex nerazzurri ha di fatto rinsaldato dei rapporti e allargato le ipotesi. Se non dovesse essere uno di questi due, è chiaro che l’Inter ha bisogno di un grande nome di livello internazionale e non è facile. Marotta medita.
Lo stesso discorso vale per il Milan. Gattuso ha fatto bene (per quanto mi riguarda), ha gestito una situazione complicata, il passaggio di proprietà, il caso Higuain, molti infortuni e il Milan è ancora lì, in corsa Champions, ma l’allenatore ha capito che è difficile trovare un dialogo e condivisioni su certi temi, anche tattici, con Leonardo. Gattuso è stanco di essere una sorta di separato in casa, di sopportato, ha già deciso di lasciare a fine stagione, deciderà lui ancora prima del Milan. La conquista della Champions mettere una pezza su tutto, ma alla prima sconfitta tornerebbero a galla i dubbi, così nessuno lavora sereno.
Per il Milan oltre a Conte c’è sempre in ballo Wenger, sponsorizzato da un Gazidis incurante dell’età dell’allenatore francese. Ma la suggestione di Leonardo, sempre legato al bel gioco e allo spettacolo, si chiama Sarri che aveva già chiuso con Galliani quattro anni fa, ma poi tutto saltò perché Berlusconi gli preferì Mihajlovic.
Sarri era anche la grande idea di Baldini per la Roma, ma adesso il consigliere tecnico sembra essere più lontano da Pallotta. La Roma in difficoltà è un cantiere di idee per il futuro, Totti s’è candidato a direttore tecnico e qualcuno vorrebbe De Rossi già in panchina, tutto prematuro. Per il presente Ranieri è un flop e c’è chi pensa addirittura a richiamare Di Francesco per il rush finale. Quattro partite di Ranieri, tre facili, una sola fuoricasa, hanno portato soltanto una vittoria e un pareggio casalinghi, quattro punti su dodici che allontano la zona Champions. E senza le entrate della Champions la Roma dovrà rivedere i programmi e i budget, situazione complicata.
Il primo pareggio ranieriano, sofferto, è arrivato con la Fiorentina. In tribuna c’era un grande ex di entrambe le squadre, vale a dire Vincenzo Montella. Un caso? Può darsi, ma si parla di un riavvicinamento dell’allenatore alla Fiorentina. In particolare Diego Della Valle avrebbe ritrovato un buon rapporto con Montella, si parla di un incontro in barca di qualche tempo fa, o comunque si sarebbero visti a Capri. Pubbliche relazioni? Tutto casuale? Chissà…Il divorzio, come ricorderete, fu brusco. Il licenziamento traumatico, ma il tempo aggiusta tutto e forse Montella ha capito che Firenze può essere un’occasione per tornare a fare bene calcio, mentre la Fiorentina con Montella in panchina ha vissuto il suo periodo migliore. A volte ritornano? Vediamo. Ci sarebbero stati contatti e idee messe in circolo da intermediari. Certo che se davvero Diego Della Valle sta valutando una cosa del genere, vorrebbe dire che ha voglia di rilanciare per un progetto diverso e migliore di quello in essere che ha portato la Fiorentina lontana dalle zone della classifica che contano. Se dovesse tornare Montella vorrebbe dire che i Della Valle hanno in mente una rivoluzione in tutto il comparto tecnico, per altro plausibile dopo questo Corvino-bis durato tre anni che ha portato al nulla.
A proposito di Corvino, chissà perché mi viene in mente Zaniolo lasciato libero due anni e mezzo fa proprio dal Ds viola dopo tanti anni di settore giovanile. Ora vale cinquanta milioni e la Juve non molla, anzi il piano è stato messo a punto. La Roma cercherà di allungare il contratto e alzare lo stipendio per avere più potere contrattuale, ma la strada è tracciata. Arrivano conferme su quanto scritto tempo fa: Paratici vuole vendere Douglas Costa (Manchester?) e con quei soldi prendere Zaniolo. Ma la Juve punta anche Chiesa, vuole l’accoppiata nascente della Nazionale. La valutazione è di 70 milioni, i bianconeri non vogliono andare oltre e confermo che c’è l’intenzione di mettere sul piatto anche una contropartita tecnica, probabilmente Orsolini ora a Bologna, ma anche Mandragora che può tornare dall’Udinese. La Fiorentina aspetta l’offerta ufficiale che per adesso non è ancora arrivata.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juve, le plusvalenze non fanno vincere la Champions. Il Milan se ne frega del fair play finanziario, l'Inter riparte da Spalletti? Conte, Tuchel, Sarri e altre leggende 21.04 - La festa Scudetto non è tale quando esci dai quarti di Champions League per mano dell'Ajax. E soprattutto quando potevi farlo una settimana prima, con un pari tranquillo a Ferrara, invece di inserire giocatori di Serie C oppure giovani. La formazione era più forte di quella della...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Juventus, risalgono le quotazioni di Conte. Dybala in partenza, Bayern in prima fila ma c’è anche il Liverpool in un possibile scambio con Salah. Per la difesa spunta anche Jérôme Boateng. Marotta e Paratici, che sfida per Chiesa 20.04 - A fine stagione ci sarà un cambiamento inevitabile. Per la Juventus è già cominciata la fase di riflessione. Il primo nodo resta sempre Allegri. E’ vero che ci sono state le conferme del presidente Agnelli e dello stesso allenatore su un futuro ancora bianconero, ma la sensazione...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Allegri non resterà. Agnelli punta tutto su Conte, l’unico grande motivatore. Arriverà un giocatore super per reparto. Il tentativo per Guardiola di due mesi fa. Napoli, fine del ciclo. Insigne un caso 19.04 - Andrea Agnelli ha confermato Allegri a caldo, subito dopo la bruciante eliminazione dalla Champions e sinceramente penso sia stata soltanto una mossa mediatica. Il tentativo, un classico in questi casi, e niente di più di cercare di deviare l’attenzione dal dramma sportivo per far...

Editoriale DI: Luca Marchetti

La Juve, la Champions, i soldi e il mercato. I programmi della Roma e la “nuova” recompra 18.04 - La mancata qualificazione alle semifinali per la Juventus non è semplicemente una sconfitta che fa male. Perché tradisce le aspettative dei tifosi della Juventus, prima ancora che le ambizioni della società a del suo presidente Agnelli. L’Ajax ha frantumato la Juventus, ha scoperto...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

E’ la disfatta di Allegri, checché ne dica Agnelli: vincere non era l’unica cosa che conta? La Juventus ha giocato solo quando ha dovuto reagire. Rilassatasi con l’Ajax, è crollata. Gli juventini vogliono Allegri? 17.04 - Il ranking. Il nuovo tormentone è il ranking. Uscire da questa disfatta - né più, né meno - contro l’Ajax, e parlare da parte di Agnelli di ranking e degli ultimi cinque anni sempre nei Quarti, ha lo stesso effetto dell’ingaggiare un make-up artist da Oscar per fare agghindare un...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: i rischi della super sfida e il moralismo senza senso sui “ragazzotti”. Inter: la verità tra le parole di Marotta (Icardi, Spalletti e... Conte). Milan: il futuro di Gattuso, spiegato nel presente. Napoli: la coerenza non è un optional 16.04 - Mentre scriviamo brucia Notre Dame e c’è davvero poco da ridere. Qualcuno fa grassa ironia “in fondo non è morto nessuno!”. Ah, pisquani, quanta pochezza. Brucia Notre Dame e noi siam qui a parlare di pallone, del resto di arte capiamo nulla, ma che fastidio accendere la tv e vedere...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan, angeli e demoni. Inter, traguardo vicino. Napoli, che horror! Chievo giustamente in B. Gravina, prima i veri problemi poi il resto... 15.04 - Le lotte per il quarto posto, e per il terzultimo, sono le uniche rimaste a farci divertire. Penserete, giustamente, come sia caduta in basso la serie A. Vero! La Juventus, ormai, deve fare i calcoli per quando festeggiare. Deve decidere solo la data e si organizza per la passerella,...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

La formazione di Allegri è il frutto di un campionato che non funziona. Vincere così non aiuta nessuno, nemmeno la Juve. E Andrea Agnelli lo sa bene... 14.04 - Un esordiente nel massimo campionato con la maglia della Juventus, due esordienti assoluti in Serie A, più Hans Nicolussi Caviglia. Centrocampista classe 2000 che prima di ieri sera aveva giocato in Serie A solo dieci minuti contro l'Udinese (quando il risultato era 4-0). A Ferrara,...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Inter, è Lukaku la prima scelta se parte Icardi. Dzeko e Zapata le altre ipotesi. Juventus, per il centrocampo si continua a monitorare Ndombele del Lione. Svolta Mertens, l’attaccante belga ora potrebbe rimanere. Giuntoli al lavoro per Callejon 13.04 - La fine del campionato è dietro l’angolo e una decisione deve essere presa per forza. La svolta tra l’Inter e Icardi sta per arrivare. L’addio resta l’ipotesi più probabile ma non scontata. Icardi è un grande bomber, ha 26 anni e ora più che mai è un’occasione di mercato per tante...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Juve, il Real vuole Kean. De Ligt, passi avanti. Conte, scatto della Roma. Un piano con Faggiano come ds. L’ombra del Qatar. Ma l’Inter vuole chiudere in fretta. Skriniar rinnova, Chiesa più lontano. Pioli-Fiorentina alle carte bollate 12.04 - La Juve deve fare in fretta a rinnovare il contratto di Moise Kean in scadenza fra un anno. Dopo la raffica di gol e le capacità tecniche e fisiche messe in mostra dal ragazzo del 2000, mezza Europa lo sta monitorando, ma in particolare è scattata l’attenzione del Real Madrid. Zidane...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510