HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
La Juventus non ha confermato Allegri: siete d'accordo?
  Si, il ciclo Allegri s'è esaurito
  No, bisognava andare avanti con Allegri

La Giovane Italia
Editoriale

Inter e Napoli, tutto rinviato, ma nulla è perduto. Anzi: vietato, vietatissimo mollare

29.11.2018 07:52 di Luca Marchetti   articolo letto 15264 volte
© foto di Federico De Luca

Tutto rinviato, nei gironi più difficili Napoli e Inter dovranno sudarsi la qualificazione fino all'ultimo. Non basta la vittoria del Napoli per 3-1 contro la Stella Rossa: sarà decisiva la sfida ad Anfield Road, ancora una volta uno scontro dentro o fuori con il Liverpool per Ancelotti. Il Napoli (se il PSG dovesse vincere contro la Stella Rossa) può anche perdere con un gol di scarto, ma dal 2-1 in poi ma sarebbe meglio non fare troppi conti (anche perché ci sarebbe anche il caso di arrivo a 9 punti in 3 squadre e il Napoli sarebbe sicuro del passaggio del turno solo perdendo da 4-3 in su...) e pensare di fare risultato e basta.
Ancelotti aveva detto in conferenza che non passare il turno sarebbe stato da coglioni. Bene: per non fare brutta figura il Napoli deve pensare in grande e di fatto eliminare ai gironi la finalista della passata stagione. Non è un'impresa impossibile per questo Napoli che ha continuato a crescere in consapevolezza, in autorevolezza. Non ha mai perso nel suo girone: perché dovrebbe farlo proprio nell'ultima gara? La serenità di Ancelotti, il ritorno al gol di Hamsik, i 100 di Mertens con il Napoli (che diventa anche il miglior marcatore europeo dei partenopei scalzando Cavani) lasciano i tifosi più sereni. Non serve un'impresa, serve una serata da Napoli. Senza paure, senza timori.
Come non c'è bisogno di imprese straordinarie in casa nerazzurra. Parliamoci chiaramente non è stata un'Inter arrembante quella di Londra. Ha subito il gol della sconfitta quando forse non c'era poi così tanto tempo per recuperare. Forse avrebbe potuto avere più coraggio? Difficile contro una delle squadre più in forma della Premier. Ora però l'Inter non deve deprimersi. Intanto perché il Tottenham se vuole passare il turno deve andare a vincere a Barcellona. E non è una cosa scontata. Giusto per darvi un dato: l'ultima sconfitta barca in casa è datata 1 maggio 2013 ovvero 5 anni e mezzo fa. Era la semifinale contro il Bayern Monaco. Da allora il 28 partite in Champions 26 vittorie e 2 pareggi. Perciò se l'Inter dovesse vincere contro il PSV in casa sarà ragionevolmente sicura di passare il turno.
Il problema sarà arrivare a quella partita in maniera serena. Per questo non deve subire il contraccolpo psicologico e non deve ripensare troppo alla partita di Wembley. Alle porte ci sono due partite difficilissime con Roma e Juventus, entrambe fuori casa. Deve pensare a 90 minuti per volta: da queste partite passa la stagione nerazzurra, ovvero il sapore della stagione nerazzurra. L'Inter ora deve dimostrare che la crescita che c'è stata è una crescita che ha solide basi e che può proiettare l'Inter verso un campionato più frizzante, una stagione più frizzante. Per scalare quei gradini che le mancano per tornare dove Zhang vuole: fra le migliori al mondo. E per fare questo non basta l'arrivo di Marotta. Ora bisogna dimostrare sul campo (e fuori) di essere tosti. Contro squadre altrettanto toste, in qualche caso ferite. Per cominciare a raccogliere i primi frutti del lavoro di Spalletti, architetto nerazzurro.
Insomma: non sono arrivate soddisfazioni. Anzi: chi pensava di poter chiudere la pratica stasera forse c'è rimasto fin troppo male. Ecco scrollatevi di dosso le negatività: il 4 per 4 si può ancora fare. Napoli e Inter non devono aver paura di nessuno.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juve-Allegri: giusto l'addio. Alternative poche e confuse. Paratici-Inzaghi: ecco luogo e data dell'incontro. Caos serie B: vigliaccata al Palermo. Mercato, bravo Gravina. E Totti... 20.05 - Tra tre ore ho il volo per tornare a Milano. Vi scrivo da un Hotel di Londra, poche ore dopo aver visto il vero calcio. Ho pensato, nelle ultime ore, cento volte se davvero in Italia siamo convinti che quello nostro sia calcio. Sono stato a Wembley, sono stato ospite della finale...

Editoriale DI: Marco Conterio

Cosa c'è dietro l'addio di Allegri e nel futuro della panchina della Juventus. Anche se Zidane ha 'rovinato' i piani di Agnelli: tutto sui nuovi sogni e sui nomi della dirigenza 19.05 - Quel che è arrivato a parole ieri, ad Amsterdam, allo Stadium, non c'è stato nei fatti. L'appoggio costante a Massimiliano Allegri che negli ultimi giorni di vita bianconera sembrava un uomo solo al comando di una nave già in porto. Solo che la sua Juventus era un Titanic arrugginito,...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Napoli, Giuntoli insiste per Trippier e Lozano. Per la fascia sinistra occhio a Theo Hernandez, difficilissimo Grimaldo. Il Milan su Saint Maximin del Nizza. Sarri può lasciare il Chelsea, è il primo nome per il post Gattuso 18.05 - Il mercato del Napoli comincia a delinearsi. Saranno almeno 3 gli acquisti, uno per reparto. Un esterno difensivo, un centrocampista e una punta esterna. Ormai gli identikit cominciano ad essere abbastanza chiari. Per la difesa si continua a spingere per Trippier del Tottenham, ma...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Allegri non è convinto, ma la Juve non trova alternative forti. Il Milan ha le mani su Sarri. Gattuso alla Samp, Lampard al Chelsea. Gasp alla Roma, Inzaghi a Bergamo, De Zerbi alla Lazio. Montella già in discussione, si pensa a Giampaolo 17.05 - Il grande giro degli allenatori sta per cominciare, come in un grande puzzle i pezzi stanno andando al posto giusto. Cominciamo dalla Juve. Due giorni di confronto non sono bastati per prendere una decisione, Agnelli e Allegri si rivedranno oggi. Come andrà a finire? Allegri resta...

Editoriale DI: Luca Marchetti

La cena di Allegri e la serata di Simone Inzaghi 16.05 - Una serata particolare: un occhio alla partita, la finale di coppa Italia, i sogni inseguiti dall’Atalanta e realizzati dalla Lazio. Un altro al telefonino per capire se e cosa succedeva fra Agnelli e Allegri in questo incontro pieno di cortine fumogene, per evitare addirittura che...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Occhio a Spalletti: tentativo disperato per rimanere all’Inter, cambia le alleanze, e c’è stato quel colloquio prima del Chievo… Agnelli vuole convincere Guardiola con l’aiuto dell’Uefa. Roma: ecco l’alternativa straniera Fonseca 15.05 - Non è finita, finché non è finita. Questo deve avere pensato Luciano Spalletti negli ultimi giorni, in piena modalità John Belushi. E non pensando tanto alla lotta Champions, che è solo una delle due partite che si sta giocando, forse la più semplice. Perché Luciano sa che se entrerà...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: Allegri, i pretendenti al “trono” e l’incontro “nelle prossime ore”. Inter: Conte, Oriali e due mesi di parole. Milan: la colpa di Gattuso. Roma: Gasp in avvicinamento 14.05 - Buongiorno e buonasera a tutti, la parola d’ordine di oggi è “nelle prossime ore”. “Nelle prossime ore” è il salvacondotto che permette a tutti noi di non sbagliare mai. Quando si incontrano Allegri e Agnelli? Nelle prossime ore. E intanto tutti noi diventiamo sempre più vecchi....

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Montella, tranquillo. Lucci ti premierà con il Real. Non voglio scriverlo: Raiola ha ragione! Lecce, quando vince la meritocrazia. Foggia, la retrocessione della società. La Crema della D: i Conti...ni tornano 13.05 - Che strazio il campionato finito con così largo anticipo. Anche Roma-Juventus diventa inguardabile. Perché se è vero che lo spettacolo non manca, quando giocano due grandi squadre, è anche vero che il calcio non è il cinema e senza l'assillo del risultato non c'è pathos. Quest'anno...

Editoriale DI: Andrea Losapio

Kolossal panchine: Agnelli voleva Zidane e Guardiola, si accontenterà di qualcun altro. Conte aspettava una super big, chissà se potrà diventarlo l'Inter 12.05 - È stata una settimana complicata. Di voci, incontri segreti e pochi fatti. Ma ci si avvicina al finale, come in Game of Thrones, dove tutto dovrà andare a posto o quasi. Le settimane passate possono essere le stagioni di una serie tv, partendo dall'addio di Zinedine Zidane al Real...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Accelerazione Inter per Conte. Marotta e Ausilio lavorano su Chiesa, De Paul, Rakitic, Barella e Danilo. Icardi, partenza non così scontata. La Roma su Gasperini 11.05 - L’attesa è quasi finita. Presto il futuro di Conte sarà chiaro. Lo scenario si sta delineando. L’ipotesi Juve si è decisamente raffreddata nelle ultime ore anche perché il presidente Agnelli non è convinto fino in fondo del suo ritorno. La possibilità di un addio di Allegri resta...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510