VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Inter, futuro Pioli? Manca una dirigenza Top. Roma, Spalletti ha fallito quasi tutto. Avete letto le commissioni nel bilancio del Palermo? Eccole!

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
10.04.2017 10:27 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 26931 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

A De Boer hanno permesso di distruggere l'Inter e ogni volta c'era un alibi diverso. Pioli non ha distrutto nulla se non i sogni dell'Inter costruiti sul lavoro dello stesso tecnico. Alt! Prima che pensiate male vi spiego che non sono un tifoso di Pioli e mai farei un progetto vincente con Pioli all'Inter. Soprattutto se hai una potenza economica di fuoco come ce l'ha Suning. A Pioli vanno detti mille grazie anche se non dovesse raggiungere l'Europa. Ha salvato una stagione vergognosa, ha ridato dignità alla maglia e soprattutto entusiasmo alla tifoseria. E' vero che probabilmente non porterà la barca nel porto e che nelle ultime due giornate ha rovinato tutto, ma quando le stagioni iniziano male rischiano di finire peggio. In questo caso inizia male e finisce male. Capisco che non è il massimo del sollievo per il tifoso interista, ma di questi tempi meglio accontentarsi. Vi dico un'altra cosa: andare in Europa League, per una squadra che vuole ricominciare da zero, è solo una seccatura. Sarà l'estate della rivoluzione e sarà meglio programmarla senza l'Europa di serie B. Un conto è la Champions, un conto la coppetta dei poveri, che con la nuova formula della Champions non avrà proprio più motivo di esistere. A Crotone, Pioli ha preso due schiaffi in faccia che probabilmente lo hanno messo definitivamente a tappeto, ma fermarsi a Pioli è riduttivo. L'allenatore più di questo, diciamo la verità, non poteva fare. E' arrivato dove ha potuto e il problema Pioli si risolve in due minuti. Non lo confermi e prendi un grande allenatore. Vai a spiegare a Suning che ieri l'Inter ha perso a Crotone... Se Pioli non ha un senso, allora, forse anche confermare l'attuale dirigenza non ha un senso. Il mercato estivo è stato bocciato completamente dal campo e se si vuol vincere e fare investimenti forti, probabilmente, questa dirigenza non ha dimostrato di meritare la fiducia dei nuovi proprietari. Piero Ausilio è un ottimo professionista ma forse Suning gli chiede qualcosa che lui non può dare. Lo stesso Gardini sembra un pesce fuori dall'acquario. Per ognuno di noi parla la propria storia. Gardini non ha mai operato a grandi livelli e Ausilio è ancora acerbo per un progetto di rifondazione così delicato. La presenza di Kia, alle spalle dei cinesi, non aiuta il lavoro del Direttore. All'Inter ci sono troppe cose che non vanno: dal mercato, alla gerarchia interna fino all'ultimo problema dei ragazzi della Primavera che giocano su un campo di patate a Sesto San Giovanni. Poi si vantano di fare il Suning Center e la squadra più importante del settore giovanile va a giocare su un terreno pessimo per far contenti gli amici del passato. Ausilio non deve gestire l'Inter come fosse il Real Madrid ma nemmeno avere la mentalità di qualche annetto fa sui campi di Provincia. Se si svincola dal passato, allora, potrà iniziare a ragionare in grande.
A Roma Spalletti, dal suo ritorno, ha fatto un buon lavoro. E' innegabile. Sicuramente ha saputo riconquistare il terreno perso da Garcia e ha recuperato tanto tempo inutile fatto perdere da Walter Sabatini e dalla sua paura delle ombre che lo circondavano. Sabatini ha fatto male alla Roma come un pacchetto di sigarette al giorno fa male al buon Walter. Non voleva esonerare Garcia e ha fatto perdere solo tempo, ha perso tanti giovani italiani di valore bocciati al suo arrivo e ha speso tra commissioni e cartellini un capitale che oggi sarebbe utile a far costruire lo stadio a Pallotta. Non si può citare per danni ma - se ci fosse una legge contro le plusvalenze - andrebbe attuata. Tornando a Spalletti: i punti gli danno ragione ma i fatti gli danno torto. Innanzitutto consiglio a Spalletti un buon ufficio stampa. Ogni conferenza fa danni. Siccome ha detto che se non avesse vinto nulla sarebbe andato via, il suo addio è molto vicino. Se non vincerà lo scudetto non avrà fallito ma comunque non avrà vinto. L'unica competizione dove la Roma può andare a testa alta è proprio la serie A. Il preliminare di Champions grida ancora vendetta, la Coppa Italia persa con la Lazio è stata gestita malissimo e anche l'Europa League è stata buttata via troppo presto. Su 4 competizioni arrivano 3 bocciature e una promozione.
In chiusura, in queste settimane, ho messo il naso nel bilancio del Palermo. Sentivo puzza di bruciato da lontano ma da vicino la puzza non è tanto di bruciato... ma di altro. Allora ho chiesto al nostro Alessio Alaimo di fare indagini su Palermo visto che vive lì. Risultati raccapriccianti. Molte cose Zamparini dovrebbe spiegarle ai tifosi ma prima ancora al suo commercialista. Commissioni da sballo, molte pagate altre finite in tribunale. I paradossi del mercato fallimentare del Palermo sono tutti qui: per Balogh il Palermo ha versato 2 milioni e 800 mila euro per la mediazione del tesseramento alla società Top Sport Consulting. Ripeto, per Balogh. La Top Sport Consulting ricompare spesso nel bilancio del Palermo: 560.000 euro di commissioni per Posavec e 750.000 euro per Trajkovski. Ci sarebbero altri 30.000 euro per la commissione su Cristante ma in confronto sono briciole. Le commissioni nel bilancio del Palermo sembrano prese da Topolino. 1 milione di euro per Cassini. Su Cassini ci sono 500.000 euro di mediazione incassati dalla Calcio Sudamerica LLC e altri 500.000 euro versati nelle casse di Art Sport Management per l'assistenza alla stipula del contratto economico. Così si legge alla prestazione nel bilancio del Palermo. Insomma per fare un contratto a Cassini c'è voluta una società che ha guadagnato 500.000 euro. Alcune di queste commissioni non sono ancora state pagate e ci sono cause in corso tra le società e il Palermo calcio. 10.928 euro se ne sono andati anche per la mediazione del tesseramento di Sviatchenko che, scusatemi l'ignoranza, non sapevo neanche chi fosse prima di leggere il bilancio del Palermo. Società beneficiaria una certa La Manita Ltd. 63 pagine di bilancio per una gestione fuori dalla normalità. Debiti verso i soci per finanziamento 5 milioni (entro il 30 giugno del 2017) e debiti verso le banche 15.530.920 euro (entro i 12 mesi) e 24.933.894 (entro i 24 mesi). Debiti verso i fornitori 25.909.456 (entro i 12 mesi) e 4.470.000 (entro i 24 mesi). Sicuramente non vorremmo essere nei panni di Zamparini. E neanche in quelli di Baccaglini. Troppi tatuaggi e anche con loghi sbagliati.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Andrè Silva: a Suso era andata molto peggio. Moratti: ruolo operativo non significa quote. Napoli: e goditela una volta per tutte! 23.09 - C'è qualcosa di psicologicamente ossessivo e di calcisticamente patologico nei detrattori di Andrè Silva. Dopo la tripletta di Vienna, era la fine del mondo se un talento del genere non giocava contro l'Udinese. Dopo la Spal, è tornato un boomerang da usare contro la campagna acquisti...
Telegram

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Campionato falsato, subito la riforma e premio-promozione. I limiti dell’Inter, a gennaio uno fra Ozil, Draxler e Vidal. Juve, i nodi di un mercato modesto. Howedes rotto, Douglas Costa fantasma. Con Uva in Uefa l’Italia più forte 22.09 - Dopo cinque giornate è già abbastanza chiaro che il campionato è falsato. Facendo una proiezione, a dicembre, ma forse prima, la situazione sarà già ben delineata con 7-8 squadre in corsa per i posti che contano, quattro o cinque in lotta per non retrocedere e le altre (troppe) senza...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il Napoli è devastante, Juve alla tedesca. Il duello è appena iniziato... 21.09 - Impossibile non parlare di calcio giocato nella sera dell'infrasettimanale. Impossibile non parlarne dopo una serata piena di emozioni e che regala al campionato dopo 5 giornate le due prime della classe lassù in testa alla classifica a punteggio pieno con una dimostrazione di forza...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter, buon carattere…. Mondi diversi: Patrick vs Patrik! Sarri perché non parla? E poi CR7 a Lisbona! 20.09 - L’Inter si ferma a quattro vittorie. A Bologna, i nerazzurri non vanno oltre l’1-1. Straordinari i giocatori di Donadoni, bravi a non mollare quelli di Spalletti. Onestamente Icardi (altro gol) e compagni non hanno incantato. Nella prima frazione, il Bologna ha dominato con un Verdi...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incoerenza di chi non vuol vedere (occhio a Higuain...). Inter: c'è un nemico alle porte (ma anche una soluzione). Milan: il rebus del "9" e altre malignità. Napoli: se il problema è fuori dal campo 19.09 - Ciao. Stasera c’è il campionato, domani pure, dunque qualunque cosa io scriva rischia di essere usata contro di me. Per questo e per altri motivi ragioneremo su cose frivole. Per esempio, non so se avete letto, ma la migliore amica della piacente cantante Selena Gomez le ha donato...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ecco tutti gli errori fatti a Barcellona. Processo a Allegri. Douglas Costa non serve. Paragonare Dybala a Messi è follia. Donnarumma deve scegliere il Milan o Raiola. Inter, contatto per Chiesa 15.09 - Conosciamo troppo bene il calcio per non sapere che tirare conclusioni a settembre è roba da ricovero. Soprattutto quando si parla di Juve e di Allegri. Ricordate l’anno dei dodici punti in dieci partite? E comunque la non brillantezza, le partenze in salita a settembre, sono una...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Una brutta Champions e una speciale classifica: ecco quanto costano le squadre in Europa, che sorprese! 14.09 - Certo che questa due giorni di Champions non ci lascia con buoni pensieri... le italiane vanno male, un punto in tre partite, e comunque con una gara di sofferenza più che di sfortuna. La Juve che dimostra ancora di non essere al livello del Barcellona (e Dybala con alcune curve ancora...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.