VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/18?
  Real Madrid
  Bayern Monaco
  Roma
  Liverpool

Editoriale

Inter, futuro Pioli? Manca una dirigenza Top. Roma, Spalletti ha fallito quasi tutto. Avete letto le commissioni nel bilancio del Palermo? Eccole!

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
10.04.2017 10:27 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 26989 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

A De Boer hanno permesso di distruggere l'Inter e ogni volta c'era un alibi diverso. Pioli non ha distrutto nulla se non i sogni dell'Inter costruiti sul lavoro dello stesso tecnico. Alt! Prima che pensiate male vi spiego che non sono un tifoso di Pioli e mai farei un progetto vincente con Pioli all'Inter. Soprattutto se hai una potenza economica di fuoco come ce l'ha Suning. A Pioli vanno detti mille grazie anche se non dovesse raggiungere l'Europa. Ha salvato una stagione vergognosa, ha ridato dignità alla maglia e soprattutto entusiasmo alla tifoseria. E' vero che probabilmente non porterà la barca nel porto e che nelle ultime due giornate ha rovinato tutto, ma quando le stagioni iniziano male rischiano di finire peggio. In questo caso inizia male e finisce male. Capisco che non è il massimo del sollievo per il tifoso interista, ma di questi tempi meglio accontentarsi. Vi dico un'altra cosa: andare in Europa League, per una squadra che vuole ricominciare da zero, è solo una seccatura. Sarà l'estate della rivoluzione e sarà meglio programmarla senza l'Europa di serie B. Un conto è la Champions, un conto la coppetta dei poveri, che con la nuova formula della Champions non avrà proprio più motivo di esistere. A Crotone, Pioli ha preso due schiaffi in faccia che probabilmente lo hanno messo definitivamente a tappeto, ma fermarsi a Pioli è riduttivo. L'allenatore più di questo, diciamo la verità, non poteva fare. E' arrivato dove ha potuto e il problema Pioli si risolve in due minuti. Non lo confermi e prendi un grande allenatore. Vai a spiegare a Suning che ieri l'Inter ha perso a Crotone... Se Pioli non ha un senso, allora, forse anche confermare l'attuale dirigenza non ha un senso. Il mercato estivo è stato bocciato completamente dal campo e se si vuol vincere e fare investimenti forti, probabilmente, questa dirigenza non ha dimostrato di meritare la fiducia dei nuovi proprietari. Piero Ausilio è un ottimo professionista ma forse Suning gli chiede qualcosa che lui non può dare. Lo stesso Gardini sembra un pesce fuori dall'acquario. Per ognuno di noi parla la propria storia. Gardini non ha mai operato a grandi livelli e Ausilio è ancora acerbo per un progetto di rifondazione così delicato. La presenza di Kia, alle spalle dei cinesi, non aiuta il lavoro del Direttore. All'Inter ci sono troppe cose che non vanno: dal mercato, alla gerarchia interna fino all'ultimo problema dei ragazzi della Primavera che giocano su un campo di patate a Sesto San Giovanni. Poi si vantano di fare il Suning Center e la squadra più importante del settore giovanile va a giocare su un terreno pessimo per far contenti gli amici del passato. Ausilio non deve gestire l'Inter come fosse il Real Madrid ma nemmeno avere la mentalità di qualche annetto fa sui campi di Provincia. Se si svincola dal passato, allora, potrà iniziare a ragionare in grande.
A Roma Spalletti, dal suo ritorno, ha fatto un buon lavoro. E' innegabile. Sicuramente ha saputo riconquistare il terreno perso da Garcia e ha recuperato tanto tempo inutile fatto perdere da Walter Sabatini e dalla sua paura delle ombre che lo circondavano. Sabatini ha fatto male alla Roma come un pacchetto di sigarette al giorno fa male al buon Walter. Non voleva esonerare Garcia e ha fatto perdere solo tempo, ha perso tanti giovani italiani di valore bocciati al suo arrivo e ha speso tra commissioni e cartellini un capitale che oggi sarebbe utile a far costruire lo stadio a Pallotta. Non si può citare per danni ma - se ci fosse una legge contro le plusvalenze - andrebbe attuata. Tornando a Spalletti: i punti gli danno ragione ma i fatti gli danno torto. Innanzitutto consiglio a Spalletti un buon ufficio stampa. Ogni conferenza fa danni. Siccome ha detto che se non avesse vinto nulla sarebbe andato via, il suo addio è molto vicino. Se non vincerà lo scudetto non avrà fallito ma comunque non avrà vinto. L'unica competizione dove la Roma può andare a testa alta è proprio la serie A. Il preliminare di Champions grida ancora vendetta, la Coppa Italia persa con la Lazio è stata gestita malissimo e anche l'Europa League è stata buttata via troppo presto. Su 4 competizioni arrivano 3 bocciature e una promozione.
In chiusura, in queste settimane, ho messo il naso nel bilancio del Palermo. Sentivo puzza di bruciato da lontano ma da vicino la puzza non è tanto di bruciato... ma di altro. Allora ho chiesto al nostro Alessio Alaimo di fare indagini su Palermo visto che vive lì. Risultati raccapriccianti. Molte cose Zamparini dovrebbe spiegarle ai tifosi ma prima ancora al suo commercialista. Commissioni da sballo, molte pagate altre finite in tribunale. I paradossi del mercato fallimentare del Palermo sono tutti qui: per Balogh il Palermo ha versato 2 milioni e 800 mila euro per la mediazione del tesseramento alla società Top Sport Consulting. Ripeto, per Balogh. La Top Sport Consulting ricompare spesso nel bilancio del Palermo: 560.000 euro di commissioni per Posavec e 750.000 euro per Trajkovski. Ci sarebbero altri 30.000 euro per la commissione su Cristante ma in confronto sono briciole. Le commissioni nel bilancio del Palermo sembrano prese da Topolino. 1 milione di euro per Cassini. Su Cassini ci sono 500.000 euro di mediazione incassati dalla Calcio Sudamerica LLC e altri 500.000 euro versati nelle casse di Art Sport Management per l'assistenza alla stipula del contratto economico. Così si legge alla prestazione nel bilancio del Palermo. Insomma per fare un contratto a Cassini c'è voluta una società che ha guadagnato 500.000 euro. Alcune di queste commissioni non sono ancora state pagate e ci sono cause in corso tra le società e il Palermo calcio. 10.928 euro se ne sono andati anche per la mediazione del tesseramento di Sviatchenko che, scusatemi l'ignoranza, non sapevo neanche chi fosse prima di leggere il bilancio del Palermo. Società beneficiaria una certa La Manita Ltd. 63 pagine di bilancio per una gestione fuori dalla normalità. Debiti verso i soci per finanziamento 5 milioni (entro il 30 giugno del 2017) e debiti verso le banche 15.530.920 euro (entro i 12 mesi) e 24.933.894 (entro i 24 mesi). Debiti verso i fornitori 25.909.456 (entro i 12 mesi) e 4.470.000 (entro i 24 mesi). Sicuramente non vorremmo essere nei panni di Zamparini. E neanche in quelli di Baccaglini. Troppi tatuaggi e anche con loghi sbagliati.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Allegri non pervenuto. Sarri, colpo Gobbo a Torino. Milan, che dolore il colpo della strega. Crisi Udinese, Oddo non pronto per questi livelli. De Canio e la bacchetta magica... 23.04 - Se la Juventus prepara una finale scudetto in questo modo, molto colpe sono del suo allenatore. Squadra scarica, zero tiri in porta, gente che passeggia in campo e neanche il 10% della carica agonistica che ti aspetti per chiudere i conti e ammazzare il tuo rivale. Juventus ai minimi...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Juventus-Napoli, solo un crollo verticale può salvare la A dalla monotonia. Roma può diventare come Londra, ma dipenderà dallo stadio. Che bella la lotta salvezza 22.04 - Questa sera andrà in scena la madre di tutte le partite. Almeno per una fetta, consistente anzichenò, del nostro calcio. Perché tutti coloro che non tifano Juventus proveranno a vedere, finalmente, la speranza di avere una nuova regina del calcio italiano. Il Napoli incarna Davide...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Morata-Juve per ora solo un’idea, ma il ritorno non è impossibile. Per Torreira il Napoli tenta l’affondo. Mancini CT, lo Zenit frena: i tempi potrebbero allungarsi 21.04 - La sfida scudetto di Torino è dietro l’angolo ma anche il mercato continua a regalare spunti interessanti e per certi versi clamorosi. Parto subito forte e vi dico che il ritorno di Morata alla Juventus non è impossibile. Al momento è solo un’idea, destinata a rimanere tale se la...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Napoli, ecco come giocheranno. Sui bianconeri le maggiori pressioni. Dybala è il dubbio. Pjanic recupera. Milik in vantaggio su Mertens. Restare o andar via? Il futuro di Allegri e Sarri passa da questo scudetto. Italia, Mancini CT 20.04 - Hai nove punti di vantaggio, praticamente già vinto lo scudetto e pochi minuti dopo scopri che quei punti si riducono a quattro e ritorna tutto in discussione. Non deve essere simpatico. Non è un momento semplice per la Juve alla vigilia dello scontro diretto col Napoli, pochi giorni...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Juventus-Napoli, sfida totale. Un finale di campionato elettrizzante… 19.04 - Un finale di campionato così è letteralmente da sogno. Per tutti i tifosi, di tutti i colori. Perché vivere un duello così bello, così intenso, con così tanti colpi di scena concentrati in pochi minuti o in poche giornate. Lo scontro diretto è ormai alle porte e viverlo con queste...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

I dolori del giovane Andrea Agnelli: se gli obiettivi futuri della Juventus valgono davvero questo danno d'immagine, per il club stesso, e per Gigi Buffon. Gravissima l'accusa di malafede a Collina 18.04 - È passato tutto in cavalleria. No, non di certo le parole di Buffon o di qualcun altro. Le uscite dei giocatori hanno fatto molto clamore, anche se qua in Italia si è trattato solo di rumore, mentre all'estero è stato disgusto e condanna, in un tragico giro del mondo che ha fatto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: la corte a Marotta e il futuro di Allegri. Milan: il piano di Gattuso per la prossima stagione (e Donnarumma?). Inter: quanti processi senza senso. E a Buffon il 432esimo consiglio non richiesto 17.04 - A Milano è iniziata la Settimana del Mobile. Alla Settimana del Mobile è difficilissimo trovare dei mobili e la cosa, converrete, è molto curiosa. Molto più facile trovare gente di merda. Di quella sono piene le vie. Sembra che tutti vadano nelle feste esclusive, fanno a gara a dirtelo,...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Ecco perché Buffon va assolto. Il suicidio della Lazio senza un perché. L'Inter senza Icardi ha un problema. Empoli verso la A: bastava esonerare Vivarini 16.04 - Ci siamo lasciati alle spalle la settimana europea più folle di sempre per il calcio italiano. Istanbul a parte, una roba del genere non l'avevamo mai vista. Nel bene (la Roma) e nel male (la Lazio). E la Juve è bene o male? Vi starete chiedendo. Assolutamente nel bene. La Juventus...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il problema non è il contatto Benatia-Vazquez, il problema è tutto il resto: Ceferin faccia subito un passo indietro. La UEFA ha due scuse, ma non bastano per giustificare questo atteggiamento: ha ragione Gattuso 15.04 - Andò peggio, molto peggio, un anno fa. Erano sempre i quarti di finale di Champions League, c'era sempre il Real Madrid, ma i blancos al Bernabeu non avevano di fronte la Juventus, bensì il Bayern Monaco, sconfitto 2-1 all'andata. I bavaresi, allora guidati da Carlo Ancelotti, nei...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Juve, il sogno è sempre Isco, c’è anche Bernat per la fascia sinistra. Sarri pensa solo al campionato, il futuro a fine aprile. Chelsea e Monaco alla finestra. L’Inter torna forte su Verdi 14.04 - L’eliminazione in Champions League non cambia i piani. Marotta è stato chiaro. La Juventus aumenterà la sua qualità con un mix tra giovani e giocatori più esperti. E anche qualche sogno. Uno di questi è Isco. Il corteggiamento parte da lontano. Sono due anni, che i bianconeri sondano...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.