VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
Editoriale

Inter: goduria da derby, ma occhio al tranello! Milan: quel che sarà di Montella. Juve: ricordatevi dello “schema Allegri”. Napoli: l’evoluzione di Sarri (in campo e fuori)

17.10.2017 07:12 di Fabrizio Biasin  Twitter:    articolo letto 44657 volte
© foto di Alessio Alaimo

Ciao. In questo momento è in onda il mondeinait Verona-Benevento, ma non è che dobbiamo storcere il naso. Abbiamo assistito al derby di Milano, a Roma-Napoli, a Juve-Lazio e comunque poteva andare peggio: poteva esserci Verona-Benevento con la nebbia. Oppure Verona-Benevento con speaker Sarri che dice “vaffanculo, cazzo, porca puttana, stronzi tutti!” all’altoparlante.

Sarri non è a fare lo speaker a Verona perché stasera il suo Napoli gioca a Manchester. Sarri parla come mangia: è un po’ il suo bello. Ieri ha detto “La Lega calcio è inadeguata”, poi “la tattica è masturbazione mentale”, poi “voglio 11 facce di cazzo che palleggino con il City!”. In attesa di capire se riuscirà a risolvere questo suo problema di timidezza, stiamo immaginando come andavano le cose quando lavorava in banca.

“Buongiorno gentile impiegato, vorrei depositare questo assegno, si può fare?”.

“No, faccia di cazzo! Lei e i posticipi serali! Il fatturato incide! Finocchio! Entra tu, Rog”.

Cose così.

Sarri non era a Verona, ma c’erano Dario Massara e Lorenzo Minotti a fare la telecronaca per Sky. Dario Massara e Lorenzo Minotti devono aver combinato qualche marachella in settimana, altrimenti si sarebbero beccati almeno un Bologna-Spal e o un Crotone-Torino. Invece niente, al freddo lunedì sera al Bentegodi. Forse a Sky eseguono sorteggi clamorosi per assegnare il temibile mondeinait, viceversa saremmo di fronte a vessazioni che al giorno d’oggi vediamo solo nel reality “Il Collegio”, una trasmissione a mio avviso molto bella nella quale domina su tutti un grande personaggio: il professor Maggi.

Il professor Maggi de “Il Collegio” è probabilmente la persona che sa più cose in natura, ha sempre un buon consiglio, ti dà il suggerimento quando reciti la poesia, però non devi farlo incazzare. Se lo fai incazzare il professor Maggi ti manda dal preside o a Verona a fare la telecronaca del mondeinait.

Ma parliamo di cose serie. Domenica c’è stato il derby. Il derby porta con sé diversi misteri.

Il primo.

Perché dentro San Siro vendono solo il Caffè Borghetti e tutti dicono “buono il Caffè Borghetti!” ma poi a casa loro o in pizzeria bevono il Braulio, il Montenegro, l’Amaro del Capo, il Ramazzotti, tutti gli altri amari e liquori, ma non il Caffè Borghetti? Il Caffè Borghetti c’è praticamente solo allo stadio. È un bel mistero se ci pensate.

Il secondo.

Nella settimana che precede il derby saltano sempre fuori almeno una dozzina di ragazze molto poppute che dicono “io sono Susana Remigi e tifo l’Inter/il Milan da sempre!”, quindi postano delle foto con il loro bikini nerazzurro/rossonero e, in definitiva, mostrano tutto l’ambaradan. Alcune, le più audaci, azzardano il pronostico disegnando sulle tette o sul culo il risultato. Per la cronaca, Susana aveva previsto 6-2, 7-6 per l’Olimpia Milano, ma nessuno le ha rimproverato niente. Io ho scritto “secondo me potrebbe finire in parità” e molti su twitter mi hanno ammonito al grido di “stronzo, non c’hai capito un cazzo neanche stavolta eh?”. La prossima volta farò anch’io il pronostico sul culo, così vediamo. In ogni caso la domanda è: dove mettono le tifose poppute nelle altre 51 settimane (50 tenendo presente il match di ritorno)? Le congelano? Ci sono dei container di ragazze da pronostico che saltano fuori alla bisogna? Fateci sapere.

Il terzo.

Icardi è molto forte. Forse non lo sapete, ma io stravedo. E infatti domenica sera ho rischiato la sincope. Il pallone recuperato a metà campo e poi trasformato nel gol del 2-1 (assist di Perisic) è la prova che è decisamente inutile parlare in questo momento del Signor Nara perché: A) Si rischia di scrivere cose ovvie tipo “Icardi è molto forte”. B) Si rischia di fare arrabbiare Maradona che è soggetto molto permaloso. C) Qualunque cosa si dica, alla prima partita sbagliata molti torneranno a scrivere “è un mezzo giocatore, che schifo, Wanda cattiva” e tutte queste cose qua. Ormai siamo vaccinati. Molto meglio ragionare non su quello che funziona all’Inter (Spalletti, l’identità di squadra, la resistenza alla sofferenza, alcuni singoli), ma sulle criticità del gruppone. Presto o tardi l’Inter perderà, magari già sabato contro il super Napoli. In quel momento valuteremo la capacità di questo gruppo di superare i “vaffancuore squadra ridicola!” che puntualmente pioveranno. Il dato di fatto è che se negli 11 l’Inter può competere con tutti o quasi, mostra discreti limiti quanto ad alternative. Dalbert pare assai acerbo, Cancelo deve “capire il calcio italiano”, ci sono gli infortunati e i difensori sono contati. È un problema, ma i problemi ce li hanno tutti e in ogni caso nessuno due mesi fa avrebbe immaginato siffatta classifica. Molti – arrabbiati per principio - dicevano: “Squadra costruita malissimo! Sarà un miracolo arrivare quinti!”. Gli stessi curiosamente oggi spingono per lo scudetto: “Si può fare!”. Fortuna vuole che al timone del gruppo ci sia un pelato dalle idee piuttosto chiare: l’obiettivo era e rimane il quarto posto e questo significa che certamente è bello guardare davanti, alla vetta, ma è assai più saggio proteggere le chiappe da chi insegue.

Il quarto.

Il quarto mistero del derby non riguarda il derby, ma lo mettiamo qui perché è molto importante e abbiamo paura di dimenticarcelo. Da quando Asia Argento ha denunziato pubblicamente il panciuto Weinsten, tutti hanno l’amico o il parente che ti racconta il suo caso-Weinstein. “Io avevo una collega che era costretta dal capo a vestirsi da Ape Maia!”, oppure “altro che Weinstein! Il capufficio di mia cugina sì che era un vero maialone!”. E giù dettagli peccaminosi. A quanto pare il mondo è pieno di codesti porcelloni gudurioni.

Il quinto.

Il quinto mistero del derby riguarda il Milan, che perde per una vaccata di Rodriguez nel finale e affronta la prima “crisi cinese” della sua storia secolare. Ci si divide tra nemici di Montella, nemici di Bonucci, nemici dei nemici. Vale tutto, insomma, come spesso accade quando nei club mancano i risultati. Il dato di fatto è che domenica, in campo, in mezzo a questo e quel nuovo acquisto, il meglio l’hanno dato i “vecchi” Suso e Bonaventura, oltre al bravissimo Borini, ovvero il rinforzo meno celebrato dell’estate e al momento, forse, il più utile. Cambiare il mister è la soluzione? No, almeno fino a quando il tecnico dimostrerà di avere in mano il gruppo e a patto che inizi a dare certezze tattiche ai suoi. Per dire: regalare 45 minuti agli avversari, dalla Terza Categoria alla serie A, è decisamente imperdonabile.

Non è che ci sia molto altro da dire: Bossari è uscito dalla Casa del Grande Fratello ma poi è rientrato, tutti amano Bossari. Tutti amano anche Mara Maionchi che è un po’ il “Sarri della televisione”, pochi invece amano il Professor Maggi ma solo perché non lo conoscono, quasi nessuno infine ama Allegri perché… Già, perché? Nessuno ama l’allenatore della Juventus. Se vince “ha vinto la Juve”, se perde “ha perso lui” e via ai processi. Allegri ha sbagliato qualcosa contro la Lazio? Sì, probabilmente sì, ma se ci fate caso non sta facendo altro che “tarare” la sua squadra come fa sempre in autunno. Il problema semmai riguarda i suoi avversari, in particolare il Napoli stratosferico.

Ecco, il Napoli. Grazie a Sarri e figliocci, forse, iniziamo a capire che il mercato non è solo “comprare, comprare, comprare” ma anche avere la capacità di convincere le tue pietre preziose a restare con te, perché non c’è posto migliore. Il Napoli l’ha fatto con tutti, l’Inter ci è riuscita con Perisic, la Juve non ce l’ha fatta con Dani Alves e Bonucci (fosse rimasto a Torino probabilmente non farebbe tutta questa fatica) e ora soffre un po’.

Fine. Vi lasciamo ricordando che Vecino domenica a San Siro ha corso più di tutti (12 km) e quindi la teoria “torna dal Sudamerica e quindi deve riposare” è una puttanata; ringraziamo Spalletti per averci fatto tornare in mente il capolavoro “Non ci resta che piangere”; facciamo il nostro più caloroso in bocca al lupo al buon Zaccheroni che va a fare il ct negli Emirati e in contemporanea non potrà più essere seconda e frizzante voce degli azzurri (a mali estremi, estremo Rimedio) e, infine, come settimana scorsa vi offriamo le notizie più cliccate, trovate qua e là sui siti sportivi.

1) Petagna, che gol con Michelly. E sui social impazza l’amore.
2) Elisa, blucerchiata doc. La showgirl tifa Sampdoria.
3) Kat Mertens: “La nostra crisi è passata. Sesso? Mi piace farlo così”.

Siccome anche questa settimana non abbiamo la minima idea di come chiudere, provvediamo subito a cliccare sulla notizia di Kat Mertens per scoprire tutti assieme “come le piace farlo”.

“La crisi con Dries è acqua passata, adesso va tutto a gonfie vele. Sesso? In pubblico mi comporto da signora, ma a letto sono eccentrica. Penso che quando sei sicura di te a livello sessuale, allora le cose vanno sempre meglio anche in generale. Mi piace farlo nei luoghi più insoliti, come i bagni dei treni: mi piacciono tanto. Chirurgia estetica? Sì, ammetto di aver fatto un ritocco in passato: ho dovuto ridurre il seno, era troppo grande”.

Da Plutone è tutto (Twitter @FBiasin @ilsensodelgol Mail: ilsensodelgol@gmail.com).


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Rivoluzione? Invoco il Commissario… Juve, c’è un problema! Roma? Ha ragione Falcao… 22.11 - Sto ancora elaborando il lutto (l’esclusione dal Mondiale) ma mi sta anche salendo quella sana rabbia di chi pretende un cambiamento, non di facciata ma reale!!! Il popolo ha avuto il sangue che bramava: le teste di Ventura e Tavecchio sono rotolate sul selciato… Purtroppo, il resto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: attenti a quelli della “crisi” (e ai nemici in casa). Inter: Icardi e gli strani pensieri. Milan: il dubbio Montella e “la bella reazione”. Riflessione semiseria sul calcio italiano 21.11 - “Gli aspetti formali, tendenti alla verifica dello status quo, ci portano a considerare i rappresentanti delle Leghe, per quanto la situazione sia decisamente inaccettabile. E sì: bisogna riformare il calcio guardando al tutto!”. (Quelli che comandano, che hanno il culo sulla poltrona,...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tavecchio a casa, forse. Ventura fuori Paese ma attenzione ai successori. Gravina? C... Piace! Allegri, sveglia questa Juve. Palermo? Ve lo avevamo scritto un anno fa... 20.11 - E' successo l'impensabile e, allora, è giusto che si volti pagina perché il calcio è un'azienda e bisogna rispettare la meritocrazia. Prandelli e Abete salvarono la faccia e la dignità, qui non c'è stata né la faccia né la dignità. Un Mondiale si può sbagliare ma addirittura non salire...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il disastro economico-sportivo di Tavecchio e Ventura: gli effetti sulle tasche degli italiani e pure sul mercato. Ancelotti, gli specchietti per le allodole e il nome che serve. Allenatori e giocatori: la ricetta per cambiare davvero 19.11 - Carlo Tavecchio che scarica il barile, le colpe e versa pure lacrime rabbiose e di frustrazione no. Carlo Tavecchio ancora in sella, neppure. Invece son due fotografie che questi giorni regalano, istantanee e video che arrivano e che resteranno a lungo in un calcio italiano destinato...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, crocevia Usa. La Nazionale riparte dal Milan. Perisic e i giocatori che vanno attesi 18.11 - Se il New York Times arriva ad occuparsi del Milan, vuol dire che il Milan fa gola. Stupiscono, ma forse fino ad un certo punto, i tempi scelti per lanciare la bomba mediatica, da un autorevole quotidiano che comunque negli ultimi due anni non era mai entrato nelle vicende del closing...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Collina l’uomo nuovo per la Federcalcio. Ancelotti, no alla Nazionale. Non farà la foglia di fico di Tavecchio che deve solo andar via. La colpa è sua: non ha capito la guerra fra Ventura e i giocatori. Tutti i retroscena. L’ex Ct via dall’It 17.11 - C’è solo un uomo in grado di cambiare il calcio in Italia e di rilanciarlo verso il futuro con interventi radicali e riforme illuminate e quell’uomo si chiama Pierluigi Collina. L’attuale capo degli arbitri della Fifa è l’unica personalità di livello mondiale spendibile dal paese...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non è una questione di nomi, ma di programmi. E stavolta sul serio... 16.11 - Lunedì. Lunedì sarà il giorno in cui ci saranno le risposte. Le proposte che Tavecchio (che non si è dimesso) presenterà il nuovo programma da cui ripartire. Uomini e idee. E' lì che si giocherà la vera partita, è lì che misureremo la voglia di cambiamento del movimento calcio italiano. Delle...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Nazionale interessa davvero? Allora nuova “regola”: cinque italiani in campo (minimo) in ogni club!!! 15.11 - La delusione è ancora forte, quasi insostenibile. Come era prevedibile, tutti si sono inorriditi per quanto successo. L’Italia fuori dal Mondiale, una catastrofe, un’apocalisse, la morte del calcio italiano. Tanti presidenti di club si sono espositi in prima persona… Tutti avviliti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Qui muore il calcio italiano 14.11 - Qui muore il calcio italiano, condannato dall'improvvisazione, le cattive abitudini, il malcostume di chi pensa che ce la farà per qualche bislacco diritto divino. Qui muore il calcio italiano. E ci fa male, malissimo, ma guardiamoci in faccia: è dannatamente giusto così. Qui...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tifiamo Italia ma cambiamola da subito: 4 proposte per riformare serie A, B, C e D. Marotta, il problema non è la chiusura tardiva del mercato... 13.11 - Questa sera l'Italia del pallone, e non solo, si ferma. Come fosse una finale del Mondiale, il fiato sospeso per l'importanza della gara. Tutti su Rai 1 a tifare gli azzurri sbiaditi. Non è la finale di un Mondiale e neanche una semifinale. Un play off per farlo il Mondiale. Giochi...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.