HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Inter, Sanchez ko: fiducia a Esposito o ritorno sul mercato?
  Avanti con Politano, Lukaku e Lautaro Martinez: sono più che sufficienti alle esigenze di Conte
  Occhi sul mercato, sia quello degli svincolati che invernale
  Fiducia al giovane Esposito: sarà lui a completare la batteria di attaccanti nerazzurri

La Giovane Italia
Editoriale

Inter-Icardi, Mauro indossa tu i pantaloni. Ridateci l'albo degli agenti e basta con mogli improvvisate. Gonzalo, resta dove sei. Capotondi, per favore risparmiaci le lezioni e torna a fare cinema

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
14.01.2019 00:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 29949 volte

La "telenovela" Icardi è un finto problema per l'Inter ma quando il campionato è fermo fa tutto brodo. Per Wanda, per i giornali e per le tv. Parliamo di Icardi perché fa notizia. La notizia, comunque, non c'è se non che Mauro vuole più soldi ma ancora non ha capito come fare le trattative con l'Inter. Partiamo da un presupposto. Icardi merita 10 milioni di euro a stagione? 10 forse no, 7-8 si. A 10 arrivi ma se... fai X gol, la squadra va in Champions e tu sei un professionista esemplare. Insomma, i 10 milioni di euro devono essere legati al rendimento del calciatore e della squadra. Il problema del rinnovo non si pone. Parliamo di adeguamento sì ma non di rinnovo. Tanto se il Real Madrid arriva con la vagonata di soldi, l'Inter è libera di pensarci se cederlo sia che scada al 2021 o al 2023. Per questo è un falso problema la scadenza. Lo sa bene l'Inter, come lo sanno Mauro e Wanda. Oggi è solo un gioco al rialzo dello stipendio. Ci sta perché Mauro dimostra di meritare i soldi che chiede. Milione in più o milione in meno. Quello che sbagliano "Gli Icardi" sono i metodi, i tempi e la strategia comunicativa. I tweet illusori per poi scoprire che si trattava di un contratto per sponsor tecnico, le finte minacce e le pressioni. Wanda Nara non è nata agente di calciatori. Lo è diventata perché Icardi si è innamorato di lei. Un conto è fare la moglie, dove giustamente può dare tutti i consigli che vuole al marito, ma un altro conto è fare le strategie di mercato e trattare per conto del marito. Ognuno deve fare il proprio mestiere. Wanda non fa la procuratrice. Se poi aggiungi anche che ti metti a fare l'opinionista televisiva, capirai bene, che incompatibilità fa rima con incapacità. Ci spiace perchè Wanda è simpatica, ci piace come persona, come gestisce le sue cose extra calcio, mamma amorevole e moglie attenta; forse troppo. Il lavoro, però, è lavoro e Mauro è il colpevole numero uno di questa storia. Icardi ha bisogno di un Professionista, con la P maiuscola volutamente, che lo segua. Dalla A alla Z. Dal contratto alla gestione dell'immagine. Se un giorno dovesse andare al Real Madrid, Wanda dovrebbe abbassare un pò i toni e non capiamo perché non lo inizi a fare all'Inter. Icardi, oltre i pantaloncini in campo, dovrebbe indossare i pantaloni in casa. Se la strategia è avallata anche dall'attaccante, allora, è peggio perché non si accorge che rischia di diventare un suo limite. Al di là di Wanda, usciamo dagli schemi del singolo, la categoria dei procuratori va definita una volta per tutte. Per fortuna torna l'albo ma deve tornare con i suoi diritti e i suoi doveri. Non può essere una categoria protetta ma non può essere neanche una giungla. I professionisti del settore sono sempre meno. Le nuove leve non conoscono neanche i regolamenti e, ormai, è una foresta dove gli animali si muovono indisturbati senza avere una guida. Come in tutte le categorie ci sono professionisti esemplari e impostori ma, negli ultimi anni, i secondi hanno preso il sopravvento sui primi. Quelli che sono invecchiati non hanno saputo creare un cambio generazionale e anche la storia degli Avvocati ha stufato. Se sei un avvocato non puoi essere di diritto un procuratore. Se sei procuratore puoi avere anche un allenatore in scuderia. Cosa che già tutti fanno. Basta ipocrisia e mezzucci. I calciatori devono avere, per forza, un procuratore. Anche se sei parente di Ronaldo devi fare il concorso. I procuratori devono poter gestire gli allenatori e il procuratore non può lavorare sia per la società che per il suo assistito. Non si può mangiare con due mani. O fai il procuratore o l'intermediario. Deciditi. Le procure non devono essere pagate dalle società ma le società devono mettere la percentuale in busta paga al calciatore e il calciatore si paga il suo agente.
Tornando al mercato, tema Milan. Siamo ad un bivio e sarà la settimana decisiva. Sarri vuole Higuain, Higuain vuole Sarri, Gattuso vuole Higuain, la Juventus vuole i soldi e il Milan non li ha. Come la mettiamo? Un mezzo pasticcio. E' una operazione che, farla da qui al 31 gennaio, rischia di lasciare sul campo morti e feriti. Chi rischia di più è Gattuso perché se, sul più bello, perdi l'attaccante di riferimento diventa un disastro. Dovresti trovare, numericamente, due alternative ma come fai a trovarle se già fatichi a trovarne una decente? Higuain deve restare al Milan anche per dimostrare di non andare via da sconfitto. A fine anno sarà poi un problema di Leonardo capire come e dove trovare i soldi da dare alla Juventus.
In chiusura, non essendoci il campionato, torno sulla numero 2 della Lega Pro. Il mio pensiero l'ho già espresso ma siccome continua a rilasciare interviste su tutti i temi calcistici, quelli non importanti, torniamo sul tema. La Signora Capotondi, come il discorso di sopra per Wanda Nara, dovrebbe fare il mestiere che meglio le riesce. L'attrice. Se ha sempre fatto cinema, e anche a grandi livelli, nella sua vita oggi non può improvvisarvi politica di calcio. Perché di calcio non capisce nulla e perché non conosce regolamenti, dinamiche e criticità di un mondo che va ricostruito e non preso ulteriormente a martellate. Ogni sua apparizione televisiva è un boomerang per il sistema. Parla della Roma, della Supercoppa italiana e non parla mai dell'unico vero incarico che ha ricevuto. La Vice Presidenza della Lega Pro. Sono saltate società come Pro Piacenza e Matera, la Reggina ha cambiato proprietà, le società non arrivano a fine mese, gli stadi sono indecenti e i calciatori vivono in situazioni indecenti. E abbiamo il numero 2 della Lega che non affronta mai l'argomento? Certo, su queste cose deve intervenire Ghirelli come Presidente di Lega ma se viene intervista la Capotondi e non affronta mai l'argomento perché la teniamo in carica? Non voglio fare la domanda perché ho paura della risposta: la Capotondi, per fare il vice presidente di Lega Pro, viene anche pagata? Solo una curiosità personale. Mi scuso.
P. S. Presidentessa, bello l'ultimo film di Natale...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Matic, l’Inter alza il pressing.  Rakitic, Milinkovic e Tonali gli altri obiettivi. Leonardo vuole Paquetà. Mandzukic sempre più United, vicini i rinnovi di Cuadrado, Matuidi e Szczesny 19.10 - Matic è l’ipotesi più concreta per l’Inter in vista di gennaio. La società nerazzurra non ha ancora programmato in maniera definitiva le sue mosse, ma se ci dovessero essere i presupposti per un centrocampista in grado di alzare ulteriormente il livello qualitativo del reparto si...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Napoli, salta tutto. Adl attacca Insigne, Mertens e Callejon. E mette in vendita Koulibaly. Milan in rosso, giallo Donnarumma. Elliott aspetta lo stadio per vendere e rientrare. Inter, Conte vuole un centrocampista. Ibra, un segnale 18.10 - Ci sono giorni in cui ti prende così e ieri è stato uno di quei giorni in cui Adl, Aurelio De Laurentiis rigorosamente con due i per l’anagrafe, prende cappello e sbotta contro tutto e tutti. Non è la prima volta e non sarà l’ultima, il carattere non lo cambi a settant’anni, la diplomazia...

Editoriale DI: Luca Marchetti

I pensieri in casa Napoli, Milan più rosso che nero, l’Inter stringe i denti (fino a gennaio) 17.10 - A Napoli il processo di crescita continua, ma come in tutte le cose ci sono dei passaggi obbligati e dei nodi da sciogliere. Fra questi sicuramente il rapporto fra Insigne e Ancelotti, che deve essere chiarito fino in fondo, dopo le ultime decisioni dell’allenatore (la tribuna in...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Ecco i 23 convocati per Euro2020. In 16 sono già sicuri: Bernardeschi e Zaniolo devono migliorare, ma il nome a rischio più clamoroso è Romagnoli. Balotelli? No, a meno che... 16.10 - “Se erano qua è perché crediamo in questi giocatori, ma è anche vero che a giugno purtroppo qualcuno bravo dovrà rimanere a casa”. La frase di Roberto Mancini su Di Lorenzo e Cristante, in coda al record di 9 vittorie consecutive raggiunto contro il Liechtenstein, è più importante...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: la verità (sensata) di De Ligt. Inter: gli infortuni, il comandamento di Conte” e le panzane sul “vice Lukaku”. Milan: la logica sulla scelta di Pioli e le mezze verità di Silvio. Italia: è tutto bello, ma non esageriamo 15.10 - Ciao. Il dramma della pausa per la nazionale è che porta con sé molti effetti collaterali a contorno. Il primo è che tutti quelli che parlano di calcio si ritrovano spaesati, non sanno che dire, e allora pur di non ritrovarsi senza opinioni esprimono il loro giudizio su altri argomenti:...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan e Samp, servono i cambi di mentalità. Napoli, per Ancelotti l'anno della verità. Petrachi, se pensi una cosa non ritrattare... 14.10 - Ringraziamo Milan e Sampdoria che ci hanno consentito di lavorare in una settimana, quelle delle Nazionali, che è una autentica mazzata per giornalisti e tifosi. Queste continue soste spezzano e, consentitemi, falsano il campionato. Troppe pause, troppe volte i calciatori devono andare...

Editoriale DI: Andrea Losapio

Bentornata Italia. Inter, perché Lazaro? Milan e Sampdoria, scelte diverse ma uguali: uno paga 150 milioni di euro, altri sbandierano trattative per la cessione, autodestabilizzandosi. De Laurentis e Icardi, l'ammissione di non voler spendere 13.10 - La settima vittoria consecutiva manda Roberto Mancini e la sua Italia agli Europei. Ora c'è il Liechtenstein e il record di Vittorio Pozzo a una sola lunghezza, probabilmente verrà pareggiata proprio nella prossima. Facendo l'avvocato del Diavolo, però, c'è da sottolineare come -...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Milan, Pioli merita fiducia. Primo passo: recuperare Piatek e lanciare Rebic. Inter per giugno obiettivi Tonali e Van de Beek. Napoli, Hysaj verso la Roma. Genoa, tieniti stretto Andreazzoli. Samp, Ranieri non basta 12.10 - Pioli merita fiducia. Non credo sia giusto giudicare a priori chi ancora non ha cominciato a lavorare. Il Milan ha una storia gloriosa e un passato fantastico ma se da 7 anni non riesce ad alzare la testa a certi livelli ci sarà pure un perché. La ripartenza è sempre stata difficile...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Milan, tutta colpa di Elliott. Il fondo deve vendere subito se vuole il bene del Club e non solo dei suoi conti. Boban e Maldini, che delusione. Inter tra Rakitic e Matic per gennaio. La Juve vuole Emerson Palmieri. Ranieri-Samp, ci siamo 11.10 - Con il Milan in pieno caos, dalla Cina arriva la notizia di un’inchiesta su mister Yonghong Li. I cinesi, a quanto pare, vogliono sapere come e dove il presunto magnate con gli occhi a mandorla, abbia fatto i soldi per comprare il Milan. Di riffe e di raffa circa un miliardo di euro....

Editoriale DI: Luca Marchetti

Il Milan e i cambiamenti: un’altra ripartenza. La Samp e una scelta complicata 10.10 - Si è presentato Pioli, ma soprattutto hanno parlato nuovamente Gazidis, Maldini e Boban, nella conferenza stampa del loro nuovo allenatore. Le speranze di Pioli, i suoi buoni propositi, il suo modo di porsi e le idee che intende portare fanno sicuramente parte del suo mondo, del...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510