VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
Editoriale

Inter, il vice del vice è quello giusto. Roma, troppe cessioni. La rivoluzione spaventa Eusebio. Zamparini non cambi mai: la solita minestra

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
03.07.2017 00:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 54920 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Luglio sarà il mese dell'Inter ma fare troppi acquisti o troppe cessioni potrebbe portare ad una confusione generale. Siamo certi che Sabatini farà una grande campagna acquisti ma siamo ancora scettici sulla qualità della rosa che riuscirà a mettere insieme. Finora il calcio boccia, senza mezzi termini, l'operato di Suning. Un disastro in Cina, che continua, e un primo anno di errori ed incertezze all'Inter tra allenatori cambiati e soldi buttati per calciatori strapagati. I soldi, se non usati bene, servono a poco. Consulenti sbagliati, troppi direttori e allenatori lasciati in balia di tifosi e risultati. Adesso l'Inter ha ufficializzato anche l'arrivo di Dario Baccin, ex responsabile del settore giovanile del Palermo e per qualche mese anche Direttore Sportivo dei siciliani. Baccin è bravo, ottimo dirigente e persona perbene. Uno come lui farebbe bene a tutte le società italiane. La domanda è un'altra: già Ausilio è fuori dai giochi e conta quanto il sottoscritto alla Casa Bianca ma a cosa serve un vice di Ausilio? Domande misteriose. Baccin o deve prendere il posto di Samaden, in quanto responsabile del settore giovanile, ma sarebbe una follia visti i risultati e l'ottimo lavoro di Samaden in questi anni, o dovrebbe prendere il posto di Ausilio per affiancare Sabatini e sarebbe perfetto in questo ruolo. Siccome, però, l'Inter è ingabbiata dai contratti, continua a prendere dirigenti senza liberarsi di quelli che considera dei pesi ingombranti. Il mercato di Ausilio è stato spazzato via in due settimane da Sabatini. Tutto quello che aveva fatto Piero è stato cancellato da Walter. Non c'è unione di intenti su nulla e il rischio confusione che ne deriva è elevatissimo. Invece l'Inter ha bisogno di semplicità nell'anno zero della ripartenza. Spalletti è un ottimo allenatore, inteso come tecnico e tattico, ma come gestore del gruppo viene risucchiato dalla confusione se si trova in un posto dove c'è poca chiarezza dei ruoli. E ripetiamo che dalla Cina non si può comandare. Avete mai visto un ristoratore che delega fare affari? Io no. I cinesi del Milan, dopo la presentazione, sono scomparsi e dopo aver fatto la parte economica hanno lasciato la parte tecnica e gestionale nelle mani di Fassone. Nel bene o nell'eventuale male. A fine stagione si traccerà una linea. I risultati conseguiti da Suning in Cina, fin qui, non fanno ben sperare perché - nonostante gli investimenti - la squadra non gira. L'Inter deve comprare gente utile per l'immediato e soprattuto deve smetterla di farsi prendere per il collo da procuratori e intermediari perché ormai tutti sanno che l'Inter paga bene. Basta casi Kondogbia, Joao Mario e Gabigol.
A Roma iniziano a preoccuparsi. E fanno bene. Pur confermando la totale fiducia in Monchi, anche perché siamo amanti degli stranieri e del fascino di quelli che ne sanno più di noi, almeno all'apparenza i tifosi della Roma iniziano ad essere preoccupati. Troppe cessioni eccellenti, molti nomi in entrata e tante scommesse, anche se Monchi va sul sicuro e noi ci fidiamo. Ma le rivoluzioni drastiche spaventano sempre un po'. Il rischio di non amalgamare il gruppo è elevato e attenzione alla gestione di un giovane allenatore come Di Francesco che passerà da un Sassuolo Made in Italy a una Roma tutta straniera. Allenare tanti stranieri non è mai semplice, figuriamoci se diamo una squadra completamente nuova ad un allenatore che è ancora inesperto e che dovrà misurarsi in due competizioni, oltre la Coppetta Italia. Di Francesco, ovviamente non aveva l'organico giusto per la doppia competizione, ha già fatto fatica a Sassuolo. Il rischio di non reggere Champions-Campionato c'è e la Roma deve capire che con Milan e Inter che stanno tornando non può rischiare di restare fuori dalla Champions. Di Francesco è un punto di domanda. Buon allenatore per squadre di medio livello, giovane e preparato ma la Champions è un altro calcio, così come allenare la Roma non è una passeggiata in riva al mare. Tante scommesse affidate ad una scommessa non è il massimo della sicurezza.
La sicurezza, invece, è il Palermo. Zamparini non si smentisce mai. La solita minestra sbattuta sotto il naso di tifosi e giornalisti facendo credere di voler cedere e bruciando l'immagine del primo passante. Va bene che l'abito non fa il monaco ma potevamo mai pensare che uno come Baccaglini potesse gestire un club importante e glorioso come il Palermo? Ma lo avete visto? Può un potenziale Presidente mostrare in conferenza stampa il capezzolo per sventolare ai sette venti il tatuaggio del Palermo? Può fare il Presidente del Palermo uno che si faceva fotografare nudo con i limoni? Va bene che nel calcio, ormai, ci sono cani e porci però un minimo di selezione all'ingresso la fanno ancora anche al Tocqueville. Zamparini è diventata la barzelletta di se stesso. Dopo due mesi ci dice che si riprende tutto perché l'acquirente non ha fornito le giuste garanzie. Nel frattempo, però, lo ha eletto Presidente, lo ha presentato e gli ha affidato "virtualmente" squadra e società. Casomai doveva prima ricevere le garanzie giuste e poi dargli le chiavi di casa. Anche io ho un acquirente per casa mia ma prima di fare il rogito gli ho chiesto i soldi, fideiussioni e garanzie bancarie, altrimenti non potrà più neanche mettere il dito sul tasto del citofono. Figuriamoci che controlli devono esserci per comprare il Palermo. Ultima riflessione: stimiamo molto Tedino ma è stato un pazzo, dopo tanti sacrifici e tanta gavetta, ad aver accettato Palermo. Tutto doveva fare ma un allenatore sulla cresta dell'onda non avrebbe mai dovuto accettare di finire in quel frullatore. Capiamo la posizione di Lupo che in serie B non avrebbe più fatto il Direttore neanche nel 2030 e ha fatto bene ad accettare quello che passava il Convento ma Tedino no. Una follia del genere rischia di restargli sullo stomaco nel momento più bello del pranzo.
Buona digestione. Limoncello per tutti... I limoni li porta Baccaglini.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Tavecchio a casa, forse. Ventura fuori Paese ma attenzione ai successori. Gravina? C... Piace! Allegri, sveglia questa Juve. Palermo? Ve lo avevamo scritto un anno fa... 20.11 - E' successo l'impensabile e, allora, è giusto che si volti pagina perché il calcio è un'azienda e bisogna rispettare la meritocrazia. Prandelli e Abete salvarono la faccia e la dignità, qui non c'è stata né la faccia né la dignità. Un Mondiale si può sbagliare ma addirittura non salire...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il disastro economico-sportivo di Tavecchio e Ventura: gli effetti sulle tasche degli italiani e pure sul mercato. Ancelotti, gli specchietti per le allodole e il nome che serve. Allenatori e giocatori: la ricetta per cambiare davvero 19.11 - Carlo Tavecchio che scarica il barile, le colpe e versa pure lacrime rabbiose e di frustrazione no. Carlo Tavecchio ancora in sella, neppure. Invece son due fotografie che questi giorni regalano, istantanee e video che arrivano e che resteranno a lungo in un calcio italiano destinato...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, crocevia Usa. La Nazionale riparte dal Milan. Perisic e i giocatori che vanno attesi 18.11 - Se il New York Times arriva ad occuparsi del Milan, vuol dire che il Milan fa gola. Stupiscono, ma forse fino ad un certo punto, i tempi scelti per lanciare la bomba mediatica, da un autorevole quotidiano che comunque negli ultimi due anni non era mai entrato nelle vicende del closing...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Collina l’uomo nuovo per la Federcalcio. Ancelotti, no alla Nazionale. Non farà la foglia di fico di Tavecchio che deve solo andar via. La colpa è sua: non ha capito la guerra fra Ventura e i giocatori. Tutti i retroscena. L’ex Ct via dall’It 17.11 - C’è solo un uomo in grado di cambiare il calcio in Italia e di rilanciarlo verso il futuro con interventi radicali e riforme illuminate e quell’uomo si chiama Pierluigi Collina. L’attuale capo degli arbitri della Fifa è l’unica personalità di livello mondiale spendibile dal paese...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non è una questione di nomi, ma di programmi. E stavolta sul serio... 16.11 - Lunedì. Lunedì sarà il giorno in cui ci saranno le risposte. Le proposte che Tavecchio (che non si è dimesso) presenterà il nuovo programma da cui ripartire. Uomini e idee. E' lì che si giocherà la vera partita, è lì che misureremo la voglia di cambiamento del movimento calcio italiano. Delle...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Nazionale interessa davvero? Allora nuova “regola”: cinque italiani in campo (minimo) in ogni club!!! 15.11 - La delusione è ancora forte, quasi insostenibile. Come era prevedibile, tutti si sono inorriditi per quanto successo. L’Italia fuori dal Mondiale, una catastrofe, un’apocalisse, la morte del calcio italiano. Tanti presidenti di club si sono espositi in prima persona… Tutti avviliti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Qui muore il calcio italiano 14.11 - Qui muore il calcio italiano, condannato dall'improvvisazione, le cattive abitudini, il malcostume di chi pensa che ce la farà per qualche bislacco diritto divino. Qui muore il calcio italiano. E ci fa male, malissimo, ma guardiamoci in faccia: è dannatamente giusto così. Qui...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tifiamo Italia ma cambiamola da subito: 4 proposte per riformare serie A, B, C e D. Marotta, il problema non è la chiusura tardiva del mercato... 13.11 - Questa sera l'Italia del pallone, e non solo, si ferma. Come fosse una finale del Mondiale, il fiato sospeso per l'importanza della gara. Tutti su Rai 1 a tifare gli azzurri sbiaditi. Non è la finale di un Mondiale e neanche una semifinale. Un play off per farlo il Mondiale. Giochi...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Italia, i colpevoli dopo martedì. Esonerare Ventura ora è inutile, magari due partite fa... L'ombra di Conte e gli errori di Tavecchio 12.11 - Il giorno dei processi non è ancora arrivato. Sarà in ogni caso quello di martedì, perché la partita della Friends Arena, pur difficile come dimostrato già dalla sconfitta dei nostri cugini francesi, ha scavato l’ennesimo solco incolmabile fra la Nazionale di Ventura e la realtà....

EditorialeDI: Mauro Suma

Italia, un palo che non trema. Milano, Herrera e i criteri del Comune. Pirlo, freddezza rossonera 11.11 - Han fatto quello che hanno voluto. Ci hanno tenuti bassi nel primo tempo e ci han fatto venire fuori nel secondo. In attesa dell'attimo buono, che hanno artigliato prima e gestito con disinvoltura poi. Non sono solo chiacchiere e zazzera bionda questi svedesi. Il peggior sorteggio...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.