HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Cristiano Ronaldo alla Juve: ora chi andrà via?
  Gonzalo Higuain
  Miralem Pjanic
  Daniele Rugani
  Paulo Dybala
  Alex Sandro
  Più di un big
  Nessuno

Editoriale

Inter, il vice del vice è quello giusto. Roma, troppe cessioni. La rivoluzione spaventa Eusebio. Zamparini non cambi mai: la solita minestra

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
03.07.2017 00:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 55182 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Luglio sarà il mese dell'Inter ma fare troppi acquisti o troppe cessioni potrebbe portare ad una confusione generale. Siamo certi che Sabatini farà una grande campagna acquisti ma siamo ancora scettici sulla qualità della rosa che riuscirà a mettere insieme. Finora il calcio boccia, senza mezzi termini, l'operato di Suning. Un disastro in Cina, che continua, e un primo anno di errori ed incertezze all'Inter tra allenatori cambiati e soldi buttati per calciatori strapagati. I soldi, se non usati bene, servono a poco. Consulenti sbagliati, troppi direttori e allenatori lasciati in balia di tifosi e risultati. Adesso l'Inter ha ufficializzato anche l'arrivo di Dario Baccin, ex responsabile del settore giovanile del Palermo e per qualche mese anche Direttore Sportivo dei siciliani. Baccin è bravo, ottimo dirigente e persona perbene. Uno come lui farebbe bene a tutte le società italiane. La domanda è un'altra: già Ausilio è fuori dai giochi e conta quanto il sottoscritto alla Casa Bianca ma a cosa serve un vice di Ausilio? Domande misteriose. Baccin o deve prendere il posto di Samaden, in quanto responsabile del settore giovanile, ma sarebbe una follia visti i risultati e l'ottimo lavoro di Samaden in questi anni, o dovrebbe prendere il posto di Ausilio per affiancare Sabatini e sarebbe perfetto in questo ruolo. Siccome, però, l'Inter è ingabbiata dai contratti, continua a prendere dirigenti senza liberarsi di quelli che considera dei pesi ingombranti. Il mercato di Ausilio è stato spazzato via in due settimane da Sabatini. Tutto quello che aveva fatto Piero è stato cancellato da Walter. Non c'è unione di intenti su nulla e il rischio confusione che ne deriva è elevatissimo. Invece l'Inter ha bisogno di semplicità nell'anno zero della ripartenza. Spalletti è un ottimo allenatore, inteso come tecnico e tattico, ma come gestore del gruppo viene risucchiato dalla confusione se si trova in un posto dove c'è poca chiarezza dei ruoli. E ripetiamo che dalla Cina non si può comandare. Avete mai visto un ristoratore che delega fare affari? Io no. I cinesi del Milan, dopo la presentazione, sono scomparsi e dopo aver fatto la parte economica hanno lasciato la parte tecnica e gestionale nelle mani di Fassone. Nel bene o nell'eventuale male. A fine stagione si traccerà una linea. I risultati conseguiti da Suning in Cina, fin qui, non fanno ben sperare perché - nonostante gli investimenti - la squadra non gira. L'Inter deve comprare gente utile per l'immediato e soprattuto deve smetterla di farsi prendere per il collo da procuratori e intermediari perché ormai tutti sanno che l'Inter paga bene. Basta casi Kondogbia, Joao Mario e Gabigol.
A Roma iniziano a preoccuparsi. E fanno bene. Pur confermando la totale fiducia in Monchi, anche perché siamo amanti degli stranieri e del fascino di quelli che ne sanno più di noi, almeno all'apparenza i tifosi della Roma iniziano ad essere preoccupati. Troppe cessioni eccellenti, molti nomi in entrata e tante scommesse, anche se Monchi va sul sicuro e noi ci fidiamo. Ma le rivoluzioni drastiche spaventano sempre un po'. Il rischio di non amalgamare il gruppo è elevato e attenzione alla gestione di un giovane allenatore come Di Francesco che passerà da un Sassuolo Made in Italy a una Roma tutta straniera. Allenare tanti stranieri non è mai semplice, figuriamoci se diamo una squadra completamente nuova ad un allenatore che è ancora inesperto e che dovrà misurarsi in due competizioni, oltre la Coppetta Italia. Di Francesco, ovviamente non aveva l'organico giusto per la doppia competizione, ha già fatto fatica a Sassuolo. Il rischio di non reggere Champions-Campionato c'è e la Roma deve capire che con Milan e Inter che stanno tornando non può rischiare di restare fuori dalla Champions. Di Francesco è un punto di domanda. Buon allenatore per squadre di medio livello, giovane e preparato ma la Champions è un altro calcio, così come allenare la Roma non è una passeggiata in riva al mare. Tante scommesse affidate ad una scommessa non è il massimo della sicurezza.
La sicurezza, invece, è il Palermo. Zamparini non si smentisce mai. La solita minestra sbattuta sotto il naso di tifosi e giornalisti facendo credere di voler cedere e bruciando l'immagine del primo passante. Va bene che l'abito non fa il monaco ma potevamo mai pensare che uno come Baccaglini potesse gestire un club importante e glorioso come il Palermo? Ma lo avete visto? Può un potenziale Presidente mostrare in conferenza stampa il capezzolo per sventolare ai sette venti il tatuaggio del Palermo? Può fare il Presidente del Palermo uno che si faceva fotografare nudo con i limoni? Va bene che nel calcio, ormai, ci sono cani e porci però un minimo di selezione all'ingresso la fanno ancora anche al Tocqueville. Zamparini è diventata la barzelletta di se stesso. Dopo due mesi ci dice che si riprende tutto perché l'acquirente non ha fornito le giuste garanzie. Nel frattempo, però, lo ha eletto Presidente, lo ha presentato e gli ha affidato "virtualmente" squadra e società. Casomai doveva prima ricevere le garanzie giuste e poi dargli le chiavi di casa. Anche io ho un acquirente per casa mia ma prima di fare il rogito gli ho chiesto i soldi, fideiussioni e garanzie bancarie, altrimenti non potrà più neanche mettere il dito sul tasto del citofono. Figuriamoci che controlli devono esserci per comprare il Palermo. Ultima riflessione: stimiamo molto Tedino ma è stato un pazzo, dopo tanti sacrifici e tanta gavetta, ad aver accettato Palermo. Tutto doveva fare ma un allenatore sulla cresta dell'onda non avrebbe mai dovuto accettare di finire in quel frullatore. Capiamo la posizione di Lupo che in serie B non avrebbe più fatto il Direttore neanche nel 2030 e ha fatto bene ad accettare quello che passava il Convento ma Tedino no. Una follia del genere rischia di restargli sullo stomaco nel momento più bello del pranzo.
Buona digestione. Limoncello per tutti... I limoni li porta Baccaglini.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Bonucci, Donnarumma e Suso via dal Milan: oggi si saprà. Sarri vuole Reina, in ballo Morata. Cavani e il Napoli, dalla Francia insistono. E la suggestione continua anche per Luigi De Laurentiis... 20.07 - Soltanto oggi sapremo se il Milan giocherà o meno l’Europa League, il Tas si è preso qualche ora in più per decidere. Da questa sentenza dipenderà molto del futuro di Bonucci, Donnarumma e Suso. Senza l’Europa ci sarà un’altra perdita di una ventina di milioni e una ricaduta negativa...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Alisson al Liverpool e il giro dei portieri, la Juve fra Higuain, Rugani e Pjanic. Il Milan fra TAS, Elliot e mercato. Un mese in apnea (non solo per il mercato) 19.07 - Ormai Alisson è un giocatore del Liverpool. E così a spuntarla è stata il terzo, che si prende uno dei portieri più forti del mondo, sicuramente il più caro. Lo ha seguito il Real che però non ha mail voluto affondare il colpo perché non convinto di voler spendere così tanto. Ci ha...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Qui Radio Mosca: c’è qualcosa che nessuno vi ha detto sul Mondiale. Che forse sentite lo stesso. Perché chi se ne frega che abbia vinto la Francia o la Croazia (beh certo, fosse stata l’Italia…) 18.07 - Qui Radio Mosca, è l’ultima corrispondenza di Russia2018, siamo sul treno per San Pietroburgo per disperdere la malinconia per questo Mondiale che si allontana nel tempo e che dice a ognuno di noi che si chiude un periodo della nostra vita, ché ammettiamolo: tutti ragioniamo scandendo...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: la lezione di Ronaldo, il nodo-Higuain e gli alibi agli avversari. Inter: da Perisic a Icardi, il cambio di rotta dei critici a prescindere (e occhio a centrocampo). Napoli "vede" Cavani. E il Milan sceglie il suo bomber (Morata o...) 17.07 - “Cristiano Ronaldo fa la cacca anche lui”. Era la grande lezione di vita di mio nonno: “Quando qualcuno ti sembra inarrivabile, lontano, quando hai paura e ti senti in difetto, ricordati che fa la cacca anche lui. In un attimo lo vedrai sotto altri occhi”. Questa grande pillola di...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Benvenuti al Ronaldo day. Tra depistaggi e ombre. Higuain, giusto andare. Milan, cambiare ora non avrebbe senso. Napoli, ripetersi così è difficile... 16.07 - Ci siamo! Il momento, di mercato, più atteso degli ultimi 30-50 anni è arrivato. Ronaldo, il più forte del mondo, alla Juventus, la più forte d'Italia. In questa settimana il calcio italiano si è diviso in due; come sempre: c'è chi ha visto il vantaggio solo per la Juventus e chi,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

CR7 a Torino è un colpaccio per la Juventus, non per la Serie A. In Italia (e non solo) va avanti il monopolio e il risultato finale sarà uno solo: la nascita della Superlega 15.07 - Se ne sono dette tante, troppe. E forse è anche giusto così. Perché Cristiano Ronaldo è un acquisto che almeno per qualche giorno ha riportato l'Italia al centro del mondo calcistico. Ha risvegliato i sogni e riportato con la memoria indietro nel tempo, quando i grandi campioni -...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Inter, assalto a Vrsaljko e Dembelé. Per Milinkovic Savic ora c’è il Real. Higuain e Rugani verso il Chelsea, che pensa anche ad Alisson. Florenzi rinnova fino al 2023 14.07 - L’Inter non si ferma e tenta il doppio colpo. Ausilio continua a lavorare per provare a chiudere altri due acquisti. A centrocampo l’obiettivo è Dembélé. Il belga è fortemente tentato dall’idea di misurarsi nel campionato italiano. La presenza di Nainggolan è uno stimolo in più per...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Cavani è la risposta del Napoli a Ronaldo. De Laurentiis tratta con il Psg, ingaggio da spalmare. Ma è il Milan il futuro di Giuntoli con Conte in panchina. Sarri e Zola firmano per il Chelsea. Juve lascia via libera al Real per Milinkovic Savic 13.07 - De Laurentiis ha incassato da signore (o quasi) il colpo del secolo messo a segno dalla Juventus. E adesso come risponderà all’acquisto di Ronaldo? Chi lo conosce bene sa che le dichiarazioni di questi giorni sono fumo per mascherare le intenzioni e la realtà. Non si prende un allenatore...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non solo Cristiano Ronaldo... la serie A risponde 12.07 - Cristiano Ronaldo alla Juventus ha avuto un’eco mediatica incredibile. E questo è solo l’assaggio di quello che succederà in Italia da adesso in poi. A cominciare da lunedì, quando ci sarà il CR7-day. Arrivo, visite mediche, conferenza stampa e presentazione. Poi da lì in poi inizierà...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

La Juventus porta avanti il calcio italiano riportando indietro l’orologio di 20 anni: entriamo in una nuova era. Nella storia del calcio italiano solo il passaggio di Ronaldo all’Inter è paragonabile, ecco perché 11.07 - Qui Radio Mosca, ma il terremoto di Torino è arrivato a ondate fino a qua. Qua dove sono io adesso, nel Media Center dell’astronave aliena della Krushovka Arena di San Pietroburgo, qua dove c’era una semifinale dei Mondiali. Ah, c’era una semifinale dei Mondiali? Se ne sono accorti...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy