HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi è la favorita per la Champions 2018/2019?
  Barcellona
  Juventus
  Manchester United
  Liverpool
  Manchester City
  Ajax
  Porto
  Tottenham

La Giovane Italia
Editoriale

Inter in sala di attesa. Roma, per Monchi iniziano i primi test. Se il Milan non le chiude diventa tutto difficile. Da visionario a luminare: Faggiano ha vinto con Gervinho. E De Zerbi non sarà più solo bello…

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
24.09.2018 00:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 32523 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

In Italia conta solo una cosa: vincere! E fin qui siamo tutti d’accordo. Le prestazioni non vengono mai analizzate e, sinceramente, capiamo che l’unica medicina sono i tre punti. L’Inter non è guarita, ci mancherebbe, però in 4 giorni ha vinto due partite a tempo scaduto e alla Pinetina si lavora in maniera completamente diversa. E’ in sala di attesa Spalletti. Attende il gioco, certo. Attende di dare una quadratura alla sua squadra e di trovare l’assetto giusto con i nuovi. Almeno l’Inter vince in attesa di convincere. Quando segni alla fine è un buon segnale. La squadra non molla, ci crede e questo è un segnale di cattiveria. Certamente, una squadra come quella di Spalletti, dovrà mettere prima o poi in campo altre qualità: il gioco, il cinismo e l’organizzazione di squadra. In attesa di tutto ciò si vince e la polvere finisce sotto il tappeto. Spalletti avrà ancora tanto da lavorare ma se inizi a seminare bene prima o poi raccogli. Anche perché la squadra è forte ed è seconda solo alla Juventus. Una rosa così completa e così ricca l’Inter non l’aveva da anni. Non vincerà lo scudetto, certo, ma dovrà esserlo solo per manifesta superiorità dei bianconeri. Parlare di crisi a settembre è esagerato. Lo stesso discorso lo abbiamo fatto lunedì scorso con l’Inter. Non si può lanciare l’allarme dopo 4 giornate. Nel calcio ci vuole equilibrio anche se quando sei coinvolto è difficile averne. E’ più facile giudicare che operare. Su questo non ci sono dubbi. Però, nella Roma, c’è qualcosa che non va. Se il problema è Di Francesco non lo sappiamo. Sicuramente se le sue difese si ispirano al Maestro Zeman avrà vita breve sulla panchina giallorossa. A Bologna si sono viste cose inaudite per una squadra di fascia alta di serie A. Se fai una linea difensiva così, anche in C o in D, il martedì devi prendere la lavagnetta e spiegare le basi nello spogliatoio. Non è colpa dei singoli ma la colpa, in questo caso, è dell’allenatore che dovrebbe essere un tantino più accorto in difesa. Sta scadendo anche il tempo di Monchi. Si è presentato in Italia con una linea di credito forse esagerata. Noi, però, siamo amanti degli stranieri e quando crediamo che siano bravi stendiamo cento tappeti rossi. Monchi, finora, non ha ottenuto quanto i tifosi romanisti si aspettavano. E non è solo un problema di risultati. Ha piegato troppo presto la schiena nei confronti della sua proprietà vendendo calciatori importanti e, fin qui, senza aver lanciato campioncini del domani. Monchi è bravo, nessuno lo discute, ma forse in serie B ci sono Direttori italiani capaci quanto o più di lui. Basta cercare. Pallotta è il vero problema della Roma. Se fai calcio in Italia, guidando la società dagli Stati Uniti significa che non conosci il calcio e non conosci l’Italia. I Presidenti si devono far vedere e sentire e, quando c’è bisogno, devono anche far tremare i muri dello spogliatoio. Nel rispetto dei ruoli ci sono cose che solo i Presidenti possono fare. Monchi è rinviato a giudizio. Per il momento non è colpevole ma neanche il genio che tutti ci aspettavamo.
E’ da poco finita la partita del Milan e se fossi nel mio amico Rino mi butterei cinquanta volta con la testa nel muro. Stanotte non dormirei e penserei alle mille occasioni create sull’1-0, alle cinquecento occasioni create sul 2-1 e non vinci la partita. Cosa deve fare di più un allenatore di mettere i propri uomini in condizione di fare gol? Il Milan gioca bene, parte forte ma manca di cinismo sotto porta. Suso non segna ma inventa, Higuain è il trascinatore, Biglia va ancora troppo lento e Chalhanoglu non è partito bene, ha bisogno di tempo. Il Milan, finora, ha raccolto meno di quello che meritava. Il problema è che, alla lunga, questi punti persi peseranno sull’economia della classifica generale. Tornare in campo subito aiuterà le squadre uscite depresse da questo week end. Donnarumma, non ditemi nulla, ma continua ad essere un pericolo costante. E’ vero che fa grandi parate, quando è tra i pali, ma la sua incostanza è pericolosissima. Fa uscite da kamikaze, non dà sicurezza al reparto, poi fa una grande parata e tutti ad applaudire. Il Milan ha bisogno di certezze e oggi se lì dietro continui a prendere un gol c’è da fare qualche intervento.
Le belle storie di questo avvio di stagione ci portano a Parma e Sassuolo. Il Parma, dopo la cavalcata dalla serie D alla serie A, ha trovato subito una bella quadratura. Merito di D’Aversa che ha dato identità e compattezza al gruppo. Si vede, eccome, la mano dell’allenatore. Geniali le intuizioni di mercato di Daniele Faggiano. A metà agosto aveva una squadra scoperta in tanti ruoli, poi in 7 giorni mentre i suoi colleghi erano al mare ha piazzato colpi importanti. Chiariamoci: il Parma si deve salvare e non deve pensare a fare voli pindarici ma quando parti così sei a metà dell’opera. Gervinho è uno spettacolo per gli occhi. Quando tutti consideravano l’ex romanista bollito, Faggiano lo riporta in Italia e dimostra a tutti che il mercato si fa anche con intelligenza e un pizzico di follia. Fosse stato un attaccante bruciato, Faggiano oggi sarebbe uno zimbello da prendere in giro. Le scommesse vanno fatte e le vinci solo se conosci la materia e hai carattere per esporti.
Tra le grandi di questo avvio di campionato c’è anche il Sassuolo. Stesso discorso del Parma. Il Sassuolo deve salvarsi e non puntare alla Champions League. Se, però, nell’estate in cui fai un gran mercato tra entrate ed uscite, porti soldi in cassa nel club e la squadra gioca così bene significa che c’è dietro la mano e il lavoro di un allenatore fin qui bello ma mai vincente. Mai vincente perché ha avuto la sana follia di sposare progetti morti prima di nascere. De Zerbi è il nuovo che avanza ma andava messo nelle condizioni di lavorare. Il Sassuolo gioca bene e ha idee basta vedere una partita dei neroverdi e si capisce subito che ogni calciatore, in campo, sa cosa deve fare. Tutti con un ruolo specifico. De Zerbi è l’allenatore 2.0. Ha grandi idee ma è soprattutto un grandissimo conoscitore della materia che vive 24 ore al giorno del suo lavoro. Arriva dal basso e continua a seguire tutte le categorie. Ci sono pochi allenatori in Italia che sono così preparati. La scuola dei nostri allenatori è a livelli altissimi, peccato che la politica poi rovina tutto ed è come avere un fantastico astice ma con lo spaghetto crudo.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Dybala ha detto no all’Inter! Ecco i dettagli. La Juventus può perderlo, ma ecco le squadre in Premier per Paulo. Real Madrid insiste per Icardi, e venerdì è lcardi-day: quello che succederà, da cui dipende il futuro 20.03 - Essere interista non è mai normale, come recita lo stesso inno nerazzurro. E così può capitare che al giovedì ti umilino in casa in Europa League, e poi alla domenica tu giochi uno dei derby più gagliardi degli ultimi anni e in una delle condizioni più difficili. Allo stesso modo,...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve vs. Uefa: la decisone su Ronaldo (e quella già presa a prescindere). Inter: i 5 segreti di una battaglia vinta col cuore (e l'incontro pre-derby di Icardi). Milan: su Gattuso il solito banco degli imputati (con un’incredibile compagnia) 19.03 - Complimenti per la trasmissione. La differenza tra la pausa per la nazionale e la pausa per la nazionale dopo una vittoria è che ti rompi le balle lo stesso, ma con una bella faccia di tolla stampata sul volto. Il qui scrivente c’ha la faccia di tolla, perché temeva di essere suonato...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Le scuse ad Allegri e le scuse di Spalletti: trova la differenza. Napoli, la strada per essere grande si fa in salita. Bologna, Sinisa ha smontato la testa. Gravina-Brunelli-De Siervo, asse contro Di Maio che vuole far perdere al calcio 2 miliardi 18.03 - La Toscana non è uguale in tutte le sue città. Firenze non è Livorno, Siena non è Pisa e Forte dei Marmi non è Grosseto. Ognuna di queste ha le sue bellezze. Anche i toscani sono diversi tra di loro. Ci sono quelli simpatici che fanno ridere e quelli che vogliono fare i simpatici...

Editoriale DI: Marco Conterio

Il Mondo capovolto: la Juve clamorosamente tra le grandi favorite Champions. Ajax, talenti e delusioni cocenti. Messi o Cristiano Ronaldo? Lo scontro possibile e il derby di oggi. Tutto di un altro pianeta 17.03 - Adesso che il cerchio si stringe, su Tuttomercatoweb.com abbiamo aperto il sondaggio che di per se ha poco d'originale, tanto di banale ma che ha il gran dubbio della risposta finale. "Chi è la favorita per la Champions 2018/2019?". Otto opzioni, di fatto i lettori ne stanno votando,...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Napoli: Insigne, Koulibaly e Allan restano. Per il centrocampo c’è Fornals, in attacco Lozano prima scelta. Per il futuro di Allegri bisogna aspettare ancora, Conte e Deschamps nomi da monitorare. Il Real ripensa a Milinkovic Savic 16.03 - I motori si stanno scaldando. La Primavera in arrivo sta accendendo il mercato. Il Napoli è sempre molto attivo. Ancelotti e la società sono convinti di poter crescere ancora e per questo l’obiettivo è tenere tutti i big. Non c’è alcuna volontà di prendere in considerazione offerte...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Inter fuori dall’Europa paga caro il caso-Icardi. Un capitano vero avrebbe giocato. Zhang furioso lo vuole sul mercato. Derby ad alto rischio. Spalletti via, Conte ha chiesto tempo. Il caso Mourinho. 15.03 - L’Europa League era uno degli obiettivi stagionali, ora per non fallire completamente la stagione, all’Inter non resta che la caccia alla Champions, con il Derby alle porte, in un momento complicatissimo. Questa situazione drammatica è il frutto amaro del caso Icardi che da oltre...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Una Champions da sballo e il dominio inglese. L’orgoglio italiano di Napoli e Inter e la rivoluzione in casa Real 14.03 - Ora abbiamo le favolose 8 d’Europa. E nei giorni in cui si discute tantissimo della Brexit, le squadre della Premier danno un chiaro indirizzo: in Champions vogliono dettare loro la legge. L’ultima volta che si era verificato un evento del genere era esattamente 10 anni fa: Arsenal,...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Attenzione Icardi: contatto e offerta Real Madrid! E nel frattempo l’Inter proibisce l’incontro con Zhang Hanno ucciso Allegri. Allegri è vivo! Come può non essere la Juventus la favorita della Champions? 13.03 - Juve da Champions negli occhi di tutti, ma c’è la precedenza al notizione su Icardi. E anche se incombe il derby e l’attualità, attenzione alla novità. Nella giornata di lunedì il Real Madrid (proprio nelle stesse ore dell'arrivo di Zidane) ha contattato l’entourage di Icardi. Un...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: la scelta di Zidane e il futuro di Allegri… nel giorno del giudizio. Inter: la pace solo a parole tra Icardi e Spalletti. Roma: c’è un vero, grande acquisto 12.03 - La prima cosa che mi viene da scrivere è che Zidane è tutto tranne che rincoglionito. I rincoglioniti non sanno scegliere il momento giusto, lui ha mollato Madrid un anno fa, ha capito che questa per gli amici spagnoli sarebbe stata una stagione fetente, si è fatto l’anno sabbatico...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Juve, la notte verità. Inter, basta frecciatine. Spalletti-Marotta chiudetevi nello spogliatoio. Roma, follia pura. Foggia, “Nember One” Venezia, da Vecchi-Zenga a Cosmi la gondola non gongola 11.03 - Potete raccontarci quello che volete. La cena tra Agnelli e Allegri, la Champions che è un’ossessione della stampa e non del club, che la partita di domani sera con l’Atletico Madrid sarà una come tante altre. Sappiamo e sapete che non è così. Domani, a Torino, ci sarà un bivio. Se...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510