VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Mercato di gennaio: da quale big i colpi più importanti?
  Juventus
  Roma
  Inter
  Napoli
  Milan
  Lazio

Editoriale

Inter: Mancini-Ferguson, possibile Mihajlovic. Balotelli a Inter, Milano, Italia: voglio tornare. Agnelli-Conte: Allegri può mediare. Milan: Pazzini non si muove. Ischia: l'Isola in crisi attende Zavaglia

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
22.11.2014 00:00 di Mauro Suma   articolo letto 30598 volte

Roberto Mancini si è presentato in maniera molto sobria ed equilibrata. Gli anni british lo hanno fatto crescere. Meno spigoloso, meno avventato. Del resto il Mancio ha allenato a Manchester, là dove per anni sulla sponda opposta ha regnato Sir Alex Ferguson all'insegna del più puro aplomb britannico. In un doppio ruolo: quello di santone della panchina e di manager-nume tutelare del mercato e della dirigenza. Ruolo che al City era dello stesso tecnico di Jesi. Che in cuor suo ci ha preso gusto. Sa bene, Mancini, quanto sia difficile fare mercato oggi per qualsiasi squadra italiana. Lui poi ha sempre subìto il fascino del colpo che non ti aspetti, del giovane da portare nella sua squadra prima degli altri. La voce è forte: in estate Mancini e l'Inter potrebbero aggiornarsi, il rapporto potrebbe evolvere. Campo e scrivania, scrivania e campo per costruire una squadra interista giovane e proiettata verso il futuro, senza spese folli. Da Manchester a Milano: un Mancini alla Ferguson. E l'allenatore? Che domanda! Il solito importante punto di riferimento per il Mancio. Un tecnico che è nato e cresciuto insieme al nuovo tecnico interista e che sta facendo benissimo in riva al mare. E se a Sinisa Mihajlovic dovessero fischiare le orecchie, ebbene sì. Il riferimento è proprio a lui.

In Campania, dalle parti di Ischia, quando il telefono suona libero, si dice che il telefono "bussa". Ecco, Mario Balotelli chiama e bussa a molte porte. Sembra che a Liverpool proprio non si trovi. Le ultime situazioni azzurre non lo hanno agevolato, ma fra le altre cose Supermario pensa che giocare in Italia possa rendere più fluido anche il rapporto con la Nazionale. Il Liverpool non può prestare o cedere sotto costo il giocatore al Club da cui lo ha appena prelevato, per cui il Milan è fuori dai giochi. Anche la Juventus: Allegri sa quanto sia dura la gestione di Mario Balotelli. Ne restano quattro: l'Inter di Mancini, il Napoli e la sua piazza cara a Mario per tanti motivi, la Roma nel caso in cui dovesse partire Destro e la Fiorentina che, vedi Micah Richards, con il calcio inglese ha già imbastito diverse operazioni negli ultimi anni.

Antonio Conte è finito in mezzo. E non è abitato. Vuole indirizzare, controllare. La sua situazione umana e professionale in uscita dalla Juventus lo ha messo in attrito con un grande potentato tecnico italiano. E non gli ha giovato accettare la chiamata da una presidenza federale della quale Andrea Agnelli è tutt'altro che grande elettore. Sente la Juventus lontana. Ne avverte il clima di diffidenza. Si sente allo scoperto, poco protetto, poco tutelato. Lo ha sopportato per le prime settimane. Anche troppe per il suo carattere. La risposta-ghiacciolo del presidente Agnelli ha chiarito una volta per tutte che il destinatario del suo sfogo era uno e solo uno: la Juventus. Toccherà ad Allegri, che è tra i primi a non condividere certe modalità nell'organizzazione del lavoro di Conte, mediare e smussare. Per il bene dei suoi giocatori che alla Nazionale ci tengono. Non sarà facile, ma l'umore del Ct azzurro migliorerà quando finalmente ci sarà la prima visita a Vinovo. E pensare che era Agosto quando le grandi rivali Milan e Inter gli spalancavano sorridenti le porte di Milanello e Appiano...Fra un mese è Natale...

Tante voci di mercato, ma ai tifosi rossoneri arrivi il concetto forte e chiaro: Pazzini non si muove. Come del resto avevamo scritto qualche settimana fa, la prima preoccupazione del Pazzo è rafforzare il suo legame con il Milan. E non a caso dopo le rassicurazioni di Adriano Galliani di ieri, il centravanti rossonero è parso più rinfrancato. Tranquillizzato. Quindi niente Pazzini-Okaka e niente Pazzini-Matri. Ripetiamo: Pazzini non è sul mercato. E a centrocampo? Decide il generale Gennaio...

Esonerato Porta, è arrivato Agenore Maurizi sulla panchina dell'Ischia. La squadra è in caduta libera e il rendimento del nuovo tecnico, esperto di calcio a 5, è tutto da verificare. Porta ha pagato sia gli ultimi risultati negativi che la contestazione dei tifosi gialloblù non convinti dalle scelte di mercato da lui ispirate. La squadra, in Lega Pro, porta ogni domenica 2000 tifosi allo Stadio con circa 600 abbonati: panorama di prim'ordine. La ribalta ischitana continua ad essere degna di nota. Però sul campo si sta raccogliendo quello che si semina in società. Il presidente non è più Taglialatela e il ruolo è vacante. Il pacchetto azionario è nelle mani di Vicki Di Bello che ha preannunciato nuovi ingressi societari nel corso del prossimo mese di Dicembre. La speranza è che Franco Zavaglia, noto procuratore sportivo, si interessi concretamente all'Ischia. Premesse e contatti c'erano già stati nei mesi scorsi con Gaetano Paolillo ma furono i conti a preoccupare. A Zavaglia e al suo circuito va presentata, nel caso, una società seria e solida. Forza Ischia, il calcio nazionale non può trovare una dirigenza varia ed eventuale. A Gennaio potrebbero arrivare nell'organico tecnico David Mounard (ex Foggia) e Ciro Ginestra, dalla Salernitana. I due nuovi potrebbero dare spessore ed esperienza ad una rosa troppo giovane (davvero troppo, caro Porta...). Intanto dopo i primi allenamenti, la mano di Maurizi sembra diversa. L'approccio nella tecnica degli allenamenti sembra molto positivo.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Cessione Milan, una giustizia col Rolex. Napoli, blinda Sarri: ora o mai più! Sabatini, sei più bravo senza portafogli. Figc, che pasticcio! Serve l'intesa 15.01 - La giustizia con il Rolex ci ha sempre fatto paura. Ciò non significa che le indagini non vadano condotte, ma tempistiche e modalità sono al quanto dubbie. Premesso che non siamo fan di Berlusconi (chi legge questo editoriale con un po' di costanza lo sa bene), non capiamo come mai,...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il primo bilancio del mercato e quello che può accadere da qui a fine mese: le regine sono al contrario. Juve già in ottica futura. Spalletti ritrova il sorriso coi due rinforzi, il Milan resta in bilico. E occhio al valzer dei tecnici in estate 14.01 - A metà del guado. Mancao solo due settimane nel calciomercato italiano e finora cosa è concretamente successo? Le regine sono al contrario, ovvero le formazioni che lottano per non retrocedere. Sugli scudi un Benevento in crisi nera di risultati ma con un presidente, Vigorito, che...

EditorialeDI: Mauro Suma

3 stadi, 3 derby e 3 film diversi. Milan, il vulnus Montella. Nazionale, Conte entra in scena. Ramires, Capello lo vuole in Cina 13.01 - Settimana di pausa campionato ed ecco che i protagonisti non diventano i giocatori o i tifosi, ma la loro cornice, il loro punto di ritrovo naturale: lo stadio, gli stadi. Milano, Genova, Roma: è stata una settimana cruciale su tutti e tre i fronti. Il fil rouge è stato soprattutto...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Inter, ecco Lisandro Lopez. Rafinha vicino, ma Spalletti frena. Deulofeu preferisce Milano, ma il Napoli tratta. Sarri aspetta lunedì l'ok di Verdi. Juve-Barella, vertice 12.01 - Ora è ufficiale, sarà contenta anche la mamma di Spalletti. Che succede? Forse l’Inter compra un centrale e la pista porta dritta a una vecchia conoscenza chiamata Lisandro Lopez del Benfica. Non è un fenomeno, buon giocatore, ma vecchia conoscenza perché il mancato arrivo dell’argentino...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Napoli e Deulofeu: contatto. L’Inter e le opportunità, incontro Juve-Samp, Cagliari Castan e non solo... 11.01 - L’agente di Deulofeu Gines Carvajal è stato a Milano. E ha incontrato il Napoli. Le distanze di ingaggio praticamente non ci sono, potremmo dire che è una sorta di accordo visto che le distanze si possono colmare in tempi anche brevi. Ora toccherà poi al Napoli andare a trattare con...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Caos VAR, la soluzione c’è! Loro Coutinho, noi Deulofeu… Roma, un big lascia? Milan, dubbio André Silva! 10.01 - Sono stati giorni caotici e complicati… Dal doveroso arrivederci alle Feste al “campionato falsato dal VAR”. Si esagera nella Feste, si sa. E stiamo esagerando anche con il VAR. Ci si continua a dimenticare che il VAR è al suo debutto, al suo primo anno. E’ un’innovazione sperimentale....

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il mercato “tedesco” dei bianconeri. Inter: le tre mosse di gennaio e la rabbia di Spalletti. Napoli: il nodo Verdi e la scelta-scudetto. Milan: auguri Ringhio... e occhio alla sorpresa. Giù le mani dal Var! 09.01 - Buondì. “Auguri a te e famiglia” va in vacanza. Lo rispolvereremo a inizio dicembre 2018. Fine delle feste. Siamo tornati tutti. Non si trova parcheggio. Molti sono incazzati. Qualcuno ha smontato l’albero, l’ha messo in cantina. Altri no, lo lasciano lì “perché in fondo arreda”...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Qualcuno aiuti Spalletti: ecco di cosa ha bisogno l'Inter a gennaio. Milan, DNA Gattuso ma non credete ai miracoli. Tommasi in FIGC? Ha già distrutto la sua categoria. Gravina, unica soluzione credibile 08.01 - Spalletti se ne va in vacanza sbattendo la porta. Per uno come lui è stato già un miracolo aver aspettato il 5 gennaio prima di sbottare. Lo hanno preso, in estate, facendogli credere in una campagna acquisti che a Roma avrebbe potuto solo sognare. Gli hanno preso 4 rinforzi, di cui...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Dall'aperitivo allo Zero, passando per Donnarumma, Pulcinella e Kondogbia. L'alfabeto del mercato di gennaio, per evitare delusioni 07.01 - A come Aperitivo Pare un refrain che ogni anno va consolidandosi. Gli affari migliori si fanno davanti a un bicchiere di vino, magari in un bar con terrazza che guarda Milano. Per il resto ci sono Ipad, Whatsapp e le PEC. I locali oramai vietano pure l'entrata ai giornalisti, come...

EditorialeDI: Mauro Suma

Mercato: il patrimonio del Milan. Siviglia-Innaurato: e Marra? Pellò e Corsaro: juventini, che succede? Roma, Ninja paga per tutti 06.01 - Non c'è nessun bisogno disperato di soldi nel Milan. E non ci sono nemmeno limiti e restrizioni. Questi sono solo luoghi comuni autoreferenziali fra loro: triti, ritriti, ruminati, stressati. Considerando una parte e non il tutto. A inizio 2018, vale la pena tirare le file di tutte...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.