VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Dove giocherà Schick la prossima stagione?
  Resterà alla Sampdoria per il primo vero anno da titolare
  E' pronto per il grande salto: andrà alla Juventus
  All'Inter come prima grande alternativa a Icardi
  Andrà al Milan per il dopo Bacca
  In Premier League

TMW Mob
Editoriale

Inter: Mancini-Ferguson, possibile Mihajlovic. Balotelli a Inter, Milano, Italia: voglio tornare. Agnelli-Conte: Allegri può mediare. Milan: Pazzini non si muove. Ischia: l'Isola in crisi attende Zavaglia

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
22.11.2014 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 30576 volte

Roberto Mancini si è presentato in maniera molto sobria ed equilibrata. Gli anni british lo hanno fatto crescere. Meno spigoloso, meno avventato. Del resto il Mancio ha allenato a Manchester, là dove per anni sulla sponda opposta ha regnato Sir Alex Ferguson all'insegna del più puro aplomb britannico. In un doppio ruolo: quello di santone della panchina e di manager-nume tutelare del mercato e della dirigenza. Ruolo che al City era dello stesso tecnico di Jesi. Che in cuor suo ci ha preso gusto. Sa bene, Mancini, quanto sia difficile fare mercato oggi per qualsiasi squadra italiana. Lui poi ha sempre subìto il fascino del colpo che non ti aspetti, del giovane da portare nella sua squadra prima degli altri. La voce è forte: in estate Mancini e l'Inter potrebbero aggiornarsi, il rapporto potrebbe evolvere. Campo e scrivania, scrivania e campo per costruire una squadra interista giovane e proiettata verso il futuro, senza spese folli. Da Manchester a Milano: un Mancini alla Ferguson. E l'allenatore? Che domanda! Il solito importante punto di riferimento per il Mancio. Un tecnico che è nato e cresciuto insieme al nuovo tecnico interista e che sta facendo benissimo in riva al mare. E se a Sinisa Mihajlovic dovessero fischiare le orecchie, ebbene sì. Il riferimento è proprio a lui.

In Campania, dalle parti di Ischia, quando il telefono suona libero, si dice che il telefono "bussa". Ecco, Mario Balotelli chiama e bussa a molte porte. Sembra che a Liverpool proprio non si trovi. Le ultime situazioni azzurre non lo hanno agevolato, ma fra le altre cose Supermario pensa che giocare in Italia possa rendere più fluido anche il rapporto con la Nazionale. Il Liverpool non può prestare o cedere sotto costo il giocatore al Club da cui lo ha appena prelevato, per cui il Milan è fuori dai giochi. Anche la Juventus: Allegri sa quanto sia dura la gestione di Mario Balotelli. Ne restano quattro: l'Inter di Mancini, il Napoli e la sua piazza cara a Mario per tanti motivi, la Roma nel caso in cui dovesse partire Destro e la Fiorentina che, vedi Micah Richards, con il calcio inglese ha già imbastito diverse operazioni negli ultimi anni.

Antonio Conte è finito in mezzo. E non è abitato. Vuole indirizzare, controllare. La sua situazione umana e professionale in uscita dalla Juventus lo ha messo in attrito con un grande potentato tecnico italiano. E non gli ha giovato accettare la chiamata da una presidenza federale della quale Andrea Agnelli è tutt'altro che grande elettore. Sente la Juventus lontana. Ne avverte il clima di diffidenza. Si sente allo scoperto, poco protetto, poco tutelato. Lo ha sopportato per le prime settimane. Anche troppe per il suo carattere. La risposta-ghiacciolo del presidente Agnelli ha chiarito una volta per tutte che il destinatario del suo sfogo era uno e solo uno: la Juventus. Toccherà ad Allegri, che è tra i primi a non condividere certe modalità nell'organizzazione del lavoro di Conte, mediare e smussare. Per il bene dei suoi giocatori che alla Nazionale ci tengono. Non sarà facile, ma l'umore del Ct azzurro migliorerà quando finalmente ci sarà la prima visita a Vinovo. E pensare che era Agosto quando le grandi rivali Milan e Inter gli spalancavano sorridenti le porte di Milanello e Appiano...Fra un mese è Natale...

Tante voci di mercato, ma ai tifosi rossoneri arrivi il concetto forte e chiaro: Pazzini non si muove. Come del resto avevamo scritto qualche settimana fa, la prima preoccupazione del Pazzo è rafforzare il suo legame con il Milan. E non a caso dopo le rassicurazioni di Adriano Galliani di ieri, il centravanti rossonero è parso più rinfrancato. Tranquillizzato. Quindi niente Pazzini-Okaka e niente Pazzini-Matri. Ripetiamo: Pazzini non è sul mercato. E a centrocampo? Decide il generale Gennaio...

Esonerato Porta, è arrivato Agenore Maurizi sulla panchina dell'Ischia. La squadra è in caduta libera e il rendimento del nuovo tecnico, esperto di calcio a 5, è tutto da verificare. Porta ha pagato sia gli ultimi risultati negativi che la contestazione dei tifosi gialloblù non convinti dalle scelte di mercato da lui ispirate. La squadra, in Lega Pro, porta ogni domenica 2000 tifosi allo Stadio con circa 600 abbonati: panorama di prim'ordine. La ribalta ischitana continua ad essere degna di nota. Però sul campo si sta raccogliendo quello che si semina in società. Il presidente non è più Taglialatela e il ruolo è vacante. Il pacchetto azionario è nelle mani di Vicki Di Bello che ha preannunciato nuovi ingressi societari nel corso del prossimo mese di Dicembre. La speranza è che Franco Zavaglia, noto procuratore sportivo, si interessi concretamente all'Ischia. Premesse e contatti c'erano già stati nei mesi scorsi con Gaetano Paolillo ma furono i conti a preoccupare. A Zavaglia e al suo circuito va presentata, nel caso, una società seria e solida. Forza Ischia, il calcio nazionale non può trovare una dirigenza varia ed eventuale. A Gennaio potrebbero arrivare nell'organico tecnico David Mounard (ex Foggia) e Ciro Ginestra, dalla Salernitana. I due nuovi potrebbero dare spessore ed esperienza ad una rosa troppo giovane (davvero troppo, caro Porta...). Intanto dopo i primi allenamenti, la mano di Maurizi sembra diversa. L'approccio nella tecnica degli allenamenti sembra molto positivo.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Mercato: gran fermento Milan. Ritiro misura mediatica: Pioli scivola. Juventus: il Monaco non è il Barcellona 29.04 - Il Milan ha perso contro l'Empoli, molle e male, e lo sa. Ma sgombriamo il campo dalla mozzarella sfatta del sesto posto che nessuno vuole. Il Milan che scende in campo a San Siro otto giorni dopo il derby, ha al primo minuto pronti-via la possibilità tutta piena e tutta aperta di...
Telegram

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Di Maria, De Sciglio, Verratti, Tolisso, Caldara, Spinazzola: tutti i nomi della nuova Juve. Milan su Dzeko. Inter, Simeone si complica 28.04 - Allegri resterà alla Juventus anche se dovesse essere triplete (tifosi della Signoira toccate ferro), non è Mourinho. La sua è un’altra storia. Vi abbiamo già anticipato la settimana scorsa che è stata raggiunta un’intesa di massima per prolungare il contratto fino al 2020 con un...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Ricostruzione Inter,  i rinnovi di Napoli e Milan. La Roma di Monchi 27.04 - Nessuno si sarebbe mai aspettato una situazione in casa Inter così complicata un mese fa. La dirigenza nerazzurra dà piena fiducia a Pioli, considerato in questo momento senza alcuna ipocrisia il migliore. Non il migliore in assoluto. Il migliore in questa situazione. Dichiarare fallito...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve, un giallorosso nel mirino… Schick? Non solo offerte italiane! Milan e Inter, non solo acquisti 26.04 - La Juventus è una meraviglia. Lo Scudetto, il sesto di fila, è pratica in via di chiusura. C’è poi una finale di Coppa Italia da giocarsi e una Champions League che fa ben sperare. Una squadra magnifica. Migliorabile? Risposta affermativa ma con interventi accorti… La rosa è super,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il segreto di una macchina perfetta (e una guida sul Monaco). Inter: terremoto in panchina, occhio ai nomi (e alle priorità). Milan: il pessimismo sui cinesi, la mossa sul mercato e 2 appunti a Montella. Napoli: non scherziamo su Sarri 25.04 - Come ogni anno dal lontano 2006 è iniziato il drammatico torneo di calcetto dedicato ai giornalisti: si chiama “Press League”, lo organizza un tizio di nome Luca Mastrorocco che poi è il papà di “Zona Gol” (questa citazione dovrebbe valere almeno due arbitraggi “comodi”: Luca, ci...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter, prima il mercato dei dirigenti poi quello dei calciatori. Milan, tutto come previsto: c’è poco o nulla da salvare. Calori e Liverani, la bacchetta magica nascosta. Foggia-Pisa: mondo capovolto 11 mesi dopo 24.04 - Se volessero farlo apposta non ci riuscirebbero. I calciatori dell’Inter hanno gettato la croce su Pioli togliendo dall’imbarazzo i dirigenti dalla difficile decisione se confermare o meno l’allenatore per la prossima stagione. Con un finale così osceno hanno “esonerato” Pioli ma...

EditorialeDI: Andrea Losapio

La fortuna di Suning passa dai risultati deludenti, la Juve non ne ha bisogno. De Laurentiis pensa a un'innovazione ogni tre minuti, Pallotta e Monchi al prossimo tecnico 23.04 - L'Atalanta è a un passo dall'Europa, l'Inter un bel po' meno. Da una parte ci sono nerazzurri che vincono e convincono - a parte ieri, partita brutta nonostante i cinque gol - dall'altra una squadra che vorrebbe diventare grande senza passare dalla necessaria anticamera. L'Inter attuale...

EditorialeDI: Mauro Suma

In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.