VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
Editoriale

Inter-Milan: derby di mercato per Baselli. Milan, priorità centrocampo. Juve, staffetta tra Pirlo e Gerrard. Roma: è instant-team, o vince quest'anno. City, Pellegrini più in affanno di Mazzarri

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
08.11.2014 00:00 di Mauro Suma   articolo letto 22630 volte
Inter-Milan: derby di mercato per Baselli. Milan, priorità centrocampo. Juve, staffetta tra Pirlo e Gerrard. Roma: è instant-team, o vince quest'anno. City, Pellegrini più in affanno di Mazzarri

Daniele Baselli, classe 1992, è un prospetto sicuro. Per la sua qualità. Per la sua serietà. E per il fatto, che non guasta e che fa sempre giurisprudenza, di essere made in Mino Favini. A intervalli regolari viene accostato ora alla Juventus e ora all'Inter, in maniera molto più defilata al Milan. Come vedremo, sul centrocampo la Juventus pare attratta da altri scenari, mentre l'Inter soprattutto, e anche il Milan, continuano a stare sul giocatore. Nel titolo abbiamo indicato Inter-Milan, perché i nerazzurri hanno un leggero vantaggio. Motivazione forte: sono stati scottati dall'operazione Bonaventura e vogliono restituire la cicatrice al Milan. Club rossonero che, dal canto suo, deve fare i conti con...i conti e cioè con il budget, ma questo riguarda a maggior ragione i nerazzurri. In ogni caso il Milan osserva e tiene d'occhio ogni prestazione del ragazzo, compresa quella molto positiva di Atalanta-Torino.

Il Milan. A fine Campionato avrà una partita in meno. Progettata sghemba, nata sfortunata con l'infortunio di Alex e proseguita peggio con i difetti di carburazione di Zapata, la partita con il Palermo non può rispecchiare e non rispecchia il Milan di quest'anno. Ho personalmente fatto il fenomeno, salvo poi pentirmene amaramente, per tutto il pomeriggio televisivo post Parma-Inter, sul fatto che il Milan di quest'anno sia più squadra dei nerazzurri e nonostante la grande amarezza di Milan-Palermo continuo a pensare la stessa cosa. Nelle prime 9 giornate il Milan ha vinto, pareggiato e perso, ma è sempre stato squadra. Ecco perché con il Palermo, non c'era e non ha giocato. Non è stato il Milan. Non è stato niente, dal 20' al 90' della gara. Spiace che i tifosi sul filo del rasoio, quelli che stavano decidendo se dare credito o meno alla squadra di quest'anno, si siano ulteriormente disamorati. Lo si è chiaramente visto mercoledì sera. Oggi il Milan è nella stessa situazione post tournèe americana. Deve ritrovare l'entusiasmo dei tifosi (le scelte di questi anni dolorose e impopolari ma necessarie del Milan evitano alla Società in questi giorni gite negli uffici finanziari dell'UEFA e in tempi duri per tutte le aziende questo va assolutamente considerato...) e deve, in base alle scelte del proprio allenatore, riportare l'equilibrio nelle vesti di leader della squadra. Perché purtroppo contro il Palermo l'equilibrio è rimasto nello spogliatoio. Mercato Milan? Nessuno dei giocatori realmente visionati e annotati nella recente missione sudamericana di Rocco Maiorino, è mai stato citato da alcun mezzo di comunicazione. Suso? E' un giocatore del Liverpool e viene da operazione, quindi decanta. Centrocampo? E' la priorità, qualcosa bisognerà inventarsi a Gennaio ma sempre nel rispetto del budget.

Steven Gerrard è nato il 30 Maggio 1980. Andrea Pirlo il 19 Maggio 1979. Scatenando il passaggio del testimone dal campione di Flero all'idolo di Anfield, il Club bianconero potrebbe guadagnare un anno di calcio in termini di età e rilanciare ulteriormente il proprio appeal internazionale. Tutto questo perché il contratto di Gerrard è in scadenza, ma il rinnovo con il Liverpool non è ancora arrivato. È stato lo stesso Steven Gerrard, con una dichiarazione di qualche giorno fa, ad aprire la porta a un clamoroso addio. Il disegno sarebbe lo stesso di Pirlo che dopo 10 anni era una bandiera del Milan (anche se quando vestiva la maglia rossonera, non se ne accorgeva nessuno) ed è passato alla Juventus dopo essere andato a scadenza. Proprio come Gerrard: bandiera del Liverpool ormai in scadenza di contratto.

Abbiamo scritto qualche settimana fa che la Roma ha più fame della Juventus e lo confermiamo. Attenzione alla fame però, può anche ritorcersi contro. Andare in distorsione. Togliere qualcosa in termini di lucidità e serenità. Materie nelle quali un certo Massimiliano Allegri è ferratissimo. Perché la Roma e i suoi tifosi sono assolutamente infoiati nei confronti della Juventus e degli arbitraggi? Perché la squadra di quest'anno costa una enormità, ancor di più di quella dell'anno scorso. E' una squadra con cartellini pesantissimi, ingaggi in costante crescita e alcuni giocatori-chiave in età. E' un cosiddetto instant-team. Come gli instant-replay si consumano subito e gli instant-book valgono solo per quel momento e devono essere deglutiti a stretto giro, anche l'instant-team deve vincere immediatamente. Senza domani. E questo pensiero inquieta, agita, altera. Garcia non ci ha preso quando, dopo la Juventus, ha "comunicato" la vittoria dello Scudetto da parte della sua squadra. Non solo l'ha sovraesposta ma nel sottile gioco delle dinamiche psicologiche l'ha più svuotata che caricata. E ora anche quel pareggio sul campo del City (a Manchester il Cska ha vinto...) viene rivalutato. L'unico vantaggio è l'alone immacolato del direttore Sabatini. Che è bravissimo e di provata esperienza, su questo non ci piove. Ma se c'è chi viene criticato per Diego Lopez, Torres, Alex e Menez presi a zero, qualche considerazioncina su Iturbe a 30 dovrà avere prima o poi un minimo di diritto di cittadinanza.

Walter Mazzarri può tirare un sospirino di sollievo. Mai vista la Gazzetta dello Sport così a orologeria su di lui prima del pareggio di Saint Etienne, quindi allerta al top. Ma oltre al primo posto nel girone sia pure non di ferro di Europa League, a favore di Mazzarri gioca anche la crisi del Manchester City. Molti degli allenatori europei che spesso vengono accostati alla sua panchina per la sua successione, oggi sono in fibrillazione per l'evoluzione della situazione dei Citizens. Quattro partite senza vittorie e ultimo posto nel girone E di Champions. Il Manchester City non ingrana in Europa e ad aggravare la congiuntura c'è il crollo inatteso quanto fragoroso contro il Cska. E' dunque bufera su Manuel Pellegrini, allenatore dei campioni d'Inghilterra: la squadra è a un passo dall'eliminazione e il tecnico cileno è a rischio. Il clamoroso ritorno di Roberto Mancini o la sfida di valorizzare David Moyes rottamato dai rivali dello United sono solo alcuni dei possibili sviluppi.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: attenti a quelli della “crisi” (e ai nemici in casa). Inter: Icardi e gli strani pensieri. Milan: il dubbio Montella e “la bella reazione”. Riflessione semiseria sul calcio italiano 21.11 - “Gli aspetti formali, tendenti alla verifica dello status quo, ci portano a considerare i rappresentanti delle Leghe, per quanto la situazione sia decisamente inaccettabile. E sì: bisogna riformare il calcio guardando al tutto!”. (Quelli che comandano, che hanno il culo sulla poltrona,...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tavecchio a casa, forse. Ventura fuori Paese ma attenzione ai successori. Gravina? C... Piace! Allegri, sveglia questa Juve. Palermo? Ve lo avevamo scritto un anno fa... 20.11 - E' successo l'impensabile e, allora, è giusto che si volti pagina perché il calcio è un'azienda e bisogna rispettare la meritocrazia. Prandelli e Abete salvarono la faccia e la dignità, qui non c'è stata né la faccia né la dignità. Un Mondiale si può sbagliare ma addirittura non salire...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il disastro economico-sportivo di Tavecchio e Ventura: gli effetti sulle tasche degli italiani e pure sul mercato. Ancelotti, gli specchietti per le allodole e il nome che serve. Allenatori e giocatori: la ricetta per cambiare davvero 19.11 - Carlo Tavecchio che scarica il barile, le colpe e versa pure lacrime rabbiose e di frustrazione no. Carlo Tavecchio ancora in sella, neppure. Invece son due fotografie che questi giorni regalano, istantanee e video che arrivano e che resteranno a lungo in un calcio italiano destinato...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, crocevia Usa. La Nazionale riparte dal Milan. Perisic e i giocatori che vanno attesi 18.11 - Se il New York Times arriva ad occuparsi del Milan, vuol dire che il Milan fa gola. Stupiscono, ma forse fino ad un certo punto, i tempi scelti per lanciare la bomba mediatica, da un autorevole quotidiano che comunque negli ultimi due anni non era mai entrato nelle vicende del closing...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Collina l’uomo nuovo per la Federcalcio. Ancelotti, no alla Nazionale. Non farà la foglia di fico di Tavecchio che deve solo andar via. La colpa è sua: non ha capito la guerra fra Ventura e i giocatori. Tutti i retroscena. L’ex Ct via dall’It 17.11 - C’è solo un uomo in grado di cambiare il calcio in Italia e di rilanciarlo verso il futuro con interventi radicali e riforme illuminate e quell’uomo si chiama Pierluigi Collina. L’attuale capo degli arbitri della Fifa è l’unica personalità di livello mondiale spendibile dal paese...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non è una questione di nomi, ma di programmi. E stavolta sul serio... 16.11 - Lunedì. Lunedì sarà il giorno in cui ci saranno le risposte. Le proposte che Tavecchio (che non si è dimesso) presenterà il nuovo programma da cui ripartire. Uomini e idee. E' lì che si giocherà la vera partita, è lì che misureremo la voglia di cambiamento del movimento calcio italiano. Delle...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Nazionale interessa davvero? Allora nuova “regola”: cinque italiani in campo (minimo) in ogni club!!! 15.11 - La delusione è ancora forte, quasi insostenibile. Come era prevedibile, tutti si sono inorriditi per quanto successo. L’Italia fuori dal Mondiale, una catastrofe, un’apocalisse, la morte del calcio italiano. Tanti presidenti di club si sono espositi in prima persona… Tutti avviliti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Qui muore il calcio italiano 14.11 - Qui muore il calcio italiano, condannato dall'improvvisazione, le cattive abitudini, il malcostume di chi pensa che ce la farà per qualche bislacco diritto divino. Qui muore il calcio italiano. E ci fa male, malissimo, ma guardiamoci in faccia: è dannatamente giusto così. Qui...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tifiamo Italia ma cambiamola da subito: 4 proposte per riformare serie A, B, C e D. Marotta, il problema non è la chiusura tardiva del mercato... 13.11 - Questa sera l'Italia del pallone, e non solo, si ferma. Come fosse una finale del Mondiale, il fiato sospeso per l'importanza della gara. Tutti su Rai 1 a tifare gli azzurri sbiaditi. Non è la finale di un Mondiale e neanche una semifinale. Un play off per farlo il Mondiale. Giochi...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Italia, i colpevoli dopo martedì. Esonerare Ventura ora è inutile, magari due partite fa... L'ombra di Conte e gli errori di Tavecchio 12.11 - Il giorno dei processi non è ancora arrivato. Sarà in ogni caso quello di martedì, perché la partita della Friends Arena, pur difficile come dimostrato già dalla sconfitta dei nostri cugini francesi, ha scavato l’ennesimo solco incolmabile fra la Nazionale di Ventura e la realtà....
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.