VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi vincerà la classifica cannonieri?
  Edin Dzeko
  Ciro Immobile
  Paulo Dybala
  Dries Mertens
  Mauro Icardi
  Ciryl Thereau
  Fabio Quagliarella
  Andrea Belotti
  José Callejon
  Luis Alberto
  Adem Ljajic
  Alejandro Gomez
  Lorenzo Insigne
  André Silva
  Nikola Kalinic
  Duvan Zapata
  Leonardo Pavoletti
  Gonzalo Higuain
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Inter, Pioli l'uomo giusto... per 6 mesi. Bravo Montella, questo Milan è figlio tuo. Napoli, lite DeLa-Sarri: io sto con il Mister

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
07.11.2016 11:40 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 53931 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

La metamorfosi dell'Atalanta è spaventosa: dal possibile esonero di Gasperini alla scalata. Il calcio è davvero strano e giustamente l'unica cosa che conta è il risultato. Il Sassuolo sta pagando quello che hanno pagato tutte le piccole squadre che si affacciano all'Europa. Se non sei attrezzato per il doppio impegno, in campionato rischi di brutto. Di Francesco è un ottimo allenatore ma con le squadre piccole certe competizioni non te le puoi permettere. E' brutto da dire ma è così: lo scorso anno, quello dei miracoli, sarebbe stato meglio finire qualche gradino più in basso. Siamo vicini alla svolta del rebus Inter. Anche se non ci prendiamo delle responsabilità, perché con i tempi che corrono ora scriviamo una cosa e poi succede l'opposto. I cinesi sembra che abbiano dato retta al management italiano: Stefano Pioli nuovo allenatore nerazzurro. Scelta più logica e forse saggia. Pioli conosce il calcio italiano anche se non è mai stato in un top club (non si offenda Lotito), ha avuto qualche problema con Candreva ma almeno è consapevole delle insidie che troverà lungo il cammino. Vi dico il mio pensiero: Pioli va benissimo per l'Inter, o meglio, per questa Inter. Ma o con De Boer, o con Marcelino o con Pioli la stagione difficilmente cambierà. L'Inter non corre alcun tipo di rischio, né nel bene né nel male. Ovviamente non teme la retrocessione ma non può avere neanche particolari ambizioni di raggiungere la zona Champions. Per questo serve un normalizzatore che conosca la lingua e la serie A. Avanti con Pioli, a patto che in questi sei mesi l'Inter studi per diventare grande e si faccia trovare pronta a giugno con una vera rivoluzione sul mercato e con un allenatore per costruire. La stagione, ormai, è andata e difficilmente potrà regalare gioie particolari. In teoria il tempo ci sarebbe, ma quello perso è stato troppo e anche le figuracce rimediate, ormai, sono una brutta etichetta. La società deve crescere. Per far crescere una squadra, a volte, basta poco. Cambi 2-3 calciatori e puoi ottenere la svolta. Lo stesso puoi fare con l'allenatore; lo sbagli, cambi e trovi quello giusto, ottieni una reazione. Ma se non c'è la società o la società si fa cogliere dalla paura, allora, sono guai. I cinesi non possono comandare il calcio dalla Cina. Possono prendere le decisioni più importanti, possono dettare budget e condizioni ma qui servono gli uomini di tutti i giorni. Gli uomini di campo. E' brutto e dispiace dirlo ma Ausilio, Gardini e Zanetti non riescono a gestire nulla di tutto ciò. In tre non compongono una figura completa. Dovrebbero avere maggiore potere ma dovrebbero anche meritarselo. Dall'uscita del libro di Icardi, alla scelta di De Boer, fino all'esonero dell'olandese e ai casting per trovare il suo sostituto, in un mese l'Inter è sembrata la Longobarda. Ripetiamo: sbagliare un calciatore o un allenatore ci sta, ma la cosa grave è non saper gestire le situazioni e dimostrare totale indecisione. Così si forniscono gli alibi ai calciatori, che è l'unica cosa che cercano, oltre lo stipendio a fine mese.
Nelle difficoltà emergono le personalità. E' il caso del Milan, dove Vincenzo Montella sta ottenendo grandi risultati con una rosa modesta e senza una società. Berlusconi ha chiuso il suo ciclo glorioso in rossonero, Galliani sta studiando per costruirsi un nuovo futuro calcistico, Mirabelli è in giro per il mondo per preparare i primi colpi invernali e Fassone è in Cina per organizzare bene la struttura societaria. Un allenatore qualunque lasciato solo andrebbe in crisi completa, Montella invece sta ottenendo grandi vantaggi da questa solitudine per mettersi tutta la squadra sulle sue spalle. Sta facendo un gran lavoro, senza interferenze; questa è la cosa più importante. Con i tempi che corrono Montella può provare anche il grande blitz e farebbe un bel regalo a Fassone e Mirabelli. Il primo posto sarà della Juventus, per il secondo c'è la Roma candidata forte, ma - in assenza del Napoli - il terzo posto che balla potrebbe essere la vera attrazione della stagione. Il Milan potrebbe approfittarne e sarebbe un risultato clamoroso, alla luce delle ultime stagioni, ma soprattutto del valore di una squadra non competitiva ma composta da giovani e da giocatori che ascoltano il proprio allenatore.
Mentre l'Inter prova a ritrovarsi, Juve e Roma sono felici di blindare rispettivamente primo e secondo posto e il Milan spera nel blitz per il terzo, il Napoli si è perso. Il Napoli non c'è più ed è bastato l'infortunio di un calciatore per far saltare il banco. Attenzione: non stiamo dicendo che Milik sia uno qualsiasi, però ricordiamoci che il calcio è un gioco di squadra. Milik poteva essere considerato importante e invece lo abbiamo riscoperto indispensabile. Qui il detto "tutti importanti, nessuno indispensabile" non vale, per una serie di ragioni. Rotto Milik si è rotto il giocattolo. Gabbiadini non è pronto per caricarsi Napoli sulle spalle, Higuain ha lasciato un vuoto enorme e la società ha sbagliato a non prendere due attaccanti. De Laurentiis quando va sotto pressione non riesce a gestire nulla e fa un casino dietro l'altro. Con Sarri ha sbagliato tutto. Dichiarazioni private e analisi di mercato spiattellate al mondo intero, braccino corto quando si trattava di prendere un attaccante in più e permaloso a più non posso. Sarri avrà mille difetti, ma non è impazzito che dice di no all'acquisto di un grande calciatore. Le storie vanno raccontate bene e per intero. De Laurentiis racconta sempre solo ciò che più gli conviene. Sta di fatto che il Napoli quest'anno rischia di buttare una stagione e il prossimo anno dovrà trovarsi un altro allenatore perché certamente - se questi sono i presupposti - il feeling sta per finire.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve come Tony Montana… Icardi, sms a Sampaoli! Mourinho, il futuro non è in Italia. La Svezia? Il “biscotto” ci motiva… 18.10 - Alla fine ce la giocheremo con la Svezia. Per nostra grazia, Re Zlatan ha deciso di non indossare più la casacca della nazionale e, altra fortuna, è ancora alle prese con i postumi dell’infortunio. Personalmente, Grecia a parte, la considero un’avversaria decisamente “alla nostra...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter: goduria da derby, ma occhio al tranello! Milan: quel che sarà di Montella. Juve: ricordatevi dello “schema Allegri”. Napoli: l’evoluzione di Sarri (in campo e fuori) 17.10 - Ciao. In questo momento è in onda il mondeinait Verona-Benevento, ma non è che dobbiamo storcere il naso. Abbiamo assistito al derby di Milano, a Roma-Napoli, a Juve-Lazio e comunque poteva andare peggio: poteva esserci Verona-Benevento con la nebbia. Oppure Verona-Benevento con speaker...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Allarme Juve. Simone, prenota il posto di Max. Che goduria questo Napoli. Torino, così in Europa non ci vai... 16.10 - Il paradosso del calcio è sempre lo stesso. Molte favole nascono dalla coincidenza, poi c'è quello bravo che le sfrutta (Simone detto Inzaghino perché in campo dei due era il più scarso, anzi, il meno forte) e chi invece sale sul treno sbagliato nel momento sbagliato (vedi Seedorf,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

La moda delle clausole e i giocatori che trattano l'addio (al momento del rinnovo...) prima dei club: così il calciomercato sta cambiando le sue regole e i suoi codici. Donnarumma come Higuain e Neymar: Raiola non ha cambiato idea 15.10 - Non viviamo certamente nel miglior periodo storico possibile. Se ci pensate, a guardarle per un attimo con un occhio quanto possibile esterno, le relazioni umane sono giunte oggi a un livello quantomeno buffo. Tendente al preoccupante. Tutto si svolge tramite il medium dei...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva, turbolenze e derby. Juve: giri di valzer sulla VAR. Sarri: facile essere belli? 14.10 - Montella non vuole più essere "usato" per detrarre qualcosa ad Andrè Silva. E dal momento che il giocatore sta raggiungendo livelli di rendimento molto importanti, non ci sarà più la sponda del tecnico rossonero. Chi vorrà storcere il naso su Andrè Silva, dopo 9 gol in 10 partite...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Donnarumma andrà via, è lui il big sacrificato dal Milan. Petkovic farà il traghettatore, c’è l’ok. Inter, per la difesa attenti a Jedvaj del Bayer. Capello fa tremare Ventura 13.10 - Fassone è di sicuro un ottimo dirigente e il curriculum parla, ma nelle ultime interviste non ha dato il meglio di sé. Forse risente del momento del Milan. Dopo la sconfitta di Genova, ho già detto, ha sbagliato nel mettere in discussione pubblicamente tutto e tutti. Certe cose vanno...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Pressione per sei: il campionato riparte col botto! Incroci e scontri, arriva il primo bivio. Con una considerazione (ancora) sulla Nazionale... 12.10 - Riapre il campionato. E come riapre. Le prime sei della classifica contro, e potrebbe succedere di tutto. Potrebbe esserci la fuga del Napoli o potrebbero esserci (potenzialmente, visto che la Roma deve recuperare un turno) 4 squadre in 2 punti, oppure ancora 3 squadre in testa alla...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Italia-Conte? Mai nella vita… Spareggi? Evitiamo James McClean! Istituiamo la Pallina d’Oro! Avete sentito? Ibra è uno Jedi… 11.10 - Ho un sogno: trasformarmi in Ant-Man, rimpicciolirmi e ascoltare lo sfogo, tra le propria mura, di Giampiero (Ventura) con la propria consorte Luciana… In TV, il nostro CT, cerca di mantenere il classico aplomb inglese ma, ne sono certo, nella sua mente ha un Santo per ognuno… Appena...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: che vergogna a Bruxelles. Inter: la ridicola “insidia” di Spalletti. Napoli: il top player che non c’era. Pausa per la Nazionale: istruzioni per l’uso (la strana scelta di Ventura) 10.10 - Ciao. È appena terminata Albania-Italia. Capite benissimo che il tempo è poco. Mentre Candreva la buttava dentro, su Canale 5 Belen e la Blasi limonavano. Gliel’ha chiesto Signorini in “onore dell’omosessualità”. Loro hanno eseguito e tutti erano felici e applaudivano. Io mica...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta predica bene e razzola male. Più che un'avventura sembra una disav-ventura. Milan, un derby per la svolta. Allegri, comunque vada a fine stagione è consigliato l'addio 09.10 - La polemica della scorsa estate che fece rumore. Pallotta, Presidente della Roma, che grida allo scandalo per le spese folli del Milan che non rispettavano alcuni parametri economici. Detto da un Presidente non è mai bello. Ci furono botta e risposta alla distanza, Fassone che replicò...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.