VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi vincerà la classifica cannonieri?
  Edin Dzeko
  Ciro Immobile
  Paulo Dybala
  Dries Mertens
  Mauro Icardi
  Cyril Thereau
  Fabio Quagliarella
  Andrea Belotti
  José Callejon
  Luis Alberto
  Adem Ljajic
  Alejandro Gomez
  Lorenzo Insigne
  André Silva
  Nikola Kalinic
  Duvan Zapata
  Leonardo Pavoletti
  Gonzalo Higuain
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Inter si cambia, ora tocca alla panchina ecco i candidati. Juve e cosa è successo fra le due finali. La ricostuzione del Milan: le linee guida...

11.05.2017 00:00 di Luca Marchetti   articolo letto 36044 volte
© foto di Federico De Luca

Ora è tempo di capire cosa succederà. Dopo la notizia ieri dell'esonero di Pioli e l'arrivo di Sabatini come supervisore tecnico del gruppo Suning (presentato alla stampa in Cina a dimostrare da un lato la vicinanza alla proprietà dall'altro per far capire quanto sarà vasto io suo compito) si deve ragionare suo futuro.
La proprietà, quindi Zhang senior, ha voluto accelerare i tempi di un cambiamento che comunque sarebbe stato fatto. Se si può esonerare, dalla sera alla mattina, un allenatore con il quale si era provato a tenere insieme i cocci di una stagione che sta diventando (sportivamente parlando) disastrosa, non si può mettere sotto contratto uno come Sabatini dall'oggi al domani. Evidentemente i contatti ci sono stati da tempo (c'è chi dice più di un mese fa) anche per far capire a Sabatini cosa avrebbe dovuto fare. Quindi, qualcuno si chiede, perché rinnovare Ausilio? Perché sono due lavori diversi. Ausilio è e rimane il direttore sportivo dell'Inter. Piena autonomia sul mercato, piena autonomia nella scelta dei suoi collaboratori. Dovrà avere un confronto in più: se prima i suoi movimenti dovevano essere concordati principalmente con presidente e amministratore delegato, ora al tavolo (o al giro di mail) dovrà esserci anche Sabatini. Che sicuramente avrà le sue idee, i suoi canali, ma sempre con Ausilio dovrà confrontarsi per quanto riguarda la società nerazzurra. Funzioneranno i due insieme, considerando che la loro estrazione è proprio quella di direttore sportivo (e non generale o amministratore delegato come succede spesso nelle altre "coppie" del calcio italiano)? Lo dirà solo il tempo. Di sicuro Suning ha voluto rafforzare la società con un uomo di grandissima competenza e spessore internazionale non rinunciando affatto ai suoi dirigenti. Dovranno loro trovare il tempo giusto e i modi giusti per far tornare l'Inter ad essere competitiva nel minor tempo possibile. Questo tipo di scelta però ha dimostrato nel giro di 24 ore due cose: la prima è che Suning non bada a spese e vuole i migliori tutti per sé. E che a fronte di questa dimostrazione anche quegli obiettivi per la panchina potrebbero essere più attratti. Lavorare per una società che ha questo tipo di ambizione è sicuramente un vantaggio. Ecco che quindi rimangono sul tavolo tutti i nomi dei big fatti finora: Conte (che Sabatini avrebbe voluto a Roma per il post Garcia se il francese fosse rimasto di più sulla panchina della Roma), Simeone (che dopo ieri sera potrebbe aver dichiarato concluso il suo periodo di lavoro all'Atletico, sempre che Berta non accetti la corte del PSG e non convinca anche il Cholo), Emery (anche se in questo momento da Parigi sono convinti che alla fine rimanga), Spalletti (che con Sabatini ha già lavorato e che essendo libero a fine anno sarebbe il più facile da prendere) oppure Pochettino che con il Tottenham ha fatto veramente bene in questi anni inchinandosi in Inghilterra agli italiani: lo scorso anno a Ranieri e quest'anno salvo cataclismi a Conte. Finiti qui? No, forse no. Ma per il momento bastano questi. L'Inter punta in alto. Poi però quei possibili problemi di convivenza, di dialogo e di struttura deve risolverli il prima possibile perché la forza di una squadra passa sì dai giocatori che vanno in campo, passa certamente dall'allenatore, ma è determinata dalla forza e dalla struttura societaria. Lo insegnano le squadre vincenti degli ultimi anni, anche le italiane. Il Milan di Berlusconi e Galliani. La Juventus che sotto la presidenza Agnelli ha trovato il due Marotta Paratici con il quale ha costruito un ciclo straordinario. Un solo dato sulla Juve, da mercato, per sottolineare la solidità della società e la competenza dei dirigenti (e dell'allenatore, ovvio). Due finali in 3 anni è già un dato molto importante. Ma queste due finali sono arrivate con due squadre nettamente differenti. Soltanto due giocatori (verosimilmente) le giocheranno entrambe: Buffon e Bonucci (Chiellini era squalificato, Lichtsteiner, Marchisio e Barzagli erano in campo ma quest'anno sono stati cotitolari). Questo non significa che non c'è un blocco, anzi. Ne abbiamo parlato a lungo. Ma che c'è stata allo stesso tempo una grande capacità di ricambio: per tornare a vincere. E questo input te lo passa l'allenatore e la società. Non solo: da quella formazione con le cessioni la Juventus ha incassato circa 200 milioni di euro (Pogba, Vidal e Morata, avendone spesi in precedenza 30 per questi 3). 200 milioni che (più o meno) sono stati reinvestiti per questa squadra qui (parliamo sempre dell'ipotetico 11) su Higuain, Pjanic, Mandzukic, Dybala e Alex Sandro. Con la consapevolezza che se volessi vendere "qualcosa" ancora riusciresti a guadagnare, eccome.
Generalmente chi vince ha un ciclo che la porta a queste vittorie: la Juventus ha saputo cambiare ciclo in corsa senza che praticamente nessuno se ne accorgesse. Continuando a vincere, non solo in Italia (dove peraltro ha imposto ritmi pazzeschi).
In ultima considerazione (per oggi) il Milan: sono cominciati in maniera ufficiale i mille colloqui di Mirabelli per aumentare tono e qualità alla squadra. I soldi a disposizione ci sono ma bisogna avere la pazienza e la forza di procedere per gradi. In questo momento il grandissimo campione è difficile che accetti subito il nuovo progetto senza neanche averlo visto. E il compito non è facile. Ecco che allora l'obiettivo di mercato è alzare l'asticella della qualità con acquisti più "normali" che diano però l'idea che la musica (almeno a livello economico!) è cambiata. Kessié è perfetto come profilo: giovane, forte e conosciuto. Non ancora top player ma magari lo diventa. E in questo discorso si innesta anche la conferma di Montella. Ultimamente qualche screzio (al,eno mediatico c'è stato) ma vedere Montella sulla panchina del Milan la prossima stagione dipende dalla qualificazione in Europa. E forse anche dal modo in cui arriva: se fa meno peggio degli altri non è certo una gran medaglia. Finora le parole in pubblico sono sempre state di grande apprezzamento da parte di Mirabelli e Fassone. Anche qui si farà presto a capire che aria realmente tira. Qualche nuvoletta all'orizzonte si sta addensando. Per il momento nulla di preoccupante... ma voi tenetevi forte...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Roma che sorpresa, Juve di misura: ecco cosa ci regala la due giorni di Champions. E le risposte del Milan 19.10 - Chiusa la due giorni di Champions e possiamo vedere anche il bicchiere mezzo pieno. La sconfitta del Napoli era probabilmente pronosticabile, come la vittoria della Juve. Il pareggio della Roma è prestigiosissimo sia per come è arrivato sia per il risultato in sé. Del Napoli si è...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve come Tony Montana… Icardi, sms a Sampaoli! Mourinho, il futuro non è in Italia. La Svezia? Il “biscotto” ci motiva… 18.10 - Alla fine ce la giocheremo con la Svezia. Per nostra grazia, Re Zlatan ha deciso di non indossare più la casacca della nazionale e, altra fortuna, è ancora alle prese con i postumi dell’infortunio. Personalmente, Grecia a parte, la considero un’avversaria decisamente “alla nostra...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter: goduria da derby, ma occhio al tranello! Milan: quel che sarà di Montella. Juve: ricordatevi dello “schema Allegri”. Napoli: l’evoluzione di Sarri (in campo e fuori) 17.10 - Ciao. In questo momento è in onda il mondeinait Verona-Benevento, ma non è che dobbiamo storcere il naso. Abbiamo assistito al derby di Milano, a Roma-Napoli, a Juve-Lazio e comunque poteva andare peggio: poteva esserci Verona-Benevento con la nebbia. Oppure Verona-Benevento con speaker...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Allarme Juve. Simone, prenota il posto di Max. Che goduria questo Napoli. Torino, così in Europa non ci vai... 16.10 - Il paradosso del calcio è sempre lo stesso. Molte favole nascono dalla coincidenza, poi c'è quello bravo che le sfrutta (Simone detto Inzaghino perché in campo dei due era il più scarso, anzi, il meno forte) e chi invece sale sul treno sbagliato nel momento sbagliato (vedi Seedorf,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

La moda delle clausole e i giocatori che trattano l'addio (al momento del rinnovo...) prima dei club: così il calciomercato sta cambiando le sue regole e i suoi codici. Donnarumma come Higuain e Neymar: Raiola non ha cambiato idea 15.10 - Non viviamo certamente nel miglior periodo storico possibile. Se ci pensate, a guardarle per un attimo con un occhio quanto possibile esterno, le relazioni umane sono giunte oggi a un livello quantomeno buffo. Tendente al preoccupante. Tutto si svolge tramite il medium dei...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva, turbolenze e derby. Juve: giri di valzer sulla VAR. Sarri: facile essere belli? 14.10 - Montella non vuole più essere "usato" per detrarre qualcosa ad Andrè Silva. E dal momento che il giocatore sta raggiungendo livelli di rendimento molto importanti, non ci sarà più la sponda del tecnico rossonero. Chi vorrà storcere il naso su Andrè Silva, dopo 9 gol in 10 partite...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Donnarumma andrà via, è lui il big sacrificato dal Milan. Petkovic farà il traghettatore, c’è l’ok. Inter, per la difesa attenti a Jedvaj del Bayer. Capello fa tremare Ventura 13.10 - Fassone è di sicuro un ottimo dirigente e il curriculum parla, ma nelle ultime interviste non ha dato il meglio di sé. Forse risente del momento del Milan. Dopo la sconfitta di Genova, ho già detto, ha sbagliato nel mettere in discussione pubblicamente tutto e tutti. Certe cose vanno...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Pressione per sei: il campionato riparte col botto! Incroci e scontri, arriva il primo bivio. Con una considerazione (ancora) sulla Nazionale... 12.10 - Riapre il campionato. E come riapre. Le prime sei della classifica contro, e potrebbe succedere di tutto. Potrebbe esserci la fuga del Napoli o potrebbero esserci (potenzialmente, visto che la Roma deve recuperare un turno) 4 squadre in 2 punti, oppure ancora 3 squadre in testa alla...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Italia-Conte? Mai nella vita… Spareggi? Evitiamo James McClean! Istituiamo la Pallina d’Oro! Avete sentito? Ibra è uno Jedi… 11.10 - Ho un sogno: trasformarmi in Ant-Man, rimpicciolirmi e ascoltare lo sfogo, tra le propria mura, di Giampiero (Ventura) con la propria consorte Luciana… In TV, il nostro CT, cerca di mantenere il classico aplomb inglese ma, ne sono certo, nella sua mente ha un Santo per ognuno… Appena...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: che vergogna a Bruxelles. Inter: la ridicola “insidia” di Spalletti. Napoli: il top player che non c’era. Pausa per la Nazionale: istruzioni per l’uso (la strana scelta di Ventura) 10.10 - Ciao. È appena terminata Albania-Italia. Capite benissimo che il tempo è poco. Mentre Candreva la buttava dentro, su Canale 5 Belen e la Blasi limonavano. Gliel’ha chiesto Signorini in “onore dell’omosessualità”. Loro hanno eseguito e tutti erano felici e applaudivano. Io mica...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.