VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Juve ko in Supercoppa: di chi le colpe?
  Massimiliano Allegri e le sue scelte
  Il mercato di Marotta e Paratici
  I giocatori fuori forma come Higuain
  Nessuna crisi: ad agosto può starci

TMW Mob
Editoriale

Inter si cambia, ora tocca alla panchina ecco i candidati. Juve e cosa è successo fra le due finali. La ricostuzione del Milan: le linee guida...

11.05.2017 00:00 di Luca Marchetti   articolo letto 35994 volte
© foto di Federico De Luca

Ora è tempo di capire cosa succederà. Dopo la notizia ieri dell'esonero di Pioli e l'arrivo di Sabatini come supervisore tecnico del gruppo Suning (presentato alla stampa in Cina a dimostrare da un lato la vicinanza alla proprietà dall'altro per far capire quanto sarà vasto io suo compito) si deve ragionare suo futuro.
La proprietà, quindi Zhang senior, ha voluto accelerare i tempi di un cambiamento che comunque sarebbe stato fatto. Se si può esonerare, dalla sera alla mattina, un allenatore con il quale si era provato a tenere insieme i cocci di una stagione che sta diventando (sportivamente parlando) disastrosa, non si può mettere sotto contratto uno come Sabatini dall'oggi al domani. Evidentemente i contatti ci sono stati da tempo (c'è chi dice più di un mese fa) anche per far capire a Sabatini cosa avrebbe dovuto fare. Quindi, qualcuno si chiede, perché rinnovare Ausilio? Perché sono due lavori diversi. Ausilio è e rimane il direttore sportivo dell'Inter. Piena autonomia sul mercato, piena autonomia nella scelta dei suoi collaboratori. Dovrà avere un confronto in più: se prima i suoi movimenti dovevano essere concordati principalmente con presidente e amministratore delegato, ora al tavolo (o al giro di mail) dovrà esserci anche Sabatini. Che sicuramente avrà le sue idee, i suoi canali, ma sempre con Ausilio dovrà confrontarsi per quanto riguarda la società nerazzurra. Funzioneranno i due insieme, considerando che la loro estrazione è proprio quella di direttore sportivo (e non generale o amministratore delegato come succede spesso nelle altre "coppie" del calcio italiano)? Lo dirà solo il tempo. Di sicuro Suning ha voluto rafforzare la società con un uomo di grandissima competenza e spessore internazionale non rinunciando affatto ai suoi dirigenti. Dovranno loro trovare il tempo giusto e i modi giusti per far tornare l'Inter ad essere competitiva nel minor tempo possibile. Questo tipo di scelta però ha dimostrato nel giro di 24 ore due cose: la prima è che Suning non bada a spese e vuole i migliori tutti per sé. E che a fronte di questa dimostrazione anche quegli obiettivi per la panchina potrebbero essere più attratti. Lavorare per una società che ha questo tipo di ambizione è sicuramente un vantaggio. Ecco che quindi rimangono sul tavolo tutti i nomi dei big fatti finora: Conte (che Sabatini avrebbe voluto a Roma per il post Garcia se il francese fosse rimasto di più sulla panchina della Roma), Simeone (che dopo ieri sera potrebbe aver dichiarato concluso il suo periodo di lavoro all'Atletico, sempre che Berta non accetti la corte del PSG e non convinca anche il Cholo), Emery (anche se in questo momento da Parigi sono convinti che alla fine rimanga), Spalletti (che con Sabatini ha già lavorato e che essendo libero a fine anno sarebbe il più facile da prendere) oppure Pochettino che con il Tottenham ha fatto veramente bene in questi anni inchinandosi in Inghilterra agli italiani: lo scorso anno a Ranieri e quest'anno salvo cataclismi a Conte. Finiti qui? No, forse no. Ma per il momento bastano questi. L'Inter punta in alto. Poi però quei possibili problemi di convivenza, di dialogo e di struttura deve risolverli il prima possibile perché la forza di una squadra passa sì dai giocatori che vanno in campo, passa certamente dall'allenatore, ma è determinata dalla forza e dalla struttura societaria. Lo insegnano le squadre vincenti degli ultimi anni, anche le italiane. Il Milan di Berlusconi e Galliani. La Juventus che sotto la presidenza Agnelli ha trovato il due Marotta Paratici con il quale ha costruito un ciclo straordinario. Un solo dato sulla Juve, da mercato, per sottolineare la solidità della società e la competenza dei dirigenti (e dell'allenatore, ovvio). Due finali in 3 anni è già un dato molto importante. Ma queste due finali sono arrivate con due squadre nettamente differenti. Soltanto due giocatori (verosimilmente) le giocheranno entrambe: Buffon e Bonucci (Chiellini era squalificato, Lichtsteiner, Marchisio e Barzagli erano in campo ma quest'anno sono stati cotitolari). Questo non significa che non c'è un blocco, anzi. Ne abbiamo parlato a lungo. Ma che c'è stata allo stesso tempo una grande capacità di ricambio: per tornare a vincere. E questo input te lo passa l'allenatore e la società. Non solo: da quella formazione con le cessioni la Juventus ha incassato circa 200 milioni di euro (Pogba, Vidal e Morata, avendone spesi in precedenza 30 per questi 3). 200 milioni che (più o meno) sono stati reinvestiti per questa squadra qui (parliamo sempre dell'ipotetico 11) su Higuain, Pjanic, Mandzukic, Dybala e Alex Sandro. Con la consapevolezza che se volessi vendere "qualcosa" ancora riusciresti a guadagnare, eccome.
Generalmente chi vince ha un ciclo che la porta a queste vittorie: la Juventus ha saputo cambiare ciclo in corsa senza che praticamente nessuno se ne accorgesse. Continuando a vincere, non solo in Italia (dove peraltro ha imposto ritmi pazzeschi).
In ultima considerazione (per oggi) il Milan: sono cominciati in maniera ufficiale i mille colloqui di Mirabelli per aumentare tono e qualità alla squadra. I soldi a disposizione ci sono ma bisogna avere la pazienza e la forza di procedere per gradi. In questo momento il grandissimo campione è difficile che accetti subito il nuovo progetto senza neanche averlo visto. E il compito non è facile. Ecco che allora l'obiettivo di mercato è alzare l'asticella della qualità con acquisti più "normali" che diano però l'idea che la musica (almeno a livello economico!) è cambiata. Kessié è perfetto come profilo: giovane, forte e conosciuto. Non ancora top player ma magari lo diventa. E in questo discorso si innesta anche la conferma di Montella. Ultimamente qualche screzio (al,eno mediatico c'è stato) ma vedere Montella sulla panchina del Milan la prossima stagione dipende dalla qualificazione in Europa. E forse anche dal modo in cui arriva: se fa meno peggio degli altri non è certo una gran medaglia. Finora le parole in pubblico sono sempre state di grande apprezzamento da parte di Mirabelli e Fassone. Anche qui si farà presto a capire che aria realmente tira. Qualche nuvoletta all'orizzonte si sta addensando. Per il momento nulla di preoccupante... ma voi tenetevi forte...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Un Ferragosto di colpi: Juve, Inter e Milan. Caso Keita, restyling Fiorentina: ma non è affatto finita qui 17.08 - Entro il fine settimana sarebbe arrivato Matuidi. E Matuidi è stato. Anche in anticipo (leggero) rispetto alle previsioni. Approfittando della festa di Ferragosto Marotta e Paratici hanno rotto gli indugi e già da martedì sera Paratici era andato a Montecarlo per chiudere la trattativa...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Quanti pensieri sotto il sole di Riccione… Kondo, che pasticcio! Juve e le scuse di Higuain… Sarri, ora o mai più! Ma Asensio? 16.08 - Le spensierate vacanze sono agli sgoccioli… Sotto il sole di Riccione ci si diverte e la mente (e il fisico) si rilassa, immagazzinando energie per i mesi futuri… Eppure, tre o quattro volte al giorno, ci si ritrova a parlare di calcio! Impossibile farne a meno… La Juventus ridimensionata...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Allarme Juve: il rinforzo di Marotta e la scelta (complicata) di Allegri. Inter: la decisione su Schick. Bomber Milan? Un silenzio "studiato". Napoli: ecco la mossa giusta 15.08 - E ben ritrovati a tutti. Questo editoriale va in onda in forma ridotta per ovviare a una questione di "ferie del sottoscritto iniziate giusto ieri". Questo non significa che non si possa toccare il fondo anche questa settimana: ci riusciremo, solo in maniera più concentrata. Vi...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

5 giorni al via della nuova serie A: ecco la griglia di partenza… e di arrivo aspettando il 31 Agosto 14.08 - Ovviamente preferiamo tutti la grigliata di Ferragosto alla griglia di partenza della serie A, però, è giusto parlare prima anziché dopo quando sarà tutto più facile per tutti. Certamente ci sono ancora due settimane piene per cambiare obiettivi e per spostare gli equilibri, con un...

EditorialeDI: Marco Conterio

L'anno zero del calcio mondiale. Il risveglio dal sogno Leicester, la lezione di Rooney, i milioni del PSG e le grandi d'Italia in cerca degli ultimi botti 13.08 - Il Leicester City di Claudio Ranieri aveva risvegliato, in tutti noi, una parola antica. Fanciullesca. Favola. Aveva riportato alla mente i racconti di un calcio che fu, le pagine polverose del pallone delle leggende, di quanto la televisione era un miraggio, o di quanto Davide aveva...

EditorialeDI: Mauro Suma

Juve, Milan e Inter: cosa manca. Biglia e Kondo: casi di Ferragosto. Kolarov: l'ovvio del derby 12.08 - Alla Juventus manca un centrocampista, al Milan un centravanti, all'Inter un colpo. Quello del centrocampista inizia ad essere un caso per i bianconeri. Sempre vincenti e sempre leader, ma nel corso degli anni il reparto-chiave, la sala macchine, ha perso irreversibilmente qualità....

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve allarme, il mercato e’ in ritardo. Per la Champions serve di più. Non poteva prendere Strootman con la clausola? Serve un altro Bonucci. Ma anche l’Inter e’ ferma. Milan, occhi su Cavani. Fiorentina, Simeone e Jese’ 11.08 - Guardo la casella degli acquisti su un giornale qualsiasi, conto i giorni che mancano alla fine del mercato (soltanto venti) e comincio a pensare che la Juventus sia in netto ritardo. Magari oggi Marotta mi smentira’ presentando in un colpo solo i tre-quattro giocatori che servono...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Juve un 10 in attesa del centrocampista, la Roma insiste, l'Inter dribbla. Il Torino scatenato a centrocampo, Schick rifa le visite e ora? 10.08 - La Juve, sebbene non abbia più piazzato la zampata del centrocampista, la notizia della giornata l'ha comunque tirata fuori: Dybala sarà il nuovo 10 bianconero. Voi direte: col mercato non c'entra niente. Vero ma intanto possiamo sgombrare il campo da qualsiasi tipo di voce che continuava...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Bacca & Gabigol, noie milanesi! Juve-Strootman, impossibile… Napoli quanti esuberi! Ibra, dacci una gioia… 09.08 - Lo ammetto: sono anni che non vedevo tanto entusiasmo, a Milano, attorno ad entrambe le squadre della città. Il Diavolo è tornato a dettar legge (almeno d’estate), con un mercato faraonico… L’Inter, con calma e raziocinio, sta plasmando una squadra “alla Spalletti”. Tutti felici ma...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve, non solo Matuidi: Marotta prepara il botto di ferragosto. Inter: la richiesta di Spalletti (non solo sul mercato...). Milan: un'altra battaglia mediatica in attesa del bomber. Napoli: ecco l'Europa 08.08 - Ciao. Ho solo un’ora di tempo. “Per fortuna”, direte voi. Vado con 11 sinapsi a caso. 1) C’è l’ondata di caldo. Ad agosto. La gente si sorprende e dice “dove andremo a finire”. Perché fa molto caldo. Ad agosto. Io non capisco. 2) La canzone dei Thegiornalisti “Riccione”...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.