HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi è la favorita per la Champions 2018/2019?
  Barcellona
  Juventus
  Manchester United
  Liverpool
  Manchester City
  Ajax
  Porto
  Tottenham

La Giovane Italia
Editoriale

Inter, una spina per Spalletti. Milan, due colpi entro giovedì. Bologna, l'indeterminato di Bigon...quando termina? Allan andava ceduto

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
28.01.2019 00:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 35157 volte

Se Gattuso avesse fatto i punti di Spalletti, con la squadra che si ritrova Luciano, oggi i giornali manderebbero cronisti a Gallarate e le televisioni farebbero speciali su quanto sia scarso Rino. Diciamolo una volta per tutte: l'Inter è la vera delusione della stagione. Certamente, in compagnia. Ad esempio della Roma. Sta di fatto che, per il mercato svolto e per come si erano messe le cose, non ci aspettavamo da Spalletti la vittoria del campionato ma neanche di non essere mai in corsa e, soprattutto, di uscire così presto dalla Champions League con una squadra che non aveva più ambizioni di classifica. Inoltre l'Inter gioca male, non diverte e quando si inceppa Icardi il motore va in fumo. Dove sono le idee di Spalletti? Per ora restano ad Appiano, ma il tempo sta per finire e gli obiettivi stanno sfumando, lentamente, uno alla volta. Bilancio negativo per i nerazzurri che la scorsa estate furono protagonisti con il mercato di Ausilio. Adesso mancano tre giorni alla chiusura della sessione invernale. Sarebbe dovuto essere un gennaio da zero a zero e, invece, arriveremo fino all'ultimo con diverse big impegnate a fare qualcosa. La spina Perisic rischia di far male a Marotta ed Ausilio. Le ammissioni pubbliche di Beppe Marotta mettono spalle al muro la società. Il ragazzo vuole andare via? Bene, se non ci sono offerte non può andare ma soprattutto l'Inter non può pensare di dimezzare la valutazione solo per accontentare Perisic. Due sono le cose: o l'Inter ha già in mano un'offerta soddisfacente per Perisic oppure le dichiarazioni di ieri, a Torino, rischiano di diventare un boomerang quando mancano così poche ore al gong finale. Solo cinque mesi fa, il valore di Perisic era un altro. Cedere a gennaio non è mai conveniente, figuriamoci se qualcuno ti prende per il collo il 30 del mese con una squadra che ha solo un obiettivo stagionale: la Coppa Italia. Poco se pensiamo alle ambizioni di agosto.
Altra musica al Milan, dove senza calciatori, senza mercato, senza Higuain e senza soldi da poter spendere la squadra è in piena corsa per il quarto posto, massimo obiettivo stagionale. Rispetto ad inizio anno, i rossoneri sono indeboliti. Tra infortuni, partenze ed assenze. Il Milan ha perso pezzi per strada. Biglia e Bonaventura su tutti. Mai sostituiti nei ruoli di appartenenza. Mancano tre giorni e Leonardo qualcosa dovrà fare. Come se non ha soldi da spendere? Dovrà mettere in moto la fantasia; è pagato anche per inventare. Come ha inventato bene Paqueta. Un centrocampista e un esterno alto. Non può perdersi per così poco il Milan, quando vede alla portata il grande obiettivo di ritornare in Champions. Lo sforzo va fatto e adesso. Poi ci sarà spazio solo per malumori e rimpianti. E' l'anno zero per i rossoneri. Immaginare un'altra stagione in Europa League diventa una angoscia per i tifosi milanisti. La squadra c'è e anche contro le grandi, finora, non ha mai deluso. La vera differenza tra la classifica dell'Inter e quella del Milan la fa il derby perso allo scadere. Altrimenti oggi, forse, parleremmo di altro. Di un film ancora non visto.
A Bologna hanno fatto spazientire, perfino, Saputo. Il Presidente sembrava docile e innocuo. Ieri sembrava un leone affamato uscito dalla gabbia. Certo, perdere 0-4 con il Frosinone con una prestazione del genere significa che in settimana certi calciatori pensano di essere al dopo lavoro più che in serie A. Inzaghi si conferma non allenatore di categoria. Certamente la squadra è oggettivamente scarsa ma della mano del Mister, a Bologna, non si vede neanche un mignolo. Adesso non vorrei tornare sempre sullo stesso argomento ma, per molto meno, dirigenti di serie A e serie B hanno pagato risultati così scadenti. Saputo dovrebbe farsi delle domande, non solo su Inzaghi, ma anche su Bigon e Di Vaio. Non ha una giustificazione il contratto a tempo indeterminato di Bigon. Prima o poi finirà anche questo? Ci sono direttori sul mercato validi che non lavorano per aver sbagliato squadre e stagioni per molto meno.
In chiusura una riflessione sulla non cessione di Allan. Non sappiamo se il PSG abbia fatto due passi avanti e poi tre indietro, ma una cosa è certa: se ti offrono 70-80 milioni per Allan, il calciatore va ceduto. Meglio in estate; ma se l'offerta arriva a gennaio va bene uguale. Anche perché la stagione del Napoli ha, ormai, già detto tutto. Puoi provare ad andare avanti, il più possibile, in Europa League ma gli spettatori allo stadio nel recente passato hanno confermato che della coppetta europea, ai napoletani, frega ben poco. Allan è arrivato da Udine a 12 milioni di euro. Ha fatto grandi cose, ma è un motorino di centrocampo, uno di rottura. Se arriva, oggi, a quel valore va ceduto. Per far contento il calciatore, ma anche e soprattutto per realizzare una maxi plusvalenza. Le sue qualità sono indiscutibili ma quando il mercato si droga devi seguire l'onda giusta. Nel dettaglio non entriamo perché non sappiamo, realmente, se il PSG si sia improvvisamente ritirato oppure se De Laurentiis abbia tirato troppo la corda. Sta di fatto che resta in rosa un ragazzo che avrebbe potuto svoltare la sua carriera e il Napoli avrebbe potuto avere soldi importanti da reinvestire sul mercato estivo.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Le scuse ad Allegri e le scuse di Spalletti: trova la differenza. Napoli, la strada per essere grande si fa in salita. Bologna, Sinisa ha smontato la testa. Gravina-Brunelli-De Siervo, asse contro Di Maio che vuole far perdere al calcio 2 miliardi 18.03 - La Toscana non è uguale in tutte le sue città. Firenze non è Livorno, Siena non è Pisa e Forte dei Marmi non è Grosseto. Ognuna di queste ha le sue bellezze. Anche i toscani sono diversi tra di loro. Ci sono quelli simpatici che fanno ridere e quelli che vogliono fare i simpatici...

Editoriale DI: Marco Conterio

Il Mondo capovolto: la Juve clamorosamente tra le grandi favorite Champions. Ajax, talenti e delusioni cocenti. Messi o Cristiano Ronaldo? Lo scontro possibile e il derby di oggi. Tutto di un altro pianeta 17.03 - Adesso che il cerchio si stringe, su Tuttomercatoweb.com abbiamo aperto il sondaggio che di per se ha poco d'originale, tanto di banale ma che ha il gran dubbio della risposta finale. "Chi è la favorita per la Champions 2018/2019?". Otto opzioni, di fatto i lettori ne stanno votando,...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Napoli: Insigne, Koulibaly e Allan restano. Per il centrocampo c’è Fornals, in attacco Lozano prima scelta. Per il futuro di Allegri bisogna aspettare ancora, Conte e Deschamps nomi da monitorare. Il Real ripensa a Milinkovic Savic 16.03 - I motori si stanno scaldando. La Primavera in arrivo sta accendendo il mercato. Il Napoli è sempre molto attivo. Ancelotti e la società sono convinti di poter crescere ancora e per questo l’obiettivo è tenere tutti i big. Non c’è alcuna volontà di prendere in considerazione offerte...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Inter fuori dall’Europa paga caro il caso-Icardi. Un capitano vero avrebbe giocato. Zhang furioso lo vuole sul mercato. Derby ad alto rischio. Spalletti via, Conte ha chiesto tempo. Il caso Mourinho. 15.03 - L’Europa League era uno degli obiettivi stagionali, ora per non fallire completamente la stagione, all’Inter non resta che la caccia alla Champions, con il Derby alle porte, in un momento complicatissimo. Questa situazione drammatica è il frutto amaro del caso Icardi che da oltre...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Una Champions da sballo e il dominio inglese. L’orgoglio italiano di Napoli e Inter e la rivoluzione in casa Real 14.03 - Ora abbiamo le favolose 8 d’Europa. E nei giorni in cui si discute tantissimo della Brexit, le squadre della Premier danno un chiaro indirizzo: in Champions vogliono dettare loro la legge. L’ultima volta che si era verificato un evento del genere era esattamente 10 anni fa: Arsenal,...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Attenzione Icardi: contatto e offerta Real Madrid! E nel frattempo l’Inter proibisce l’incontro con Zhang Hanno ucciso Allegri. Allegri è vivo! Come può non essere la Juventus la favorita della Champions? 13.03 - Juve da Champions negli occhi di tutti, ma c’è la precedenza al notizione su Icardi. E anche se incombe il derby e l’attualità, attenzione alla novità. Nella giornata di lunedì il Real Madrid (proprio nelle stesse ore dell'arrivo di Zidane) ha contattato l’entourage di Icardi. Un...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: la scelta di Zidane e il futuro di Allegri… nel giorno del giudizio. Inter: la pace solo a parole tra Icardi e Spalletti. Roma: c’è un vero, grande acquisto 12.03 - La prima cosa che mi viene da scrivere è che Zidane è tutto tranne che rincoglionito. I rincoglioniti non sanno scegliere il momento giusto, lui ha mollato Madrid un anno fa, ha capito che questa per gli amici spagnoli sarebbe stata una stagione fetente, si è fatto l’anno sabbatico...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Juve, la notte verità. Inter, basta frecciatine. Spalletti-Marotta chiudetevi nello spogliatoio. Roma, follia pura. Foggia, “Nember One” Venezia, da Vecchi-Zenga a Cosmi la gondola non gongola 11.03 - Potete raccontarci quello che volete. La cena tra Agnelli e Allegri, la Champions che è un’ossessione della stampa e non del club, che la partita di domani sera con l’Atletico Madrid sarà una come tante altre. Sappiamo e sapete che non è così. Domani, a Torino, ci sarà un bivio. Se...

Editoriale DI: Andrea Losapio

Kean rischia di diventare un caso, sarà sacrificato in estate? La Roma pensa al casting, mentre l'Inter perde candidati alla panchina. Il Napoli può vincere l'Europa League 10.03 - L'Italia scopre, o meglio riscopre, Moise Kean, attaccante della Juventus, primo 2000 a giocare in Serie A. In un periodo in cui i minorenni vanno poco di moda, Donnarumma a parte, poteva sembrare un buon punto da cui ripartire anche per la nostra Nazionale, in preda a un'anemia di...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Roma: Sarri, Gasperini e Giampaolo idee per il futuro. Inter-Icardi patto fino al termine della stagione. Il Milan al lavoro per i rinnovi di Abate, Zapata, Suso e Donnarumma. Juventus, fari accesi su Joao Felix del Benfica 09.03 - L’addio a Di Francesco, la risoluzione consensuale con Monchi, l’arrivo di Ranieri e un futuro ancora da scrivere. La Roma cambia e guarda avanti, con un solo grande obiettivo: la qualificazione alla Champions League del prossimo anno, traguardo fondamentale. Ranieri resterà al timone...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510