VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
Editoriale

Inzaghi: attaccatelo a più non posso. Meglio per il Milan. Destro-Handanovic: scambio Roma-Inter. Da Cerci a Mario Suarez: sempre derby. Serie A: senza Higuain e Pogba, dove si va?

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
17.01.2015 00:00 di Mauro Suma   articolo letto 35872 volte

Avanti, c'è posto. Attaccatelo Inzaghi. Chiamatelo pure Inzarri, o Mazzaghi se preferite, accusatelo pure di fare calcio da contropiede. Cercate anche di umiliarlo scrivendo che allena il Milan solo perché costa poco o che può andare avanti solo con un tutor. Fate, fate pure. Questa deve essere la speranza dei veri milanisti. Perchè questo è il brodo di coltura in cui Inzaghi sguazza al meglio. Lui ha costruito una carriera di campo sulle critiche. Le ha convertite in adrenalina, gol, record, coppe, fama. Lo deridevano per la sua tecnica, gli dicevano che era finito nel 2004 per la cartilagine del ginocchio. Lo bollavano come cascatore, lo accusavano di inibire Sheva. E lui dritto verso l'allenamento del giorno stesso, verso il prossimo gol, lui e il suo fanciullino (l'amore che ha dentro di se per il calcio) pronti per l'appuntamento con il cielo di Atene. Questo è Inzaghi. Il bello deve ancora venire il suo motto. Le rivincite non se le prende a caldo. Le prepara con testa e cuore e al momento giusto se le gode per sempre. Dopo Milan-Sassuolo di coppa Italia ha anche detto: "Ho letto che l'anno scorso il Milan era a 17 punti dal terzo posto, finchè possiamo giocarci qualcosa ce la dobbiamo giocare". Non c'erano dubbi che Inzaghi capisse. E convertisse l'orribile Milan di Torino nella voglia pancia a terra di migliorare, di competere. Quel dato, di cronaca, lui ho la letto. Perché non lo ha ispirato. L'animo di Inzaghi, in panchina oggi come in campo una volta, è libero da conflitti ed è popolato solo da stimoli. Lui non chiama la Società e quindi il Sito, come è accaduto il 24 Febbraio 2014 alle 10:24. Quel giorno altre persone si preoccupavano di chiamare il Milan e quindi il Sito per ottenere la pubblicazione della seguente notizia: "Il Milan, dall'arrivo di Mister Seedorf, ha conquistato 13 punti in 6 gare. Nelle stesse 6 partite del girone d'Andata, i rossoneri avevano conquistato 8 punti". Verificare, please. Anche così, facendo un abbozzo di lavoro giornalistico, i mendicanti di amicizie possono scoprire che nel loro orticello accadeva ben di peggio, rispetto ad un dato reso noto, nella maniera più innocente del mondo, dal buon Tiberio Fossi che da 20 anni (tanti Auguri!) è l'editore e direttore responsabile della Football Data che ha il merito e l'onore di collaborare con molti Club di Serie A fra cui il Milan.

La quotazione di mercato che la Roma attribuisce a Mattia Destro è fuori dalla portata della Serie A italiana. Destro a 20 milioni può partire solo attraverso uno scambio e dopo tanto lavoro di preparazione. A Gennaio non c'è tempo, non c'è materia per lo scambio e non accadrà. A Giugno, invece, con ogni probabilità la Roma risolverà il problema del portiere con Samir Handanovic e l'Inter quello dell'attaccante al posto o di Osvaldo o di Icardi o di Palacio, proprio con lo stesso Mattia Destro.

Per la seconda volta nella finestra di mercato di Gennaio, l'Atletico Madrid è l'arbitro di un derby. Prima quello per Alessio Cerci. Andato al Milan, per il grande rapporto fra Miguel Angel Gil e Adriano Galliani, non tenuto in conto da Roberto Mancini. Adesso il secondo derby. Quello per Mario Suarez. Che andrà all'Inter. Non facciamo finta di niente, non nascondiamo le cose che bruciano sotto il tappeto: al Milan, Mario Suarez piaceva parecchio. Ma questo pareggio nel derby di Gennaio ha dato al Milan quella gran voglia di giorni del Condor che all'inizio si pensava non dovessero arrivare in questa sessione di trattative. Centrocampo-Condor allora? Difficile, ma non impossibile.

Tutti pronosticano Napoli per il terzo posto. Pronostico legittimo, pronostico che ci sta. Ma il Napoli sarà abbastanza sereno per centrarlo? Perché la faccia di Higuain a Bilbao non mente. Il Pipita senza Champions League a Napoli non ci vuole stare. Ed è per questo che il Napoli non si gioca solo un obiettivo sportivo, ma il proprio futuro. Anche per Inter e Milan è un po' così. Ma sono società più scafate, che la drammaticità sportiva della posta in palio l'hanno già colta in pieno. Saprà farlo anche il Napoli, in una Napoli che tradizionalmente è città di calcio esigente, ansiosa di amare la sua squadra, anche chiassosa quando si tratta di animare il dibattito? Dubbi che possono, in altra percentuale, riguardare anche la Juventus. Che ha davanti a se la sfida di Zidane. Nell'estate del 2001 sembrava finito il mondo e invece arrivarono Buffon, Thuram, Nedved e il 5 Maggio. Nell'estate del 2015, la Juventus dovrà con ogni probabilità ripetersi. Da Zidane a Pogba. Anche il mercato è una grande sfida.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Collina l’uomo nuovo per la Federcalcio. Ancelotti, no alla Nazionale. Non farà la foglia di fico di Tavecchio che deve solo andar via. La colpa è sua: non ha capito la guerra fra Ventura e i giocatori. Tutti i retroscena. L’ex Ct via dall’It 17.11 - C’è solo un uomo in grado di cambiare il calcio in Italia e di rilanciarlo verso il futuro con interventi radicali e riforme illuminate e quell’uomo si chiama Pierluigi Collina. L’attuale capo degli arbitri della Fifa è l’unica personalità di livello mondiale spendibile dal paese...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non è una questione di nomi, ma di programmi. E stavolta sul serio... 16.11 - Lunedì. Lunedì sarà il giorno in cui ci saranno le risposte. Le proposte che Tavecchio (che non si è dimesso) presenterà il nuovo programma da cui ripartire. Uomini e idee. E' lì che si giocherà la vera partita, è lì che misureremo la voglia di cambiamento del movimento calcio italiano. Delle...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Nazionale interessa davvero? Allora nuova “regola”: cinque italiani in campo (minimo) in ogni club!!! 15.11 - La delusione è ancora forte, quasi insostenibile. Come era prevedibile, tutti si sono inorriditi per quanto successo. L’Italia fuori dal Mondiale, una catastrofe, un’apocalisse, la morte del calcio italiano. Tanti presidenti di club si sono espositi in prima persona… Tutti avviliti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Qui muore il calcio italiano 14.11 - Qui muore il calcio italiano, condannato dall'improvvisazione, le cattive abitudini, il malcostume di chi pensa che ce la farà per qualche bislacco diritto divino. Qui muore il calcio italiano. E ci fa male, malissimo, ma guardiamoci in faccia: è dannatamente giusto così. Qui...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tifiamo Italia ma cambiamola da subito: 4 proposte per riformare serie A, B, C e D. Marotta, il problema non è la chiusura tardiva del mercato... 13.11 - Questa sera l'Italia del pallone, e non solo, si ferma. Come fosse una finale del Mondiale, il fiato sospeso per l'importanza della gara. Tutti su Rai 1 a tifare gli azzurri sbiaditi. Non è la finale di un Mondiale e neanche una semifinale. Un play off per farlo il Mondiale. Giochi...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Italia, i colpevoli dopo martedì. Esonerare Ventura ora è inutile, magari due partite fa... L'ombra di Conte e gli errori di Tavecchio 12.11 - Il giorno dei processi non è ancora arrivato. Sarà in ogni caso quello di martedì, perché la partita della Friends Arena, pur difficile come dimostrato già dalla sconfitta dei nostri cugini francesi, ha scavato l’ennesimo solco incolmabile fra la Nazionale di Ventura e la realtà....

EditorialeDI: Mauro Suma

Italia, un palo che non trema. Milano, Herrera e i criteri del Comune. Pirlo, freddezza rossonera 11.11 - Han fatto quello che hanno voluto. Ci hanno tenuti bassi nel primo tempo e ci han fatto venire fuori nel secondo. In attesa dell'attimo buono, che hanno artigliato prima e gestito con disinvoltura poi. Non sono solo chiacchiere e zazzera bionda questi svedesi. Il peggior sorteggio...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Insigne non deve mancare. Ventura imita Maldini. Milan, no al blocco del mercato. Ottimismo per i conti. Donnarumma verso il Psg che pensa anche a Conte. Juve, preso Barella. Napoli, Quagliarella per Milik 10.11 - Cari amici, lo so che della Nazionale non ve ne può fregar di meno. Azzurro Tenebra, scriveva Arpino. Azzurro pallido oggi. Ma stasera il tifo positivo di tutta l’Italia deve accompagnare la Nazionale nello storico spareggio con la Svezia che venti anni dopo ricorda quello di Cesare...

EditorialeDI: Luca Marchetti

L’Italia e Insigne, il Napoli e i terzini, l’Inter e Joao Mario e il FFP del Milan 09.11 - Ora tutti concentrati sull’Italia. E di parole sull’importanza della partita in previsione domani ne sono state dette e scritte tantissime. Dai protagonisti di questo spareggio e da tanti colleghi. Tutti d’accordo, l’Italia non può mancare dal Mondiale. Il rischio, paradossalmente...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Che sia una bella av-Ventura… Samp, negozio di alta qualità!!! Schick, pensa a giocare… Conte parigino? Mou nelle mani di Ibra! 08.11 - Non so voi ma io sono teso… Lo spareggio Mondiale mi ronza nella mente. Ci penso tanto, troppo. E’ come un chiodo fisso e preferirei averne di altro tipo! Che sia chiaro, ho fiducia nell’Italia ma ho anche tanta, troppa paura… Non me ne voglia il nostro CT (che non ho intenzione di...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.