HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi è la favorita per la Champions 2018/2019?
  Barcellona
  Juventus
  Manchester United
  Liverpool
  Manchester City
  Ajax
  Porto
  Tottenham

La Giovane Italia
Editoriale

Italia, che noia. Giorgetti-Malagò: la ragione sta nel mezzo. Juve B, progetto inutile e da abolire. I 3 migliori allenatori (tutti di C) pronti per il salto

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
19.11.2018 00:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 23477 volte
Italia, che noia. Giorgetti-Malagò: la ragione sta nel mezzo. Juve B, progetto inutile e da abolire. I 3 migliori allenatori (tutti di C) pronti per il salto

Un editoriale senza parlare di mercato oppure senza parlare di Milan, Inter, Juventus e Napoli è sicuramente di poco interesse per il pubblico. Almeno per il grande pubblico. Ma con il campionato fermo e il mercato lontano non avrebbe senso occuparsi dei soliti temi. Allora andiamo oltre. Per fortuna, tuttomercatoweb non ha bisogno di 20.000 letture in più o in meno. Altri hanno bisogno di raccontare i fatti, a modo loro, per cercare di fare visualizzazioni. La regola del giornalismo è sempre la stessa. A volte, qualcuno la dimentica o fa finta di dimenticarla. Parliamo di altri temi. Il primo che, però, toccheremo velocemente è la Nazionale. Nonostante sia una Italia senza appartenenza, senza risultati e senza appeal questa maglia riempie ancora San Siro come fosse Milan-Juventus. E la De Filippi è costretta a rimandare il suo programma di una settimana per non andare "contro" la Nazionale che gioca una finta amichevole con il Portogallo. Capite il potere del calcio? E quello della maglia azzurra che, in questi anni, hanno preso a picconate. Uno di questi è Giampiero Ventura che fa scrivere dal suo legale al nostro Andrea Losapio perché è stato cattivo nei suoi confronti. A volte basterebbe avere la decenza di accettare le critiche e di guardare partite e risultati. L'Italia di Mancini non è un capolavoro di Picasso. Anzi. Una squadra che non segna non vince e una squadra che non vince esce da ogni tipo di competizione. Anche l'ultima inventata per non etichettare queste partite inutili come "amichevoli". Capisco bloccare i campionati a ridosso di Mondiali ed Europei per dare spazio alle Nazionali ma in anni come questo è una assurdità fermare tutto per partite senza senso. La Uefa dovrebbe rivedere qualcosa. Più di qualcosa. Questa Italia, comunque, è senza cuore e grinta. Senza gioco e senza uomini. Gravina dovrebbe improvvisarsi Direttore Sportivo e trovare una soluzione anche a questo male.
La scorsa settimana è stata la settimana dello scontro. Politico ma anche di contenuti. Di sostanza. Da una parte il Presidente del Coni, Malagò, dall'altra il Ministro Giorgetti. Entrambi dicono cose giuste, entrambi sostengono versioni vere ma entrambi hanno in parte torto. Che lo scontro sia politico si vede lontano chilometri. Chi parla di idee o di progettualità mente. Il Governo vuole togliere potere al Coni, il Coni difende il potere che però negli anni è stato eccessivo e quando si eccede qualcuno si innervosisce. E' il caso della gestione Commissario FIGC, dove il Coni ha perso la partita più importante che ha voluto giocare e non doveva riguardare Malagò. Da qui i primi problemi per il numero 1 del Coni. Evidentemente credeva potesse essere più facile gestire il calcio, invece, si è reso conto che la patata bollente era già bruciata e Fabbricini è stato in grado, in pochi mesi, di fare peggio di Tavecchio, Abete e Carraro messi insieme in anni di governo del pallone italiano. Soldi buttati dalla finestra e campionati snaturati. Giorgetti vuole distribuire in maniera diversa i soldi allo sport italiano. Avrebbe ragione, in quanto i soldi partono dal Governo. E' anche vero che il Coni dovrebbe essere impegnato solo nella gestione dei Giochi ma sarebbe riduttivo non avere una guida per tutte le Federazioni. E tutte le Federazioni, tranne quella del calcio, sono con Malagò. Il suo potere all'interno del Coni non è mai stato in discussione. Questa guerra, però, rischia di lasciare morti e feriti sull'asfalto. Le piscine di Roma e Roma 2024 sono stati, oggettivamente, dei pessimi bigliettini da visita per lo sport italiano. Il Governo ora va oltre ma, forse, dovrebbe trovare una soluzione seduto al tavolo del Coni e non andare negli uffici del Coni a dare fuoco a tutto.
Un altro pasticcio commesso questa estate riguarda le squadre B. Pardon, la squadra B. Progetto che ci vede contrari da sempre ma, adesso, facciamo anche una riflessione calcistica. Può la Juventus navigare nei bassi fondi della classifica di serie C? Può fare queste figure in giro per l'Italia indossando la maglia della squadra più importante di Italia? E può far giocare i suoi ragazzi in uno stadio non di proprietà del club? Tutte risposte negative. La squadra neanche gira, nonostante in panchina ci sia un ottimo allenatore come Zironelli e alla guida ci sia un Direttore Sportivo, Cherubini, che è tra i top in Italia. Il problema non sono gli uomini ma un progetto voluto da Marotta che invece sarebbe dovuto essere stoppato sul nascere dai club. La Juventus, colta dal delirio di onnipotenza, è andata per la sua strada senza accorgersi che c'era una T prima dell'ingresso. Non ci sono vie di uscita.
Approfittando della sosta in A e B parliamo di temi generici ma, sempre approfittando della sosta, facciamo alcune valutazioni sui migliori allenatori giovani in circolazione. Ovviamente non vi parliamo di De Zerbi o quelli conosciuti. Vi dobbiamo parlare dei De Zerbi di domani, in modo che una volta archiviato questo articolo potremo rileggerlo tra qualche anno per capire se abbiamo preso una cantonata o siamo stati dei buoni profeti. Negli ultimi anni abbiamo sposato tre progetti: Gattuso, Bucchi e ci siamo allineati anche con gli altri sulla bravura di De Zerbi. Adesso proviamo a fare un salto in avanti. Vi facciamo tre nomi di mister che potrebbero avere presto una grande chance; allenano tutti in serie C e sono molto bravi. Per idee, risultati e gestione del gruppo. Il primo pallino è Alessio Dionisi, classe 1980 tecnico quest'anno dell'Imolese. Reduce da tanta serie D è un allenatore molto bravo e preparato. Due anni fa ha sfiorato il miracolo promozione con il Borgosesia. Perse la promozione con il Cuneo, all'ultimo secondo in casa nella penultima giornata nello scontro diretto. Avrebbe meritato. Dionisi fa giocare bene le sue squadre e presto sarà nel giro che conta. Ha fatto bene anche lo scorso anno, sempre in D, a Fiorenzuola. Segnate questo nome.
L'altro è più conosciuto anche perché è stato un ex calciatore a buoni livelli. Lo ricorderete con la maglia del Catania ma è al secondo anno di Juve Stabia in panchina. Fabio Caserta. Futuro assicurato, se non impazzisce, anche per lui. Lo scorso anno fece molto bene la Juve Stabia e quest'anno le vespe si stanno ripetendo. Caserta predilige il tridente, fa bene. Quando ha giocato, scorsa stagione, con le due punte ha snaturato leggermente il suo credo. Terzo e ultimo nome, ultimo solo perché già più conosciuto è quello di Paolo Zanetti del Sudtirol, 1982. Ha sfiorato la promozione in B, persona intelligente e allenatore preparatissimo. Prossimo anno la B lo aspetta. Buona gestione del gruppo e unisce gioco e risultati. Cosa non facile. Dalla D arriveranno altri nomi per il futuro. Ottimo impatto a Crema, con la Pergolettese, di Matteo Contini. Lo ricorderete come difensore del Napoli, del Siena e di tante altre ma da tre giornate fa l'allenatore in D. Subito grandi risultati e ottime idee di gioco. Buon rapporto con i calciatori perché in parte lo è anche lui. Presto per giudicarlo, poche gare, ma se ne parla bene sul campo. Io lo ricordavo solo per le serate al Tocqueville. Evidentemente è cresciuto molto. Nomi per il futuro: Achille Mazzoleni. Allena la Caronnese, ha ottenuto grandi risultati a Inveruno e il suo 4-3-3 è pulito e vincente. Misteriose le carriere di Antonino Asta e Riccardo Maspero. Sulla cresta dell'onda, pronti a fare il salto e invece rimasti nell'oblio della serie C. Così come avrei scommesso in un'altra carriera per Pasquale Padalino. Il tempo c'è, le occasioni a volte mancano. Questi allenatori, per molti sconosciuti, presto faranno carriera. Hanno bisogno di tempo e di dirigenti coraggiosi. Per ora prendiamo nota, in futuro stamperemo questo articolo. Non si sa mai...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Le scuse ad Allegri e le scuse di Spalletti: trova la differenza. Napoli, la strada per essere grande si fa in salita. Bologna, Sinisa ha smontato la testa. Gravina-Brunelli-De Siervo, asse contro Di Maio che vuole far perdere al calcio 2 miliardi 18.03 - La Toscana non è uguale in tutte le sue città. Firenze non è Livorno, Siena non è Pisa e Forte dei Marmi non è Grosseto. Ognuna di queste ha le sue bellezze. Anche i toscani sono diversi tra di loro. Ci sono quelli simpatici che fanno ridere e quelli che vogliono fare i simpatici...

Editoriale DI: Marco Conterio

Il Mondo capovolto: la Juve clamorosamente tra le grandi favorite Champions. Ajax, talenti e delusioni cocenti. Messi o Cristiano Ronaldo? Lo scontro possibile e il derby di oggi. Tutto di un altro pianeta 17.03 - Adesso che il cerchio si stringe, su Tuttomercatoweb.com abbiamo aperto il sondaggio che di per se ha poco d'originale, tanto di banale ma che ha il gran dubbio della risposta finale. "Chi è la favorita per la Champions 2018/2019?". Otto opzioni, di fatto i lettori ne stanno votando,...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Napoli: Insigne, Koulibaly e Allan restano. Per il centrocampo c’è Fornals, in attacco Lozano prima scelta. Per il futuro di Allegri bisogna aspettare ancora, Conte e Deschamps nomi da monitorare. Il Real ripensa a Milinkovic Savic 16.03 - I motori si stanno scaldando. La Primavera in arrivo sta accendendo il mercato. Il Napoli è sempre molto attivo. Ancelotti e la società sono convinti di poter crescere ancora e per questo l’obiettivo è tenere tutti i big. Non c’è alcuna volontà di prendere in considerazione offerte...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Inter fuori dall’Europa paga caro il caso-Icardi. Un capitano vero avrebbe giocato. Zhang furioso lo vuole sul mercato. Derby ad alto rischio. Spalletti via, Conte ha chiesto tempo. Il caso Mourinho. 15.03 - L’Europa League era uno degli obiettivi stagionali, ora per non fallire completamente la stagione, all’Inter non resta che la caccia alla Champions, con il Derby alle porte, in un momento complicatissimo. Questa situazione drammatica è il frutto amaro del caso Icardi che da oltre...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Una Champions da sballo e il dominio inglese. L’orgoglio italiano di Napoli e Inter e la rivoluzione in casa Real 14.03 - Ora abbiamo le favolose 8 d’Europa. E nei giorni in cui si discute tantissimo della Brexit, le squadre della Premier danno un chiaro indirizzo: in Champions vogliono dettare loro la legge. L’ultima volta che si era verificato un evento del genere era esattamente 10 anni fa: Arsenal,...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Attenzione Icardi: contatto e offerta Real Madrid! E nel frattempo l’Inter proibisce l’incontro con Zhang Hanno ucciso Allegri. Allegri è vivo! Come può non essere la Juventus la favorita della Champions? 13.03 - Juve da Champions negli occhi di tutti, ma c’è la precedenza al notizione su Icardi. E anche se incombe il derby e l’attualità, attenzione alla novità. Nella giornata di lunedì il Real Madrid (proprio nelle stesse ore dell'arrivo di Zidane) ha contattato l’entourage di Icardi. Un...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: la scelta di Zidane e il futuro di Allegri… nel giorno del giudizio. Inter: la pace solo a parole tra Icardi e Spalletti. Roma: c’è un vero, grande acquisto 12.03 - La prima cosa che mi viene da scrivere è che Zidane è tutto tranne che rincoglionito. I rincoglioniti non sanno scegliere il momento giusto, lui ha mollato Madrid un anno fa, ha capito che questa per gli amici spagnoli sarebbe stata una stagione fetente, si è fatto l’anno sabbatico...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Juve, la notte verità. Inter, basta frecciatine. Spalletti-Marotta chiudetevi nello spogliatoio. Roma, follia pura. Foggia, “Nember One” Venezia, da Vecchi-Zenga a Cosmi la gondola non gongola 11.03 - Potete raccontarci quello che volete. La cena tra Agnelli e Allegri, la Champions che è un’ossessione della stampa e non del club, che la partita di domani sera con l’Atletico Madrid sarà una come tante altre. Sappiamo e sapete che non è così. Domani, a Torino, ci sarà un bivio. Se...

Editoriale DI: Andrea Losapio

Kean rischia di diventare un caso, sarà sacrificato in estate? La Roma pensa al casting, mentre l'Inter perde candidati alla panchina. Il Napoli può vincere l'Europa League 10.03 - L'Italia scopre, o meglio riscopre, Moise Kean, attaccante della Juventus, primo 2000 a giocare in Serie A. In un periodo in cui i minorenni vanno poco di moda, Donnarumma a parte, poteva sembrare un buon punto da cui ripartire anche per la nostra Nazionale, in preda a un'anemia di...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Roma: Sarri, Gasperini e Giampaolo idee per il futuro. Inter-Icardi patto fino al termine della stagione. Il Milan al lavoro per i rinnovi di Abate, Zapata, Suso e Donnarumma. Juventus, fari accesi su Joao Felix del Benfica 09.03 - L’addio a Di Francesco, la risoluzione consensuale con Monchi, l’arrivo di Ranieri e un futuro ancora da scrivere. La Roma cambia e guarda avanti, con un solo grande obiettivo: la qualificazione alla Champions League del prossimo anno, traguardo fondamentale. Ranieri resterà al timone...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510