HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Inter, Sanchez ko: fiducia a Esposito o ritorno sul mercato?
  Avanti con Politano, Lukaku e Lautaro Martinez: sono più che sufficienti alle esigenze di Conte
  Occhi sul mercato, sia quello degli svincolati che invernale
  Fiducia al giovane Esposito: sarà lui a completare la batteria di attaccanti nerazzurri

La Giovane Italia
Editoriale

Italia, che noia. Giorgetti-Malagò: la ragione sta nel mezzo. Juve B, progetto inutile e da abolire. I 3 migliori allenatori (tutti di C) pronti per il salto

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
19.11.2018 00:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 24035 volte
Italia, che noia. Giorgetti-Malagò: la ragione sta nel mezzo. Juve B, progetto inutile e da abolire. I 3 migliori allenatori (tutti di C) pronti per il salto

Un editoriale senza parlare di mercato oppure senza parlare di Milan, Inter, Juventus e Napoli è sicuramente di poco interesse per il pubblico. Almeno per il grande pubblico. Ma con il campionato fermo e il mercato lontano non avrebbe senso occuparsi dei soliti temi. Allora andiamo oltre. Per fortuna, tuttomercatoweb non ha bisogno di 20.000 letture in più o in meno. Altri hanno bisogno di raccontare i fatti, a modo loro, per cercare di fare visualizzazioni. La regola del giornalismo è sempre la stessa. A volte, qualcuno la dimentica o fa finta di dimenticarla. Parliamo di altri temi. Il primo che, però, toccheremo velocemente è la Nazionale. Nonostante sia una Italia senza appartenenza, senza risultati e senza appeal questa maglia riempie ancora San Siro come fosse Milan-Juventus. E la De Filippi è costretta a rimandare il suo programma di una settimana per non andare "contro" la Nazionale che gioca una finta amichevole con il Portogallo. Capite il potere del calcio? E quello della maglia azzurra che, in questi anni, hanno preso a picconate. Uno di questi è Giampiero Ventura che fa scrivere dal suo legale al nostro Andrea Losapio perché è stato cattivo nei suoi confronti. A volte basterebbe avere la decenza di accettare le critiche e di guardare partite e risultati. L'Italia di Mancini non è un capolavoro di Picasso. Anzi. Una squadra che non segna non vince e una squadra che non vince esce da ogni tipo di competizione. Anche l'ultima inventata per non etichettare queste partite inutili come "amichevoli". Capisco bloccare i campionati a ridosso di Mondiali ed Europei per dare spazio alle Nazionali ma in anni come questo è una assurdità fermare tutto per partite senza senso. La Uefa dovrebbe rivedere qualcosa. Più di qualcosa. Questa Italia, comunque, è senza cuore e grinta. Senza gioco e senza uomini. Gravina dovrebbe improvvisarsi Direttore Sportivo e trovare una soluzione anche a questo male.
La scorsa settimana è stata la settimana dello scontro. Politico ma anche di contenuti. Di sostanza. Da una parte il Presidente del Coni, Malagò, dall'altra il Ministro Giorgetti. Entrambi dicono cose giuste, entrambi sostengono versioni vere ma entrambi hanno in parte torto. Che lo scontro sia politico si vede lontano chilometri. Chi parla di idee o di progettualità mente. Il Governo vuole togliere potere al Coni, il Coni difende il potere che però negli anni è stato eccessivo e quando si eccede qualcuno si innervosisce. E' il caso della gestione Commissario FIGC, dove il Coni ha perso la partita più importante che ha voluto giocare e non doveva riguardare Malagò. Da qui i primi problemi per il numero 1 del Coni. Evidentemente credeva potesse essere più facile gestire il calcio, invece, si è reso conto che la patata bollente era già bruciata e Fabbricini è stato in grado, in pochi mesi, di fare peggio di Tavecchio, Abete e Carraro messi insieme in anni di governo del pallone italiano. Soldi buttati dalla finestra e campionati snaturati. Giorgetti vuole distribuire in maniera diversa i soldi allo sport italiano. Avrebbe ragione, in quanto i soldi partono dal Governo. E' anche vero che il Coni dovrebbe essere impegnato solo nella gestione dei Giochi ma sarebbe riduttivo non avere una guida per tutte le Federazioni. E tutte le Federazioni, tranne quella del calcio, sono con Malagò. Il suo potere all'interno del Coni non è mai stato in discussione. Questa guerra, però, rischia di lasciare morti e feriti sull'asfalto. Le piscine di Roma e Roma 2024 sono stati, oggettivamente, dei pessimi bigliettini da visita per lo sport italiano. Il Governo ora va oltre ma, forse, dovrebbe trovare una soluzione seduto al tavolo del Coni e non andare negli uffici del Coni a dare fuoco a tutto.
Un altro pasticcio commesso questa estate riguarda le squadre B. Pardon, la squadra B. Progetto che ci vede contrari da sempre ma, adesso, facciamo anche una riflessione calcistica. Può la Juventus navigare nei bassi fondi della classifica di serie C? Può fare queste figure in giro per l'Italia indossando la maglia della squadra più importante di Italia? E può far giocare i suoi ragazzi in uno stadio non di proprietà del club? Tutte risposte negative. La squadra neanche gira, nonostante in panchina ci sia un ottimo allenatore come Zironelli e alla guida ci sia un Direttore Sportivo, Cherubini, che è tra i top in Italia. Il problema non sono gli uomini ma un progetto voluto da Marotta che invece sarebbe dovuto essere stoppato sul nascere dai club. La Juventus, colta dal delirio di onnipotenza, è andata per la sua strada senza accorgersi che c'era una T prima dell'ingresso. Non ci sono vie di uscita.
Approfittando della sosta in A e B parliamo di temi generici ma, sempre approfittando della sosta, facciamo alcune valutazioni sui migliori allenatori giovani in circolazione. Ovviamente non vi parliamo di De Zerbi o quelli conosciuti. Vi dobbiamo parlare dei De Zerbi di domani, in modo che una volta archiviato questo articolo potremo rileggerlo tra qualche anno per capire se abbiamo preso una cantonata o siamo stati dei buoni profeti. Negli ultimi anni abbiamo sposato tre progetti: Gattuso, Bucchi e ci siamo allineati anche con gli altri sulla bravura di De Zerbi. Adesso proviamo a fare un salto in avanti. Vi facciamo tre nomi di mister che potrebbero avere presto una grande chance; allenano tutti in serie C e sono molto bravi. Per idee, risultati e gestione del gruppo. Il primo pallino è Alessio Dionisi, classe 1980 tecnico quest'anno dell'Imolese. Reduce da tanta serie D è un allenatore molto bravo e preparato. Due anni fa ha sfiorato il miracolo promozione con il Borgosesia. Perse la promozione con il Cuneo, all'ultimo secondo in casa nella penultima giornata nello scontro diretto. Avrebbe meritato. Dionisi fa giocare bene le sue squadre e presto sarà nel giro che conta. Ha fatto bene anche lo scorso anno, sempre in D, a Fiorenzuola. Segnate questo nome.
L'altro è più conosciuto anche perché è stato un ex calciatore a buoni livelli. Lo ricorderete con la maglia del Catania ma è al secondo anno di Juve Stabia in panchina. Fabio Caserta. Futuro assicurato, se non impazzisce, anche per lui. Lo scorso anno fece molto bene la Juve Stabia e quest'anno le vespe si stanno ripetendo. Caserta predilige il tridente, fa bene. Quando ha giocato, scorsa stagione, con le due punte ha snaturato leggermente il suo credo. Terzo e ultimo nome, ultimo solo perché già più conosciuto è quello di Paolo Zanetti del Sudtirol, 1982. Ha sfiorato la promozione in B, persona intelligente e allenatore preparatissimo. Prossimo anno la B lo aspetta. Buona gestione del gruppo e unisce gioco e risultati. Cosa non facile. Dalla D arriveranno altri nomi per il futuro. Ottimo impatto a Crema, con la Pergolettese, di Matteo Contini. Lo ricorderete come difensore del Napoli, del Siena e di tante altre ma da tre giornate fa l'allenatore in D. Subito grandi risultati e ottime idee di gioco. Buon rapporto con i calciatori perché in parte lo è anche lui. Presto per giudicarlo, poche gare, ma se ne parla bene sul campo. Io lo ricordavo solo per le serate al Tocqueville. Evidentemente è cresciuto molto. Nomi per il futuro: Achille Mazzoleni. Allena la Caronnese, ha ottenuto grandi risultati a Inveruno e il suo 4-3-3 è pulito e vincente. Misteriose le carriere di Antonino Asta e Riccardo Maspero. Sulla cresta dell'onda, pronti a fare il salto e invece rimasti nell'oblio della serie C. Così come avrei scommesso in un'altra carriera per Pasquale Padalino. Il tempo c'è, le occasioni a volte mancano. Questi allenatori, per molti sconosciuti, presto faranno carriera. Hanno bisogno di tempo e di dirigenti coraggiosi. Per ora prendiamo nota, in futuro stamperemo questo articolo. Non si sa mai...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Napoli, salta tutto. Adl attacca Insigne, Mertens e Callejon. E mette in vendita Koulibaly. Milan in rosso, giallo Donnarumma. Elliott aspetta lo stadio per vendere e rientrare. Inter, Conte vuole un centrocampista. Ibra, un segnale 18.10 - Ci sono giorni in cui ti prende così e ieri è stato uno di quei giorni in cui Adl, Aurelio De Laurentiis rigorosamente con due i per l’anagrafe, prende cappello e sbotta contro tutto e tutti. Non è la prima volta e non sarà l’ultima, il carattere non lo cambi a settant’anni, la diplomazia...

Editoriale DI: Luca Marchetti

I pensieri in casa Napoli, Milan più rosso che nero, l’Inter stringe i denti (fino a gennaio) 17.10 - A Napoli il processo di crescita continua, ma come in tutte le cose ci sono dei passaggi obbligati e dei nodi da sciogliere. Fra questi sicuramente il rapporto fra Insigne e Ancelotti, che deve essere chiarito fino in fondo, dopo le ultime decisioni dell’allenatore (la tribuna in...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Ecco i 23 convocati per Euro2020. In 16 sono già sicuri: Bernardeschi e Zaniolo devono migliorare, ma il nome a rischio più clamoroso è Romagnoli. Balotelli? No, a meno che... 16.10 - “Se erano qua è perché crediamo in questi giocatori, ma è anche vero che a giugno purtroppo qualcuno bravo dovrà rimanere a casa”. La frase di Roberto Mancini su Di Lorenzo e Cristante, in coda al record di 9 vittorie consecutive raggiunto contro il Liechtenstein, è più importante...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: la verità (sensata) di De Ligt. Inter: gli infortuni, il comandamento di Conte” e le panzane sul “vice Lukaku”. Milan: la logica sulla scelta di Pioli e le mezze verità di Silvio. Italia: è tutto bello, ma non esageriamo 15.10 - Ciao. Il dramma della pausa per la nazionale è che porta con sé molti effetti collaterali a contorno. Il primo è che tutti quelli che parlano di calcio si ritrovano spaesati, non sanno che dire, e allora pur di non ritrovarsi senza opinioni esprimono il loro giudizio su altri argomenti:...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan e Samp, servono i cambi di mentalità. Napoli, per Ancelotti l'anno della verità. Petrachi, se pensi una cosa non ritrattare... 14.10 - Ringraziamo Milan e Sampdoria che ci hanno consentito di lavorare in una settimana, quelle delle Nazionali, che è una autentica mazzata per giornalisti e tifosi. Queste continue soste spezzano e, consentitemi, falsano il campionato. Troppe pause, troppe volte i calciatori devono andare...

Editoriale DI: Andrea Losapio

Bentornata Italia. Inter, perché Lazaro? Milan e Sampdoria, scelte diverse ma uguali: uno paga 150 milioni di euro, altri sbandierano trattative per la cessione, autodestabilizzandosi. De Laurentis e Icardi, l'ammissione di non voler spendere 13.10 - La settima vittoria consecutiva manda Roberto Mancini e la sua Italia agli Europei. Ora c'è il Liechtenstein e il record di Vittorio Pozzo a una sola lunghezza, probabilmente verrà pareggiata proprio nella prossima. Facendo l'avvocato del Diavolo, però, c'è da sottolineare come -...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Milan, Pioli merita fiducia. Primo passo: recuperare Piatek e lanciare Rebic. Inter per giugno obiettivi Tonali e Van de Beek. Napoli, Hysaj verso la Roma. Genoa, tieniti stretto Andreazzoli. Samp, Ranieri non basta 12.10 - Pioli merita fiducia. Non credo sia giusto giudicare a priori chi ancora non ha cominciato a lavorare. Il Milan ha una storia gloriosa e un passato fantastico ma se da 7 anni non riesce ad alzare la testa a certi livelli ci sarà pure un perché. La ripartenza è sempre stata difficile...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Milan, tutta colpa di Elliott. Il fondo deve vendere subito se vuole il bene del Club e non solo dei suoi conti. Boban e Maldini, che delusione. Inter tra Rakitic e Matic per gennaio. La Juve vuole Emerson Palmieri. Ranieri-Samp, ci siamo 11.10 - Con il Milan in pieno caos, dalla Cina arriva la notizia di un’inchiesta su mister Yonghong Li. I cinesi, a quanto pare, vogliono sapere come e dove il presunto magnate con gli occhi a mandorla, abbia fatto i soldi per comprare il Milan. Di riffe e di raffa circa un miliardo di euro....

Editoriale DI: Luca Marchetti

Il Milan e i cambiamenti: un’altra ripartenza. La Samp e una scelta complicata 10.10 - Si è presentato Pioli, ma soprattutto hanno parlato nuovamente Gazidis, Maldini e Boban, nella conferenza stampa del loro nuovo allenatore. Le speranze di Pioli, i suoi buoni propositi, il suo modo di porsi e le idee che intende portare fanno sicuramente parte del suo mondo, del...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

La colpa del Milan è dei milanisti: è una squadra da sesto posto, accettatelo! Lasciare a Pioli il tempo non dato a Giampaolo. L’Inter non fa sconti: giusto non pagare 4.5 milioni per favorire Spalletti (e il Milan)? 09.10 - L’unica cosa positiva di tutta questa storia a tinte rossonere è che un galantuomo come Stefano Pioli avrà la possibilità di rifarsi. Dopo aver dato alla città di Firenze quello che nessun contratto avrebbe potuto prevedere - uno straordinario slancio umano per tenere la testa alta...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510