VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Mercato stellare per il Milan: i rossoneri sono da Scudetto?
  Sì, a patto che arrivi un grande attaccante
  No, la Juventus resta sempre più forte
  No, ha davanti comunque sempre Roma e Napoli
  Sì, già così è da Scudetto

TMW Mob
Editoriale

Italia, con Prandelli la Nazionale non farà da comparsa. Dopo il Brasile una nuova organizzazione...

Nato a Sassocorvaro il 31 maggio 1939, allievo di Gianni Brera, Severo Boschi, Aldo Bardelli ed Enzo Biagi. Collabora con la Rai come opinionista/editorialista sportivo.
13.04.2014 00:00 di Italo Cucci   articolo letto 17535 volte
© foto di Federico De Luca

Ho incontrato Cesare Prandelli a Catanzaro dove gli è stato consegnato il Premio Ceravolo, dedicato al grande presidente dei giallorossi. Prima di lui abbiamo premiato anche Ranieri, Lippi, Capello e Conte, i maestri di un calcio che troppo spesso - e troppo volentieri - viene denigrato. Dagli italiani, naturalmente. Da quelli che fanno sbornie di calcio internazionale in tivù - calcio spagnolo e inglese in particolare - e credono di diventare competenti. Televisivamente competenti.
Mi sembrano inutilmente trascorsi quarant'anni, esattamente da quando con l'antico Guerin Sportivo rivelai a tanti lettori - e a tanti critici - l'esistenza del Calcio Internazionale, fino al 1975 limitato alla narrazione dei Mondiali e delle Coppe Europee. Mancavano allora, come spesso mancano oggi, i Testimoni non invaghiti da esotiche scorribande e dotati - come cambiano i tempi - di competenza per quel che riguarda il calcio nostrano. Che fa scuola, che viene omaggiato da Maestri e Allievi. Da Maestri come Josè Mourinho. Da Allievi come Diego Simeone. Di questo ho parlato con il nostro CT, ricordando le critiche (civilissime) che gli rivolsi quando perdemmo malamente la finale dell'Europeo con la Spagna perché il buon don Cesare s'era invaghito del calcio spagnolo. Del Possesso Palla. Del TikiTaka -finalmente sparito da Barcellona insieme a Guardiola e al guardiolismo - che guarda caso non viene ammannito ai tedeschi innamorati dello Sturm Und Drang. Proprio riferendomi a Mou e al Cholo, adorabili catenacciari (il Catenaccio che dico io, vera cultura pallonara nostrana, non parolaccia sprecata dagli spagnoli) ho sollecitato il pensiero del CT sulla novità (si fa per dire) introdotta in particolare a livello europeo anche dall'ottimo Ancelotti, il quale giorni fa mi ha detto che "l'Atletico Madrid è una squadra italiana nel campionato spagnolo": dopo Chelsea e Atletico signori di Coppa, ho visto all'opera un travolgente Real, sabato sera, per nulla sfiatato dopo la faticosa notte di Champions con il generoso Borussia di Dortmund, mentre poco prima avevo salutato l'ombra del Barcellona definitivamente abbattuto dalla squadra di Giampaolo Pozzo (una Granada? Una Bomba!). Morale: difese accorte, marcature spesso spietate, contropiede fulminante, gagarellismi ridotti al minimo (sapete quei colpi da narcisi che esaltano i qualunquisti), come dire Scuola Italiana. Ormai diffusa nell'Orbeterracqueo da italiani vaganti (Lippi in Cina, Capello in Russia, Ranieri in Francia, Ancelotti in Spagna, solo per dire dei più grandi) e da francoispanici che l'hanno acquisita con studio e applicazione pratica prima di venire in Italia: dico dell'ottimo Rudi Garcia che ha trasformato la Roma in una splendida fabbrica di gioco e macchina da gol. Italianissima. Quando si dice cultura. Quando si dice competenza. Altro che Benitez lo Sprecone. Mi chiederete cos'abbia risposto Prandelli al mio invito a...ravvedersi. Non ha fatto una piega perchè sa il fatto suo e ai Mondiali non vuol fare la comparsa e al ritorno dal Brasile vuole proprio riformare la nostra Scuola a rischio di dissesto. Molto semplicemente ha detto che, qualora servisse, saprebbe applicare alla perfezione la Lezione Italiana. Magnificamente appresa e applicata ai tempi della Juventus ('79-'85) di Trapattoni. Dimenticavo: il Gran Maestro Giovanni.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Marotta e Paratici, ha ragione Agnelli: serve un altro Higuain. Napoli, adesso o mai più. Sabatini: trattative diverse (e non va bene) rispetto a quanto annunciato 23.07 - Lucida follia. Un anno fa, quando la Juventus annunciò l'acquisto di Gonzalo Higuain dal Napoli grazie al pagamento della clausola da 90 milioni di euro, commentai così il trasferimento del Pipita. Un'operazione economicamente folle per i bianconeri per un calciatore...
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, dal ruggito di Huarong al ruggito di Florentino. Belotti: tutte le carte in tavola. Napoli: uno Scudetto già vinto. 22.07 - Due anni di sarcasmo, di dileggio e di ironie sul Milan. Una montagna di sentenze e di previsioni nefaste che ha partorito un topolino dal numero 19. E' di questo che ci si è ridotti a discutere. Il Milan di Yonghong Li fa esageratamente quella campagna acquisti milionaria per la...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Cairo dice no, ma Belotti ha l'accordo col Milan. Arriva Kalinic. Troppi dubbi su Montella. Juve: ok Berna, ma il centrocampista? Milinkovic Savic con Matic o Matuidi. Inter in difficoltà 21.07 - Cairo resiste, dice no al corteggiamento del Milan e alla cessione di Belotti, ma alla fine si farà. Servirà tempo, trattative giuste, pazienza, ma Belotti al Milan è nella logica delle cose e del mercato. Nonostante tutto. Una società come il Milan che sta spendendo più dell’impossibile,...

EditorialeDI: Luca Marchetti

L'Inter e i giovani di qualità, la Juve e le trattative ad oltranza, la rosa degli attaccanti del Milan. Roma: non solo Defrel 20.07 - Cominciano ad intrecciarsi le strade di Inter e Juve. Non poteva esser altrimenti, non possono rimanere lontane. E allora mentre si definiscono i dettagli per l'operazione di Vecino con la Fiorentina e il suo agente (la Fiorentina dovrebbe far sapere come preferisce che venga pagata...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Milan, problema Bacca… Inter, un terzetto per decollare! Cassano? Ma stiamo scherzando? La bicicletta di Djalminha, l’età di Taribo West 19.07 - Eccomi qui… Sono reduce da una trasferta “calcistica” che mi ha emozionato. Sono stato a Londra, alla O2 Arena, per lo Star Sixes, il torneo delle leggende del calcio. Ben 120 ex giocatori a duellare per dimostrare che la classe non ha età (se non lo sapete, ha vinto la Francia con...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: attenti alle sorprese, anche pericolose! Milan: ecco i soldi per il Gallo. Inter: 3 novità e altrettante "pillole di fiducia". Napoli: la giusta scelta (ma c'è un pericoloso neo...) 18.07 - PREAMBOLO Ciao. Questo dovrebbe essere il 450esimo editoriale da me scritto su Tmw. Ho fatto dei calcoli di massima. Iniziai nel 2008, avevo ancora i capelli, ho saltato quasi mai. Anzi no, una volta fui costretto alla resa a causa di un attacco di acetone perforante. Scaliamo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Bonucci in due giorni, per Dalbert sono due mesi. Fassone e Mirabelli, scudetto al mercato ma in campo serve tempo. Branchini, c'era una volta il Re del mercato... E c'è ancora! 17.07 - I tifosi del Milan hanno lasciato, lo scorso maggio, San Siro delusi e stanchi dell'ennesimo campionato mediocre del diavolo. Si facevano due domande: "Il prossimo anno ci abboniamo? Ma questi cinesi che razza di cinesi sono?". Sembra passata una vita e, invece, sono solo due mesi....

EditorialeDI: Marco Conterio

Dalla Juventus al Milan, dall'Inter alla Roma e non solo: i retroscena sui colpi che preparano adesso le grandi d'Italia. E' anche il mercato dei procuratori: tutti gli affari già a segno 16.07 - E' una splendida estate. Inattesa. Il Milan s'è preso la copertina ma mica è finita. Già, perché adesso la premiata coppia Fassone-Mirabelli cerca la ciliegina in attacco e non è da escludere che per il centrocampo arrivi pure un altro colpo con Suso possibile partente. E' da Scudetto?...

EditorialeDI: Mauro Suma

Allegri: da Pirlo a Bonucci. Donnarumma: nessuna reciprocità. Napoli: l'esperimento del non mercato 15.07 - Quando c'è una diaspora che scuote le pareti dello stomaco di una tifoseria, Massimiliano Allegri si trova nel mezzo. Andrea Pirlo nel Milan del 2012, Leonardo Bonucci nella Juventus del 2017. Max cozza senza volerlo con i caratteri di alcuni big: loro non si aspettano in un uomo...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Bonucci capitano del Milan: tutti i retroscena sul divorzio dell'anno. Episodi inquietanti. Ha vinto Allegri. Epurazione, anche Cuadrado e Mandzukic in partenza. In arrivo Manolas. Viola, caos Kalinic 14.07 - Bonucci al Milan è il divorzio dell’anno e forse anche di più. Non siamo infatti solo davanti a un semplice trasferimento a sorpresa, questa vicenda racconta di una Juventus in ebollizione e trasformazione che sta cercando di porre fine a un evidente strappo di spogliatoio iniziato...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.