HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A: quale di questi attaccanti vi ha deluso di più?
  Giovanni Simeone
  Edin Dzeko
  Arkadiusz Milik
  Patrik Schick
  Marko Pjaca
  Paulo Dybala
  Duvan Zapata
  Keita Balde Diao
  Simone Zaza

La Giovane Italia
Editoriale

Italia, i colpevoli dopo martedì. Esonerare Ventura ora è inutile, magari due partite fa... L'ombra di Conte e gli errori di Tavecchio

Nato a Bergamo il 23-06-1984, giornalista per TuttoMercatoWeb dal 2008 e caporedattore dal 2009, ha diretto TuttoMondiali e TuttoEuropei. Ha collaborato con Odeon TV, SportItalia e Radio Sportiva. Dal 2012 lavora per il Corriere della Sera
12.11.2017 13:35 di Andrea Losapio  Twitter:    articolo letto 48284 volte
© foto di Lorenzo Di Benedetto

Il giorno dei processi non è ancora arrivato. Sarà in ogni caso quello di martedì, perché la partita della Friends Arena, pur difficile come dimostrato già dalla sconfitta dei nostri cugini francesi, ha scavato l’ennesimo solco incolmabile fra la Nazionale di Ventura e la realtà. Sul proprio scranno Carlo Tavecchio ha deciso di rinnovare, già negli scorsi mesi, il contratto di un allenatore che ha importato, in nazionale, solo idee poco attuabili. È chiaro che tutto dipenda dal modo in cui approcci la partita, di come i giocatori corrono e coprono su eventuali proiezioni offensive, ma il 4-2-4 dal Bernabeu in poi ha contribuito, e molto, allo psicodramma che gli azzurri stanno vivendo. Non è tanto mancanza di qualità, perché pure a Stoccolma - dopo il gol preso, ça va sans dire - c’è stata una reazione, dimostrando che almeno in fase di palleggio l’Italia avesse più capacità degli svedesi, bravi ad affidarsi a Forsberg (che, a dirla tutta, sembrava quasi Iniesta rispetto ai nostri centrocampisti, chissà poi perché) e fortunati a pescare il jolly delle gambe di De Rossi sulla conclusione, senza pretese, di Johansson. Certo, si potrebbe aprire un’enciclopedia sul come De Rossi abbia tentato di impattare il pallone, ma meglio derubricare al “capita anche nelle migliori famiglie”. Il problema è che l’Italia non è tra queste. C’è un mister che appare detronizzato dai senatori (altrimenti perché passare al 3-5-2 o convocare Jorginho dopo i tanti rifiuti precedenti?) e una squadra svuotata, incapace di sfondare se non con Darmian al quarto minuto, quando la zuccata di Belotti è finita di poco fuori.

È stato solo un fuoco di paglia, sicuramente replicabile a San Siro dove l’Italia non ha mai perso. Lo stadio pieno rappresenterà un più per i nostri giocatori che dovranno scacciare l’incubo. Solo dopo i novanta minuti, forse 120, magari anche i rigori, toccherà tirare le somme. Ventura è al capolinea? Probabilmente sì. È colpa della sconfitta di Solna? Assolutamente no. Con alcuni colleghi, già nel primo tempo del Bernabeu, si scherzava sul cambio da fare: fuori Ventura e dentro Conte. Una freddura, ma era il termometro di alcune situazioni che si trascinavano da troppo tempo. In primis la scusa, adottata già un anno fa con la Germania, della condizione. Gli azzurri sarebbero stati fuori forma per la sfida di settembre, leggeva il tecnico nella propria sfera di vetro. Poi è arrivato ottobre e il pareggio dell’Olimpico di Torino contro la Macedonia: a dir la verità squadra comunque interessante, almeno nei singoli, ma assolutamente battibile. Poi il bordino caldo di Scutari con la vittoria per 1-0, necessaria più per alzare il morale che finire nella parte giusta del tabellone. Certo, il sorteggio di Zurigo non ci ha aiutato (leggere alla voce Grecia) ma chi si doveva preoccupare erano gli svedesi. Che, infatti, continuano a esserlo: vedono un’Italia vincitrice, pur sperando sotto sotto di passare indenni da San Siro.

Il processo, comunque, sarà sommario e avrà luogo sin da martedì, in un caso o nell’altro. La fronda di chi vuole esonerato Ventura diventa sempre più numerosa, di ora in ora. Per la qualificazione, evidentemente, è postumo, perché sarebbe chiudere la stalla mentre i buoi sono già scappati. Per il Mondiale, è evidente, non lo sarebbe, perché tutti ripartirebbero da zero e con le stesse speranze. Certo, se dopo la gara con la Spagna - o meglio ancora, con la Macedonia - avessimo fatto come la Croazia con Cacic (cambiato con Dalic e ora a un passo dalla qualificazione) probabilmente non saremmo in questa situazione. E a nulla serve credere che una eventuale sconfitta di Ventura porterebbe alle dimissioni di Tavecchio: qualcuno aveva festeggiato dopo l’eliminazione in Sudafrica prima e in Brasile poi, era la possibilità del colpo di spugna giusto per azzerare i nostri vertici federali. E ci hanno risposto con una sonora pernacchia la prima volta, sbracando addirittura la seconda.

Poi si può aprire un libro su come la Federazione, per far allenare una Nazionale, possa pagare solamente un milione di euro un allenatore, andando ovviamente a prendere uno di bassa classifica, oppure un giovane. Si preferisce il primo perché è l’occasione della vita, come per Ventura, mai allenatore di una grande e ora in balia, totale, dell’Oceano di critiche che gli piovono addosso. Un po’ se le cerca, quando toglie Insigne ed El Shaarawy, ritornando al modulo di Conte e non a un 4-3-3 che calza a pennello sulle caratteristiche dei nostri. Va però ammesso che la sensazione di Stoccolma fosse molto differente, cioè che qualsiasi sistema di gioco non avrebbe poi cambiato molto.

In ogni caso, almeno fino a martedì, forza azzurri. Non sarà facile andare in Russia. Poi ci sarà tutto il tempo per pensionare questo o quello.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

I primi clamorosi ma non confermati spifferi sul Pallone d'Oro e il premio più incerto dell'ultima decade. Fenomeni contro Francesi ma può essere l'anno della rivoluzione di Modric 18.11 - Urne chiuse. Così la discussione è ufficialmente pronta per proseguire, adesso senza più chance d'influenzare il giudizio dei 173 giornalisti aventi diritto di voto per il Pallone d'Oro del 2018 che sarà assegnato il prossimo 3 dicembre a Parigi. La redazione di France Football nelle...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Il Milan tra Rodrigo Caio e Ibrahimovic. De Ligt primo nome per la difesa della Juventus. La Roma vuole blindare Manolas, che piace anche a Real e Barcellona. Napoli si continua a lavorare ai rinnovi di Zielinski e Hysaj 17.11 - Un mese e mezzo e si parte, anzi il mercato è già partito. E allora andiamo dritti all’obiettivo. In casa Milan è scattato l’allarme rosso. Gli infortuni di Musacchio e Caldara in difesa e di Biglia e Bonaventura a centrocampo hanno creato una situazione difficile. Insomma ci sono...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Ecco tutti gli obiettivi di mercato di Juve, Milan, Inter, Roma e Napoli. Da Barella a Diawara, da Lazzari a Chiesa. Tornano Rafinha e Paredes. E Marotta va in Cina 16.11 - Questa sosta per la Nazionale è utile alle società, tutte stanno facendo un check per capire cosa serve sul mercato di gennaio, ma anche e soprattutto per gettare le basi e mettersi avanti per obiettivi e trattative future. La squadra più in difficoltà, con necessità immediate...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Pronti per gennaio: il Milan più attivo ecco i primi nomi. E poi attenzione: parametri zero pazzeschi! 15.11 - Il mercato si avvicina alla velocità della luce. Sarà più corto del previsto, visto che chiuderà il 18 gennaio, ma non per questo sarà meno intenso. Se dovessimo sbilanciarci potremmo dire che per il Milan potrebbe essere una sessione di primo livello. Nel senso che a gennaio Elliot,...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Allegri cosa dici?! Hai cambiato idea rispetto a quando eri al Milan, e proprio prima di una partita con la Juve… Ibrahimovic in rossonero è possibile: ecco a che punto è la trattativa. Juventus su De Gea e James? C’è questo retroscena 14.11 - Massimilano Allegri è già l’allenatore che ha vinto più Panchine d’Oro nella storia, 4. Anche se ovviamente i suoi obiettivi sono altri. Il primo e ovvio è vincere la Champions (Allegri è anche il primo allenatore italiano a perdere entrambe le prime due finali di Champions a cui...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: la panchina d’oro, i cervelli di ghisa. Inter: le scelte di Spalletti (e un segreto…). Milan: il (troppo) rigore di Higuain. Arbitri: l’esempio di Irrati 13.11 - Quando c’è la Sosta per la Nazionale a nessuno frega nulla di qualunque cosa, si fa finta di appassionarsi a temi come “Balotelli può essere ancora il futuro degli azzurri?” o “ci sono troppi stranieri!”, o “bisogna puntare sui vivai!”. Ma poi ti rendi conto che il buon Marione tra...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan, no a Ibra. Napoli, un salto nel fango. Spal, l'unica società che ha sfruttato il triplo salto. Liverani, oro di Lecce. Gravina, ecco il primo colpo: Brunelli dalla Lega 12.11 - Arriva la sosta, nel momento meno opportuno, e come sempre si tornerà a parlare di calciomercato. La Juventus cerca un centrocampista, l'Inter in teoria è a posto così, la Roma necessita di almeno due tasselli, mentre il Napoli potrebbe aver bisogno di un vice Milik che, a gennaio,...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

En plein probabile, chi l'avrebbe mai detto: la Serie A è di nuovo la casa dei grandi difensori. De Laurentiis aveva ragione: Ancelotti vale un top player. Calo Juventus? Non c'è da fidarsi 11.11 - Kalidou Koulibaly, Milan Skriniar e Kostas Manolas. Poi la difesa della Juventus che può andare ad Harvard per dare lezioni sulla fase difensiva. Sono loro il miglior spot di una Serie A che quest'anno in Champions ha buone possibilità di portare tutte le squadre almeno agli ottavi...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Su Skriniar tutte le big d’Europa: City, United, Barcellona e Bayern Monaco, ma la sua volontà è rimanere all’Inter. Il Napoli in pressing su Tonali. Il Milan pensa a Paredes. Juventus, a San Siro prova verità 10.11 - L’Inter è al lavoro per blindare Skriniar. Il difensore slovacco cresce partita dopo partita e ormai è arrivato a un livello altissimo. Anche Spalletti dopo la gara con il Barcellona ha sottolineato che ormai è un giocatore top. Un vero leader della difesa, in grado di unire qualità...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Contro Mourinho, evviva Mourinho. Si scatena un altro Juventus-Inter. Gli eccessi del tifo da condannare. Bocciato dagli inglesi. Da Mazzone in giù, ma che calcio vogliamo? Il Var in Champions, ora basta, cosa aspettate? 09.11 - Mourinho non è tipo da mezze misure, o lo odi o lo ami, ma questo lo sapevamo già. Il doppio confronto fra Juventus e Manchester è stata l’occasione per rimettere in moto cose antiche, rivalità mai sopite, sgarbi mai digeriti, gesti sopra le righe, un Triplete esagerato, pensieri...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy