VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Chi è attualmente il numero nove più forte del mondo?
  Harry Kane
  Mauro Icardi
  Gonzalo Higuain
  Robert Lewandowski
  Romelu Lukaku
  Luis Suarez
  Edinson Cavani
  Alvaro Morata
  Edin Dzeko

Editoriale

Italia, i colpevoli dopo martedì. Esonerare Ventura ora è inutile, magari due partite fa... L'ombra di Conte e gli errori di Tavecchio

Nato a Bergamo il 23-06-1984, giornalista per TuttoMercatoWeb dal 2008 e caporedattore dal 2009, ha diretto TuttoMondiali e TuttoEuropei. Ha collaborato con Odeon TV, SportItalia e Radio Sportiva. Dal 2012 lavora per il Corriere della Sera
12.11.2017 13:35 di Andrea Losapio  Twitter:    articolo letto 47949 volte
© foto di Lorenzo Di Benedetto

Il giorno dei processi non è ancora arrivato. Sarà in ogni caso quello di martedì, perché la partita della Friends Arena, pur difficile come dimostrato già dalla sconfitta dei nostri cugini francesi, ha scavato l’ennesimo solco incolmabile fra la Nazionale di Ventura e la realtà. Sul proprio scranno Carlo Tavecchio ha deciso di rinnovare, già negli scorsi mesi, il contratto di un allenatore che ha importato, in nazionale, solo idee poco attuabili. È chiaro che tutto dipenda dal modo in cui approcci la partita, di come i giocatori corrono e coprono su eventuali proiezioni offensive, ma il 4-2-4 dal Bernabeu in poi ha contribuito, e molto, allo psicodramma che gli azzurri stanno vivendo. Non è tanto mancanza di qualità, perché pure a Stoccolma - dopo il gol preso, ça va sans dire - c’è stata una reazione, dimostrando che almeno in fase di palleggio l’Italia avesse più capacità degli svedesi, bravi ad affidarsi a Forsberg (che, a dirla tutta, sembrava quasi Iniesta rispetto ai nostri centrocampisti, chissà poi perché) e fortunati a pescare il jolly delle gambe di De Rossi sulla conclusione, senza pretese, di Johansson. Certo, si potrebbe aprire un’enciclopedia sul come De Rossi abbia tentato di impattare il pallone, ma meglio derubricare al “capita anche nelle migliori famiglie”. Il problema è che l’Italia non è tra queste. C’è un mister che appare detronizzato dai senatori (altrimenti perché passare al 3-5-2 o convocare Jorginho dopo i tanti rifiuti precedenti?) e una squadra svuotata, incapace di sfondare se non con Darmian al quarto minuto, quando la zuccata di Belotti è finita di poco fuori.

È stato solo un fuoco di paglia, sicuramente replicabile a San Siro dove l’Italia non ha mai perso. Lo stadio pieno rappresenterà un più per i nostri giocatori che dovranno scacciare l’incubo. Solo dopo i novanta minuti, forse 120, magari anche i rigori, toccherà tirare le somme. Ventura è al capolinea? Probabilmente sì. È colpa della sconfitta di Solna? Assolutamente no. Con alcuni colleghi, già nel primo tempo del Bernabeu, si scherzava sul cambio da fare: fuori Ventura e dentro Conte. Una freddura, ma era il termometro di alcune situazioni che si trascinavano da troppo tempo. In primis la scusa, adottata già un anno fa con la Germania, della condizione. Gli azzurri sarebbero stati fuori forma per la sfida di settembre, leggeva il tecnico nella propria sfera di vetro. Poi è arrivato ottobre e il pareggio dell’Olimpico di Torino contro la Macedonia: a dir la verità squadra comunque interessante, almeno nei singoli, ma assolutamente battibile. Poi il bordino caldo di Scutari con la vittoria per 1-0, necessaria più per alzare il morale che finire nella parte giusta del tabellone. Certo, il sorteggio di Zurigo non ci ha aiutato (leggere alla voce Grecia) ma chi si doveva preoccupare erano gli svedesi. Che, infatti, continuano a esserlo: vedono un’Italia vincitrice, pur sperando sotto sotto di passare indenni da San Siro.

Il processo, comunque, sarà sommario e avrà luogo sin da martedì, in un caso o nell’altro. La fronda di chi vuole esonerato Ventura diventa sempre più numerosa, di ora in ora. Per la qualificazione, evidentemente, è postumo, perché sarebbe chiudere la stalla mentre i buoi sono già scappati. Per il Mondiale, è evidente, non lo sarebbe, perché tutti ripartirebbero da zero e con le stesse speranze. Certo, se dopo la gara con la Spagna - o meglio ancora, con la Macedonia - avessimo fatto come la Croazia con Cacic (cambiato con Dalic e ora a un passo dalla qualificazione) probabilmente non saremmo in questa situazione. E a nulla serve credere che una eventuale sconfitta di Ventura porterebbe alle dimissioni di Tavecchio: qualcuno aveva festeggiato dopo l’eliminazione in Sudafrica prima e in Brasile poi, era la possibilità del colpo di spugna giusto per azzerare i nostri vertici federali. E ci hanno risposto con una sonora pernacchia la prima volta, sbracando addirittura la seconda.

Poi si può aprire un libro su come la Federazione, per far allenare una Nazionale, possa pagare solamente un milione di euro un allenatore, andando ovviamente a prendere uno di bassa classifica, oppure un giovane. Si preferisce il primo perché è l’occasione della vita, come per Ventura, mai allenatore di una grande e ora in balia, totale, dell’Oceano di critiche che gli piovono addosso. Un po’ se le cerca, quando toglie Insigne ed El Shaarawy, ritornando al modulo di Conte e non a un 4-3-3 che calza a pennello sulle caratteristiche dei nostri. Va però ammesso che la sensazione di Stoccolma fosse molto differente, cioè che qualsiasi sistema di gioco non avrebbe poi cambiato molto.

In ogni caso, almeno fino a martedì, forza azzurri. Non sarà facile andare in Russia. Poi ci sarà tutto il tempo per pensionare questo o quello.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Da Robben a Balo, quante offerte per l’estate! Juve su de Vrij, il Real tenta Bonucci… Ma Ibra non lo vuole nessuno? 21.02 - Sarà un’estate caldissima e non solo per le alte temperature (gli esperti parlano di una “bella stagione” torrida). Tutti si stanno affannando per cercare l’affare del secolo. Indubbiamente non mancano le super offerte. La lista di “parametri zero” è lunga ed interessante. Al Bayern...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il segreto delle "non-lacrime" di Allegri. Milan: l'allarme cinese... e occhio a maggio! Inter: è ora di giocare al gioco del silenzio. Napoli: il diritto di Sarri a fare come crede 20.02 - Ciao. Quando arriva il momento di compilare questo editoriale faccio un giro sui siti per cercare ispirazione ed evitare di scrivere cose come “prima o poi bisogna affrontarle tutte” o “lo scudetto si decide a primavera” o “la politica è tutto un magna-magna”. A volte i siti ti danno...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Napoli-Juve, marzo sarà decisivo. Inter, che flop! Sassuolo, il problema era dietro la scrivania. Cuore De Zerbi e Bergamo Gasperini-Sartori sono ai titoli di coda… 19.02 - Se la Juventus non ha lasciato punti a Firenze e nel derby significa che il Napoli, per vincere questo scudetto, dovrà andare oltre la soglia del miracolo. Tuttavia, sembra chiaro che il campionato si deciderà a marzo, in un modo o nell'altro. Allegri e Sarri sono reduci da una pessima...

EditorialeDI: Andrea Losapio

I meriti di Gattuso o i demeriti di Montella? Borussia-Atalanta, che spot per il calcio. Un po' meno il Napoli in Europa League. Rosa lunga alla Juventus, ma se si fanno tutti male... 18.02 - In sala stampa a Dortmund, con i gol di Europa League che scorrevano in sottofondo, alcuni giornalisti tedeschi paragonavano Cutrone a Inzaghi. "Ci somiglia, eh?". Non può essere che lui l'uomo copertina del Milan di Gennaro Gattuso. Lui, invece, assomiglia tanto al Pioli della scorsa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Primavera Cutrone e Primavera Merrill Lynch. Juventus europea, stampelle e pareggio. Napoli provinciale, limiti e sconfitta 17.02 - Dalla Primavera rossonera arriva Patrick Cutrone e alla Primavera come stagione prossima ventura guarda tutto il Milan che sta lavorando per la propria nuova struttura finanziaria pre-Elliott e, possibilmente, post-Elliott. Insomma, pre ottobre 2018. Ci sono grandi novità in vista...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Ecco perché la Juve non ha battuto il Tottenham. Mancano i campioni. Le grandi lontane. Campionato non allenante. Napoli, vai fuori dalla Coppa 16.02 - La Juventus può ancora ribaltare il risultato a Londra, è giusto pensarlo e crederlo. L’impresa è difficile, ma possibile, conosciamo bene il calcio e anche il carattere dei bianconeri. Il pareggio con il Tottenham però è stato liquidato troppo in fretta come un incidente di percorso....

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il calciomercato di oggi, i nomi di ieri. Quanto varrebbero ora i big che ci hanno fatto sognare. Da Ronaldo a Totti, da Maradona a Platini: ecco le loro valutazioni... 15.02 - Quando Totti ha detto (a Sky) che nel mercato di oggi varrebbe almeno 200 milioni di euro è scattato in testa a tutti il solito giochino. Ma quanto varrebbero ora i grandi campioni del passato, Totti compreso? Non è la prima volta che ci si pensa, non è la prima volta che si fa. Proprio...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter tra riscatti, governo e sogni… Lazio-de Vrij, dipende da Lotito! Europa League, no alle seconde linee! 14.02 - L’Inter, seppur faticando, è tornata a vincere. Da oggetto misterioso, il giovane Karamoh si è trasformato in “enfant prodige”… Mentre Epic Brozovic ha iniziato una guerra con l’intero popolo San Siro (il croato è destinato a perdere, anche malamente), il 19enne francesino, ex Caen,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il messaggio di Allegri e la firma “segreta”. Inter: una Kara spallata agli autolesionisti (e le voci dalla Cina...). Milan: il fallimento di chi tifa fallimento. Napoli: che musica l'orchestra Sarri, ma occhio al bivio. 13.02 - Ciao, sono reduce da Sanremo. Non c’ero mai stato. A Sanremo c’è l’Altra Sanremo. L’Altra Sanremo non si vede in televisione, altrimenti tutti direbbero “minchia! Altro che Sanremo!”. L’Altra Sanremo è un delirio di cene alle 2 del mattino, feste alle 3 e “festini” fino all’alba. C’è...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Un Napoli così vale il miliardo di euro... Rino, adesso arriva il bello. Inter, gioia e fatica. La favola Chievo mostra le prime crepe 12.02 - Siamo sempre esterofili. Amiamo la Germania per la birra e per gli stadi. Amiamo l'Inghilterra per il pubblico e per i soldi della Premier. Forse amiamo anche la Francia che ha un campionato mediocre, ma il PSG e la Torre Eiffel. Ora, però, una cosa la possiamo dire: in Italia abbiamo...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.