VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Mercato stellare per il Milan: i rossoneri sono da Scudetto?
  Sì, a patto che arrivi un grande attaccante
  No, la Juventus resta sempre più forte
  No, ha davanti comunque sempre Roma e Napoli
  Sì, già così è da Scudetto

TMW Mob
Editoriale

Juve, accordo con Gundogan. Ora tratta col Borussia. Cavani ha dett ok. Ecco la strategia di Marotta per bloccare Allegri: rinnovo fino al 2019, più soldi e squadra più forte. L'Inter senza Champions vende Icardi a Mou. Sousa resta a Firenze

Giornalista professionista e scrittore, editorialista del Quotidiano Sportivo che ha rifondato e diretto per cinque anni. Opinionista radio e tv. Twitter @EnzoBucchioni
19.02.2016 20:33 di Enzo Bucchioni   articolo letto 65015 volte
© foto di Federico De Luca

Ringrazio i tifosi della Juventus che mi hanno scritto un po' dovunque, mail, twitter, facebook e compagnia cantante. Non merito tanto. In sostanza sostengono che le mie critiche nelle tv e sulle radio che frequento e il mio scetticismo bianconero cosmico, abbiano contribuito a stimolare la reazione dei giocatori della Juve. Non credo mi abbiano mai ascoltato o letto, non penso di meritare tanta attenzione, ma non importa. Io, se permettete, insisto.

La Juventus sta facendo delle cose straordinarie e impensabili, sicuramente mai accadute in più di cento anni di serie A. Partire da dodici punti dopo dieci giornate e arrivare in vetta con quindici vittorie di fila è leggenda, non storia. Chapeau.

Detto questo sono sempre convinto che le energie spese per la rimonta e l'arrivo della Champions con tutto quello che porterà via la sfida col Bayern, rilanceranno il Napoli che gioca un calcio migliore, più da squadra, e ha mantenuto un percorso più lineare. Sbaglio? Può darsi. Trattasi di opinioni figlie della cultura calcistica, della storia e della cronaca.

In attesa del futuro, comunque in Juventus non stanno mai fermi. Marotta ha capito che questa volta Allegri fa sul serio e ci sono diverse possibilità che a fine anno saluti la compagnia. Il corteggiamento del Chelsea non è finito, Allegri resta fra i candidati anche se nelle ultime settimane gli emissari di Abramovic hanno incontrato anche Simeone e l'ex ct cileno Sanpaoli e Conte resta in pole position.

Tutto questo Marotta lo sa e ora che dopo le fibrillazioni autunnali il rapporto con l'allenatore è tornato sereno, il direttore generale della Juventus sta facendo un piano per convincere Allegri a restare. Ma non solo. A restare felice, soddisfatto e motivato.

Le strade sono due, un piano personale con il prolungamento del contratto e l'adeguamento economico e uno tecnico con una Juventus più forte, più giovane e più italiana.

Sul prolungamento del contratto che scade nel 2017, la trattativa è già stata avviata. La Juve è pronta a rilanciare per altre due stagioni, fino al 2019, con una opzione fino al 2020. Sotto l'aspetto economico il contratto di Allegri, fatto anche di bonus, è destinato a raggiungere i cinque milioni di euro, quello che in sostanza guadagna Conte in Nazionale e il Milan ha offerto allo stesso Ct. Per l'Italia sono contratti al top, è chiaro che il Chelsea paga di più, ma il discorso in questi termini si pone male, è un calcio diverso. Allegri farà le sue controproposte.

Nel frattempo è stato studiato un piano tecnico che prevede l'acquisto di almeno tre giocatori importanti, un regista, un attaccante e un difensore.

Sul regista davanti alla difesa c'è già l'accordo con Gundogan. Marotta e soprattutto Paratici hanno lavorato molto sul padre del ragazzo che è in sostanza quello che valuta e prende le decisioni. L'accordo c'è, sostanzialmente il signor Gundogan ha detto sì e il ragazzo è d'accordo, la sua esperienza al Borussia si è sostanzialmente esaurita con l'esonero di Klopp, ha bisogno di nuovi stimoli. Si spiega anche così il deciso no al rinnovo del contratto (scade nel 2017) proposto dal Borussia. Con l'ok del giocatore sarà più facile andare a trattare con la società tedesca che in gennaio aveva chiesto 30 milioni. La base è alta, ma la Juve conta di spuntare un prezzo inferiore proprio perché il giocatore rischia di andare a scadenza.

Il secondo colpo sarà Cavani già cercato l'anno scorso. Anche qui è intervenuto il padre che è stanco come e più del figlio del dualismo con Ibra e soprattutto non ama il campionato francese, ha voglia di ritrovare l'adrenalina della serie A. Il problema non è il Psg, ma l'ingaggio del giocatore che guadagna una cifra impossibile per la Juve. Si cercherà una soluzione spalmando o roba del genere.

Terzo colpo è un difensore e su questo c'è più riserbo. La pista più logica riporta a Benatia che conosce il nostro calcio, piace molto ad Allegri e con il Bayern c'è in piedi il discorso Coman dopo quello con Vidal. Si tratta di capire cosa vuol fare Ancelotti del difensore che con Guardiola non ha trovato tanto gloria.

Ma non è escluso che Marotta abbia in testa qualche colpo a sorpresa dal mercato internazionale.

Oltre a questo, è previsto l'arrivo di Berardi e sono già stati acquistati Mandragora e Sensi in accordo con il Sassuolo.

Sul discorso Pogba Allegri è molto aperto. Se la cessione del francese dovesse portare in cassa 100-120 milioni da reinvestire, non si opporrebbe. Diverso il discorso Dybala: l'argentino è incedibile almeno per un altro paio d'anni. In uscita anche Morata che il Real vuol riscattare e qualche dubbio c'è anche sul riscatto di Cuadrado che non ha mai fatto impazzire Allegri. Dipenderà dalla sua costanza di rendimento nei prossimi mesi. Si da per scontato, infine, il rinnovo di Barzagli mentre Caceres sarà lasciato andar via.

A proposito di programmi futuri, le fibrillazioni dei giorni scorsi tra la Fiorentina e Sousa hanno portato a rinsaldare il rapporto tra allenatore e società viola. Nei numerosi incontri con il presidente Cognigni è stato chiarito tutto, Sousa ha un contratto, resterà a Firenze con entusiasmo per provare a vincere qualcosa. La società ha parlato di rafforzamento e di un piano di lavoro che l'allenatore portoghese ha approvato. E' stata fatta anche una lunga riunione tecnica, ci sono le idee molto chiare non solo sui ruoli, ma anche sui nomi di alcuni giocatori indicati da Sousa per fare un ulteriore salto in avanti. Rogg, Pradè e Angeloni con il team tecnico sono già al lavoro, cercheranno di piombare sui giocatori richiesti il prima possibile. Sousa ha chiesto di avere la rosa già fatta per il ritiro, soprattutto se la Fiorentina dovesse arrivare terza e fare lo spareggio per la Champions.

Più difficile pensare al futuro di Milan e Inter e non solo per i problemi contingenti. Il Milan aspetta di sapere che fine farà la vicenda mister Bee e se entreranno nuovi soci. Il discorso e i piani cambierebbero di parecchio.

L'Inter sta analizzando il piano B per rientrare dalle esposizioni e pagare i riscatti in essere. Al momento la strada è una sola: vendere Icardi. L'argentino è l'unico ad avere grande mercato e grandi richieste. La valutazione attorno ai cinquanta milioni non spaventa il Manchester e Mou ha ottenuto l'ok dalla società e dal giocatore. Se l'Inter dovesse decidere di vendere l'argentino, il primo ad essere interpellato sarà proprio Mou che domani sera sarà al Meazza per seguire il ragazzo da vicino.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Marotta e Paratici, ha ragione Agnelli: serve un altro Higuain. Napoli, adesso o mai più. Sabatini: trattative diverse (e non va bene) rispetto a quanto annunciato 23.07 - Lucida follia. Un anno fa, quando la Juventus annunciò l'acquisto di Gonzalo Higuain dal Napoli grazie al pagamento della clausola da 90 milioni di euro, commentai così il trasferimento del Pipita. Un'operazione economicamente folle per i bianconeri per un calciatore...
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, dal ruggito di Huarong al ruggito di Florentino. Belotti: tutte le carte in tavola. Napoli: uno Scudetto già vinto. 22.07 - Due anni di sarcasmo, di dileggio e di ironie sul Milan. Una montagna di sentenze e di previsioni nefaste che ha partorito un topolino dal numero 19. E' di questo che ci si è ridotti a discutere. Il Milan di Yonghong Li fa esageratamente quella campagna acquisti milionaria per la...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Cairo dice no, ma Belotti ha l'accordo col Milan. Arriva Kalinic. Troppi dubbi su Montella. Juve: ok Berna, ma il centrocampista? Milinkovic Savic con Matic o Matuidi. Inter in difficoltà 21.07 - Cairo resiste, dice no al corteggiamento del Milan e alla cessione di Belotti, ma alla fine si farà. Servirà tempo, trattative giuste, pazienza, ma Belotti al Milan è nella logica delle cose e del mercato. Nonostante tutto. Una società come il Milan che sta spendendo più dell’impossibile,...

EditorialeDI: Luca Marchetti

L'Inter e i giovani di qualità, la Juve e le trattative ad oltranza, la rosa degli attaccanti del Milan. Roma: non solo Defrel 20.07 - Cominciano ad intrecciarsi le strade di Inter e Juve. Non poteva esser altrimenti, non possono rimanere lontane. E allora mentre si definiscono i dettagli per l'operazione di Vecino con la Fiorentina e il suo agente (la Fiorentina dovrebbe far sapere come preferisce che venga pagata...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Milan, problema Bacca… Inter, un terzetto per decollare! Cassano? Ma stiamo scherzando? La bicicletta di Djalminha, l’età di Taribo West 19.07 - Eccomi qui… Sono reduce da una trasferta “calcistica” che mi ha emozionato. Sono stato a Londra, alla O2 Arena, per lo Star Sixes, il torneo delle leggende del calcio. Ben 120 ex giocatori a duellare per dimostrare che la classe non ha età (se non lo sapete, ha vinto la Francia con...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: attenti alle sorprese, anche pericolose! Milan: ecco i soldi per il Gallo. Inter: 3 novità e altrettante "pillole di fiducia". Napoli: la giusta scelta (ma c'è un pericoloso neo...) 18.07 - PREAMBOLO Ciao. Questo dovrebbe essere il 450esimo editoriale da me scritto su Tmw. Ho fatto dei calcoli di massima. Iniziai nel 2008, avevo ancora i capelli, ho saltato quasi mai. Anzi no, una volta fui costretto alla resa a causa di un attacco di acetone perforante. Scaliamo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Bonucci in due giorni, per Dalbert sono due mesi. Fassone e Mirabelli, scudetto al mercato ma in campo serve tempo. Branchini, c'era una volta il Re del mercato... E c'è ancora! 17.07 - I tifosi del Milan hanno lasciato, lo scorso maggio, San Siro delusi e stanchi dell'ennesimo campionato mediocre del diavolo. Si facevano due domande: "Il prossimo anno ci abboniamo? Ma questi cinesi che razza di cinesi sono?". Sembra passata una vita e, invece, sono solo due mesi....

EditorialeDI: Marco Conterio

Dalla Juventus al Milan, dall'Inter alla Roma e non solo: i retroscena sui colpi che preparano adesso le grandi d'Italia. E' anche il mercato dei procuratori: tutti gli affari già a segno 16.07 - E' una splendida estate. Inattesa. Il Milan s'è preso la copertina ma mica è finita. Già, perché adesso la premiata coppia Fassone-Mirabelli cerca la ciliegina in attacco e non è da escludere che per il centrocampo arrivi pure un altro colpo con Suso possibile partente. E' da Scudetto?...

EditorialeDI: Mauro Suma

Allegri: da Pirlo a Bonucci. Donnarumma: nessuna reciprocità. Napoli: l'esperimento del non mercato 15.07 - Quando c'è una diaspora che scuote le pareti dello stomaco di una tifoseria, Massimiliano Allegri si trova nel mezzo. Andrea Pirlo nel Milan del 2012, Leonardo Bonucci nella Juventus del 2017. Max cozza senza volerlo con i caratteri di alcuni big: loro non si aspettano in un uomo...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Bonucci capitano del Milan: tutti i retroscena sul divorzio dell'anno. Episodi inquietanti. Ha vinto Allegri. Epurazione, anche Cuadrado e Mandzukic in partenza. In arrivo Manolas. Viola, caos Kalinic 14.07 - Bonucci al Milan è il divorzio dell’anno e forse anche di più. Non siamo infatti solo davanti a un semplice trasferimento a sorpresa, questa vicenda racconta di una Juventus in ebollizione e trasformazione che sta cercando di porre fine a un evidente strappo di spogliatoio iniziato...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.