VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Mercato di gennaio: da quale big i colpi più importanti?
  Juventus
  Roma
  Inter
  Napoli
  Milan
  Lazio

Editoriale

Juve, adesso rischi: Allegri (che stramerita la conferma) a gennaio doveva essere accontentato. Pioli, numeri e prospettive: i dubbi di Suning sono fondati. Il teatrino di Spalletti ha danneggiato soprattutto Spalletti

Nato a Napoli il 10/03/88, laureato in Filosofia e Comunicazione presso l'Università Orientale di Napoli. Lavora per Tuttomercatoweb.com dal 2008, è il vice direttore dal 2012
09.04.2017 10:52 di Raimondo De Magistris  Twitter:    articolo letto 58676 volte
© foto di TUTTOmercatoWEB.com

La Juventus ha ormai deciso: avanti con Massimiliano Allegri anche nella prossima stagione. Una scelta saggia perché il tecnico livornese in questi tre anni (o poco meno) alla guida dei bianconeri ha conquistato in Italia tutto ciò che c'era da conquistare lasciando per strada solo due Supercoppe. Una persa ai rigori contro il Napoli e un'altra sempre dal dischetto dopo 120 minuti contro il 'fenomeno' (perché di fenomeno si tratta, nonostante l'errore col Pescara) Gianluigi Donnarumma.
Due Scudetti, due Coppe Italia, una Supercoppa Italiana. Oltre a un tricolore nuovamente a un passo e una finale di coppa nazionale strappata al Napoli in settimana.
Molto difficile fare meglio. E infatti questi risultati non li aveva portati a casa nemmeno il suo predecessore. La Juve di Conte non era forte come quella di Allegri, è vero, ma è grazie all'allenatore livornese se i bianconeri hanno compiuto un salto di qualità in Europa. Con buona pace delle 'vedove' del manager del Chelsea. Due anni fa una cavalcata che portò la Juve fino alla finale di Champions, nella passata stagione la rocambolesca eliminazione per mano di un Bayern che si dimostrò più forte solo sulla carta. E non meritava di passare il turno.
Allegri ha tre grandi doti: sa come gestire un grande gruppo senza la necessità di dover continuamente esacerbare gli animi. Proprio come il suo predecessore al Milan Carlo Ancelotti. Ha un'ottima capacità di lettura del match a gara in corso e sa, con cambi drastici e repentini, dare una svolta alle sue squadre durante la stagione quando capisce che qualcosa non va.
Ricordate il famoso passaggio alla difesa a quattro in Champions contro l'Olympiacos? Fu una svolta epocale, che permise a una Juve, eliminata un anno prima già nella fase a gironi, di approdare in finale contro il Barcellona.
Bene, quest'anno ha fatto qualcosa di molto simile. Ha capito nella pausa natalizia che senza gioco, forse, avrebbe vinto di nuovo in Italia, ma in Europa non sarebbe andato troppo lontano. E dopo il ko di Firenze ha dato una svolta netta alla sua squadra, scendendo in campo nel match successivo con la Lazio col 4-2-3-1. Ha impiegato Mandzukic ala sinistra e ha permesso alla sua Juventus di cambiare marcia. Quel cambio arrivò a gennaio, ma fu da subito chiaro che venne pensato e confezionato per la Champions. Con quattro attaccanti s'è vista una Juventus più brillante, con potenzialità tali da potersela giocare contro tutto e tutti. Anche in Europa.
Adesso, però, i campioni d'Italia arrivano al momento clou della stagione senza poter sfruttare al 100% il suo potenziale per colpa di una società che a gennaio ha commesso una leggerezza: non ha acquistato un altro attaccante. E' bastato l'infortunio di Marko Pjaca per mandare il reparto avanzato in emergenza. Nelle due sfide contro il Napoli è emerso con chiarezza che proporre il 4-2-3-1 con Lemina o Sturaro nei quattro d'attacco non è la stessa cosa. S'è rivista la stessa Juve di inizio stagione: solida, ma non brillante. Senza quel bel gioco che è condizione necessaria per spuntarla in Europa da questo momento in avanti.
Una bella gatta da pelare per Allegri che si trova dinanzi a un bivio: andare avanti col 4-2-3-1 precludendosi in ogni gara (soprattutto in quelle europee) la possibilità di avere in panchina un attaccante in grado di cambiare il match a gara in corso o cambiare modulo? Scelta difficile: non vorrei essere nei suoi panni.

Occhi sull'Inter, parto da un dato. Troppo spesso in questi mesi è stata data come certa e certificata una notizia che, dati alla mano, tanto veritiera non è. L'assunto è questo: "Da quando c'è Pioli, questa Inter viaggia a un ritmo da Champions League". Una tesi non corroborata dai numeri. Se si prende infatti in esame la classifica da quando il tecnico emiliano è arrivato all'Inter emerge un altro scenario.

La classifica da quando Pioli guida l'Inter
*Juventus 47 punti
Napoli 43
Roma 42
Lazio 38
Inter 38
*Atalanta 37

Juventus, Roma e Napoli hanno comunque conquistato più punti, la Lazio di Inzaghi non ne ha conquistati meno. Chiaro e pacifico che Pioli, rispetto a de Boer, abbia permesso il cambio di passo all'Inter. Ma per una società sempre più ambiziosa, che vuole lottare per il titolo già dal prossimo anno, è lui il tecnico giusto? I dubbi di Suning permangono. E non a caso, sfumati almeno per la prossima stagione Simeone e Conte, la proprietà cinese continua a sfogliare la margherita. Pioli non convince, la ricerca continua e non è escluso che possa ultimarsi con l'ingaggio di Luciano Spalletti. Nonostante quest'ultimo, negli ultimi mesi, ci abbia pensato da solo a farsi della cattiva pubblicità.

Personaggio controverso il manager di Certaldo, che negli ultimi mesi è sembrato la controfigura di sé stesso. Il suo rapporto con la stampa è sempre stato spigoloso, ma adesso è giunto a un punto di non ritorno. E' evidente da qualche mese che Spalletti abbia già preso una decisione sul suo futuro: vuole andare via dalla Capitale. Legittimo. Ma perché esasperare sempre più il clima, conferenza stampa dopo conferenza stampa, attaccando una volta si e l'altra pure giornalisti che giustamente gli facevano e fanno domande sul suo futuro (ha un contratto in scadenza) o sull'impiego del giocatore più amato di sempre dalla tifoseria giallorossa?
Spalletti risponde regolarmente attaccando o offendendo. Per alzare sempre di più il livello della tensione, per far passare il messaggio che quando andrà via non sarà per colpa sua, ma perché è stato costretto. Un teatrino che ha francamente stufato.
Bravo il presidente James Pallotta a metterlo spalle al muro in occasione del suo ultimo viaggio in Italia. Il numero uno giallorosso ha più volte ribadito la fiducia nei confronti dell'attuale allenatore. Un modo esemplare anche per far passare un sotto-messaggio altrettanto chiaro: "Se Spalletti andrà via sarà solo perché è lui a voler andare via. Non è stata la società a fargli pressioni".
Adesso, per il tecnico della Roma è l'ora di fare chiarezza senza attacchi o giri di parole. Continuare così vuol dire solo continuare a fare del male soprattutto a sé stesso. Ma la vedete la Juventus (che a Spalletti ci ha pensato seriamente qualche settimana fa) puntare su un allenatore che si rende protagonista di continue uscite fuori dalle righe? Io no. E probabilmente nemmeno la società bianconera, che fa bene a tenersi stretto Allegri.

* = Una gara in più


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Giù le mani da Nainggolan… Verdi, la risposta è ok! Inter, nomi all’altezza? Quanto vale oggi CR7? 17.01 - A Milano fa freddo… Di colpo, pare che l’inverno si sia ricordato di esistere. Anche il calciomercato pare “bloccato” in una morsa gelida. Non si muove quasi nulla. A chiacchiere stiamo a 1000, come sempre. C’è un nome che continua ad essere scritto a lettere cubitali: RADJA NAINGGOLAN....

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: oltre a Emre Can, un altro colpo per giugno. Inter: la cena con Pastore e la strategia per Rafinha. Milan: un anno di polemiche, la compravendita e altri “misteri”. Napoli: occhio alla risposta di Verdi. E in Figc… 16.01 - Ciao. Siamo in regime di sosta invernale. La sosta a suo tempo ci stava antipatica perché era "sosta della nazionale" ma siamo stati bravi e abbiamo deciso di eliminarla del tutto, infatti per non rischiare non scegliamo neppure un ct ("vuole un ct?". "Sia mai! Poi quello magari pretende...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Cessione Milan, una giustizia col Rolex. Napoli, blinda Sarri: ora o mai più! Sabatini, sei più bravo senza portafogli. Figc, che pasticcio! Serve l'intesa 15.01 - La giustizia con il Rolex ci ha sempre fatto paura. Ciò non significa che le indagini non vadano condotte, ma tempistiche e modalità sono al quanto dubbie. Premesso che non siamo fan di Berlusconi (chi legge questo editoriale con un po' di costanza lo sa bene), non capiamo come mai,...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il primo bilancio del mercato e quello che può accadere da qui a fine mese: le regine sono al contrario. Juve già in ottica futura. Spalletti ritrova il sorriso coi due rinforzi, il Milan resta in bilico. E occhio al valzer dei tecnici in estate 14.01 - A metà del guado. Mancao solo due settimane nel calciomercato italiano e finora cosa è concretamente successo? Le regine sono al contrario, ovvero le formazioni che lottano per non retrocedere. Sugli scudi un Benevento in crisi nera di risultati ma con un presidente, Vigorito, che...

EditorialeDI: Mauro Suma

3 stadi, 3 derby e 3 film diversi. Milan, il vulnus Montella. Nazionale, Conte entra in scena. Ramires, Capello lo vuole in Cina 13.01 - Settimana di pausa campionato ed ecco che i protagonisti non diventano i giocatori o i tifosi, ma la loro cornice, il loro punto di ritrovo naturale: lo stadio, gli stadi. Milano, Genova, Roma: è stata una settimana cruciale su tutti e tre i fronti. Il fil rouge è stato soprattutto...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Inter, ecco Lisandro Lopez. Rafinha vicino, ma Spalletti frena. Deulofeu preferisce Milano, ma il Napoli tratta. Sarri aspetta lunedì l'ok di Verdi. Juve-Barella, vertice 12.01 - Ora è ufficiale, sarà contenta anche la mamma di Spalletti. Che succede? Forse l’Inter compra un centrale e la pista porta dritta a una vecchia conoscenza chiamata Lisandro Lopez del Benfica. Non è un fenomeno, buon giocatore, ma vecchia conoscenza perché il mancato arrivo dell’argentino...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Napoli e Deulofeu: contatto. L’Inter e le opportunità, incontro Juve-Samp, Cagliari Castan e non solo... 11.01 - L’agente di Deulofeu Gines Carvajal è stato a Milano. E ha incontrato il Napoli. Le distanze di ingaggio praticamente non ci sono, potremmo dire che è una sorta di accordo visto che le distanze si possono colmare in tempi anche brevi. Ora toccherà poi al Napoli andare a trattare con...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Caos VAR, la soluzione c’è! Loro Coutinho, noi Deulofeu… Roma, un big lascia? Milan, dubbio André Silva! 10.01 - Sono stati giorni caotici e complicati… Dal doveroso arrivederci alle Feste al “campionato falsato dal VAR”. Si esagera nella Feste, si sa. E stiamo esagerando anche con il VAR. Ci si continua a dimenticare che il VAR è al suo debutto, al suo primo anno. E’ un’innovazione sperimentale....

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il mercato “tedesco” dei bianconeri. Inter: le tre mosse di gennaio e la rabbia di Spalletti. Napoli: il nodo Verdi e la scelta-scudetto. Milan: auguri Ringhio... e occhio alla sorpresa. Giù le mani dal Var! 09.01 - Buondì. “Auguri a te e famiglia” va in vacanza. Lo rispolvereremo a inizio dicembre 2018. Fine delle feste. Siamo tornati tutti. Non si trova parcheggio. Molti sono incazzati. Qualcuno ha smontato l’albero, l’ha messo in cantina. Altri no, lo lasciano lì “perché in fondo arreda”...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Qualcuno aiuti Spalletti: ecco di cosa ha bisogno l'Inter a gennaio. Milan, DNA Gattuso ma non credete ai miracoli. Tommasi in FIGC? Ha già distrutto la sua categoria. Gravina, unica soluzione credibile 08.01 - Spalletti se ne va in vacanza sbattendo la porta. Per uno come lui è stato già un miracolo aver aspettato il 5 gennaio prima di sbottare. Lo hanno preso, in estate, facendogli credere in una campagna acquisti che a Roma avrebbe potuto solo sognare. Gli hanno preso 4 rinforzi, di cui...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.