HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi è la favorita per la Champions 2018/2019?
  Barcellona
  Juventus
  Manchester United
  Liverpool
  Manchester City
  Ajax
  Porto
  Tottenham

La Giovane Italia
Editoriale

Juve: basta una "non vittoria" per creare un caso. Inter: 14 giorni per "trattare" il futuro di Icardi. Milan: l'ora del rinnovo di Gattuso. E la "povera Italia" fa da sparring partner del mondo

20.03.2018 00:00 di Fabrizio Biasin  Twitter:    articolo letto 29042 volte
© foto di Alessio Alaimo

A Rovescala in provincia di Pavia c’è la sagra del vino. Si chiama “Primavera dei Vini”. È alla 35esima edizione. Va in scena tutte le domeniche di marzo, quindi anche la prossima. Uno degli organizzatori mi ha spedito a casa 4 bottiglie di Bonarda dell’Oltrepò accompagnate da una lettera scritta a mano dove faceva il finto tonto: “Ti mando il vino ma non per pubblicizzare l’evento, sia chiaro eh, mica voglio comprarti”. Sì, certo. Come se io fossi scemo. Io non sono scemo! E non sono in vendita! Mai pubblicizzerò questa manifestazione che, ricordiamolo, si svolgerà anche in caso di maltempo. Accorrete numerosi!

Voglio essere molto chiaro: la sagra del vino di Rovescala è la cosa più importante di questo editoriale. E sapete perché? Lo sapete vero? Eh, lo sapete? Ve lo devo proprio dire? Ve lo dico: c’è la pausa per la nazionale. La pausa per la nazionale non ha praticamente mai senso. A volte “quelli seri” mi dicono: “Smettila di scrivere male della pausa per la nazionale! Evviva il tricolore, stringiamci a coorte!” eccetera eccetera. Tutte le volte mi ritrovo a rispondere cose come “sì, scusate, avete ragione, sono uno stronzo”. Ebbene: oggi mi prendo la mia rivincita.

La pausa per la nazionale iniziata ieri è diversa dalle altre perché assomma tre fetentissime caratteristiche: 1) è una pausa per la nazionale. 2) E’ la pausa per la nazionale che ci farà passare agli occhi del mondo come “le cavie” delle nazionali fortunate, ovvero quelle che andranno ai mondiali. 3) Nessuno della nazionale mi ha spedito 4 bottiglie di Bonarda dell’Oltrepò (altrimenti ne avrei parlato bene).

L’unica persona per cui provo un po’ di pietà in regime di pausa per la nazionale è il ct Gigi Di Biagio. Il ct Gigi Di Biagio non ha fatto male a nessuno, ma già tutti lo trattano come un povero scemo. “Il nuovo Ventura!”. “Che convocazioni di merda!”. “Di Biagio vergogna!”. Neanche ci avesse ammazzato il gatto. Vorrei continuare a difendere il ct Gigi Di Biagio ma non mi ha spedito alcuna bottiglia di Bonarda dell’Oltrepò e quindi smetto e, anzi, infierisco. Di Biagio, dì a papà: perché non hai convocato Barella che è fortissimo e mi si rivaluta al Fantacalcio? Perché rispetti “i vecchi” ma te ne fotti di Barella? Barella è fortissimo, io avrei fatto la mia Nazionale sperimentale con Barella e altri 10! Se ancora non si fosse capito mi piace molto Barella, ma ora smetto di elogiarlo perché 1) Si fa sempre ammonire. 2) Sono penultimo al Fantacalcio. 3) Non mi ha mai spedito una bottiglia di Bonarda, ‘sto minchia di Barella.

In regime di pausa per la nazionale - come avete potuto notare dal tono avvinazzato di questo editoriale - si alza il nervosismo di tutti, sono tutti incazzati e, come sempre, si alimentano polemiche inesistenti. Il motivo è presto detto: non c’è “ciccia”, nessuno sa cosa dire. Quando non c’è una fava da dire si diffondono come virus tre macro-settori in particolare (ne parliamo in modo sbrigativo e poi chiudiamo perché l’editore di Tuttomercatoweb non mi ha spedito neppure una bottiglia di Bonarda dell’Oltrepò e non merita che io mi dilunghi).

1) Il calciomercato

Il calciomercato è la salvezza della pausa per la nazionale. Fateci caso: appena l’arbitro Pasqua di Tivoli (cosa ridete? Si chiama così) ha fischiato la fine di Napoli-Genoa, sono partite le voci di mercato. L’Inter ha preso Lautaro Martinez, ha venduto Icardi, ha “fatto tutto” con De Vrij, riscatta Cancelo, Rafinha e vende Brozovic, ma solo per 100 milioni perché ha giocato bene le ultime due partite. Il Milan vende tutti quelli che ha comprato l’estate scorsa e ne compra altrettanti nuovi. La Juve compra Emre Can e Cristante, ma occhio ad Asamoah, Alex Sandro e tutti quelli che vogliono andare via. Eccetera eccetera. Vi confesso che siccome non sapevo cosa scrivere ho mandato sms a 5 dirigenti di serie A, per “capire”, per “scovare gli scupponi”: uno mi ha scritto “sono in vacanza”, un altro “sono fuori sede per sette giorni”, uno “fidati che per una settimana sono tutti a riposo, non si muove nulla”, uno ha visualizzato e non risposto, uno non ha neppure visualizzato. Nessuno di questi mi ha mai mandato lo straccio di una bottiglia di Bonarda. Prossimamente parlerò malissimo di tutti loro, è una promessa.

2) Le polemiche inutili

Le polemiche inutili sono la salvezza della pausa per la nazionale. Ora tentiamo l’impossibile, ovvero proviamo a prevedere un tot di polemiche inutili di cui si sta già parlando e, soprattutto, si parlerà nei prossimi giorni per riempire pagine reali e virtuali. A) “Buffon è il problema della nazionale!”. B) “Perché Gattuso non ha ancora rinnovato? Giallo Gattuso”. C) “Icardi e il suo futuro: i 4 gol alla Samp sono un bene ma anche un male perché diminuiscono le speranze che l’argentino resti all’Inter: ora lo vogliono anche su Marte”. D) “Allegri bravo ma non bravissimo: perché non vince tutte le partite? È lui il male dei bianconeri?”. E) “Balotelli avrebbe battuto la Svezia da solo. E noi continuiamo a non convocarlo. È una vergogna!”. Altro. Senza le polemiche da pausa per la nazionale saremmo tutti nella merda, forse ci toccherebbe addirittura leggere dei libri.

3) Le ricorrenze

Le ricorrenze vengono in soccorso laddove neppure le polemiche inventate riescono a soddisfare le esigenze mediatiche. Finché si tratta di cose tipo “Oggi è il 105° anniversario dalla nascita di Silvio Piola” si può anche capire, ma ormai tutto fa brodo e puoi incappare in: “Oggi è il 37° anniversario del passaggio in orizzontale di Peduzzi a Minotti” (due pagine), “74 anni fa nasceva un terzino passato dalle giovanili della Juve che è stato anche in una regione misteriosa: il Molise” (un approfondimento), “vita e opere di Beniamino Corner, uno che batteva bene i calci d’angolo” (sette capitoli), “Zona Cesarini, fu vera gloria?” (un saggio con prefazione di Marisa Cesarini, la nuora). Possiamo chiamarla “Sindrome Buffa”, nel senso che durante la pausa per la nazionale tutti proviamo o pensiamo di essere come Buffa, ma non è vero.

Non ho veramente molto altro da aggiungere, capisco che sia tutto molto banale e inutile. Anzi, una cosa la voglio dire perché mi permette di fare della polemica sterile e quindi è perfetta per il momento: ieri pomeriggio svariati media hanno riportato un’intervista a Icardi rilasciata alla Rivista “Undici”. L’hanno ripresa l’Ansa e, a seguire, tutti i siti di sport più importanti. Ho letto anch’io e mi sono accorto che era mia. Ho pensato: “Ma io l’ho fatta 4 mesi fa e invece sembra fresca, attuale”. Non ho mica capito da chi sia partito il cortocircuito, ma il dato di fatto è che in un attimo tutti-hanno-copiato-tutti e fa niente se sapevano perfettamente che si trattava di roba “vecchia” (a un certo punto è citato persino “Nagatomo ad Appiano”!), l’importante è fregare i clic alla concorrenza, pazienza se si offre al pubblico merce “scaduta”. Questo è il dramma della “moderna comunicazione” e davvero non avrei voluto scrivere questa frase posticcia perché mi fa sentire più vecchio di mio padre (mio padre è molto vecchio), ma tant’è: state attenti a quel che vi passa sotto gli occhi o comunque beveteci sopra della Bonarda, potrà solo migliorare le cose. (twitter: @FBiasin).


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Le scuse ad Allegri e le scuse di Spalletti: trova la differenza. Napoli, la strada per essere grande si fa in salita. Bologna, Sinisa ha smontato la testa. Gravina-Brunelli-De Siervo, asse contro Di Maio che vuole far perdere al calcio 2 miliardi 18.03 - La Toscana non è uguale in tutte le sue città. Firenze non è Livorno, Siena non è Pisa e Forte dei Marmi non è Grosseto. Ognuna di queste ha le sue bellezze. Anche i toscani sono diversi tra di loro. Ci sono quelli simpatici che fanno ridere e quelli che vogliono fare i simpatici...

Editoriale DI: Marco Conterio

Il Mondo capovolto: la Juve clamorosamente tra le grandi favorite Champions. Ajax, talenti e delusioni cocenti. Messi o Cristiano Ronaldo? Lo scontro possibile e il derby di oggi. Tutto di un altro pianeta 17.03 - Adesso che il cerchio si stringe, su Tuttomercatoweb.com abbiamo aperto il sondaggio che di per se ha poco d'originale, tanto di banale ma che ha il gran dubbio della risposta finale. "Chi è la favorita per la Champions 2018/2019?". Otto opzioni, di fatto i lettori ne stanno votando,...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Napoli: Insigne, Koulibaly e Allan restano. Per il centrocampo c’è Fornals, in attacco Lozano prima scelta. Per il futuro di Allegri bisogna aspettare ancora, Conte e Deschamps nomi da monitorare. Il Real ripensa a Milinkovic Savic 16.03 - I motori si stanno scaldando. La Primavera in arrivo sta accendendo il mercato. Il Napoli è sempre molto attivo. Ancelotti e la società sono convinti di poter crescere ancora e per questo l’obiettivo è tenere tutti i big. Non c’è alcuna volontà di prendere in considerazione offerte...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Inter fuori dall’Europa paga caro il caso-Icardi. Un capitano vero avrebbe giocato. Zhang furioso lo vuole sul mercato. Derby ad alto rischio. Spalletti via, Conte ha chiesto tempo. Il caso Mourinho. 15.03 - L’Europa League era uno degli obiettivi stagionali, ora per non fallire completamente la stagione, all’Inter non resta che la caccia alla Champions, con il Derby alle porte, in un momento complicatissimo. Questa situazione drammatica è il frutto amaro del caso Icardi che da oltre...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Una Champions da sballo e il dominio inglese. L’orgoglio italiano di Napoli e Inter e la rivoluzione in casa Real 14.03 - Ora abbiamo le favolose 8 d’Europa. E nei giorni in cui si discute tantissimo della Brexit, le squadre della Premier danno un chiaro indirizzo: in Champions vogliono dettare loro la legge. L’ultima volta che si era verificato un evento del genere era esattamente 10 anni fa: Arsenal,...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Attenzione Icardi: contatto e offerta Real Madrid! E nel frattempo l’Inter proibisce l’incontro con Zhang Hanno ucciso Allegri. Allegri è vivo! Come può non essere la Juventus la favorita della Champions? 13.03 - Juve da Champions negli occhi di tutti, ma c’è la precedenza al notizione su Icardi. E anche se incombe il derby e l’attualità, attenzione alla novità. Nella giornata di lunedì il Real Madrid (proprio nelle stesse ore dell'arrivo di Zidane) ha contattato l’entourage di Icardi. Un...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: la scelta di Zidane e il futuro di Allegri… nel giorno del giudizio. Inter: la pace solo a parole tra Icardi e Spalletti. Roma: c’è un vero, grande acquisto 12.03 - La prima cosa che mi viene da scrivere è che Zidane è tutto tranne che rincoglionito. I rincoglioniti non sanno scegliere il momento giusto, lui ha mollato Madrid un anno fa, ha capito che questa per gli amici spagnoli sarebbe stata una stagione fetente, si è fatto l’anno sabbatico...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Juve, la notte verità. Inter, basta frecciatine. Spalletti-Marotta chiudetevi nello spogliatoio. Roma, follia pura. Foggia, “Nember One” Venezia, da Vecchi-Zenga a Cosmi la gondola non gongola 11.03 - Potete raccontarci quello che volete. La cena tra Agnelli e Allegri, la Champions che è un’ossessione della stampa e non del club, che la partita di domani sera con l’Atletico Madrid sarà una come tante altre. Sappiamo e sapete che non è così. Domani, a Torino, ci sarà un bivio. Se...

Editoriale DI: Andrea Losapio

Kean rischia di diventare un caso, sarà sacrificato in estate? La Roma pensa al casting, mentre l'Inter perde candidati alla panchina. Il Napoli può vincere l'Europa League 10.03 - L'Italia scopre, o meglio riscopre, Moise Kean, attaccante della Juventus, primo 2000 a giocare in Serie A. In un periodo in cui i minorenni vanno poco di moda, Donnarumma a parte, poteva sembrare un buon punto da cui ripartire anche per la nostra Nazionale, in preda a un'anemia di...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Roma: Sarri, Gasperini e Giampaolo idee per il futuro. Inter-Icardi patto fino al termine della stagione. Il Milan al lavoro per i rinnovi di Abate, Zapata, Suso e Donnarumma. Juventus, fari accesi su Joao Felix del Benfica 09.03 - L’addio a Di Francesco, la risoluzione consensuale con Monchi, l’arrivo di Ranieri e un futuro ancora da scrivere. La Roma cambia e guarda avanti, con un solo grande obiettivo: la qualificazione alla Champions League del prossimo anno, traguardo fondamentale. Ranieri resterà al timone...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510