VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Mercato stellare per il Milan: i rossoneri sono da Scudetto?
  Sì, a patto che arrivi un grande attaccante
  No, la Juventus resta sempre più forte
  No, ha davanti comunque sempre Roma e Napoli
  Sì, già così è da Scudetto

TMW Mob
Editoriale

Juve, Bonucci non è incedibile. Se vuole può partire. Douglas Costa o Bernardeschi? Iniesta con Cuadrado al Barça. Agnelli rimane presidente. Milan, Donnarumma resta

23.06.2017 08:09 di Enzo Bucchioni   articolo letto 59447 volte
© foto di Federico De Luca

Dalla notte di Cardiff sta nascendo il mercato della Juventus e neppure le liti (presunte o vere), i lunghi coltelli (veri o presunti) dello spogliatoio, potranno far cambiare idea a Marotta e Paratici. Avanti con questo gruppo, anche se i ritocchi saranno pesanti. E se qualcuno pensa che la Juve si sia sbriciolata nella sconfitta con il Real sbaglia. Perché? Semplice. Allegri ha firmato il rinnovo di contratto tre giorni dopo Cardiff, dopo averci pensato per mesi. Se davvero ci fosse stata la furibonda lite con tanto di botte (raccontano), se il gruppo fosse davvero spaccato, l’allenatore se ne sarebbe andato invece di rischiare una stagione complicata. Il gruppo, la coesione sugli obiettivi, le regole, il lavoro sono sempre stati i dogmi della Juve, Allegri è il garante. Ma anche Andrea Agnelli, a dispetto delle voci ricorrenti, non andrà a fare il presidente della Ferrari. Ha intenzione di rimanere ancora alla Juve e non si dimetterà neppure in caso di squalifica della giustizia sportiva per la vicenda dei contatti vietati con gruppi legati alla criminalità.

Ma, comunque, tornando al merato, non è detto che tutti resteranno. Dani Alves ha salutato e, per la verità, non era previsto. Vi abbiamo però già detto in anteprima settimane fa che Cuadrado può partire. Con lui gli scontenti come Lemina e Liechstainer (vogliono giocare di più), forse anche Sturaro e Rincon. Ma non basta.

La Juve ha deciso di lasciare partire tutti quelli che non si sentono più appieno dentro questo gruppo o hanno ambizioni di carriera o di conto in banca.

Anche Bonucci? Certo. Anche Bonucci. L’anno scorso il difensore era stato dichiarato incedibile, per la Juve lo è ancora, ma se lui chiedesse di andar via sarebbe accontentato. Lo chiederà? Possibile. La lite con Allegri di fine inverno è rientrata, ma non dimenticata. L’intervallo di Cardiff con toni forse meno forti di quelli descritti, comunque lo ha visto protagonista. E’ ancora opportuno che resti a Torino a fronte di 60-70 milioni offerti dal Real e dal Chelsea, ma non solo? Su questo si riflette.

Cuadrado, invece, potrebbe finire nell’operazione Iniesta. La Juve aspetta l’acquisto di Verratti da parte degli spagnoli e dopo si muoverà sul centrocampista che a fine carriera ha voglia di un’esperienza in una squadra che non sia il Barcellona. E se è vero che la vicenda Dani Alves ha raffreddato un po’ tutto, è sicuro che l’idea Iniesta non è tramontata. I nomi in ballo, poi, sono gli stessi. L’offerta per Bernardeschi scoperta da qualcuno soltanto ieri è in realtà vecchia di un mese. Il giocatore ha dato l’ok, ma la Fiorentina riflette. E pure la Juve. Meglio Bernardeschi o Douglas Costa? L’uno esclude l’altro e la decisione sarà presa a breve anche in virtù del posto da extracomunitari. Poi c’è un faro acceso su Di Maria, in attesa che il Psg ridisegni il suo futuro. N’Zonzi costa troppo, si aspetta. Piace Darmian come esterno destro, ma con De Sciglio l’intesa c’è. Il terzino non vuole rinnovare con il Milan.

A proposito di Milan, è tornato l’ottimismo su Donnarumma. La famiglia sta capendo che l’atteggiamento assunto dal suo procuratore e la voglia di lasciare il Milan a parametro zero, stanno diventando un boomerang. Si potrebbe ritrovare un’intesa con il prolungamento del contratto e una clausola rescissoria alta o un accordo per il futuro del ragazzo quando avrà 22-23 anni. Insomma, per crescere ancora il Milan potrebbe essere il posto giusto e la famiglia ora ne sembra convinta. Se i rossoneri risparmieranno i soldi del portiere finiranno su Biglia (Lotito non vuole Montolivo, ma solo denaro). L’alternativa può essere Badelj.

I giocatori della Fiorentina in uscita piacciono molto. E’ noto l’interesse per Kalinic, ma troppi i trenta milioni richiesti. Nel frattempo Mirabelli dovrà convincere Bacca a lasciare i rossoneri, poi la discussione con Corvino sarà ripresa.

Tutto ok, invece, per Borja Valero all’Inter. Tre anni di contratto al giocatore a 3,2 milioni l’anno. Perché non si chiude? I dirigenti viola hanno avviato una nuova riflessione. I sei-sette milioni per lo spagnolo sembrano pochi e, soprattutto, con i tifosi in fermento forse è meglio aspettare. Se la Fiorentina comprerà qualche giocatore importante, tra qualche settimana, sarà più facile far passare l’addio di Borja, ora i tempi non sembrano ideali. Ma forse si tratta solo di aspettare, a meno che il giocatore non esca allo scoperto per dire "voglio andar via".

Via da Roma andrà Mario Rui per seguire il suo profeta Maurizio Sarri. L’accordo con il giocatore c’è, resta da convincere la Roma che dopo aver venduto Salah al Liverpool e Manolas allo Zenit ha meno urgenza di denaro, ma una diecina di milioni fanno comodo a bilanci non floridi. E così Sarri potrebbe avere quel terzino sinistro o destro all’occorrenza, che conosce bene il suo calcio, alternativa a Ghoulam o Hysaj.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Marotta e Paratici, ha ragione Agnelli: serve un altro Higuain. Napoli, adesso o mai più. Sabatini: trattative diverse (e non va bene) rispetto a quanto annunciato 23.07 - Lucida follia. Un anno fa, quando la Juventus annunciò l'acquisto di Gonzalo Higuain dal Napoli grazie al pagamento della clausola da 90 milioni di euro, commentai così il trasferimento del Pipita. Un'operazione economicamente folle per i bianconeri per un calciatore...
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, dal ruggito di Huarong al ruggito di Florentino. Belotti: tutte le carte in tavola. Napoli: uno Scudetto già vinto. 22.07 - Due anni di sarcasmo, di dileggio e di ironie sul Milan. Una montagna di sentenze e di previsioni nefaste che ha partorito un topolino dal numero 19. E' di questo che ci si è ridotti a discutere. Il Milan di Yonghong Li fa esageratamente quella campagna acquisti milionaria per la...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Cairo dice no, ma Belotti ha l'accordo col Milan. Arriva Kalinic. Troppi dubbi su Montella. Juve: ok Berna, ma il centrocampista? Milinkovic Savic con Matic o Matuidi. Inter in difficoltà 21.07 - Cairo resiste, dice no al corteggiamento del Milan e alla cessione di Belotti, ma alla fine si farà. Servirà tempo, trattative giuste, pazienza, ma Belotti al Milan è nella logica delle cose e del mercato. Nonostante tutto. Una società come il Milan che sta spendendo più dell’impossibile,...

EditorialeDI: Luca Marchetti

L'Inter e i giovani di qualità, la Juve e le trattative ad oltranza, la rosa degli attaccanti del Milan. Roma: non solo Defrel 20.07 - Cominciano ad intrecciarsi le strade di Inter e Juve. Non poteva esser altrimenti, non possono rimanere lontane. E allora mentre si definiscono i dettagli per l'operazione di Vecino con la Fiorentina e il suo agente (la Fiorentina dovrebbe far sapere come preferisce che venga pagata...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Milan, problema Bacca… Inter, un terzetto per decollare! Cassano? Ma stiamo scherzando? La bicicletta di Djalminha, l’età di Taribo West 19.07 - Eccomi qui… Sono reduce da una trasferta “calcistica” che mi ha emozionato. Sono stato a Londra, alla O2 Arena, per lo Star Sixes, il torneo delle leggende del calcio. Ben 120 ex giocatori a duellare per dimostrare che la classe non ha età (se non lo sapete, ha vinto la Francia con...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: attenti alle sorprese, anche pericolose! Milan: ecco i soldi per il Gallo. Inter: 3 novità e altrettante "pillole di fiducia". Napoli: la giusta scelta (ma c'è un pericoloso neo...) 18.07 - PREAMBOLO Ciao. Questo dovrebbe essere il 450esimo editoriale da me scritto su Tmw. Ho fatto dei calcoli di massima. Iniziai nel 2008, avevo ancora i capelli, ho saltato quasi mai. Anzi no, una volta fui costretto alla resa a causa di un attacco di acetone perforante. Scaliamo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Bonucci in due giorni, per Dalbert sono due mesi. Fassone e Mirabelli, scudetto al mercato ma in campo serve tempo. Branchini, c'era una volta il Re del mercato... E c'è ancora! 17.07 - I tifosi del Milan hanno lasciato, lo scorso maggio, San Siro delusi e stanchi dell'ennesimo campionato mediocre del diavolo. Si facevano due domande: "Il prossimo anno ci abboniamo? Ma questi cinesi che razza di cinesi sono?". Sembra passata una vita e, invece, sono solo due mesi....

EditorialeDI: Marco Conterio

Dalla Juventus al Milan, dall'Inter alla Roma e non solo: i retroscena sui colpi che preparano adesso le grandi d'Italia. E' anche il mercato dei procuratori: tutti gli affari già a segno 16.07 - E' una splendida estate. Inattesa. Il Milan s'è preso la copertina ma mica è finita. Già, perché adesso la premiata coppia Fassone-Mirabelli cerca la ciliegina in attacco e non è da escludere che per il centrocampo arrivi pure un altro colpo con Suso possibile partente. E' da Scudetto?...

EditorialeDI: Mauro Suma

Allegri: da Pirlo a Bonucci. Donnarumma: nessuna reciprocità. Napoli: l'esperimento del non mercato 15.07 - Quando c'è una diaspora che scuote le pareti dello stomaco di una tifoseria, Massimiliano Allegri si trova nel mezzo. Andrea Pirlo nel Milan del 2012, Leonardo Bonucci nella Juventus del 2017. Max cozza senza volerlo con i caratteri di alcuni big: loro non si aspettano in un uomo...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Bonucci capitano del Milan: tutti i retroscena sul divorzio dell'anno. Episodi inquietanti. Ha vinto Allegri. Epurazione, anche Cuadrado e Mandzukic in partenza. In arrivo Manolas. Viola, caos Kalinic 14.07 - Bonucci al Milan è il divorzio dell’anno e forse anche di più. Non siamo infatti solo davanti a un semplice trasferimento a sorpresa, questa vicenda racconta di una Juventus in ebollizione e trasformazione che sta cercando di porre fine a un evidente strappo di spogliatoio iniziato...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.