VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Chi è attualmente il numero nove più forte del mondo?
  Harry Kane
  Mauro Icardi
  Gonzalo Higuain
  Robert Lewandowski
  Romelu Lukaku
  Luis Suarez
  Edinson Cavani
  Alvaro Morata
  Edin Dzeko

Editoriale

Juve, Bonucci non è incedibile. Se vuole può partire. Douglas Costa o Bernardeschi? Iniesta con Cuadrado al Barça. Agnelli rimane presidente. Milan, Donnarumma resta

23.06.2017 08:09 di Enzo Bucchioni   articolo letto 59714 volte
© foto di Federico De Luca

Dalla notte di Cardiff sta nascendo il mercato della Juventus e neppure le liti (presunte o vere), i lunghi coltelli (veri o presunti) dello spogliatoio, potranno far cambiare idea a Marotta e Paratici. Avanti con questo gruppo, anche se i ritocchi saranno pesanti. E se qualcuno pensa che la Juve si sia sbriciolata nella sconfitta con il Real sbaglia. Perché? Semplice. Allegri ha firmato il rinnovo di contratto tre giorni dopo Cardiff, dopo averci pensato per mesi. Se davvero ci fosse stata la furibonda lite con tanto di botte (raccontano), se il gruppo fosse davvero spaccato, l’allenatore se ne sarebbe andato invece di rischiare una stagione complicata. Il gruppo, la coesione sugli obiettivi, le regole, il lavoro sono sempre stati i dogmi della Juve, Allegri è il garante. Ma anche Andrea Agnelli, a dispetto delle voci ricorrenti, non andrà a fare il presidente della Ferrari. Ha intenzione di rimanere ancora alla Juve e non si dimetterà neppure in caso di squalifica della giustizia sportiva per la vicenda dei contatti vietati con gruppi legati alla criminalità.

Ma, comunque, tornando al merato, non è detto che tutti resteranno. Dani Alves ha salutato e, per la verità, non era previsto. Vi abbiamo però già detto in anteprima settimane fa che Cuadrado può partire. Con lui gli scontenti come Lemina e Liechstainer (vogliono giocare di più), forse anche Sturaro e Rincon. Ma non basta.

La Juve ha deciso di lasciare partire tutti quelli che non si sentono più appieno dentro questo gruppo o hanno ambizioni di carriera o di conto in banca.

Anche Bonucci? Certo. Anche Bonucci. L’anno scorso il difensore era stato dichiarato incedibile, per la Juve lo è ancora, ma se lui chiedesse di andar via sarebbe accontentato. Lo chiederà? Possibile. La lite con Allegri di fine inverno è rientrata, ma non dimenticata. L’intervallo di Cardiff con toni forse meno forti di quelli descritti, comunque lo ha visto protagonista. E’ ancora opportuno che resti a Torino a fronte di 60-70 milioni offerti dal Real e dal Chelsea, ma non solo? Su questo si riflette.

Cuadrado, invece, potrebbe finire nell’operazione Iniesta. La Juve aspetta l’acquisto di Verratti da parte degli spagnoli e dopo si muoverà sul centrocampista che a fine carriera ha voglia di un’esperienza in una squadra che non sia il Barcellona. E se è vero che la vicenda Dani Alves ha raffreddato un po’ tutto, è sicuro che l’idea Iniesta non è tramontata. I nomi in ballo, poi, sono gli stessi. L’offerta per Bernardeschi scoperta da qualcuno soltanto ieri è in realtà vecchia di un mese. Il giocatore ha dato l’ok, ma la Fiorentina riflette. E pure la Juve. Meglio Bernardeschi o Douglas Costa? L’uno esclude l’altro e la decisione sarà presa a breve anche in virtù del posto da extracomunitari. Poi c’è un faro acceso su Di Maria, in attesa che il Psg ridisegni il suo futuro. N’Zonzi costa troppo, si aspetta. Piace Darmian come esterno destro, ma con De Sciglio l’intesa c’è. Il terzino non vuole rinnovare con il Milan.

A proposito di Milan, è tornato l’ottimismo su Donnarumma. La famiglia sta capendo che l’atteggiamento assunto dal suo procuratore e la voglia di lasciare il Milan a parametro zero, stanno diventando un boomerang. Si potrebbe ritrovare un’intesa con il prolungamento del contratto e una clausola rescissoria alta o un accordo per il futuro del ragazzo quando avrà 22-23 anni. Insomma, per crescere ancora il Milan potrebbe essere il posto giusto e la famiglia ora ne sembra convinta. Se i rossoneri risparmieranno i soldi del portiere finiranno su Biglia (Lotito non vuole Montolivo, ma solo denaro). L’alternativa può essere Badelj.

I giocatori della Fiorentina in uscita piacciono molto. E’ noto l’interesse per Kalinic, ma troppi i trenta milioni richiesti. Nel frattempo Mirabelli dovrà convincere Bacca a lasciare i rossoneri, poi la discussione con Corvino sarà ripresa.

Tutto ok, invece, per Borja Valero all’Inter. Tre anni di contratto al giocatore a 3,2 milioni l’anno. Perché non si chiude? I dirigenti viola hanno avviato una nuova riflessione. I sei-sette milioni per lo spagnolo sembrano pochi e, soprattutto, con i tifosi in fermento forse è meglio aspettare. Se la Fiorentina comprerà qualche giocatore importante, tra qualche settimana, sarà più facile far passare l’addio di Borja, ora i tempi non sembrano ideali. Ma forse si tratta solo di aspettare, a meno che il giocatore non esca allo scoperto per dire "voglio andar via".

Via da Roma andrà Mario Rui per seguire il suo profeta Maurizio Sarri. L’accordo con il giocatore c’è, resta da convincere la Roma che dopo aver venduto Salah al Liverpool e Manolas allo Zenit ha meno urgenza di denaro, ma una diecina di milioni fanno comodo a bilanci non floridi. E così Sarri potrebbe avere quel terzino sinistro o destro all’occorrenza, che conosce bene il suo calcio, alternativa a Ghoulam o Hysaj.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: il segreto delle "non-lacrime" di Allegri. Milan: l'allarme cinese... e occhio a maggio! Inter: è ora di giocare al gioco del silenzio. Napoli: il diritto di Sarri a fare come crede 20.02 - Ciao. Quando arriva il momento di compilare questo editoriale faccio un giro sui siti per cercare ispirazione ed evitare di scrivere cose come “prima o poi bisogna affrontarle tutte” o “lo scudetto si decide a primavera” o “la politica è tutto un magna-magna”. A volte i siti ti danno...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Napoli-Juve, marzo sarà decisivo. Inter, che flop! Sassuolo, il problema era dietro la scrivania. Cuore De Zerbi e Bergamo Gasperini-Sartori sono ai titoli di coda… 19.02 - Se la Juventus non ha lasciato punti a Firenze e nel derby significa che il Napoli, per vincere questo scudetto, dovrà andare oltre la soglia del miracolo. Tuttavia, sembra chiaro che il campionato si deciderà a marzo, in un modo o nell'altro. Allegri e Sarri sono reduci da una pessima...

EditorialeDI: Andrea Losapio

I meriti di Gattuso o i demeriti di Montella? Borussia-Atalanta, che spot per il calcio. Un po' meno il Napoli in Europa League. Rosa lunga alla Juventus, ma se si fanno tutti male... 18.02 - In sala stampa a Dortmund, con i gol di Europa League che scorrevano in sottofondo, alcuni giornalisti tedeschi paragonavano Cutrone a Inzaghi. "Ci somiglia, eh?". Non può essere che lui l'uomo copertina del Milan di Gennaro Gattuso. Lui, invece, assomiglia tanto al Pioli della scorsa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Primavera Cutrone e Primavera Merrill Lynch. Juventus europea, stampelle e pareggio. Napoli provinciale, limiti e sconfitta 17.02 - Dalla Primavera rossonera arriva Patrick Cutrone e alla Primavera come stagione prossima ventura guarda tutto il Milan che sta lavorando per la propria nuova struttura finanziaria pre-Elliott e, possibilmente, post-Elliott. Insomma, pre ottobre 2018. Ci sono grandi novità in vista...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Ecco perché la Juve non ha battuto il Tottenham. Mancano i campioni. Le grandi lontane. Campionato non allenante. Napoli, vai fuori dalla Coppa 16.02 - La Juventus può ancora ribaltare il risultato a Londra, è giusto pensarlo e crederlo. L’impresa è difficile, ma possibile, conosciamo bene il calcio e anche il carattere dei bianconeri. Il pareggio con il Tottenham però è stato liquidato troppo in fretta come un incidente di percorso....

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il calciomercato di oggi, i nomi di ieri. Quanto varrebbero ora i big che ci hanno fatto sognare. Da Ronaldo a Totti, da Maradona a Platini: ecco le loro valutazioni... 15.02 - Quando Totti ha detto (a Sky) che nel mercato di oggi varrebbe almeno 200 milioni di euro è scattato in testa a tutti il solito giochino. Ma quanto varrebbero ora i grandi campioni del passato, Totti compreso? Non è la prima volta che ci si pensa, non è la prima volta che si fa. Proprio...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter tra riscatti, governo e sogni… Lazio-de Vrij, dipende da Lotito! Europa League, no alle seconde linee! 14.02 - L’Inter, seppur faticando, è tornata a vincere. Da oggetto misterioso, il giovane Karamoh si è trasformato in “enfant prodige”… Mentre Epic Brozovic ha iniziato una guerra con l’intero popolo San Siro (il croato è destinato a perdere, anche malamente), il 19enne francesino, ex Caen,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il messaggio di Allegri e la firma “segreta”. Inter: una Kara spallata agli autolesionisti (e le voci dalla Cina...). Milan: il fallimento di chi tifa fallimento. Napoli: che musica l'orchestra Sarri, ma occhio al bivio. 13.02 - Ciao, sono reduce da Sanremo. Non c’ero mai stato. A Sanremo c’è l’Altra Sanremo. L’Altra Sanremo non si vede in televisione, altrimenti tutti direbbero “minchia! Altro che Sanremo!”. L’Altra Sanremo è un delirio di cene alle 2 del mattino, feste alle 3 e “festini” fino all’alba. C’è...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Un Napoli così vale il miliardo di euro... Rino, adesso arriva il bello. Inter, gioia e fatica. La favola Chievo mostra le prime crepe 12.02 - Siamo sempre esterofili. Amiamo la Germania per la birra e per gli stadi. Amiamo l'Inghilterra per il pubblico e per i soldi della Premier. Forse amiamo anche la Francia che ha un campionato mediocre, ma il PSG e la Torre Eiffel. Ora, però, una cosa la possiamo dire: in Italia abbiamo...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

In Europa resiste solo la Serie A grazie al miracolo Napoli. Bernardeschi come Dybala: c'è il marchio Allegri. Spalletti e Di Francesco: chi salta a maggio? 11.02 - Ha ragione Maurizio Sarri quando paragona la Juventus al Bayern Monaco. Lo dice la storia, la tradizione vincente e un fatturato che è completamente differente da quello delle altre 19 squadre di Serie A. In attesa del ritorno ad alti livelli delle milanesi, che ormai aspettiamo invano...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.