VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Juve, Bonucci non è incedibile. Se vuole può partire. Douglas Costa o Bernardeschi? Iniesta con Cuadrado al Barça. Agnelli rimane presidente. Milan, Donnarumma resta

23.06.2017 08:09 di Enzo Bucchioni   articolo letto 59576 volte
© foto di Federico De Luca

Dalla notte di Cardiff sta nascendo il mercato della Juventus e neppure le liti (presunte o vere), i lunghi coltelli (veri o presunti) dello spogliatoio, potranno far cambiare idea a Marotta e Paratici. Avanti con questo gruppo, anche se i ritocchi saranno pesanti. E se qualcuno pensa che la Juve si sia sbriciolata nella sconfitta con il Real sbaglia. Perché? Semplice. Allegri ha firmato il rinnovo di contratto tre giorni dopo Cardiff, dopo averci pensato per mesi. Se davvero ci fosse stata la furibonda lite con tanto di botte (raccontano), se il gruppo fosse davvero spaccato, l’allenatore se ne sarebbe andato invece di rischiare una stagione complicata. Il gruppo, la coesione sugli obiettivi, le regole, il lavoro sono sempre stati i dogmi della Juve, Allegri è il garante. Ma anche Andrea Agnelli, a dispetto delle voci ricorrenti, non andrà a fare il presidente della Ferrari. Ha intenzione di rimanere ancora alla Juve e non si dimetterà neppure in caso di squalifica della giustizia sportiva per la vicenda dei contatti vietati con gruppi legati alla criminalità.

Ma, comunque, tornando al merato, non è detto che tutti resteranno. Dani Alves ha salutato e, per la verità, non era previsto. Vi abbiamo però già detto in anteprima settimane fa che Cuadrado può partire. Con lui gli scontenti come Lemina e Liechstainer (vogliono giocare di più), forse anche Sturaro e Rincon. Ma non basta.

La Juve ha deciso di lasciare partire tutti quelli che non si sentono più appieno dentro questo gruppo o hanno ambizioni di carriera o di conto in banca.

Anche Bonucci? Certo. Anche Bonucci. L’anno scorso il difensore era stato dichiarato incedibile, per la Juve lo è ancora, ma se lui chiedesse di andar via sarebbe accontentato. Lo chiederà? Possibile. La lite con Allegri di fine inverno è rientrata, ma non dimenticata. L’intervallo di Cardiff con toni forse meno forti di quelli descritti, comunque lo ha visto protagonista. E’ ancora opportuno che resti a Torino a fronte di 60-70 milioni offerti dal Real e dal Chelsea, ma non solo? Su questo si riflette.

Cuadrado, invece, potrebbe finire nell’operazione Iniesta. La Juve aspetta l’acquisto di Verratti da parte degli spagnoli e dopo si muoverà sul centrocampista che a fine carriera ha voglia di un’esperienza in una squadra che non sia il Barcellona. E se è vero che la vicenda Dani Alves ha raffreddato un po’ tutto, è sicuro che l’idea Iniesta non è tramontata. I nomi in ballo, poi, sono gli stessi. L’offerta per Bernardeschi scoperta da qualcuno soltanto ieri è in realtà vecchia di un mese. Il giocatore ha dato l’ok, ma la Fiorentina riflette. E pure la Juve. Meglio Bernardeschi o Douglas Costa? L’uno esclude l’altro e la decisione sarà presa a breve anche in virtù del posto da extracomunitari. Poi c’è un faro acceso su Di Maria, in attesa che il Psg ridisegni il suo futuro. N’Zonzi costa troppo, si aspetta. Piace Darmian come esterno destro, ma con De Sciglio l’intesa c’è. Il terzino non vuole rinnovare con il Milan.

A proposito di Milan, è tornato l’ottimismo su Donnarumma. La famiglia sta capendo che l’atteggiamento assunto dal suo procuratore e la voglia di lasciare il Milan a parametro zero, stanno diventando un boomerang. Si potrebbe ritrovare un’intesa con il prolungamento del contratto e una clausola rescissoria alta o un accordo per il futuro del ragazzo quando avrà 22-23 anni. Insomma, per crescere ancora il Milan potrebbe essere il posto giusto e la famiglia ora ne sembra convinta. Se i rossoneri risparmieranno i soldi del portiere finiranno su Biglia (Lotito non vuole Montolivo, ma solo denaro). L’alternativa può essere Badelj.

I giocatori della Fiorentina in uscita piacciono molto. E’ noto l’interesse per Kalinic, ma troppi i trenta milioni richiesti. Nel frattempo Mirabelli dovrà convincere Bacca a lasciare i rossoneri, poi la discussione con Corvino sarà ripresa.

Tutto ok, invece, per Borja Valero all’Inter. Tre anni di contratto al giocatore a 3,2 milioni l’anno. Perché non si chiude? I dirigenti viola hanno avviato una nuova riflessione. I sei-sette milioni per lo spagnolo sembrano pochi e, soprattutto, con i tifosi in fermento forse è meglio aspettare. Se la Fiorentina comprerà qualche giocatore importante, tra qualche settimana, sarà più facile far passare l’addio di Borja, ora i tempi non sembrano ideali. Ma forse si tratta solo di aspettare, a meno che il giocatore non esca allo scoperto per dire "voglio andar via".

Via da Roma andrà Mario Rui per seguire il suo profeta Maurizio Sarri. L’accordo con il giocatore c’è, resta da convincere la Roma che dopo aver venduto Salah al Liverpool e Manolas allo Zenit ha meno urgenza di denaro, ma una diecina di milioni fanno comodo a bilanci non floridi. E così Sarri potrebbe avere quel terzino sinistro o destro all’occorrenza, che conosce bene il suo calcio, alternativa a Ghoulam o Hysaj.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Campionato falsato, subito la riforma e premio-promozione. I limiti dell’Inter, a gennaio uno fra Ozil, Draxler e Vidal. Juve, i nodi di un mercato modesto. Howedes rotto, Douglas Costa fantasma. Con Uva in Uefa l’Italia più forte 22.09 - Dopo cinque giornate è già abbastanza chiaro che il campionato è falsato. Facendo una proiezione, a dicembre, ma forse prima, la situazione sarà già ben delineata con 7-8 squadre in corsa per i posti che contano, quattro o cinque in lotta per non retrocedere e le altre (troppe) senza...
Telegram

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il Napoli è devastante, Juve alla tedesca. Il duello è appena iniziato... 21.09 - Impossibile non parlare di calcio giocato nella sera dell'infrasettimanale. Impossibile non parlarne dopo una serata piena di emozioni e che regala al campionato dopo 5 giornate le due prime della classe lassù in testa alla classifica a punteggio pieno con una dimostrazione di forza...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter, buon carattere…. Mondi diversi: Patrick vs Patrik! Sarri perché non parla? E poi CR7 a Lisbona! 20.09 - L’Inter si ferma a quattro vittorie. A Bologna, i nerazzurri non vanno oltre l’1-1. Straordinari i giocatori di Donadoni, bravi a non mollare quelli di Spalletti. Onestamente Icardi (altro gol) e compagni non hanno incantato. Nella prima frazione, il Bologna ha dominato con un Verdi...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incoerenza di chi non vuol vedere (occhio a Higuain...). Inter: c'è un nemico alle porte (ma anche una soluzione). Milan: il rebus del "9" e altre malignità. Napoli: se il problema è fuori dal campo 19.09 - Ciao. Stasera c’è il campionato, domani pure, dunque qualunque cosa io scriva rischia di essere usata contro di me. Per questo e per altri motivi ragioneremo su cose frivole. Per esempio, non so se avete letto, ma la migliore amica della piacente cantante Selena Gomez le ha donato...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ecco tutti gli errori fatti a Barcellona. Processo a Allegri. Douglas Costa non serve. Paragonare Dybala a Messi è follia. Donnarumma deve scegliere il Milan o Raiola. Inter, contatto per Chiesa 15.09 - Conosciamo troppo bene il calcio per non sapere che tirare conclusioni a settembre è roba da ricovero. Soprattutto quando si parla di Juve e di Allegri. Ricordate l’anno dei dodici punti in dieci partite? E comunque la non brillantezza, le partenze in salita a settembre, sono una...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Una brutta Champions e una speciale classifica: ecco quanto costano le squadre in Europa, che sorprese! 14.09 - Certo che questa due giorni di Champions non ci lascia con buoni pensieri... le italiane vanno male, un punto in tre partite, e comunque con una gara di sofferenza più che di sfortuna. La Juve che dimostra ancora di non essere al livello del Barcellona (e Dybala con alcune curve ancora...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Dybala-Messi, la differenza è abissale! Di Francesco, cena per Alisson… Inter, pensieri da grande! E brindiamo con Rooney… 13.09 - La Juventus ha perso al Camp Nou. Ci ha pensato Leo Messi a spegnere i sogni di gloria dei bianconeri. Tutti aspettavamo la consacrazione, l’ennesima, di Paulo Dybala. Non è andata benissimo… Ancora una volta, la Pulce ha confermato, a suon di giocate e leadership, di essere il numero...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.