HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi merita il Pallone d'Oro 2018?
  Sergio Aguero
  Alisson Becker
  Gareth Bale
  Karim Benzema
  Edinson Cavani
  Thibaut Courtois
  Cristiano Ronaldo
  Kevin De Bruyne
  Roberto Firmino
  Diego Godin
  Antoine Griezmann
  Eden Hazard
  N'Golo Kanté
  Isco
  Harry Kane
  Lionel Messi
  Neymar
  Jan Oblak
  Luka Modric
  Paul Pogba
  Sadio Mané
  Hugo Lloris
  Marcelo
  Kylian Mbappé
  Mario Mandzukic
  Ivan Rakitic
  Sergio Ramos
  Mohamed Salah
  Luis Suarez
  Raphael Varane

La Giovane Italia
Editoriale

Juve: c’è un belga a centrocampo! Inter: la strategia per Nainggolan-Rafinha e l’appuntamento con Icardi. Milan: il mercato “oltre l’Uefa” passa dalla Spagna. Roma: che meraviglia il piano-Monchi. Napoli: Verdi e...

12.06.2018 07:07 di Fabrizio Biasin  Twitter:    articolo letto 67949 volte
© foto di Alessio Alaimo

Ciao. Penso da una settimana alla storia del gambero cinese. L’avete letta? Il gambero cinese era dentro la zuppa, stava per crepare di morte orrenda, nella broda bollente. Ma il gambero cinese è come Rambo 3 e decide di uscire dalla zuppa oleosa: si trascina sul bordo del piatto, prova a buttarsi dall’altra parte e sul più bello la chela rimane bloccata sotto un cumulo di cozze infami. E allora il gambero cinese attiva l’altra chela e si mozza l’arto bloccato dalle cozze bastarde. A quel punto esce dalla zuppa. Vivo. Nel frattempo quello stronzo del cuoco cosa combina? Dà una mano al gambero cinese? No, lo filma tipo giapponese al Colosseo. E il filmato fa il giro del mondo. Poi rilascia un’intervista: “Ho deciso di mettere il gambero cinese nell’acquario di casa mia! L’ho salvato! Evviva!”. E tutti: “Che bravo il cuoco!”. Bravo un par de balle: prima pregusta il cacciucco, poi assiste all’amputazione, infine sbatte il gambero prezzemolato e senza chela nell’acquario. Robe da matti. Comunque, tutto è bene ciò che finisce bene. Almeno per il gambero mozzato. Gli altri rimasti nel piatto, i suoi fratelli strabolliti, se li è pappati il cuoco: praticamente una mattanza. Che storia del cazzo.

 

La storia del gambero è orrenda ma in ogni caso dovrebbe essere meglio del mercato del calcio; il problema è che alla gente interessa solo del mercato del calcio. E del Mondiale. E di Young Signorino. Ma più del mercato, perché l’Italia al Mondiale non c’è e Young Signorino alla fine fa solo versi tipo “GGGhghghgh, mmmmmhhh alfa alfa beta beta”.

Se vostro figlio viene a casa e vi dice “Oh papà, figata Young Signorino” mettetelo nell’acquario. O nella zuppa. Con tante cozze così non si libera.

Ma dicevamo del Mondiale. Anzi, del mercato. L’assenza dell’Italia dal Mondiale alimenta il cazzeggio a proposito delle presunte compravendite. Ci sono dei ragazzi molto gentili che mi girano quotidianamente aggiornamenti su nomi di “acquisti certi” associati alle varie squadre. Dario Anghileri, per dire, mi ha girato quella dell’Inter “ad oggi”. Eccola: 1) Strootman. 2) Kovacic. 3) Chiesa 4) Verdi. 5) Politano. 6) Nainggolan. 7) Dembele. 8) Kluivert. 9) Barella. 10) Badelj. 11) Depay. 12) Higuain. 13) Dzeko. 14) Florenzi. 15) Ilicic. 16) Barrow. 17) Kaderabek. 18) Partey. 19) Gundogan. 20) Meza. 21) Ramires . 22) Vrsaljiko. 23) Berezynski. 24) Malcolm. 25) Falcinelli. 26) Lasagna. 27) Pandev. 

Grazie Dario, forse te ne sei dimenticato qualcuno, ma il concetto è chiaro. Nico Gonzalez, per dire. Nico Gonzalez non l’ha mai visto giocare nessuno, nenache i parenti, ma da qualche giorno lo vogliono tutti. Perché è argentino e ha 20 anni. Se sei argentino e hai 20 anni sei un obiettivo di mercato da prendere “assolutamente”, anche se ti chiami Dominguez Marisa.

Su Nainggolan, invece, pare strano ma ci sono conferme. La situazione è la seguente: l’Inter non ha ancora avanzato un’offerta economica alla Roma, ma ha “manifestato interesse” (si dice così?) al club proprietario del cartellino. Questo non significa che l’affare sia "fatto” ma vuol dire che per una volta c’è qualcosa di concreto. In contemporanea i nerazzurri tengono aperta la strada per Rafinha. Il senso di tutto ciò è abbastanza chiaro: tentare su entrambi i fronti e provare a chiudere una delle due operazioni. Tutte e due? Da quel che trapela da “casa-Inter” pare di no: una operazione escluderebbe quell’altra. La cosa curiosa è che al 12 di giugno (e con la nota faccenda Uefa da risolvere entro il 30 giugno) i nerazzurri hanno già chiuso 3 colpi, lavorano per il 4° ma si devono scontrare contro quelli che “che pena! Bisogna prendere tutti, anche Cancelo, anche Nico Gonzalez, anche un portiere nuovo, anche Higuain ma non al posto di Icardi, insieme!”. Anche per costoro c’è spazio nell’acquario prezzemolato.

A proposito di Icardi, l’argentino è tornato a Milano. A Milano non ci sono i rinoceronti. E neanche i leoni. O le zebre. Ma riusciremo ugualmente a creare dei “casi-fotografici”. Nel frattempo l’Inter programma l’incontro con il suo capitano per avanzare la propria "proposta di rinnovo". In serenità. L’obiettivo del club è chiudere ogni discorso prima del “periodo-clausola” (1-15 luglio); quello del manager Nara è portare l’ingaggio al livello dei giocatori più pagati in serie A. L’obiettivo di Icardi, invece, è fare il capitano dell’Inter: lo dice da sempre, ma non lo ascolta nessuno. Preferiscono discutere del suo pipino.

 

E la Juve? Sta facendo “cose grosse”. Vi scriviamo dell’interesse per Kovacic da gennaio, ma occhio anche a Praet della Sampdoria: il ragazzo (belga, trequartista/ala sinistra, 24 anni, corteggiato anche dal Napoli), piace assai.

 

E il Milan? Gattuso e Mirabelli sono partiti per la Russia “ad osservare giocatori”, segno che al di là della “situazione Uefa” la volontà di rinforzare la rosa è concreta. Come? Conosciamo le modalità, non i nomi. Gattuso chiede “esperienza” e dopo Reina vuole un centrocampista “a sua immagine e somiglianza”, quantomeno dal punto di vista dell’atteggiamento. Per l’esterno l’obiettivo è sempre Callejon, l’alternativa Samu Castillejo, classe 1995 del Villarreal (praticamente una fotocopia di Suso). Ma il “nodo”, ovviamente, resta in attacco: difficile fare ipotesi prima della famosa “sentenza Uefa”.

Di "quella" sapete già tutto e comunque ognuno si è fatto la sua opinione: cresce il partito dei “son soldi sporchi!!!” e tu vorresti chiedere a costoro “Ma se davvero fossero soldi sporchi perché “il prestanome” Li non si leva dalle balle e, invece, continua a restare aggrappato al suo investimento?”. Ma quelli ti rispondono “sono soldi sporchi!!! Lo pensa anche l’Uefa!” e tu allora gli dici “guarda che l’Uefa non ha dubbi su chi sia Li, semmai ha il problema opposto. Proprio perché sa cosa sta facendo Li, teme che i prestiti a interessi altissimi accesi dal patron rossonero, difficilmente gli permetteranno di uscire da questo ginepraio, se non grazie a un socio o alla “resa” nei confronti di Elliott. Per questo lo hanno fermato”. Ma quelli ti rispondono “sono soldi sporchi!!!” e a quel punto tu gli rispondi “sììììì, sono soldi sporchi!!!”, che è l’unico modo per non mandarsi reciprocamente affanculo.

 

Fine. Anzi no: facciamo i complimenti a Monchi che con la Roma sta facendo straordinarie cose “alla Monchi” (poi certo, tutto deve passare dalla famigerata “prova del campo”, ma tant’è), al Napoli per il quinquennale a Verdi (poi certo, Ancelotti attende almeno un paio di colpi "top") e auguriamo buon Mondiale a tutti noi “orfani” dell’Italia: tra un paio di settimane 16 squadre saranno eliminate e ci sentiremo meno soli.

 

Ps. Domani vado a Mosca per assistere all’inaugurazione. Volo con la compagnia di bandiera russa: ne viene giù uno ogni due. Nel caso, mettetemi nell’acquario. Ciao (Twitter: @Fbiasin). 


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

C'è una guerra in corso per il Var? Stecca la Juventus, fermando Piatek. Pare già mercato con Paquetà 21.10 - Anche nella giornata di ieri il Var è stato assente non giustificato nell'espulsione di Milinkovic-Savic, portiere della Spal. Vero è che il campo di applicazione non poteva intervenire nel doppio giallo del numero uno serbo (sarebbe anche utile capire se sarebbe scattata l'ammonizione...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Juventus, Napoli e Roma su Piatek. Paratici segue anche De Ligt dell’Ajax. Ancelotti pronto a fermare il Psg. Per i giallorossi ipotesi Herrera del Porto. Lazio su Brahimi, Inter-Milan che derby 20.10 - Per Piatek è pronta a scatenarsi l’asta. L’avvio travolgente dell’attaccante polacco pagato appena 5 milioni di euro da Preziosi ha catturato l’attenzione un po’ di tutti. In Italia ci sono Juventus, Napoli e Roma. Il club bianconero là davanti ha problemi di abbondanza se si pensa...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Higuain da il via libera per Ibra al Milan. Tutto fatto, lui deciderà entro novembre. Barella, l’Inter torna in pole. Conte al Real, ora si può. Figc, Gravina è l’uomo giusto   19.10 - Un altro importante tassello per il ritorno di Ibrahimovic al Milan l’ha messo direttamente Gonzalo Higuain. Nella bella intervista rilasciata ieri alla Gazzetta, fra le tante cose non banali, si legge anche: “Ibra al Milan? Io amo giocare con i grandissimi e lui lo è”. E’ più di...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Il derby di Milano: strade incrociate, obiettivi comuni 18.10 - Siamo entrati nel vivo: la settimana del derby di Milano. E dopo la pausa per gli impegni della Nazionale, che ci ha regalato una bella vittoria contro la Polonia fatta di speranza e di bel gioco, non poteva tornare con una partita migliore, il campionato di serie A. Milan e Inter...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Derby time: ecco perché il Milan è favorito. L’Inter sarebbe più in forma, ma… Cristiano Ronaldo con vista Manchester: la Juventus pensa già allo United per spaventare l’Europa. I 35 milioni offerti dal Napoli per Piatek 17.10 - Come si vince il Derby della Madonnina? E chi rischia di più? Inter-Milan è la partita che noi tutti ci meritiamo dopo due settimane di pausa, ristoratrici per la Nazionale e per il nostro amor proprio, ma che ci hanno lasciato una fame di calcio tale da sbirciare quasi con curiosità...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: quel che si può dire (e non dire) su Ronaldo. Inter e Milan: un derby lunghissimo (con Marotta sullo sfondo). Napoli: il prezzo di Piatek. Italia: bentornati azzurri, ma sugli stadi… 16.10 - Ciao. Domenica c’è il derby, l’altro giorno invece ha giocato la Nazionale. Ci si divide tra chi dice “uh ma che bella Nazionale! Parliamone!” e chi “che due maroni la sosta, pensiamo al derby di Milano”. Solo che il derby è domenica sera, manca ancora una vita. E allora ci si spreme...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Berlusconi e il Milan di Gattuso. Ad Allegri manca solo un tetto. Marotta-Inter, non avrebbe senso. Io voto Gravina perché.... 15.10 - Quando c'è la pausa campionato è un disastro. Non sai cosa scrivere e devi inventare storie, raccogliere notizie e parlare di mercato anche quando non c'è. Per fortuna, in questa domenica pomeriggio, Silvio Berlusconi su Sportitalia (durante Monza-Triestina) ci ha dato diversi spunti...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

La pausa degli esoneri e dei primi acquisti per gennaio. Pungiball Ventura, ma il Chievo ha fatto benissimo. Finalmente c'è la formazione: ora Mancini segua il consiglio di Sarri 14.10 - Lo sport Nazionale degli ultimi undici mesi è stato insultare Gian Piero Ventura. Non è stato solo il colpevole dell'eliminazione dell'Italia dal Mondiale, ma dallo scorso 13 novembre di qualsivoglia problema. L'aumento dello spread? E' colpa di Ventura. Il surroscaldamento globale?...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Conte ipotesi concreta per il Real, Florentino pronto a tutto per avere anche Hazard. Milan, che colpo Paquetà. Under verso il rinnovo fino al 2023. Napoli a breve l’accordo con Zielinski, per gennaio non sono previste operazioni in entrata 13.10 - Lopetegui, Conte, Real e Chelsea. Il mese di ottobre potrebbe regalarci un’altra interessante rivoluzione in panchina. Florentino Perez non è soddisfatto del rendimento del suo allenatore, fortemente voluto in estate dopo l’addio di Zidane e ora sta pensando in maniera concreta ad...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Ronaldo, una vergogna. In certi casi è vietato tifare. Juve su James Rodriguez e Rabiot. Milan, dopo Paquetà tutto su Barella. Derby con l’Inter per Ramsey 12.10 - Attorno alla vicenda personalissima che coinvolge Cristiano Ronaldo stiamo scrivendo un’altra pagina imbarazzante. E dico poco. Fatevi questa domanda: avete elementi seri che vi possano far pensare che Cristiano Ronaldo sia colpevole di stupro? La risposta sensata, quasi obbligata,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy