HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi sarà il capocannoniere del Mondiale?
  Cristiano Ronaldo
  Lionel Messi
  Neymar
  Romelu Lukaku
  Harry Kane
  Antoine Griezmann
  Denis Cheryshev
  Sergio Aguero
  Gabriel Jesus
  Diego Costa
  Timo Werner
  Dries Mertens
  Luis Suarez
  Kylian Mbappé
  Artem Dzyuba
  Edinson Cavani
  Falcao
  Mario Mandzukic
  Thomas Muller
  Altro

Editoriale

Juve: c’è un belga a centrocampo! Inter: la strategia per Nainggolan-Rafinha e l’appuntamento con Icardi. Milan: il mercato “oltre l’Uefa” passa dalla Spagna. Roma: che meraviglia il piano-Monchi. Napoli: Verdi e...

12.06.2018 07:07 di Fabrizio Biasin  Twitter:    articolo letto 67732 volte
© foto di Alessio Alaimo

Ciao. Penso da una settimana alla storia del gambero cinese. L’avete letta? Il gambero cinese era dentro la zuppa, stava per crepare di morte orrenda, nella broda bollente. Ma il gambero cinese è come Rambo 3 e decide di uscire dalla zuppa oleosa: si trascina sul bordo del piatto, prova a buttarsi dall’altra parte e sul più bello la chela rimane bloccata sotto un cumulo di cozze infami. E allora il gambero cinese attiva l’altra chela e si mozza l’arto bloccato dalle cozze bastarde. A quel punto esce dalla zuppa. Vivo. Nel frattempo quello stronzo del cuoco cosa combina? Dà una mano al gambero cinese? No, lo filma tipo giapponese al Colosseo. E il filmato fa il giro del mondo. Poi rilascia un’intervista: “Ho deciso di mettere il gambero cinese nell’acquario di casa mia! L’ho salvato! Evviva!”. E tutti: “Che bravo il cuoco!”. Bravo un par de balle: prima pregusta il cacciucco, poi assiste all’amputazione, infine sbatte il gambero prezzemolato e senza chela nell’acquario. Robe da matti. Comunque, tutto è bene ciò che finisce bene. Almeno per il gambero mozzato. Gli altri rimasti nel piatto, i suoi fratelli strabolliti, se li è pappati il cuoco: praticamente una mattanza. Che storia del cazzo.

 

La storia del gambero è orrenda ma in ogni caso dovrebbe essere meglio del mercato del calcio; il problema è che alla gente interessa solo del mercato del calcio. E del Mondiale. E di Young Signorino. Ma più del mercato, perché l’Italia al Mondiale non c’è e Young Signorino alla fine fa solo versi tipo “GGGhghghgh, mmmmmhhh alfa alfa beta beta”.

Se vostro figlio viene a casa e vi dice “Oh papà, figata Young Signorino” mettetelo nell’acquario. O nella zuppa. Con tante cozze così non si libera.

Ma dicevamo del Mondiale. Anzi, del mercato. L’assenza dell’Italia dal Mondiale alimenta il cazzeggio a proposito delle presunte compravendite. Ci sono dei ragazzi molto gentili che mi girano quotidianamente aggiornamenti su nomi di “acquisti certi” associati alle varie squadre. Dario Anghileri, per dire, mi ha girato quella dell’Inter “ad oggi”. Eccola: 1) Strootman. 2) Kovacic. 3) Chiesa 4) Verdi. 5) Politano. 6) Nainggolan. 7) Dembele. 8) Kluivert. 9) Barella. 10) Badelj. 11) Depay. 12) Higuain. 13) Dzeko. 14) Florenzi. 15) Ilicic. 16) Barrow. 17) Kaderabek. 18) Partey. 19) Gundogan. 20) Meza. 21) Ramires . 22) Vrsaljiko. 23) Berezynski. 24) Malcolm. 25) Falcinelli. 26) Lasagna. 27) Pandev. 

Grazie Dario, forse te ne sei dimenticato qualcuno, ma il concetto è chiaro. Nico Gonzalez, per dire. Nico Gonzalez non l’ha mai visto giocare nessuno, nenache i parenti, ma da qualche giorno lo vogliono tutti. Perché è argentino e ha 20 anni. Se sei argentino e hai 20 anni sei un obiettivo di mercato da prendere “assolutamente”, anche se ti chiami Dominguez Marisa.

Su Nainggolan, invece, pare strano ma ci sono conferme. La situazione è la seguente: l’Inter non ha ancora avanzato un’offerta economica alla Roma, ma ha “manifestato interesse” (si dice così?) al club proprietario del cartellino. Questo non significa che l’affare sia "fatto” ma vuol dire che per una volta c’è qualcosa di concreto. In contemporanea i nerazzurri tengono aperta la strada per Rafinha. Il senso di tutto ciò è abbastanza chiaro: tentare su entrambi i fronti e provare a chiudere una delle due operazioni. Tutte e due? Da quel che trapela da “casa-Inter” pare di no: una operazione escluderebbe quell’altra. La cosa curiosa è che al 12 di giugno (e con la nota faccenda Uefa da risolvere entro il 30 giugno) i nerazzurri hanno già chiuso 3 colpi, lavorano per il 4° ma si devono scontrare contro quelli che “che pena! Bisogna prendere tutti, anche Cancelo, anche Nico Gonzalez, anche un portiere nuovo, anche Higuain ma non al posto di Icardi, insieme!”. Anche per costoro c’è spazio nell’acquario prezzemolato.

A proposito di Icardi, l’argentino è tornato a Milano. A Milano non ci sono i rinoceronti. E neanche i leoni. O le zebre. Ma riusciremo ugualmente a creare dei “casi-fotografici”. Nel frattempo l’Inter programma l’incontro con il suo capitano per avanzare la propria "proposta di rinnovo". In serenità. L’obiettivo del club è chiudere ogni discorso prima del “periodo-clausola” (1-15 luglio); quello del manager Nara è portare l’ingaggio al livello dei giocatori più pagati in serie A. L’obiettivo di Icardi, invece, è fare il capitano dell’Inter: lo dice da sempre, ma non lo ascolta nessuno. Preferiscono discutere del suo pipino.

 

E la Juve? Sta facendo “cose grosse”. Vi scriviamo dell’interesse per Kovacic da gennaio, ma occhio anche a Praet della Sampdoria: il ragazzo (belga, trequartista/ala sinistra, 24 anni, corteggiato anche dal Napoli), piace assai.

 

E il Milan? Gattuso e Mirabelli sono partiti per la Russia “ad osservare giocatori”, segno che al di là della “situazione Uefa” la volontà di rinforzare la rosa è concreta. Come? Conosciamo le modalità, non i nomi. Gattuso chiede “esperienza” e dopo Reina vuole un centrocampista “a sua immagine e somiglianza”, quantomeno dal punto di vista dell’atteggiamento. Per l’esterno l’obiettivo è sempre Callejon, l’alternativa Samu Castillejo, classe 1995 del Villarreal (praticamente una fotocopia di Suso). Ma il “nodo”, ovviamente, resta in attacco: difficile fare ipotesi prima della famosa “sentenza Uefa”.

Di "quella" sapete già tutto e comunque ognuno si è fatto la sua opinione: cresce il partito dei “son soldi sporchi!!!” e tu vorresti chiedere a costoro “Ma se davvero fossero soldi sporchi perché “il prestanome” Li non si leva dalle balle e, invece, continua a restare aggrappato al suo investimento?”. Ma quelli ti rispondono “sono soldi sporchi!!! Lo pensa anche l’Uefa!” e tu allora gli dici “guarda che l’Uefa non ha dubbi su chi sia Li, semmai ha il problema opposto. Proprio perché sa cosa sta facendo Li, teme che i prestiti a interessi altissimi accesi dal patron rossonero, difficilmente gli permetteranno di uscire da questo ginepraio, se non grazie a un socio o alla “resa” nei confronti di Elliott. Per questo lo hanno fermato”. Ma quelli ti rispondono “sono soldi sporchi!!!” e a quel punto tu gli rispondi “sììììì, sono soldi sporchi!!!”, che è l’unico modo per non mandarsi reciprocamente affanculo.

 

Fine. Anzi no: facciamo i complimenti a Monchi che con la Roma sta facendo straordinarie cose “alla Monchi” (poi certo, tutto deve passare dalla famigerata “prova del campo”, ma tant’è), al Napoli per il quinquennale a Verdi (poi certo, Ancelotti attende almeno un paio di colpi "top") e auguriamo buon Mondiale a tutti noi “orfani” dell’Italia: tra un paio di settimane 16 squadre saranno eliminate e ci sentiremo meno soli.

 

Ps. Domani vado a Mosca per assistere all’inaugurazione. Volo con la compagnia di bandiera russa: ne viene giù uno ogni due. Nel caso, mettetemi nell’acquario. Ciao (Twitter: @Fbiasin). 


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Ecco come finirà il Milan: oggi la resa dei conti. Mancano 32 milioni. Elliott in agguato. Ma ecco il socio americano, è il proprietario dei Chicago Cubs. L’esclusione dall’Europa inaccettabile giudizio politico 22.06 - Oggi si può decidere il futuro del Milan. E’ lo snodo cruciale, quattordici mesi dopo il passaggio della società da Berlusconi a Yonghong Li, si potrebbe cominciare a capire davvero qualcosa di più e di diverso. E’ il d-day per tutti. Cerchiamo di ricapitolare. Entro le diciassette...

EditorialeDI: Luca Marchetti

L’Inter fa sul serio, la Juve saluta Emre Can, Roma e Napoli non solo portieri. Il Milan in attesa: è un mercato mondiale 21.06 - Sono i giorni dell’Inter. Fra le cessioni per rientrare nei paletti del FFP e gli acquisti per dare a Spalletti una rosa di primo livello non si può non partire dai nerazzurri. Di Nainngolan sappiamo ormai quasi tutto. Non diciamo che bisogna solo scrivere ma quasi. La Roma ha individuato...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Qui Radio Mosca: perché da luglio niente sarà più come prima in Russia. E nel frattempo ecco i Premi del primo turno: Miglior Squadra Messico; Miglior Giocatore Cristiano Ronaldo, mentre per colpa di Khedira... 20.06 - Qui Radio Mosca, vi scrivo dal treno Sochi-Rostov, 12 ore di viaggio, dalla costa del Mar Nero risalendo la Circassia, dal confine con la Georgia fino ad arrivare a quello con l’Ucraina, quello sensibile, quello dove al di là della dogana c’è la distrutta Donbass Arena di Donetsk,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il giorno di Golovin e la mossa “in serbo”. Milan: le scelte di Fassone per l’udienza a Nyon e la mossa (in attacco) di Mirabelli. Inter: ecco i tempi di Nainggolan (per Icardi si va in “zona clausola”). E su Roma-Pastore… 19.06 - Son stato in Russia tre giorni. A Mosca. La prima cosa che ho capito appena sbarcato a Mosca è che dell’Italia del calcio se ne fottono. Pensavamo che senza di noi non ce l’avrebbero fatta e invece no, ce la fanno eccome. A Mosca era pieno di Fifa, l’organismo maximo del calcio Mondiale:...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, no allo scambio Higuain-Morata. Sì alla cessione secca. Frosinone in A: polemiche e controsensi. Seconde squadre e mercato, la nuova FIGC è già in confusione. C di Cosenza... non di Juve B 18.06 - Il mercato, quello vero, dovrebbe entrare nel vivo solo questa settimana. Saranno i giorni di Sarri al Chelsea, di Ancelotti che inizia a chiudere qualche affare per il Napoli e del Milan che saprà di che morte morire. E' un modo di dire, lo specifichiamo. La Juventus, come sempre,...

EditorialeDI: Marco Conterio

Un mercato ancora senza rinforzi. Solo la Juve è migliorata, Inter a metà tra acquisti e mancati riscatti. Roma: i giovani basteranno per sostituire i grandi in uscita? Napoli, effetto Ancelotti ma ora i colpi 17.06 - Scrivere di calciomercato col Mondiale che scorre in sottofondo. Con la Francia che sfida l'Australia, con Marocco e Iran che corrono, sudano. Con l'Arabia Saudita che crolla, con le giocate di spagnoli, portoghesi, argentini. Mette una nostalgia dannata dei ricordi più belli perché...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Nainggolan all’Inter si farà. Alisson-Real pista caldissima. Napoli: Politano se esce Callejon. Cancelo e Darmian, la Juve prova il doppio colpo 16.06 - L’Inter è pronta a piazzare il colpo Nainggolan. I contatti con la Roma sono sempre più intensi e la sensazione è che alla fine l’operazione si farà. Con un anno di ritardo, Radja approderà alla corte di Spalletti. E questo è un grande acquisto, che permetterà al tecnico di Certaldo...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, avanti su Golovin già star dei mondiali: il Cska alza il tiro. Offerto anche Pjaca. Sarri (e Zola) col Chelsea bloccano Higuain, Icardi, Savic e Rugani. Il Napoli vuole Courtois per liberare l’allenatore. Roma, via Allison e Nainggolan 15.06 - Se qualcuno avesse avuto ancora dei dubbi, la prima partita dei mondiali li ha spazzati via: la Juventus ha visto bene su Aleksandr Golovin, 22 anni, centrocampista del Cska Mosca. Due assist e mezzo, un gol, Golovin è stato il migliore in campo nel cinque a zero dei russi contro...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Juve Cancelo e non solo, Inter incontra Dembele, il FFP e il nuovo socio rossonero 14.06 - Ha parlato Allegri, in casa Juve. E con la consueta leggerezza non ha fatto un dramma per eventuali partenze di big, Higuain in testa. “Il 9 luglio vedròsarà in ritiro: generalmente ho sempre avuto una buona squadra”. Chissà che non ci sia Cancelo visto che il Valencia è a Milano...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Qui Radio Mosca: perché è un Mondiale come non si vedeva da Argentina 78? Dalla Russia ecco cosa sta succedendo nel e attorno al Mondiale. Di cosa deve avere paura il Brasile, in cosa deve sperare l’Argentina 13.06 - Qui Radio Mosca: benvenuti in Russia. Da oggi e per il prossimo mese ogni mercoledì proverò a portarvi le sensazioni che si vivono qui al Mondiale, provando a dirvi quello che non si vede davanti alle telecamere o sulla carta stampata. Doverosa promessa: in questo spazio saranno banditi...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy