VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Juve, Champions o rivoluzione. Proposto a Conte un ruolo alla Ferguson. Marotta prova a riportare Pirlo e Osvaldo. Cuadrado, offerti 23milioni. Milan su Diawara, Josè Mauri a Bologna. Napoli: no per Vecino, la clausola di Soriano...

Giornalista professionista e scrittore, editorialista del Quotidiano Sportivo che ha rifondato e diretto per cinque anni. Opinionista radio e tv. Twitter @EnzoBucchioni
20.11.2015 08:05 di Enzo Bucchioni   articolo letto 73268 volte
© foto di Federico De Luca

Juve contro Milan è già una partita decisiva. Forse per entrambe le squadre, di sicuro per i bianconeri. In queste due settimane di stop, con molti giocatori lontani con le nazionali, in casa Juve si sono ascoltate molte parole e non tutte coincidenti, segno di una grande preoccupazione.

E' chiaro che, nonostante le speranze, è difficilissimo rientrare in corsa per lo scudetto, ma al momento sembra complicato anche agguantare il treno-Champions. Per tentare l'impresa servirebbe un'altra Juve anche rispetto a quella seppure in crescita delle ultime settimane e nessuno è certo di ritrovarla in fretta.

Che fare? La proprietà è scontenta, John Elkann pensa ancora allo scudetto, ha detto che nelle prossime cinque partite di campionato prima della sosta natalizia serve solo vincere, è il momento di centrare gli obiettivi. E pure Allegri sa benissimo che soltanto vincendole tutte si può continuare a sperare.

Ma contro Milan, Palermo, Lazio, Fiorentina e Carpi fare quindici punti sembra qualcosa di improbabile, forse impossibile. Fra l'altro nel mezzo ci saranno anche due gare di Champions. Le parole di Elkann, però, sono sembrate abbastanza ultimative.

La proprietà, dopo i grossi investimenti fatti in estate, non è disposta ad accettare questa Juventus in difficoltà per lo scudetto, ma lontana anche dal terzo posto Champions.

Non a caso Marotta che conosce dal di dentro la situazione, si è permesso di abbassare l'obiettivo, dicendo invece che l'idea dello scudetto è sempre viva, ma il terzo posto sarebbe comunque un bel traguardo. Chi vuol capire...

Però non solo Elkann, anche Marchionne vorrebbe una Juventus diversa in campo nazionale, ma soprattutto in Europa per ragioni di marketing, una squadra in grado di lasciare il segno con il gioco e non questa balbettante.

I risultati, naturalmente, saranno fondamentali per decidere il futuro di Marotta e Allegri, ma c'è la convinzione che a fine stagione se la Juve non conquisterà la Champions con una perdita secca di 50 milioni di euro, sarà fatta una vera e propria rivoluzione. Sono tutti in discussione.

Non a caso è tornato a girare con insistenza il nome di Antonio Conte, il condottiero molto rimpianto ai piani alti, un po' meno altrove.

Conte non tornerà, almeno breve, sulla panchina della Juventus soprattutto dopo le incomprensioni con Marotta e pure Agnelli della primavera del 2014 che hanno portato alle dimissioni estive. Tornare con lo stesso ruolo dove ha vinto tanto, sarebbe soltanto prendersi rischi inutili. Ecco allora una seconda ipotesi che si sta prospettando, offrire a Conte la direzione dell'area tecnica con operatori di sua fiducia, il completo controllo delle scelte anche in chiave mercato, il ruolo che per tanti anni ha ricoperto Ferguson con il Manchester. Più che un allenatore, insomma.

A questa ipotesi Conte non è e non sarà insensibile, si tratta ora di capire come e quando. Ma anche quanto.

Nessuna decisione è stata ancora presa, è chiaro, si tratta di ipotesi di lavoro ben sapendo che sarà decisivo il prossimo mese. Se questa squadra riuscirà a decollare, se Allegri avrà dimostrato di essere in grado di assemblare i nuovi con i vecchi per restituire personalità, gioco e risultati, bene. In caso contrario tra gennaio e febbraio sarà avviato il nuovo corso della Juventus.

Già sabato sera, comunque, si potrà cominciare a farsi un'idea.

Nel frattempo Marotta sta cercando di completare l'organico ben sapendo di non avere un grande budget a disposizione per il mese di gennaio. Pirlo sta diventando un'ossessione. Dopo le voci sull'Inter e le certezze dell'Antalyaspor, anche la Juve sta ripensando al suo regista.

Pirlo sa che se non tornerà a giocare in un campionato di alto livello Conte non lo porterà agli Europei ai quali tiene molto. Marotta gli ha ricordato che la Juventus lo ha lasciato solo per andare a giocare negli Usa e gli ha comunque spiegato che il ritorno alla Juve sarebbe gradito, in fondo converrebbe a tutti. Non sono certo i soldi dei turchi che possono far vacillare Pirlo, la decisione non è facile, comunque anche la Juve è tornata alla carica.

Marotta sta lavorando anche su un altro cavallo di ritorno, Pablo Osvaldo che non si è inserito nel Porto. L'idea è quella di mandare Zaza in prestito e dare una nuova opportunità all'argentino che in bianconero aveva fatto bene. Pista aperta. Aperta anche la trattativa con il Chelsea per il cartellino di Cuadrado. L'esterno ex viola ha convinto tutti, alla Juve è in prestito oneroso, Marotta pensa di chiudere subito offrendo 20-23 milioni al Chelsea per evitare poi aste e interferenze estive di altre squadre.

Operazione difficile, meno di un anno fa gli inglesi hanno pagato Cuadrado ben 33 milioni più il prestito di Salah alla Fiorentina, sarebbe una bella rimessa. Marotta è convinto di farcela.

Tornando a Juve-Milan, sono invece in risalita le azioni di Mihajlovic. Quanto meno è stato deciso di lasciarlo lavorare in pace e in autonomia fino a giugno. Berlusconi sarebbe intervenuto già da un pezzo, il Milan gioca male, ma sa bene che non si può cambiare allenatore ogni sei mesi. E poi per prendere chi? La decisione a fine campionato.

Nel frattempo Galliani cerca qualche colpo per sistemare la rosa. Si punta a un trequartista (Vazquez) per tornare al 4-3-1-2, ma piace anche Perotti buono anche per il 4-4-2. L'idea Witsel c'è sempre (offerto Honda con soldi), ma l'operazione è difficile. Galliani allora si è messo sul Bologna approfittando anche della grande amicizia che c'è fra Miha e Corvino. L'obiettivo è il giovanissimo centrocampista Diawara, 18 anni, per il quale il Bologna ha già rifiutato 13 milioni dal Tottenham. Galliani sta cercando di fare ora uno scambio con Josè Mauri, un anticipo del saldo che sarà fatto a fine campionato. I rossoblù per ora non mollano, Corvino è convinto che Diawara diventerà una delle stelle della prossima estate.

Anche il Napoli cerca un centrocampista e i nomi di Sarri sono sempre gli stessi. La Fiorentina ha riconfermato il no per Vecino. In agosto era stata rifiutata un'offerta di 12 milioni, oggi Vecino è incedibile. A giugno sarà una miniera d'oro.

Difficile per il Napoli riaprire anche il discorso Soriano. C'è una clausola rescissoria da 15 milioni, ma Ferrero ha già detto che a gennaio non venderà nessuno memore dell'errore fatto l'anno scorso con Gabbiadini. Ma soprattutto con Ferrero mai dire mai.

Capitolo Inter. I colpi saranno pochi, molto mirati. Lavezzi sembra aver voltato le spalle all'Italia perchè Juve, Milan e Inter gli hanno offerto un ingaggio inferiore ad altre squadre europee. L'idea è di andare a scadenza nel prossimo giugno per poi offrirsi al Barcellona che sarebbe pronto ad accoglierlo. Più facile invece convincere Lotito a vendere Candreva. Il presidente della Lazio ha rifiutato in estate 30 milioni per De Vrij (Milan), 40 per Anderson (Chelsea) e 20 per Parolo (ancora Milan) e si è amaramente pentito. Ora ha giocatori non motivatissimi e Candreva vuole cambiare aria. Resta da convincere Ranocchia a entrare nell'operazione, ma anche per lui giocare sarebbe importante in vista degli Europei.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Il Napoli è devastante, Juve alla tedesca. Il duello è appena iniziato... 21.09 - Impossibile non parlare di calcio giocato nella sera dell'infrasettimanale. Impossibile non parlarne dopo una serata piena di emozioni e che regala al campionato dopo 5 giornate le due prime della classe lassù in testa alla classifica a punteggio pieno con una dimostrazione di forza...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter, buon carattere…. Mondi diversi: Patrick vs Patrik! Sarri perché non parla? E poi CR7 a Lisbona! 20.09 - L’Inter si ferma a quattro vittorie. A Bologna, i nerazzurri non vanno oltre l’1-1. Straordinari i giocatori di Donadoni, bravi a non mollare quelli di Spalletti. Onestamente Icardi (altro gol) e compagni non hanno incantato. Nella prima frazione, il Bologna ha dominato con un Verdi...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incoerenza di chi non vuol vedere (occhio a Higuain...). Inter: c'è un nemico alle porte (ma anche una soluzione). Milan: il rebus del "9" e altre malignità. Napoli: se il problema è fuori dal campo 19.09 - Ciao. Stasera c’è il campionato, domani pure, dunque qualunque cosa io scriva rischia di essere usata contro di me. Per questo e per altri motivi ragioneremo su cose frivole. Per esempio, non so se avete letto, ma la migliore amica della piacente cantante Selena Gomez le ha donato...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ecco tutti gli errori fatti a Barcellona. Processo a Allegri. Douglas Costa non serve. Paragonare Dybala a Messi è follia. Donnarumma deve scegliere il Milan o Raiola. Inter, contatto per Chiesa 15.09 - Conosciamo troppo bene il calcio per non sapere che tirare conclusioni a settembre è roba da ricovero. Soprattutto quando si parla di Juve e di Allegri. Ricordate l’anno dei dodici punti in dieci partite? E comunque la non brillantezza, le partenze in salita a settembre, sono una...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Una brutta Champions e una speciale classifica: ecco quanto costano le squadre in Europa, che sorprese! 14.09 - Certo che questa due giorni di Champions non ci lascia con buoni pensieri... le italiane vanno male, un punto in tre partite, e comunque con una gara di sofferenza più che di sfortuna. La Juve che dimostra ancora di non essere al livello del Barcellona (e Dybala con alcune curve ancora...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Dybala-Messi, la differenza è abissale! Di Francesco, cena per Alisson… Inter, pensieri da grande! E brindiamo con Rooney… 13.09 - La Juventus ha perso al Camp Nou. Ci ha pensato Leo Messi a spegnere i sogni di gloria dei bianconeri. Tutti aspettavamo la consacrazione, l’ennesima, di Paulo Dybala. Non è andata benissimo… Ancora una volta, la Pulce ha confermato, a suon di giocate e leadership, di essere il numero...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: la questione europea e l'obiettivo già raggiunto. Milan: è il momento del silenzio (e delle scelte). Inter: c'è qualcosa che va oltre il campo. Napoli: 90' studiati a tavolino 12.09 - Buonanotte, tra brevissimo parleremo di calcio. È andato in onda lo show denominato Miss Italia, che poi è il celeberrimo concorso di bellezza. Una volta funzionava così: un gruppo di ragazze molto belle si metteva in mostra e il pubblico decideva (“Questa è la più bella, questa...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.