VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi vincerà la classifica cannonieri?
  Edin Dzeko
  Ciro Immobile
  Paulo Dybala
  Dries Mertens
  Mauro Icardi
  Cyril Thereau
  Fabio Quagliarella
  Andrea Belotti
  José Callejon
  Luis Alberto
  Adem Ljajic
  Alejandro Gomez
  Lorenzo Insigne
  André Silva
  Nikola Kalinic
  Duvan Zapata
  Leonardo Pavoletti
  Gonzalo Higuain
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Juve, doppio arrivo: dopo Cuadrado ecco la sorpresona. Inter: sì a 2 colpi, ma il terzo dà fastidio a Thohir. Milan: Balo arriva, ma non da solo! Napoli, niente panico, c'è...

25.08.2015 19:04 di Fabrizio Biasin  Twitter:    articolo letto 558408 volte
© foto di Federico De Luca

L'invidia è una brutta bestia e io ce l'ho fin dentro al dna: mi corrode, mi fa male.

Gente che invidio.

Invidio Balotelli: torna in Italia, fa la foto con il macchinone bianco modello "Boss Hogg", mostra la cresta appuntita, il crocifisso all'orecchio, pare un modello di Armani. Qual è il solo problema nella vita di Balotelli? Capire chi gli paga l'ingaggio. "Facciamo metà io e metà tu? No dai, fai tutto tu. Vabbè faccio un terzo io, un terzo tu e un terzo Signorini di "Chi", con tutto quello che avrà da scrivere dovrà contribuire anche lui, checcazzo". Lo invidio, tanto, tantissimo. Se io faccio una puttanata mi sbattono dietro alla lavagna, se la fa lui finisce sempre a pizza e fichi: "Mariolino prometti che non farai più boiate, su, da bravo...". "Prometto, ma prima ditemi: chi mi paga l'ingaggio?". "Signorini, vai tranquillo". "Allora ok, prometto". Lo invidio.

Invidio Mancini Roberto, allenatore dell'Inter. Torna a Milano meno di un anno fa e dice "Sono abituato a lottare per lo scudetto". Legittimo, è un dato di fatto. Subito dopo però entra in loop: "Compratemi dei giocatori". A Natale: "Auguri Roberto! Cosa vuoi da Babbo Natale?". E lui: "un terzino, due punte e un torrone". All'epifania: "Guarda Roberto, la Befana!". "E' svincolata? Compratemela". A carnevale: "Robi, guarda! Batman e Robin!". "Maledetti, chi li ha presi, il Milan? Allora compratemi Zorro". E Thohir glielo compra. Ora ne vuole "altri 4 o 5 perché siamo pochissimi". Lo accontenteranno, poi fra sei mesi forse li caccerà perché "Zorro non mi serve, non è entrato in sintonia con il gruppo". Povero Zorro. Lo invidio (Mancini, non Zorro).

Invidio Cassano. Ha detto "Voglio la Sampdoria". Zenga: "No, mi spiace". Ha vinto Cassano, entrato sul 5-1 di Samp-Carpi. Ai più è parso leggerissimamente appesantito. Se io ingrasso un etto la gente mi dice "grasso di merda", se lo fa lui "è solo un po' fuori forma". Voleva la Sampdoria, al momento pare che se la sia magnata. Lo invidio.

Invidio Ferrero. Va in tv, canta cose a caso... e tutti a ridere. Lo intervistano, urla boiate a caso... e tutti a ridere. Mette la sciarpa in testa a mo' di foulard, fa il pirletti... e tutti a ridere. Se lo faccio io mi ricoverano. E non ride nessuno. Lo invidio.

Non invidio Garcia: ha messo Totti in panchina. Però ha la fidanzata preparata e bonazza. Ergo, invidio pure lui.

In ogni caso non c'è tempo per ciurlare nel manico. Mancano sei giorni alla fine del mercato e le trattative si fanno frenetiche: in cielo volano condor in cerca di prede succulente, soprattutto alla luce dei segnali che ci ha consegnato il primo turno di campionato.

Il Milan, per esempio. Tutti sanno del ritorno di Balotelli: oggi sono in programma le visite mediche, la formula è quella del prestito secco, per l'ingaggio si farà "metà per uno" con il Liverpool (circa 5 milioni al lordo). Sapete che c'è? Si può essere ammiratori di Mariolone o suoi nemici, ma l'affare a queste condizioni non è affatto da buttare: se Balotelli farà il bravo Sinisa avrà un'arma in più, se farà lo scemotto Sinisa avrà un nuovo pungiball con il quale sfogarsi. A fine anno si vedrà.

Il problema semmai è un altro: può il Milan far passare Balotelli come "colpo di fine mercato" dopo aver sbandierato ai quattro venti la volontà di riportare a casa Ibrahimovic? No, non può. È come dire "prendiamo Ancelotti" ma poi arriva Sinisa: ottimo piano B, per carità, ma non è la stessa cosa. Ecco, a questo punto le questioni sono due: 1) Il Milan si ferma a Balotelli, prova fino in fondo con Soriano ("O lui o nessuno" ha detto ieri Galliani) e chiude il mercato lasciando la sensazione di aver speso molto ma senza grande raziocinio. 2) Il Milan "accontenta" Raiola per trovare la formula sblocca-Ibra, lavora in pubblico per Soriano (ma in segreto scalda Witsel), completa in definitiva un mercato degno dei rossoneri.

Puntiamo decisi sul punto 2, quantomeno per la faccenda centrocampista: dopo anni e anni di annunci dell'ultim'ora, Galliani difficilmente si farà sfuggire l'occasione di sorprendere anche quest'anno, soprattutto perché ha ancora quattrini da spendere, o almeno così ci hanno raccontato.

Poi, a mercato chiuso (ma questa è la consueta criticabilissima opinione personale), bisognerà interrogarsi su un'altra faccenda: quando il Milan inizierà a cambiare metodi e modalità sul mercato? Quando tornerà a fare scouting, ovvero ricerca (Romagnoli non è "ricerca", è "esaudire a caro prezzo l'unico desiderio del tecnico")? Son domande senza risposta, ce ne rendiamo conto, ma prima o poi qualcuno risponderà, magari al prossimo ingaggio di Balotelli nel 2022.

Ps. Ricordiamo che "certi amori non finiscono" ma nel 2015 esistono ottimi avvocati divorzisti.

Sull'Inter siamo alle clamorose "inversioni a U" di noialtri espertoni assai piacioni. Per intenderci, il 12 agosto scorso dopo il Trofeo Tim tutti a dire "Mancini! Cambia il colore della tinta! Di calcio capisci una cippa!". C'erano 33 gradi.

Domenica invece pioveva e a Milano non si superavano i 16 gradi. Al triplice fischio il commento è stato comune: "Grande Mancio! Che stratega! Si è camuffato in pre-campionato, io l' ho sempre detto che è un genio del calcio... grandissima tinta tra l'altro". Come dire: non ci sono più le mezze opinioni.

E, dunque, dopo un mese passato a fare esperimenti, Mancini è partito col piede giusto in campionato. Pensate, l'ultima volta che la prima giornata si è conclusa con le sconfitte di Juve, Napoli e Milan e la contemporanea vittoria dei nerazzurri, correva l'anno 1939: alla fine della stagione l'Inter vinse lo scudetto e l'Italia entro in guerra. Vedremo come andrà questa volta, al momento risuonano nelle orecchie di Ausilio le parole "minacciose" del suo tecnico: "Non siamo pochi, siamo pochissimi...".

Ausilio ha sei giorni per esaudire i desideri del mister, ma le trattative sono per nulla semplici. Per Perisic siamo alla 231424esima puntata e la situazione ancora non si sblocca: il Wolfsburg vuole tutti i soldi subito (poco meno di 20 milioni), l'Inter alza l'offerta di 20 euro alla volta. Si chiuderà? Ieri in casa nerazzurra regnava un certo pessimismo, la certezza è che entro giovedì arriverà una risposta definitiva.

Capitolo Lavezzi: dopo un milione di sessioni di mercato passate a sparar balle ("L'Inter è su Lavezzi, ha comprato un bilocale a San Babila!") questa volta c'è effettivamente qualcosa di vero. Mancini si è fatto una chiacchierata col Pocho, l'agente è disposto a venire incontro alla proposta di "spalmatura dell'ingaggio", una vera e propria trattativa con il Psg però ancora non c'è. Chiaro che i discorsi che si fanno per Ibra ("perché lo sceicco dovrebbe privarsi di un suo giocatore visto che non ha problemi di quattrini?") si devono fare anche per l'argentino che, però, al momento deve fare i conti con la concorrenza del neo-arrivato Di Maria.

Capitolo terzini: i nomi sono ancora troppi per poter parlare di "veri obiettivi".

Infine il centrocampista. Sapete che in tempi non sospetti il sottoscritto scrisse "la mia fonte interna mi ha assicurato che Melo non arriverà a meno che non partano due centrocampisti". Nel frattempo Melo ha rinnovato e io me la sono tirata molto tipo pavone. Un mese dopo siamo a questo punto: Kovacic è andato, Taider lascerà il gruppo entro fine mercato, Mancini insiste per il brasiliano, la società ne farebbe volentieri a meno per questioni legate all'età e all'opportunità economica (si tratterebbe di quattrini "a perdere"). Possibile che alla fine si punti su altri giocatori, ma è una questione che verrà trattata dopo aver risolto la questione "esterno d'attacco".

Quindi la Juve. E' arrivato Cuadrado eppure c'è chi ancora storce il naso: "Eh ma questa squadra qui non va mica bene...". Come sempre, basta una sconfitta per cambiare le prospettive: Allegri era un genio e ora capisce meno di Tevez in fatto di estetisti. Già, l'Apache e Pirlo sono i grandi rimpianti in casa bianconera, molti sputano sul 3-5-2 che pure tanti successi ha portato in passato. La realtà dice che Max sa il fatto suo e di giovani si intende più del Mago Zurlì (quando arriverà il momento, Dybala sarà intoccabile). Soprattutto, avrà il suo trequartista. La storia di Draxler ricorda un po' quella di Perisic in casa Inter: appuntamento entro sabato con Marotta che, fidatevi, sa bene come superare gli ultimi ostacoli. Intanto con il colombiano si aprono possibilità tattiche svariate in fatto di moduli, grazie anche al supporto dell'altro "carissimo" colpo, Alex Sandro: se gioca come parla, la Signora ha trovato un gran terzino. Di sicuro c'è stata l'umiltà di fare retromarcia su Llorente: uno come lui fa sempre comodo. Peccato per Zaza, dal sogno bianconero al West Ham. Attenti invece al pensierino Montolivo: non sempre riescono i colpi "alla Pirlo".

Niente panico anche a Napoli, dove Sarri ha rimediato la prima brutta figura. Sul campo, certo, ma soprattutto dietro ai microfoni (prendersela con la Copa America sa di "mazzarrata"). Anche a un veterano come lui la prima su una grande panchina può fare brutti scherzi. Dietro questa squadra però c'è un bel progetto e se il tecnico partenopeo ha ragione su una cosa è che le sue squadre hanno bisogno di tempo per assimilare gioco e schemi. Al salto di qualità ci penserà l'ultimo sprint del mercato, con Giuntoli scatenato sull'autostrada per Udine: dopo Allan, il presidente dei friulani ha rivelato l'interesse fortissimo degli azzurri per Hertaux. Con una simile pedina in difesa, gli equilibri di mercato cambieranno. Abbiate fede.

In chiusura - e per quanto gliene possa fregare - le mie umili scuse ad Alessio Romagnoli. Due miei cinguettii di qualche giorno fa chiariscono - ehm... - la faccenda.

21/8/2015 ore 12.41
Dopo aver letto Romagnoli sulla Gazza: "Ho il tocco di Zidane", Zizou si è sparato, è entrato in una tomba e si è rivoltato. Palleggiando.

21/8/2015 ore 13.05
Dopo aver letto Biasin su Twitter Brera ha acceso la pipa, si è rivoltato nella tomba e ha sentenziato: "Non ti fermare al titolo coglione!"
(Twitter: @FBiasin)


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Ancelotti tra Juve e Milan, ma prima i mondiali con l’Italia? Inter, Ramires il centrocampista low cost. Il ritorno su Vidal. Milan su Kakà, quanti dubbi. E mister Li deve rifinanziare il debito 20.10 - Ancelotti se la rideva l’altra sera a Stamford Bridge, divertito da Chelsea-Roma, senza dubbio una gara emozionante. Rideva anche perché nonostante l’esonero del Bayern, è sempre corteggiato da tantissime squadre. Giustamente aggiungo io. Dell’interesse del Milan sappiamo da tempo,...
Telegram

EditorialeDI: Luca Marchetti

Roma che sorpresa, Juve di misura: ecco cosa ci regala la due giorni di Champions. E le risposte del Milan 19.10 - Chiusa la due giorni di Champions e possiamo vedere anche il bicchiere mezzo pieno. La sconfitta del Napoli era probabilmente pronosticabile, come la vittoria della Juve. Il pareggio della Roma è prestigiosissimo sia per come è arrivato sia per il risultato in sé. Del Napoli si è...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve come Tony Montana… Icardi, sms a Sampaoli! Mourinho, il futuro non è in Italia. La Svezia? Il “biscotto” ci motiva… 18.10 - Alla fine ce la giocheremo con la Svezia. Per nostra grazia, Re Zlatan ha deciso di non indossare più la casacca della nazionale e, altra fortuna, è ancora alle prese con i postumi dell’infortunio. Personalmente, Grecia a parte, la considero un’avversaria decisamente “alla nostra...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter: goduria da derby, ma occhio al tranello! Milan: quel che sarà di Montella. Juve: ricordatevi dello “schema Allegri”. Napoli: l’evoluzione di Sarri (in campo e fuori) 17.10 - Ciao. In questo momento è in onda il mondeinait Verona-Benevento, ma non è che dobbiamo storcere il naso. Abbiamo assistito al derby di Milano, a Roma-Napoli, a Juve-Lazio e comunque poteva andare peggio: poteva esserci Verona-Benevento con la nebbia. Oppure Verona-Benevento con speaker...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Allarme Juve. Simone, prenota il posto di Max. Che goduria questo Napoli. Torino, così in Europa non ci vai... 16.10 - Il paradosso del calcio è sempre lo stesso. Molte favole nascono dalla coincidenza, poi c'è quello bravo che le sfrutta (Simone detto Inzaghino perché in campo dei due era il più scarso, anzi, il meno forte) e chi invece sale sul treno sbagliato nel momento sbagliato (vedi Seedorf,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

La moda delle clausole e i giocatori che trattano l'addio (al momento del rinnovo...) prima dei club: così il calciomercato sta cambiando le sue regole e i suoi codici. Donnarumma come Higuain e Neymar: Raiola non ha cambiato idea 15.10 - Non viviamo certamente nel miglior periodo storico possibile. Se ci pensate, a guardarle per un attimo con un occhio quanto possibile esterno, le relazioni umane sono giunte oggi a un livello quantomeno buffo. Tendente al preoccupante. Tutto si svolge tramite il medium dei social,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva, turbolenze e derby. Juve: giri di valzer sulla VAR. Sarri: facile essere belli? 14.10 - Montella non vuole più essere "usato" per detrarre qualcosa ad Andrè Silva. E dal momento che il giocatore sta raggiungendo livelli di rendimento molto importanti, non ci sarà più la sponda del tecnico rossonero. Chi vorrà storcere il naso su Andrè Silva, dopo 9 gol in 10 partite...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Donnarumma andrà via, è lui il big sacrificato dal Milan. Petkovic farà il traghettatore, c’è l’ok. Inter, per la difesa attenti a Jedvaj del Bayer. Capello fa tremare Ventura 13.10 - Fassone è di sicuro un ottimo dirigente e il curriculum parla, ma nelle ultime interviste non ha dato il meglio di sé. Forse risente del momento del Milan. Dopo la sconfitta di Genova, ho già detto, ha sbagliato nel mettere in discussione pubblicamente tutto e tutti. Certe cose vanno...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Pressione per sei: il campionato riparte col botto! Incroci e scontri, arriva il primo bivio. Con una considerazione (ancora) sulla Nazionale... 12.10 - Riapre il campionato. E come riapre. Le prime sei della classifica contro, e potrebbe succedere di tutto. Potrebbe esserci la fuga del Napoli o potrebbero esserci (potenzialmente, visto che la Roma deve recuperare un turno) 4 squadre in 2 punti, oppure ancora 3 squadre in testa alla...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Italia-Conte? Mai nella vita… Spareggi? Evitiamo James McClean! Istituiamo la Pallina d’Oro! Avete sentito? Ibra è uno Jedi… 11.10 - Ho un sogno: trasformarmi in Ant-Man, rimpicciolirmi e ascoltare lo sfogo, tra le propria mura, di Giampiero (Ventura) con la propria consorte Luciana… In TV, il nostro CT, cerca di mantenere il classico aplomb inglese ma, ne sono certo, nella sua mente ha un Santo per ognuno… Appena...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.