VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi vincerà la classifica cannonieri?
  Edin Dzeko
  Ciro Immobile
  Paulo Dybala
  Dries Mertens
  Mauro Icardi
  Cyril Thereau
  Fabio Quagliarella
  Andrea Belotti
  José Callejon
  Luis Alberto
  Adem Ljajic
  Alejandro Gomez
  Lorenzo Insigne
  André Silva
  Nikola Kalinic
  Duvan Zapata
  Leonardo Pavoletti
  Gonzalo Higuain
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Juve, ecco cosa potevi fare per non uscire col Bayern. Essere eliminati e godere ricorda Tafazzi. Ma Collina ce l'ha con l'Italia...

Giornalista professionista e scrittore, editorialista del Quotidiano Sportivo che ha rifondato e diretto per cinque anni. Opinionista radio e tv. Twitter @EnzoBucchioni
18.03.2016 07:34 di Enzo Bucchioni   articolo letto 60607 volte
© foto di Federico De Luca

Una incredibile, contagiosa, sindrome Tafazzi ha contagiato i tifosi italiani. Dopo i romanisti che hanno goduto per l'eliminazione con il Real, l'altra sera i bianconeri erano euforici dopo il ko con il Bayern.

I titoli dei giornali hanno contribuito ad alimentare la sensazione che Roma e Juventus siano state eliminate per caso o per colpa dell'arbitro e il divario tra le grandi d'Europa è ormai colmato. Perfino Buffon per il quale nutro una stima incondizionata come uomo e come giocatore, perfino affetto per averlo visto debuttare in azzurro nel gelo di Mosca nel 1997 e poi seguito tutta la sua straordinaria carriera, pensa che in Europa oggi solo il Barcellona sia più forte della Juve.

Purtroppo non è così. Ma non lo dico io, lo dicono i fatti, lo dicono il gioco e la mentalità.

Mi dispiace che la Juve sia uscita. Avrei voluto vederla in finale a San Siro, magari alzare il trofeo. Come non godo per tutte le altre italiane uscite prima del tempo, Lazio compresa. Era dal 2001 che non succedeva, è una Caporetto per il calcio italiano. Anche su questo bisognerebbe riflettere. E invece, purtroppo, qualche buona prestazione rischia di essere soltanto una foglia di fico per un movimento calcistico allo sbando, guidato da incompetenti o da conservatori poco illuminati. Aspetto sempre l'intervento di Malagò e del Governo, ma questo è un discorso lungo.

Torno più volentieri sulla Juventus che ha scatenato il dibattito alimentato da Sacchi prima e da Bergomi dopo, già a seguit del 2 a 2 casalingo con il Bayern.

La domanda è banale: si può essere contenti della Juve che ha lottato in certi momenti alla pari con il Bayern, ma alla fine è stata eliminata? La risposta normale e altrettanto banale dovrebbe essere una e una soltanto: no.

Al posto della soddisfazione inutile manifestata dopo una eliminazione, come ha detto giustamente Spalletti, il modo sano di ragionare per crescere dovrebbe essere un altro.

Una grande società e una grande squadra come la Juventus dovrebbero capire come mai quest'anno sono finiti fuori agli ottavi dopo aver giocato la finale pochi mesi fa, e dove hanno sbagliato, per correggere gli errori e migliorare.

Dire che la Juventus ha preparato alla grande la sfida di ritorno con il Bayern, che Allegri da abile stratega ha studiato tutte le mosse per neutralizzare i rivali, che i bianconeri hanno difeso alla grande e sfoderato un contropiede micidiale, non serve a niente. E' una soddisfazione parziale. Inutile.

Il ragionamento per crescere deve essere un altro e sono sicuro che un presidente giovane, abile e intelligente come Andrea Agnelli sta riflettendo su cosa fare, magari battendo anche altre strade diverse dalla tradizione. Da sempre la Juve ha giocato con carattere, cuore e determinazione pari a nessuno. Sono queste le sue qualità storiche. Da sempre la Juve sa difendere come pochi e la sua arma migliore è tradizionalmente il contropiede. O ripartenza. Queste qualità non bastano più, altrimenti i bianconeri sarebbero ancora in gioco in Champions.

Allargo il discorso. In Italia la Juventus è la società più strutturata. E' stata la prima (ora sono due con l'Udinese) ad avere uno stadio moderno, di proprietà, che frutta dal punto di vista economico e sportivo. Ha lavorato come poche altre sul marketing, sul merchandising, sulle enormi possibilità che un brand noto nel mondo come la Juventus può offrire. Sta lavorando benissimo nello scouting anche alla ricerca dei giovani italiani e ne ha già comprati diversi.

Nei dieci anni dopo Calciopoli, ripartendo dalla serie B e sportivamente da zero, a livello società i bianconeri hanno fatto più che nei trent'anni precedenti. Ora hanno organizzazione e management a livello europeo.

Purtroppo, e questo dovrebbero ammetterlo anche tutti i tifosi più ciechi, il gioco dei bianconeri non è così evoluto. Questo è l'ultimo scalino da salire, il divario da colmare, secondo me, per porsi definitivamente all'altezza dei più grandi club d'Europa che anche quando non vincono fanno comunque parlare per il loro modo di giocare spettacolare, propositivo, divertente.

Il mondo è cambiato. Anche la Juventus si deve interrogare come mai in Europa, calcisticamente parlando, non ha lo stesso appeal di Arsenal, tanto per dirne una, o di altre che più o meno sono al livello dei bianconeri. La risposta è semplice: per il gioco, per la cultura calcistica.

La Juventus è ancora accostata a un gioco utilitaristico e difensivista e anche se dei progressi sono stati fatti nella gestione della fase difensiva, non è ancora un calcio che piace e diverte. E non può piacere.

L'altra sera con il Bayern c'è stata l'esibizione di una tattica straordinaria. Allegri è bravo a studiare l'avversario, a capire come far giocare la sua squadra a seconda delle circostanze. Detto che i tedeschi hanno giocato il peggior primo tempo che io ricordi a livello internazionale (nella Bundesliga qualche caduta ce l'hanno), la Juve ha giocato con attenzione, intelligenza e grande efficacia. Ma sempre tutti dietro la linea della palla, con l'intenzione di distruggere il calcio dell'avversario, non di imporre il proprio. Intendiamoci, il contropiede non mi fa schifo. L'azione di Morata con gol di Cuadrado è da manuale delle ripartenze, ma questa non può e non deve essere l'unica arma a disposizione di una grande squadra.
Sul due a zero, straordinario, i bianconeri dovevano essere in grado di fare possesso palla, di alzare la linea della difesa e del pressing, dovevano portare a casa il vantaggio usando armi e un gioco diversi per impedire al Bayern di riorganizzarsi.

Era chiaro che la difesa a oltranza alla lunga avrebbe tolto lucidità e concentrazione, l'errore prima o poi doveva capitare. Quando invece hai dalla tua la personalità, la qualità e la voglia di imporre il gioco, puoi giocartela meglio.

Non accuso Allegri, è bravo, anche se la sua cultura è molto italianista. Il passaggio a un gioco più moderno, più europeo, a una squadra che vada in campo per imporsi globalmente e non solo per vincere in qualsiasi modo o sfruttando sfruttare i limiti degli avversari, deve essere una strategia di lavoro, un'idea futuribile.

Il passaggio impone l'acquisto di giocatori più tecnici, una rosa di valore più altro, ma le idee e il coraggio devono essere la molla principale.

Oggi, alla vigilia del varo del campionato europeo per club, la Juventus non può più accontentarsi di dominare in Italia, deve progettare, programmare e costruire un team tecnico e una squadra con una idea tattica diversa che avvicini stabilmente i bianconeri al Real, al Bayern, al Chelsea o al City.

La modernità e la forza della squadra devono viaggiare alla pari con la modernità e la forza del club.

Agnelli deve farsi carico di questo passaggio che è culturale prima che sportivo.

Poi, credetemi, giocando con personalità e una cultura diversi, sarà più facile battere anche il Bayern di turno. Questo passaggio culturale il Bayern l'ha fatto qualche anno fa andando a prendere Guardiola. Non bastava vincere, c'era da alzare il livello del gioco del calcio e l'operazione è ampiamente riuscita. Oggi nel mondo il Bayern è un brand con un valore ben diverso rispetto a qualche (pochi) anno fa.

Se poi a voi basta vincere uno a zero in contropiede nella miglior tradizione. O se godete per aver messo sotto il Bayern per un quarto d'ora all'andata e un tempo al ritorno, prendetemi per pazzo o per bollito, fate finta di non aver letto e non parliamone più.

Tornando alla serata di Monaco, forse Marotta si poteva risparmiare qualche parola, ma resta un fatto incontestabile. Sia all'andata che al ritorno i bianconeri sono stati penalizzati da arbitraggi scadenti e da arbitri (soprattutto il primo) fuori forma. Il gol annullato per fuorigioco inesistente è uno scandalo. Ma non credo al complotto o al potere del Bayern, piuttosto sono state penalizzate un po' tutte le italiane.

Per fortuna che il designatore si chiama Collina. Lo sapete cosa penso, conoscendolo?

Per evitare facili critiche o sospetti, per ingraziarsi politicamente la maggioranza dei paesi europei, per far vedere che tratta l'Italia come tutte le altre nazioni, è più facile che mandi arbitri in forma alle altre piuttosto che alle nostre squadre. Presto diventerà capo degli arbitri mondiali, ormai per lui l'Italia è solo sulla sua carta d'identità.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Ancelotti tra Juve e Milan, ma prima i mondiali con l’Italia? Inter, Ramires il centrocampista low cost. Il ritorno su Vidal. Milan su Kakà, quanti dubbi. E mister Li deve rifinanziare il debito 20.10 - Ancelotti se la rideva l’altra sera a Stamford Bridge, divertito da Chelsea-Roma, senza dubbio una gara emozionante. Rideva anche perché nonostante l’esonero del Bayern, è sempre corteggiato da tantissime squadre. Giustamente aggiungo io. Dell’interesse del Milan sappiamo da tempo,...
Telegram

EditorialeDI: Luca Marchetti

Roma che sorpresa, Juve di misura: ecco cosa ci regala la due giorni di Champions. E le risposte del Milan 19.10 - Chiusa la due giorni di Champions e possiamo vedere anche il bicchiere mezzo pieno. La sconfitta del Napoli era probabilmente pronosticabile, come la vittoria della Juve. Il pareggio della Roma è prestigiosissimo sia per come è arrivato sia per il risultato in sé. Del Napoli si è...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve come Tony Montana… Icardi, sms a Sampaoli! Mourinho, il futuro non è in Italia. La Svezia? Il “biscotto” ci motiva… 18.10 - Alla fine ce la giocheremo con la Svezia. Per nostra grazia, Re Zlatan ha deciso di non indossare più la casacca della nazionale e, altra fortuna, è ancora alle prese con i postumi dell’infortunio. Personalmente, Grecia a parte, la considero un’avversaria decisamente “alla nostra...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter: goduria da derby, ma occhio al tranello! Milan: quel che sarà di Montella. Juve: ricordatevi dello “schema Allegri”. Napoli: l’evoluzione di Sarri (in campo e fuori) 17.10 - Ciao. In questo momento è in onda il mondeinait Verona-Benevento, ma non è che dobbiamo storcere il naso. Abbiamo assistito al derby di Milano, a Roma-Napoli, a Juve-Lazio e comunque poteva andare peggio: poteva esserci Verona-Benevento con la nebbia. Oppure Verona-Benevento con speaker...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Allarme Juve. Simone, prenota il posto di Max. Che goduria questo Napoli. Torino, così in Europa non ci vai... 16.10 - Il paradosso del calcio è sempre lo stesso. Molte favole nascono dalla coincidenza, poi c'è quello bravo che le sfrutta (Simone detto Inzaghino perché in campo dei due era il più scarso, anzi, il meno forte) e chi invece sale sul treno sbagliato nel momento sbagliato (vedi Seedorf,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

La moda delle clausole e i giocatori che trattano l'addio (al momento del rinnovo...) prima dei club: così il calciomercato sta cambiando le sue regole e i suoi codici. Donnarumma come Higuain e Neymar: Raiola non ha cambiato idea 15.10 - Non viviamo certamente nel miglior periodo storico possibile. Se ci pensate, a guardarle per un attimo con un occhio quanto possibile esterno, le relazioni umane sono giunte oggi a un livello quantomeno buffo. Tendente al preoccupante. Tutto si svolge tramite il medium dei social,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva, turbolenze e derby. Juve: giri di valzer sulla VAR. Sarri: facile essere belli? 14.10 - Montella non vuole più essere "usato" per detrarre qualcosa ad Andrè Silva. E dal momento che il giocatore sta raggiungendo livelli di rendimento molto importanti, non ci sarà più la sponda del tecnico rossonero. Chi vorrà storcere il naso su Andrè Silva, dopo 9 gol in 10 partite...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Donnarumma andrà via, è lui il big sacrificato dal Milan. Petkovic farà il traghettatore, c’è l’ok. Inter, per la difesa attenti a Jedvaj del Bayer. Capello fa tremare Ventura 13.10 - Fassone è di sicuro un ottimo dirigente e il curriculum parla, ma nelle ultime interviste non ha dato il meglio di sé. Forse risente del momento del Milan. Dopo la sconfitta di Genova, ho già detto, ha sbagliato nel mettere in discussione pubblicamente tutto e tutti. Certe cose vanno...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Pressione per sei: il campionato riparte col botto! Incroci e scontri, arriva il primo bivio. Con una considerazione (ancora) sulla Nazionale... 12.10 - Riapre il campionato. E come riapre. Le prime sei della classifica contro, e potrebbe succedere di tutto. Potrebbe esserci la fuga del Napoli o potrebbero esserci (potenzialmente, visto che la Roma deve recuperare un turno) 4 squadre in 2 punti, oppure ancora 3 squadre in testa alla...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Italia-Conte? Mai nella vita… Spareggi? Evitiamo James McClean! Istituiamo la Pallina d’Oro! Avete sentito? Ibra è uno Jedi… 11.10 - Ho un sogno: trasformarmi in Ant-Man, rimpicciolirmi e ascoltare lo sfogo, tra le propria mura, di Giampiero (Ventura) con la propria consorte Luciana… In TV, il nostro CT, cerca di mantenere il classico aplomb inglese ma, ne sono certo, nella sua mente ha un Santo per ognuno… Appena...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.