VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Dove giocherà Schick la prossima stagione?
  Resterà alla Sampdoria per il primo vero anno da titolare
  E' pronto per il grande salto: andrà alla Juventus
  All'Inter come prima grande alternativa a Icardi
  Andrà al Milan per il dopo Bacca
  In Premier League

TMW Mob
Editoriale

Juve, ecco i piani per battere il Barça. E poi Benatia, Oscar, Embolo, Witsel e Allan. Pirlo addio. Napoli, via Higuain. Cresce Sarri, no Prandelli.

05.06.2015 07.10 di Enzo Bucchioni   articolo letto 118090 volte
© foto di Federico De Luca

L'assenza di Chiellini complica parecchio i piani di Allegri che da settimane sta ripassando il suo piano tattico per battere il Barcellona o almeno provarci. Fino a ieri abbiamo sempre detto che in una finale le probabilità di vittoria sono sempre 50 a 50, l'infortunio di un difensore rapido nel breve, fisico e carismatico, ci costringe, ragionevolmente, a scendere di un dieci per cento, 60 Barca 40 Juve. Sperando di sbagliare.

Allegri sa benissimo che un attacco da 120 gol come quello degli spagnoli è immarcabile. Messi, Suarez e Neymar non si possono prendere nell'uno contro uno, impensabile una marcatura stretta a uomo, prima o poi ti fregano. Ecco allora studiata la marcatura a tutto campo che prevede un grande pressing a cominciare dagli attaccanti, per impedire al Barca di ragionare, di liberarsi facilmente per il passaggio ai Tre Tenori. Occupazione degli spazi in orizzontale, molto pressing, chiusura delle linee di passaggio, per cercare di far mettere in moto il meno possibile i geni del gol. Impresa difficile, ma solo così la Juve può provare a riconquistare palla e ripartire negli spazi in verticale visto che il Barca in genere lascia giocare. Dovranno essere bravi i centrocampisti a non far prendere velocità alla palla sulla tre quarti e a non far partire Messi e Neymar a raccogliere il passaggio. Il carattere e l'aggressività della Juve, ma anche la capacità tecnica di tenere palla e comunque far gioco, saranno le armi da sfruttare. Al posto di Chiellini forse Barzagli se sta bene. L'alternativa è Ogbonna. Per il resto formazione fatta con Buffon, Lichsteiner, Bonucci, Evra; Marchisio, Pirlo, Pogba; Vidal; Tevez e Morata.

Questa Juve proverà a entrare nella storia e centrare il triplete, ma comunque sarà una stagione straordinaria e molto logorante per un gruppo che ha dato molto. Per questo, come vi abbiamo già detto, per non ripetere l'errore dell'Inter nel 2010, la Juve ha deciso di rinnovare e rinforzare parecchio questa rosa. Che, tra l'altro, perderà comunque un giocatore importante come Pirlo che ha già comunicato alla società la sua intenzione di chiudere negli Usa o nei paesi arabi.

Dopo Dybala e Khedira e la decisione di portare in ritiro con l'assenso del Sassuolo sia Zaza che Berardi per decidere poi se riscattarli entrambi o uno solo, Marotta e Paratici stanno tessendo una tela straordinariamente ambiziosa. Come sappiamo ci sono circa cento milioni da spendere derivanti da tutti i premi collegati alla Champions.

E poi c'è in ballo il discorso Pogba che condiziona non poco. Ma anche per Vidal stanno arrivando offerte molto importanti, quindi uno dei due potrebbe anche partire. L'idea è sempre quella di vendere il francese per una cifra irrinunciabile. Si aspetta l'ufficializzazione dell'offerta del City per 120 milioni, già ventilata da molti giornali inglesi. Si sono già mposse Barcellona e Chelsea. La Juve deciderà entro la metà di giugno per programmare meglio.

Allora ecco la tela di Marotta, con il denaro cash come ha preso Dybala, conta di convincere il Bayern a cedere Benatia che non ha legato molto né con Guardiola né con l'ambiente. Il fatto che la Juve abbia deciso di girare in prestito il giovane Rugani alla Samp dopo averlo riscattato dall'Empoli, ci dice che in difesa arriverà qualcuno più esperto e più forte. Chi se non Benatia? I tedeschi l'hanno pagato attorno ai trenta milioni, l'operazione si può fare a venticinque. Ma il reparto che ha più bisogno di risorse è il centrocampo. Preso Khedira (annuncio dopo la Champions), la Juve stringerà sugli obiettivi che da tempo vi abbiamo anticipato, vale a dire Allan (in va ntaggio sull'Inter) e Witsel per il quale sono scese le pretese dello Zenit e il giocatore ha già dato l'ok. Venti i milioni offerti ai russi. In attesa di chiudere i bianconeri hanno gli occhi anche su Kondogbia del Monaco, obiettivo anche dell'Inter. La liquidità della Juve la pone sempre in vantaggio. Ma sempre per il centrocampo, l'obiettivo è anche un giovane, Embolo del Basilea, 18 anni, tra i dieci più forti d'Europa per l'Uefa. Si sta lavorando anche con il Chelsea, appunto, in chiave Pogba. Un elemento da mettere sul piatto, come già detto da tempo, è Oscar che piace molto ad Allegri come trequartista. Sempre in piedi anche il discorso con il Psg. Lo sceicco dopo un raffreddamento è tornato a fare due conti. Ibra resterà, Cavani si può cedere. Vedremo cosa deciderà la Juve che intanto ha preso il vice Buffon, Norbeto Neto a parametro zero, anche lui nell'ottica del ringiovanimento. Crescerà all'ombra di Buffon.

Dovrà crescere in fretta anche il Milan di Mihajlovic. Il nuovo tecnico ha chiesto un ringiovanimento della rosa, vuole gente motivata che lo segua, non vecchi che pretendono il posto. Intanto vorrebbe Eder e Soriano, suoi pupilli della Samp. Rischia Montolivo con il quale non era in sintonia a Firenze. La mancanza di liquidità sta invece rallentando il mercato dell'Inter. Per il rinnovo di Icardi Thohir si è svenato. Per Tourè è rimasto solo uno spiraglio molto remoto: l'arrivo di Pogba al City. Il sondaggio per Kondogbia ha spaventato. Jovetic si può prendere, il giocatore ha detto ok, ma Ausilio non può ancora chiudere. Sarà un mercato complesso rispetto alle ambizioni del Mancio.

Tre panchine aspettano un padrone. Meglio due e mezzo. A Napoli dopo il no di Emery il cerchio si stringe su Spalletti. Prandelli costa molto meno e si è offerto a poco, ma non scalda la piazza dopo due fallimenti. C'è il timore di ripetere l'esperienza negativa fatta con Donadoni, anche Prandelli non è da Napoli. Sarri è l'ultima idea di De Laurentiis: costa poco e gioca un bel calcio. Sarebbe da Napoli, ci vuole coraggio e in certi casi aiuta.

Da Napoli sarebbe ancora pure Higuain, ma lui ha detto stop. Due anni senza Champions non li regge, per di più l'agguato dell'alstra sera l'ha convinto a mollare tutto e subito. Il Napoli vuole cinquanta milioni, ma ha strappato l'impegno del giocatore a non andare alla Juve, ma solo all'estero. Vedremo.

Tornando alla panchina, De Laurentiis aspetta anche Montella e qui la situazione è pirandelliana. Il tecnico nonostante il contratto, tiene in scacco la Fiorentina. Non si dimette e non dice ufficialmente che resta, salvo un comunicato ambiguo a tarda ora che si puo' leggere in tanti modi, sembra una guerra di posizione.

Comunque Della Valle si è stufato e da ieri ha virato su Paulo Sousa del Basilea, la telefonata di Montella potrebbe arrivare troppo tardi. Situazione assurda per molti versi. L'arrivo del giovane direttore sportivo portoghese Pedro Pereira dal Braga, come responsabile dell'area estera, è una pista che porta ancora di più verso Sousa, un altro portoghese. L'ha consigliato lui?

Chi abbia consigliato Sarri alla Roma è sicuramente il suo grande campionato. Il contatto c'è stato per ammissione dello stesso tecnico. E Garcia? Sembra alle corde, gli avvenimento degli ultimi giorni fanno pensare a una rottura imminente. Ma Sabatini tiene in caldo anche Mazzarri e ci sta provando con Emery che dopo il no al Napoli potrebbe dire si alla Roma. Pochi giorni per sapere.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Oltre 900 milioni investiti tra la scorsa estate e gennaio per rinforzarsi: è tempo di bilanci per i 20 club di A. Paradosso Atalanta, capolavoro Samp. Inter, smarcati da Kia. Napoli esempio da seguire 30.04 - Fine aprile, pochi verdetti ancora in bilico e, adesso si, la certezza che non sarà questo finale di stagione a sovvertire i giudizi. Come è andata la stagione dei calciatori che la scorsa estate, o lo scorso gennaio, sono stati acquistati dai venti club di Serie A? Gli investimenti...
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

Mercato: gran fermento Milan. Ritiro misura mediatica: Pioli scivola. Juventus: il Monaco non è il Barcellona 29.04 - Il Milan ha perso contro l'Empoli, molle e male, e lo sa. Ma sgombriamo il campo dalla mozzarella sfatta del sesto posto che nessuno vuole. Il Milan che scende in campo a San Siro otto giorni dopo il derby, ha al primo minuto pronti-via la possibilità tutta piena e tutta aperta di...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Di Maria, De Sciglio, Verratti, Tolisso, Caldara, Spinazzola: tutti i nomi della nuova Juve. Milan su Dzeko. Inter, Simeone si complica 28.04 - Allegri resterà alla Juventus anche se dovesse essere triplete (tifosi della Signoira toccate ferro), non è Mourinho. La sua è un’altra storia. Vi abbiamo già anticipato la settimana scorsa che è stata raggiunta un’intesa di massima per prolungare il contratto fino al 2020 con un...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Ricostruzione Inter,  i rinnovi di Napoli e Milan. La Roma di Monchi 27.04 - Nessuno si sarebbe mai aspettato una situazione in casa Inter così complicata un mese fa. La dirigenza nerazzurra dà piena fiducia a Pioli, considerato in questo momento senza alcuna ipocrisia il migliore. Non il migliore in assoluto. Il migliore in questa situazione. Dichiarare fallito...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve, un giallorosso nel mirino… Schick? Non solo offerte italiane! Milan e Inter, non solo acquisti 26.04 - La Juventus è una meraviglia. Lo Scudetto, il sesto di fila, è pratica in via di chiusura. C’è poi una finale di Coppa Italia da giocarsi e una Champions League che fa ben sperare. Una squadra magnifica. Migliorabile? Risposta affermativa ma con interventi accorti… La rosa è super,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il segreto di una macchina perfetta (e una guida sul Monaco). Inter: terremoto in panchina, occhio ai nomi (e alle priorità). Milan: il pessimismo sui cinesi, la mossa sul mercato e 2 appunti a Montella. Napoli: non scherziamo su Sarri 25.04 - Come ogni anno dal lontano 2006 è iniziato il drammatico torneo di calcetto dedicato ai giornalisti: si chiama “Press League”, lo organizza un tizio di nome Luca Mastrorocco che poi è il papà di “Zona Gol” (questa citazione dovrebbe valere almeno due arbitraggi “comodi”: Luca, ci...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter, prima il mercato dei dirigenti poi quello dei calciatori. Milan, tutto come previsto: c’è poco o nulla da salvare. Calori e Liverani, la bacchetta magica nascosta. Foggia-Pisa: mondo capovolto 11 mesi dopo 24.04 - Se volessero farlo apposta non ci riuscirebbero. I calciatori dell’Inter hanno gettato la croce su Pioli togliendo dall’imbarazzo i dirigenti dalla difficile decisione se confermare o meno l’allenatore per la prossima stagione. Con un finale così osceno hanno “esonerato” Pioli ma...

EditorialeDI: Andrea Losapio

La fortuna di Suning passa dai risultati deludenti, la Juve non ne ha bisogno. De Laurentiis pensa a un'innovazione ogni tre minuti, Pallotta e Monchi al prossimo tecnico 23.04 - L'Atalanta è a un passo dall'Europa, l'Inter un bel po' meno. Da una parte ci sono nerazzurri che vincono e convincono - a parte ieri, partita brutta nonostante i cinque gol - dall'altra una squadra che vorrebbe diventare grande senza passare dalla necessaria anticamera. L'Inter attuale...

EditorialeDI: Mauro Suma

In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.