VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
Editoriale

Juve: ecco la soluzione del caso Morata. Futuro Milan: la Coppa Italia cambia le carte in tavola (ma c'è un acquisto da fare subito!). Inter: la lezione a Mancini da un tesserato nerazzurro. Napoli: attorno a Higuain c'è una strana aria. E Conte...

24.05.2016 08:25 di Fabrizio Biasin  Twitter:    articolo letto 103001 volte
© foto di Alessio Alaimo

Buongiorno e buonasera tutti. Oggi saremo telegrafici per questioni di tempo e di rotture di maroni che non potete capire. Avrei voluto approfondire codesti dieci temi molto populisti per acchiappare facili consensi, ma sono con l'acqua alla gola. E allora ve li butto lì a caso:

1) Mexes, il selfie col Papa non si fa, soprattutto con la bocca a culo di gallina. Era il Papa, non Bono Vox. Vergogna!

2) Milito, che giocatore, esempio per tutti noi. Se Balotelli avesse avuto la testa di Milito non sarebbe andato negli spogliatoi a fare pipì, l'avrebbe trattenuta con la forza di volontà. Vergogna!

3) Mazzarri, guarda che in Inghilterra piove molto. Vergogna!

4) Conte, ti pentirai di avere lasciato a casa Pavoletti. Cioè, l'attaccante italiano più in forma: vergogna!

5) Thohir caccia i soldi, Moratti li cacciava. Vergogna!

6) La Juve ha fatto bene a non dare il permesso a Dybala per le Olimpiadi, lui bravissimo a non polemizzare più di tanto. Però è triste questa cosa del calcio che in generale snobba le Olimpiadi: vergogna!

7) La camorra nel calcio, le intercettazioni, le partite aggiustate, il marcio nel pallone: vergogna!

8) Che pena gli accoltellati post Milan-Juve di Coppa Italia. All'estero certe cose non succedono perché li sbattono in galera e buttano la chiave. Da noi, invece, al massimo ti danno il daspo che per gli ultrà è quasi una medaglia: vergogna!

Varie:

9) Quelli che vanno a vedere il Giro in strada ma non stanno a bordo strada e, anzi, rompono i coglioni in mezzo alla carreggiata: vergogna!

10) La Yamaha che in gara dà la moto che esplode a Valentino e non a Lorenzo: vergogna! E complotto!

Bene. Andiamo con i convocati di Conte con lo stesso spirito severo e inquisitorio.

Tra una manciata di giorni inizia l'Europeo. Conte ha pre-selezionato i 30. A una prima occhiata sono cazzi acidi. Ci presentiamo in Francia con 5 attaccanti che - tutti assieme - nel 2016 hanno segnato 21 gol (58 complessivi in tutta la stagione): una miseria. Ora, non è che Conte potesse pescare in una vasca colma di fenomeni, ma una chance al buon Pavoletti al suo posto l'avremmo concessa: era il più in forma, da gennaio aveva segnato 9 gol nonostante 40+15 giorni di assenza per infortunio. Questo significa che Conte sia masochista? No, e infatti lasciamo fare a lui secondo il collaudato assunto: se arriveremo almeno alla semifinale saliremo bei sereni sul carro, viceversa contesteremo le scelte di Conte che "pensava già al Chelsea! Per questo è andato tutto a puttane!".

Faccende interiste. In chiave mercato è stata la settimana di Banega, futuro nerazzurro, e delle voci su Yaya Tourè, prediletto del Mancio. Sullo sfondo intricate questioni legate alla partnership con i cinesi del gruppo Suning. Cose che sappiamo: con i cinesi il patto è vicino, vicinissimo, ma non sposterà di una virgola la "mission" affidata ad Ausilio: tra acquisti e cessioni si dovrà toccare lo zero in bilancio o, ancor meglio, bisognerà guadagnarci qualcosa. Per questo Banega a costo zero (1 milione per la penale) è un colpo notevole che - paradossi del mondo della comunicazione - avrebbe fatto più rumore se concretizzato la sera della finale di Europa League. "Il Siviglia alza la terza Europa League e possiamo darvi una notizia: l'Inter ha acquistato Banega per 20 milioni!". Sui giornali si sarebbe celebrato siffatto colpo per una settimana buona. E, invece, Banega arriva a zero e si preferisce fare le pulci all'operazione con frasi tipo: "Ma perché mai Banega che può fare la Champions dovrebbe scegliere l'Inter?". Cose così.

È questa l'ennesima lisciata di pelo ad Ausilio, in modo che nei prossimi tre mesi conceda al sottoscritto primizie di mercato invece che ad altri? Sì, lo è. Ma c'è anche un fondo di reale ammirazione per un dirigente che lo stesso Mancini dovrebbe lasciar lavorare con maggiore "libertà". Yaya Tourè è un grande centrocampista, è vero, ma nell'ottica di un club che - ribadiamo - non può azzardare, pensare di mettere sul piatto quattrini a iosa per un ultratrentenne avrebbe davvero poco senso. Per il resto occhio ad Handanovic (non è affatto detto che vada via) e Brozovic (l'offerta "inglese" è arrivata ma al momento non convince il club).

Milan. E quindi Berlusconi. E quindi cinesi. E quindi Brocchi. C'è una prima e importante cosa da dire: dopo settimane passate a scrivere peste e corna di tutto e tutti, va dato merito a una squadra che sabato a Roma ce l'ha messa davvero tutta e si è arresa solo per un unico evidente motivo: è povera di alternative. Per questo la bella prestazione dell'Olimpico non deve creare alibi a nessuno, Berlusconi su tutti: il Milan così costruito non è una squadra che può affrontare la Juve (ma anche la Roma e il Napoli) alla pari, il Milan ha bisogno di volti nuovi e validi, almeno uno per reparto. Pensare che questa squadra necessiti di soli ritocchi o dell'ennesimo allenatore diverso sarebbe un clamoroso errore. Per questo fa specie sentire che non solo non si stia lavorando sul fronte "acquisti", ma semmai si stia pensando di lasciar partire un giovane come De Sciglio, per altro destinato a quella che dovrebbe essere una diretta concorrente (leggi Juve).

Stona anche la "scusa" che ormai quotidianamente risuona dagli ambienti rossoneri: non si può impostare il mercato fino a quando non si capisce come finirà con i cinesi. Le parole del patron di domenica ("i cinesi mi vogliono cacciare") chiariscono ampiamente la questione: si va avanti con Berlusconi, perché Berlusconi non vuole rinunciare alla sua squadra. Una scelta legittima che però deve essere accompagnata da un atto di coraggio: Maldini si è fatto avanti, non risolverà con la bacchetta tutti i guai del Diavolo, ma un suo "reintegro" darebbe ai tifosi un motivo per tornare a credere in questa proprietà. Non va d'accordo con Galliani e quindi "non si può fare"? In una società dove già ora si fa fatica a trovare "uno che va d'accordo con un altro", la scusa davvero non regge.

Parli di Juve e pensi a Morata, ovvero al calciatore che lascerà Torino nonostante l'ultima verità firmata Allegri: "Qui con noi può crescere ancora". Vero, verissimo, ma il problema è che a Madrid hanno già deciso: Morata sarà riacquistato e rimesso sul mercato, la Juve potrà riprenderlo solo in presenza di una spesa che economicamente avrebbe poco senso. Marotta e Paratici lo sanno bene: la rinuncia all'attaccante spagnolo fa soffrire, ma vista a mente fredda questo rimane un piccolo/grande colpo di mercato. Hai sfruttato le prestazioni di un grande attaccante per due anni, ci hai guadagnato un sacco di soldi: in sede di compravendite si è visto decisamente di peggio, no? Ultimo quesito: dove finirà Alvaro? Chi lo conosce bene assicura: "Lui vorrebbe restare a Torino, se gli sarà impedito lui cercherà di andare a giocare non a Parigi ma da Mourinho: la stima è profonda e reciproca". Staremo a vedere.

Chiusura su Higuain: preparatevi a passare un'estate devastante, quella dell' "offerta settimanale vera o presunta per il Pipita". Questa settimana tocca al Psg e ai presunti 60 milioni messi sul piatto. Se anche fosse vero (e così non è) non basterebbero. In attesa di capire quale altra squadra si farà avanti la prossima settimana (le due di Manchester? Il Bayern? Mia sorella?) la certezza è una: Tonelli ha firmato, Klaassen è più vicino, segno che a Napoli ben sanno che "stagione con la Champions" fa rima con "rosa ricca di alternative". Bene così.

Fine. Da ultimo vi invito caldamente a leggere il pezzo a seguire, pubblicato giusto ieri nella rubrica "Noi ci dissociamo", valvola di sfogo del nostro arlecchinesco blog "ilsensodelgol". Ci ha scritto Davide Tamagno. Voleva andare a vedere Juve-Milan con i fratelli e il papà, ci è andato partendo in macchina da Torino, ma alla fine sono state più le rotture di coglioni rispetto a tutto il resto. Meditate gente, meditate...

(se invece anche voi volete pubblicare i fattacci vostri, nessun problema: ilsensodelgol@gmail.com Twitter: @FBiasin @ilsensodelgol).

di Davide Tamagno

Mi chiamo Davide, ho 30 anni e sono della provincia torinese. Ho due fratelli gemelli più piccoli, Il Dario e il Simo di 25 e per questo fine settimana abbiamo organizzato uno di quei pellegrinaggi il cui ricordo avremmo voluto rimanesse gioioso per sempre. Abbiamo organizzato una sorpresa per il nostro vecchio, colpevole di averci fatto gobbi fin nel midollo. Biglietto per finale di Coppa Italia, notte dai frati e domenica in giro per Roma. La sveglia è suonata alle 4:30 sabato, ma non so dirvi se a strapparmi dal mondo dei sogni sia stata la cornamusa orgogliosa di Braveheart o il profumo proveniente dalla cucina. L'amore materno stava liberando l'estro da trequartista alla Zizou tipico di mia madre nel suo campo da gioco prediletto: le mastodontiche bistecche impanate, le migliori al mondo. Partenza ore 5:00, dorme ancora il sole e perfino il gallo, ma noi siamo carichissimi.

Ore sette caffè corretto, ore nove La colazione in cui era previsto il funerale alle bistecche di mamma (ancora una volta divine) con nebbiolino superiore. Arrivo nella capitale all'ora di pranzo, solo voglia di far festa per due giorni.

Arriviamo all'Olimpico nel cuore del pomeriggio e già ricevo un segno della piega che avrebbe preso la serata: i quattro striscioni preparati per l'occasione non possono entrare.

Le quattro ore per prepararli, in un attimo le ho viste gettate dritte dritte nel water.

Quattro striscioni in cui era posto il saluto alle nostre 4 donne, semplicemente un CIAO.. con il nome delle consorti in nero e al di sotto, in rosso in stile componibile Ikea, un SIAMO TUTTI BELLI ALLEGRI.

Ero orgoglioso di quei quattro striscioni, perfino il vecchio avrebbe alzato il suo, salutando mamma.

Peccato che non fossero ammessi striscioni commemorativi. Devo essere diventato di tutti i colori quando un signore di cui non avevo ben capito le generalità mi ha detto questa cosa. Penso che gli occhi mi siano diventati rossi dalla rabbia: la rabbia di chi non insulta mai nessuno, le madri di nessuno, e soprattutto non porta con sé bengala, bomboni, bombette e bombettine combustibili allo stadio.

Nei 30 secondi successivi non ho capito bene cosa sia successo effettivamente, so solo che in tre mi hanno accompagnato ai tornelli, che gli striscioni ora non erano più commemorativi e potevano entrare ma che l'asta della GoPro da 15 cm del Simo era diventata misteriosamente oggetto contundente e non poteva entrare. Do ut des.

Non ho ancora sbollito la rabbia, che mi innamoro dello stadio. Me ne han parlato male:Non si vede bene..eh mah, la pista... L'Olimpico è semplicemente stupendo. Gremito è pazzesco. Decido col cuore finalmente sereno di sfoggiare la mia arte. Apriamo gli striscioni, ci guardano dal basso, ridono e ci fanno foto, sono orgoglioso.

Fino a quando, due minuti più tardi, colui che si identifica come ultras ci consiglia in tono moltissimo amichevole di riporli mestamente. Cazzo ma perché?

Il vecchio, che si è guadagnato il titolo sul campo, dispensa saggezza. Striscioni ammainati, cuore che piange. Nelle due ore successive cambiamo posto 18 volte, di cui 17 perché la coreografia prevede l'occupazione di posti di paganti che al momento dell'acquisto del biglietto avevano previsto tutto tranne di cedere il proprio posto, regolarmente pagato, per andare alla ricerca di quello di qualcun altro, regolarmente pagato. La partita è bruttina, salvata solo dal panino con la soppressa e la bionda media.

A fine primo tempo mi interrogo sul significato dell'esistenza osservando allibito un non meglio identificato ultras che prova a cartellare un padre di famiglia, reo di aver cristonato sulla bandiera dalle dimensioni mastodontiche (molto più della bistecca impanata di mamma) che in centro curva impediva la visione del campo a qualche centinaio di cristiani. Cristiani dalla stessa fede calcistica di quello che li voleva menare. Dico prova a cartellare perché la sua condizione fisica era molto ma molto simile a quella di Alexandre Pato dei bei tempi, quindi il padre di famiglia riesce incredibilmente a difendersi.

In quei pochi secondi il sangue mi si ferma, penso ai miei fratelli - ahi, sono il primogenito - e soprattutto al mio vecchio, di fianco a me. Ci guardiamo e con una doppia finta alla Cuadrado siamo dieci file più lontani. Mentre mi sposto incrocio lo sguardo cupo di signore con sciarpe rosa, di bimbini con la maglia di Pogba e tutto d'un tratto ricordo cosa ci faccio lì: sono lì per una partita di pallone.

Festeggio il gol di Alvaro, lo festeggio col cuore, mentre vedo mio fratello più piccolo un pochino segnato, che non sorride. Era una partita di pallone. Alle due sono in camera, finalmente posso far festa. Il Dario ha fatto delle polpette stratosferiche e accompagno il tutto con del vino rosso sardo, esagerato.

Finalmente ridiamo. Finalmente facciamo festa.

Mi chiedo perché.

Perché una partita di pallone qui in Italia debba essere vissuta cosi. Perché coltellate, perché bengala e bomboni, perché effetto gregge senza uno straccio di regola. Perché 800 km di viaggio, 500 euri di spesa e dieci minuti effettivi di partita vista per colpa di bandiere enormi che devono essere sventolate in centro curva, solo perché non si poteva spendere di più, in quattro, per biglietti più comodi in tribuna.

Perché non posso pensare di portare serenamente mio figlio allo stadio senza paura che succeda qualcosa. Sono le 15:00 di domenica, ed è quasi ora di ripartire. Sperduti tra le colline di San Gimignano, mancano ancora una manciata di ore al ritorno a casa. Le fiorentine epiche (a 'sto giro le bistecchine impanate sarebbero rosse dalla vergogna) e il Morellino che le accompagnava saranno le vere perle del fine settimana.

Più di una magia di Pogba.

Più di un gol di Morata.

Più di una partita di pallone.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: attenti a quelli della “crisi” (e ai nemici in casa). Inter: Icardi e gli strani pensieri. Milan: il dubbio Montella e “la bella reazione”. Riflessione semiseria sul calcio italiano 21.11 - “Gli aspetti formali, tendenti alla verifica dello status quo, ci portano a considerare i rappresentanti delle Leghe, per quanto la situazione sia decisamente inaccettabile. E sì: bisogna riformare il calcio guardando al tutto!”. (Quelli che comandano, che hanno il culo sulla poltrona,...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tavecchio a casa, forse. Ventura fuori Paese ma attenzione ai successori. Gravina? C... Piace! Allegri, sveglia questa Juve. Palermo? Ve lo avevamo scritto un anno fa... 20.11 - E' successo l'impensabile e, allora, è giusto che si volti pagina perché il calcio è un'azienda e bisogna rispettare la meritocrazia. Prandelli e Abete salvarono la faccia e la dignità, qui non c'è stata né la faccia né la dignità. Un Mondiale si può sbagliare ma addirittura non salire...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il disastro economico-sportivo di Tavecchio e Ventura: gli effetti sulle tasche degli italiani e pure sul mercato. Ancelotti, gli specchietti per le allodole e il nome che serve. Allenatori e giocatori: la ricetta per cambiare davvero 19.11 - Carlo Tavecchio che scarica il barile, le colpe e versa pure lacrime rabbiose e di frustrazione no. Carlo Tavecchio ancora in sella, neppure. Invece son due fotografie che questi giorni regalano, istantanee e video che arrivano e che resteranno a lungo in un calcio italiano destinato...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, crocevia Usa. La Nazionale riparte dal Milan. Perisic e i giocatori che vanno attesi 18.11 - Se il New York Times arriva ad occuparsi del Milan, vuol dire che il Milan fa gola. Stupiscono, ma forse fino ad un certo punto, i tempi scelti per lanciare la bomba mediatica, da un autorevole quotidiano che comunque negli ultimi due anni non era mai entrato nelle vicende del closing...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Collina l’uomo nuovo per la Federcalcio. Ancelotti, no alla Nazionale. Non farà la foglia di fico di Tavecchio che deve solo andar via. La colpa è sua: non ha capito la guerra fra Ventura e i giocatori. Tutti i retroscena. L’ex Ct via dall’It 17.11 - C’è solo un uomo in grado di cambiare il calcio in Italia e di rilanciarlo verso il futuro con interventi radicali e riforme illuminate e quell’uomo si chiama Pierluigi Collina. L’attuale capo degli arbitri della Fifa è l’unica personalità di livello mondiale spendibile dal paese...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non è una questione di nomi, ma di programmi. E stavolta sul serio... 16.11 - Lunedì. Lunedì sarà il giorno in cui ci saranno le risposte. Le proposte che Tavecchio (che non si è dimesso) presenterà il nuovo programma da cui ripartire. Uomini e idee. E' lì che si giocherà la vera partita, è lì che misureremo la voglia di cambiamento del movimento calcio italiano. Delle...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Nazionale interessa davvero? Allora nuova “regola”: cinque italiani in campo (minimo) in ogni club!!! 15.11 - La delusione è ancora forte, quasi insostenibile. Come era prevedibile, tutti si sono inorriditi per quanto successo. L’Italia fuori dal Mondiale, una catastrofe, un’apocalisse, la morte del calcio italiano. Tanti presidenti di club si sono espositi in prima persona… Tutti avviliti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Qui muore il calcio italiano 14.11 - Qui muore il calcio italiano, condannato dall'improvvisazione, le cattive abitudini, il malcostume di chi pensa che ce la farà per qualche bislacco diritto divino. Qui muore il calcio italiano. E ci fa male, malissimo, ma guardiamoci in faccia: è dannatamente giusto così. Qui...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tifiamo Italia ma cambiamola da subito: 4 proposte per riformare serie A, B, C e D. Marotta, il problema non è la chiusura tardiva del mercato... 13.11 - Questa sera l'Italia del pallone, e non solo, si ferma. Come fosse una finale del Mondiale, il fiato sospeso per l'importanza della gara. Tutti su Rai 1 a tifare gli azzurri sbiaditi. Non è la finale di un Mondiale e neanche una semifinale. Un play off per farlo il Mondiale. Giochi...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Italia, i colpevoli dopo martedì. Esonerare Ventura ora è inutile, magari due partite fa... L'ombra di Conte e gli errori di Tavecchio 12.11 - Il giorno dei processi non è ancora arrivato. Sarà in ogni caso quello di martedì, perché la partita della Friends Arena, pur difficile come dimostrato già dalla sconfitta dei nostri cugini francesi, ha scavato l’ennesimo solco incolmabile fra la Nazionale di Ventura e la realtà....
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.