VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Juve, ecco le strategie di Marotta. Nel mirino Verratti, ma anche Pastore, Aguero, Mkhitaryan e Matuidi. La Christillin in Fifa il perché della pace di Agnelli con Tavecchio. Oggi l'Inter decide su De Boer. Suning vuole Rooney...

28.10.2016 07:26 di Enzo Bucchioni   articolo letto 37472 volte
© foto di Federico De Luca

Marotta ormai è un habituè delle televisioni prima di ogni partita della Juve, un po' come faceva Galliani con il Milan dei bei tempi. Raramente Marotta dice cose banali, anzi racconta parecchie verità e le sue parole vanno interpretate. L'altro giorno, a proposito del mercato, ha detto che la Juventus è una grande società e ogni giorno lavora per cogliere opportunità, monitorare situazioni e fare dei piani di lavoro. Tradotto significa che la Juve ha già messo gli occhi su alcuni obiettivi soprattutto per l'anno prossimo, ma se capita anche per gennaio. E la strategia è sempre la stessa che ha portato negli anni in bianconero Tevez, Evrà, Khedira, Dani Alves, ma anche Higuain. Giocatori che hanno dei problemi nelle loro squadre, a parametro o con la clausola, che non sono più felici dove giocano, vogliono nuove avventure e la Juventus è una squadra tornata molto appetibile. L'Italia è un must.

Anche per questo vanno tenute in grande considerazioni le voci che arrivano dai media stranieri, inglesi, spagnoli o francesi che siano. Quando un nome comincia a circolare vuol dire che il suo procuratore sta lavorando in quella direzione, niente nasce per caso. Poi dal provare a prendere un giocatore a prenderlo ce ne passa, ma le idee frullano.

L'obiettivo vero della Juve, notoriamente, è Marco Verratti. Il giocatore è sempre più insofferente al campionato francese, il suo rendimento è calato e non è solo colpa dell'infortunio, poi non lega con Emery. La litigata dell'altro giorno di sicuro lascerà il segno nel rapporto con l'allenatore e la Juve sta monitorando attentamente la situazione. La proposta al suo procuratore è vecchia, Verratti guadagna una cifra ancora abbordabile anche per la Juve (tre milioni con i bonus) e la pista è caldissima. Ma potrebbe essere ancora più facile arrivare a Pastore, 27 anni, da sempre un pallino di Marotta, anche lui finito ai margini del Psg. L'ex Palermo è un trequartista che farebbe molto comodo, 4,2 milioni il suo ingaggio.

Anche il fidatissimo Raiola è all'opera per accontentare Marotta, per metterlo sulla strada buona e il debito di riconoscenza del procuratore dopo i 27 milioni incassati nell'affare Pogba è enorme. Matuidi, sfuggito in estate, è un altro che la Juve vorrebbe, magari già a gennaio. L'ultimo nome sussurrato nell'orecchio di Marotta da Raiola è però un altro: Mkhitaryan. La Juve lo segue da tempo, ha mollato la presa l'estata scorsa di fronte ai 31 milioni scuciti dal Manchester United al Borussia, ma l'armeno, 27 anni, non si è ambientato, gioca poco e ora è uno scontento da tentare.

L'obiettivo più grosso, più importante, però è un altro e si chiama Aguero. L'argentino, 28 anni, è in rotta con Guardiola e ripercorrere la strada di Tevez potrebbe essere più di un'idea. In questo caso però c'è di mezzo un contratto in essere e fra l'altro onerosissimo (11 milioni), anche se i tabloid inglesi sono scatenati nell'indicare la pista bianconera. Lasciate lavorare Marotta che, tra l'altro, sta cercando di portare a casa Witsel a gennaio invece che a giugno, come già detto più volte. Già detto anche del corteggiamento a Herrera del Porto.

La Juve però lavora pure molto per la politica sportiva. Hanno scosso l'ambiente del calcio le parole positive e il sostanziale appoggio alla ricandidatura di Tavecchio alla presidenza della Federcalcio dello storico nemico Andrea Agnelli. Cosa è successo? La vicenda è incredibile, Tavecchio ha 73 anni, ce lo vedete fino a 77 in Federcalcio con i limiti già palesati?

Agnelli sembrava l'unico baluardo nemico, il capofila degli avversari, il giovane dirigente per il rinnovamento e invece si è convertito anche lui al tavecchismo. Il presidente Figc è un vecchio democristiano, politicamente e diplomaticamente bravissimo. Ha offerto a Evelina Christillin, juventina doc, il posto nel board della Fifa. La Juve, in sostanza, ora guida il calcio mondiale con una persona di famiglia. In cambio ecco l'appoggio a Tavecchio nella speranza che questo abbraccio non faccia morire il calcio.

Intanto mi sarebbe piaciuto che quanto scritto dal Fatto Quotidiano a proposito degli affari del presidente Tavecchio fosse ripreso, fatto oggetto di inchieste e chiarito a livello mediatico. Nel suo genere è una bella bomba e sponsorizzare il silenzio non è un grande merito per la categoria. Vorremmo farci un'idea più precisa, senza pregiudizi, soprattutto per il calcio. Magari Tavecchio è un santo assoluto (e di sicuro lo è), ma questo silenzio e questi silenziatori sono imbarazzanti.

Imbarazzante anche quello che è successo attorno a De Boer dal dieci agosto in poi. Quasi una caccia all'uomo, qualcuno ha deciso che non deve allenare l'Inter e già dopo la prima sconfitta a Chievo lo volevano esonerare. Un assurdo. Oggi il Cda dell'Inter dovrà dirci qualcosa di più certo in merito. Di sicuro De Boer poteva fare meglio, alcuni errori sono evidenti, ma in due mesi senza conoscere il nostro calcio, la squadra, la lingua, poteva da solo cambiare le sorti dell'Inter? E poi siete sicuri che Blanc saprebbe fare subito meglio o sarebbe invece un anno da buttare? Simeone è lontano, datevi una calmata. Mi sembra una situazione morattiana, dite ai cinesi che così non si fa se si vuole mettere in piedi un progetto serio. A proposito di cinesi, in ottica merchandising e promozione del brand Inter, la Suning ha in testa di portare in maglia rossonera dei testimonial di grande livello, giocatori di prima fascia. Se ne parlerà anche oggi nel Cda, ma il desiderio di molti sarebbe un attacco deciso a Rooney, attaccante di 31 anni, popolarissimo in Cina. Guadagna 13 milioni, non sappiamo quanta voglia abbia di lasciare l'Inghilterra anche se il Manchester di Mou l'affascina sempre meno. Discorso tutto da valutare che però, intanto, infiamma i tabloid inglesi. Di cosa vi meravigliate?

Non meravigliano neppure le dichiarazioni anti-Higuain del presidente De Laurentiis. Il duello a distanza non finirà mai, nel faccia a faccia di domani il presidente del Napoli si gioca molto. Anche per questo ha voluto dare un messaggio molto concreto alla squadra. Vuole un regalo, battere la Juve di Higuain per Adl ha quasi il sapore di uno scudetto. La squadra ha capito cosa si gioca, Sarri è avvisato. Pronostico? Una volta sarebbe stato 1X2, bei tempi quelli del Totocalcio.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Andrè Silva: a Suso era andata molto peggio. Moratti: ruolo operativo non significa quote. Napoli: e goditela una volta per tutte! 23.09 - C'è qualcosa di psicologicamente ossessivo e di calcisticamente patologico nei detrattori di Andrè Silva. Dopo la tripletta di Vienna, era la fine del mondo se un talento del genere non giocava contro l'Udinese. Dopo la Spal, è tornato un boomerang da usare contro la campagna acquisti...
Telegram

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Campionato falsato, subito la riforma e premio-promozione. I limiti dell’Inter, a gennaio uno fra Ozil, Draxler e Vidal. Juve, i nodi di un mercato modesto. Howedes rotto, Douglas Costa fantasma. Con Uva in Uefa l’Italia più forte 22.09 - Dopo cinque giornate è già abbastanza chiaro che il campionato è falsato. Facendo una proiezione, a dicembre, ma forse prima, la situazione sarà già ben delineata con 7-8 squadre in corsa per i posti che contano, quattro o cinque in lotta per non retrocedere e le altre (troppe) senza...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il Napoli è devastante, Juve alla tedesca. Il duello è appena iniziato... 21.09 - Impossibile non parlare di calcio giocato nella sera dell'infrasettimanale. Impossibile non parlarne dopo una serata piena di emozioni e che regala al campionato dopo 5 giornate le due prime della classe lassù in testa alla classifica a punteggio pieno con una dimostrazione di forza...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter, buon carattere…. Mondi diversi: Patrick vs Patrik! Sarri perché non parla? E poi CR7 a Lisbona! 20.09 - L’Inter si ferma a quattro vittorie. A Bologna, i nerazzurri non vanno oltre l’1-1. Straordinari i giocatori di Donadoni, bravi a non mollare quelli di Spalletti. Onestamente Icardi (altro gol) e compagni non hanno incantato. Nella prima frazione, il Bologna ha dominato con un Verdi...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incoerenza di chi non vuol vedere (occhio a Higuain...). Inter: c'è un nemico alle porte (ma anche una soluzione). Milan: il rebus del "9" e altre malignità. Napoli: se il problema è fuori dal campo 19.09 - Ciao. Stasera c’è il campionato, domani pure, dunque qualunque cosa io scriva rischia di essere usata contro di me. Per questo e per altri motivi ragioneremo su cose frivole. Per esempio, non so se avete letto, ma la migliore amica della piacente cantante Selena Gomez le ha donato...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ecco tutti gli errori fatti a Barcellona. Processo a Allegri. Douglas Costa non serve. Paragonare Dybala a Messi è follia. Donnarumma deve scegliere il Milan o Raiola. Inter, contatto per Chiesa 15.09 - Conosciamo troppo bene il calcio per non sapere che tirare conclusioni a settembre è roba da ricovero. Soprattutto quando si parla di Juve e di Allegri. Ricordate l’anno dei dodici punti in dieci partite? E comunque la non brillantezza, le partenze in salita a settembre, sono una...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Una brutta Champions e una speciale classifica: ecco quanto costano le squadre in Europa, che sorprese! 14.09 - Certo che questa due giorni di Champions non ci lascia con buoni pensieri... le italiane vanno male, un punto in tre partite, e comunque con una gara di sofferenza più che di sfortuna. La Juve che dimostra ancora di non essere al livello del Barcellona (e Dybala con alcune curve ancora...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.