HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi merita il Pallone d'Oro 2018?
  Sergio Aguero
  Alisson Becker
  Gareth Bale
  Karim Benzema
  Edinson Cavani
  Thibaut Courtois
  Cristiano Ronaldo
  Kevin De Bruyne
  Roberto Firmino
  Diego Godin
  Antoine Griezmann
  Eden Hazard
  N'Golo Kanté
  Isco
  Harry Kane
  Lionel Messi
  Neymar
  Jan Oblak
  Luka Modric
  Paul Pogba
  Sadio Mané
  Hugo Lloris
  Marcelo
  Kylian Mbappé
  Mario Mandzukic
  Ivan Rakitic
  Sergio Ramos
  Mohamed Salah
  Luis Suarez
  Raphael Varane

La Giovane Italia
Editoriale

Juve, ecco tutti gli errori fatti a Barcellona. Processo a Allegri. Douglas Costa non serve. Paragonare Dybala a Messi è follia. Donnarumma deve scegliere il Milan o Raiola. Inter, contatto per Chiesa

15.09.2017 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 37763 volte
© foto di Federico De Luca

Conosciamo troppo bene il calcio per non sapere che tirare conclusioni a settembre è roba da ricovero. Soprattutto quando si parla di Juve e di Allegri. Ricordate l’anno dei dodici punti in dieci partite? E comunque la non brillantezza, le partenze in salita a settembre, sono una specialità della casa.

La disfatta di Barcellona, però, non può essere archiviata senza profonde riflessioni perché gli errori sono stati tanti, dei giocatori naturalmente, ma soprattutto per come questa gara è stata preparata.

Troppa sicurezza, troppa presunzione, quasi leggerezza. Sono arrivato perfino a pensare una cosa impensabile e mi sono chiesto: ma Allegri aveva visto la vittoria di sabato scorso del Barca per cinque zero con l’Espanyol, tripletta di Messi? Temo di no, altrimenti avrebbe notato una squadra in grande forma atletica, tutta altra roba rispetto alla sfida dell’aprile scorso, con un gioco modificato dal nuovo allenatore e un Messi al top della condizione.

Con queste premesse sull’avversario, le assenze di Chiellini, Mandzukic, Khedira e Cuadrado, senza Bonucci che l’anno scorso guidava la difesa e quest’anno un leader ancora non c’è, con alcuni giocatori non in forma (Alex Sandro su tutti, ma anche Barzagli) andava pensata una gara diversa.

Il modulo e gli interpreti si sono rivelati sbagliati. Serviva una Juve più solida e con maggiore esperienza, tanto più che nel girone non devi vincere o far risultato per forza come nella doppia sfida, al limite una gara di contenimento con ripartenze, l’idea del pareggio, poteva essere una strategia più appagante.

Invece del 4-3-3, un più difensivo 3-5-1-1 avrebbe consentito una migliore copertura e una barriera centrale più solida. Immagino Barzagli, Rugani e Benatia; poi De Sciglio, Sturaro, Pjanic, Matuidi, Alex Sandro; Dybala a far da raccordo con Higuain.

Non basta, per me far debuttare Bentancur in Champions proprio nel terribile Camp Nou è stato azzardato. L’uruguagio mi piace, diventerà un giocatore di livello, ma a volte l’esperienza conta. Non ho capito neppure Douglas Costa, ma qui allargo il discorso: non ne ho capito l’acquisto. Di sicuro verrò smentito, ma questo è il classico giocatore che in Italia fa fatica, raddoppi di marcatura, spazi chiusi, tatticismi, potrebbero ingabbiarlo. Non mi ha fatto impazzire neppure in Germania, per la verità. Vale quaranta milioni? Io li avrei spesi per un centrocampista o per un difensore di livello internazionale. Tanto più che hai Cuadrado che può fare quel tipo di lavoro e conosce il nostro campionato.

Ma l’altra sera Allegri non mi è sembrato reattivo neppure nel cambio, dopo l’infortunio di De Sciglio. L’occasione di riequilibrare l’ha avuta, al posto di De Sciglio poteva inserire Rugani, giocare a tre dietro, mettere Douglas e Alex Sandro sugli esterni e passare comunque al 3-5-2 ricompattando il centrocampo dove il fragile Pjanic va protetto. Non mi è piaciuto nemmeno nella tirata a Higuain, l’argentino psicologicamente ha bisogno di un allenatore-babbo che lo capisca, le scosse pubbliche non mi sembrano la medicina giusta.

Comunque non voglio fare le bucce ad Allegri, una giornata sbagliata ci sta. Però, nel ragionare, mi sono chiesto: è stato giusto confermarlo dopo la sconfitta di Cardiff, la seconda in tre Champions, e tutte le polemiche interne (vere o false non lo so) che ci sono state. Con un tecnico nuovo forse questo gruppo avrebbe reagito meglio dal punto di vista motivazionale?

E anche Allegri avrà sbagliato a rinnovare? La sensazione è che pure lui abbia bisogno di nuovi stimoli. Ci sono delle storie che finiscono, bisogna essere bravi a capirlo in tempo.

E il Barcellona non è il primo campanello, già in Supercoppa con la Lazio s’era vista una Juve caratterialmente diversa.

Comunque trattasi di riflessioni di settembre, la Juve ha i giocatori (Howedes in difesa sarà importante) e le risorse per fare comunque una grande stagione. Soprattutto in Italia. E se è vero che l’Inter ha personalità, ha Spalletti e non ha coppe, il Milan ha spesso 220 milioni e il Napoli ha come parola d’ordine del gruppo "ora o mai più" la Juve resta la più forte. In Champions lo capiremo strada facendo, non vincere il girone potrebbe già complicare il cammino. Ma c’è tempo per riparlarne.

Parlo subito, invece, di Dybala. Chi l’ha paragonato a Messi, chi ha scritto e detto una valanga di parole inutili, non conosce il calcio e fa male al ragazzo. Messi è forse (per me sì) il più grande giocatore della storia del calcio, se gli va male secondo o terzo. All’età di Dybala aveva già vinto tre Palloni d’oro. Lo juventino è un giocatore di grandissimo talento, destinato a diventare un campione, ma con ancora margini di crescita e lavoro da fare. Ogni raffronto è improponibile.

Tornando alle coppe, il Milan, invece, in Europa League s’è rilanciato. Montella ha fatto l’annuncio giusto: avanti con il 3-5-2. E non può essere che così quando prendi Bonucci nato per giocare a tre, e sugli esterni hai Conti e Rodriguez, due furie. E poi Biglia sempre, Montolivo con lui mai. Se Chalanoglu impara a fare l’interno è un’arma non da poco. Andrè Silva ieri sera ha dimostrato freddezza e capacità di vedere la porta sempre e comunque. Lui e Kalinic sono la coppia. Suso dovrà adattarsi e può essere un’arma per cambiare a gara in corso. La rosa è forte e offre soluzioni all’allenatore.

Più difficile capire come andrà con Donnarumma. Gli attacchi di Raiola al Milan ormai sono quotidiani, come se non bastasse il resto, anche sulla fascia da capitano. E’ chiaro che riproverà a portar via il portiere, in presenza di una clausola rescissoria da 60 milioni, il procuratore farà di tutto per trovare un club (non è difficile) disposto a pagarla a giugno.

Come reagiranno questa volta Donnarumma e la sua famiglia?

Non lo so, ma è lampante che una decisione definitiva vada presa. Donnarumma deve scegliere oggi, subito, fra Raiola e il Milan. Fra partire e restare.

Ma lo deve fare adesso, altrimenti più passa il tempo e più le pressioni interne ed esterne del suo procuratore aumenteranno. Sinceramente continuare così non regala serenità al ragazzo e il Milan non è felice di avere in casa un fronte aperto.

L’Inter non ha giocato le coppe e cerca di capitalizzare l’amarezza dell’esclusione. Giocare ogni sette giorni darà ancora più forza al lavoro di Spalletti. Ma, nonostante il buon inizio, Sabatini eAusilio sanno che a gennaio (cinesi permettendo) un difensore potrebbe servire. Ma anche un giocatore con caratteristiche diverse da Joao Mario o Brozovic, da mettere dietro Icardi. Chi? Piace moltissimo Chiesa. Spalletti lo conosce e lo segue da anni, l’attacco è già partito. L’assedio è cominciato. Ora così, dopo De Laurentiis, in coda c’è anche Sabatini.

Il ragazzo (20 anni) e il padre, grande ex Enrico, resisteranno?

Federico ha un contratto fino al 2021 e tanto amore per la Fiorentina che gli proporrà a giorni di rinnovare fino al 2022 con un ingaggio triplicato subito e poi a salire. Sicuramente firmerà, ma il futuro è un’ipotesi, come dice il poeta. E la vicenda Bernardeschi brucia ancora…


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Higuain da il via libera per Ibra al Milan. Tutto fatto, lui deciderà entro novembre. Barella, l’Inter torna in pole. Conte al Real, ora si può. Figc, Gravina è l’uomo giusto   19.10 - Un altro importante tassello per il ritorno di Ibrahimovic al Milan l’ha messo direttamente Gonzalo Higuain. Nella bella intervista rilasciata ieri alla Gazzetta, fra le tante cose non banali, si legge anche: “Ibra al Milan? Io amo giocare con i grandissimi e lui lo è”. E’ più di...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Il derby di Milano: strade incrociate, obiettivi comuni 18.10 - Siamo entrati nel vivo: la settimana del derby di Milano. E dopo la pausa per gli impegni della Nazionale, che ci ha regalato una bella vittoria contro la Polonia fatta di speranza e di bel gioco, non poteva tornare con una partita migliore, il campionato di serie A. Milan e Inter...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Derby time: ecco perché il Milan è favorito. L’Inter sarebbe più in forma, ma… Cristiano Ronaldo con vista Manchester: la Juventus pensa già allo United per spaventare l’Europa. I 35 milioni offerti dal Napoli per Piatek 17.10 - Come si vince il Derby della Madonnina? E chi rischia di più? Inter-Milan è la partita che noi tutti ci meritiamo dopo due settimane di pausa, ristoratrici per la Nazionale e per il nostro amor proprio, ma che ci hanno lasciato una fame di calcio tale da sbirciare quasi con curiosità...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: quel che si può dire (e non dire) su Ronaldo. Inter e Milan: un derby lunghissimo (con Marotta sullo sfondo). Napoli: il prezzo di Piatek. Italia: bentornati azzurri, ma sugli stadi… 16.10 - Ciao. Domenica c’è il derby, l’altro giorno invece ha giocato la Nazionale. Ci si divide tra chi dice “uh ma che bella Nazionale! Parliamone!” e chi “che due maroni la sosta, pensiamo al derby di Milano”. Solo che il derby è domenica sera, manca ancora una vita. E allora ci si spreme...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Berlusconi e il Milan di Gattuso. Ad Allegri manca solo un tetto. Marotta-Inter, non avrebbe senso. Io voto Gravina perché.... 15.10 - Quando c'è la pausa campionato è un disastro. Non sai cosa scrivere e devi inventare storie, raccogliere notizie e parlare di mercato anche quando non c'è. Per fortuna, in questa domenica pomeriggio, Silvio Berlusconi su Sportitalia (durante Monza-Triestina) ci ha dato diversi spunti...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

La pausa degli esoneri e dei primi acquisti per gennaio. Pungiball Ventura, ma il Chievo ha fatto benissimo. Finalmente c'è la formazione: ora Mancini segua il consiglio di Sarri 14.10 - Lo sport Nazionale degli ultimi undici mesi è stato insultare Gian Piero Ventura. Non è stato solo il colpevole dell'eliminazione dell'Italia dal Mondiale, ma dallo scorso 13 novembre di qualsivoglia problema. L'aumento dello spread? E' colpa di Ventura. Il surroscaldamento globale?...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Conte ipotesi concreta per il Real, Florentino pronto a tutto per avere anche Hazard. Milan, che colpo Paquetà. Under verso il rinnovo fino al 2023. Napoli a breve l’accordo con Zielinski, per gennaio non sono previste operazioni in entrata 13.10 - Lopetegui, Conte, Real e Chelsea. Il mese di ottobre potrebbe regalarci un’altra interessante rivoluzione in panchina. Florentino Perez non è soddisfatto del rendimento del suo allenatore, fortemente voluto in estate dopo l’addio di Zidane e ora sta pensando in maniera concreta ad...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Ronaldo, una vergogna. In certi casi è vietato tifare. Juve su James Rodriguez e Rabiot. Milan, dopo Paquetà tutto su Barella. Derby con l’Inter per Ramsey 12.10 - Attorno alla vicenda personalissima che coinvolge Cristiano Ronaldo stiamo scrivendo un’altra pagina imbarazzante. E dico poco. Fatevi questa domanda: avete elementi seri che vi possano far pensare che Cristiano Ronaldo sia colpevole di stupro? La risposta sensata, quasi obbligata,...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Milan: un colpo in Brasile. Leicester: in arrivo un italiano, faceva il cameriere! E una Nazionale che non decolla... 11.10 - Il Milan ha praticamente preso Paquetà, il primo colpo di Leonardo. Nella notte italiana, Globo Esporte aveva lanciato l'indiscrezione. Nel corso della giornata le conferme. Accordo raggiunto tra Milan e Flamengo per il centrocampista offensivo brasiliano classe '97. Il ragazzo arriverà...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Incredibile Cristiano! Si sente perseguitato dalla Uefa, e ha deciso di boicottare la Nations League! Come se al momento non ci fossero altre preoccupazioni. L’Italia e Mancini invece devono considerarla priorità, per non finire come Ventura 10.10 - La faccenda ha dell’incredibile, e sarebbe da farci una risata sopra se non apparisse assurda. E terribilmente fuori luogo, visto il momento estremamente delicato. Cristiano Ronaldo, e insieme con lui il suo entourage familiare e lavorativo (che nel caso di Cristiano si mischiano),...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy