VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi vincerà la classifica cannonieri?
  Edin Dzeko
  Ciro Immobile
  Paulo Dybala
  Dries Mertens
  Mauro Icardi
  Cyril Thereau
  Fabio Quagliarella
  Andrea Belotti
  José Callejon
  Luis Alberto
  Adem Ljajic
  Alejandro Gomez
  Lorenzo Insigne
  André Silva
  Nikola Kalinic
  Duvan Zapata
  Leonardo Pavoletti
  Gonzalo Higuain
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Juve: era meglio tenere Vidal e cedere Pogba...Pirlo e Tevez: Europa, non è finita. Balo: Conte osserva. Milan: gli affari con Raiola e Preziosi

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
19.09.2015 09:29 di Mauro Suma   articolo letto 57331 volte

La Juventus doveva tenere Vidal e cedere Pogba. È una riflessione che ci accompagna da diverse settimane. Sono stati tanti i soldi incassati per il cileno, ma potevano essere il triplo quelli incassabili da Pogba. Che in una Juve sempre capace di guizzi come quelli di Manchester ma meno schiacciasassi rischia di non ripetersi in campo e di perdere quindi quotazioni sul mercato. Fosse rimasto Vidal, sarebbe rimasto un giocatore saldo al suo posto, organico, sicuro di chiudere la sua carriera in bianconero. È rimasto invece Pogba, frastornato dalle tante partenze e in cuor suo consapevole di poter essere ceduto sul breve medio periodo. E tutto questo lo contamina, in campo si vede abbastanza. Li recuperera' la Juventus i soldi che poteva incamerare quest'anno per Pogba?

Pissi pissi. Spifferi allo stato puro. Nulla di confermabile sulla carta, ma anche nulla di inventato. Le vicende di Andrea Pirlo, che ha lasciato Torino non per problemi economici come si dice in giro, e di Carlitos Tevez con il calcio europeo e con la Champions League, potrebbero non essere finite. Il loro spirito competitivo è inversamente proporzionale alla loro carta d'identità. Potrebbero avere voglia di nuovi stimoli e di nuovi posti da titolare. Nel calcio europeo che conta e già nel corso di questa stagione.

Dopo essere stato sulla prima pagina del Corriere della Sera, sono i media e non il Milan a renderlo una star, Mario Balotelli incassa attenzioni importanti. Intanto sui social lui, come i suoi compagni, non può scrivere e non scrive di cose ben precise: rapporti interni al lavoro, tattiche di allenamento, cose di spogliatoio classiche. Ma della sua vita privata può scrivere quel che vuole e il Milan non interverrà minimamente sul suo rapporto con l'amore in senso lato. Ma c'è dell'altro. Se questo è Balo, ammesso e non concesso che Balo continui ad essere questo, Antonio Conte continuerà a rimanere aggiornato e magari già che c'è anche in agguato.

Se una grande squadra come il Milan non vince e non incanta per diverse stagioni di seguito, i tifosi non solo hanno il diritto di amare sfogandosi e arrabbiandosi. Non solo hanno il diritto di criticare, ma il dovere. Per tenere il Club ancorato a grandi esigenze, grandi obiettivi, grandi traguardi. La critica sportiva anche dura e severa arricchisce il calcio e i suoi protagonisti più attenti che, ad esempio, al Milan e nel Milan non mancano. Un conto è questo atteggiamento, cazzuto ma costruttivo, un altro l'insinuazione. Che produce solo negatività in chi la subisce e che esaspera chi la fa magari in buona fede. Ma senza verità e senza costrutto. Gli "affari" con Preziosi, ad esempio. I più alti come volume di denaro sono stati negli anni legati a El Shaarawy e KPBoateng. Vediamo un pò. El Shaarawy è costato al Milan 10 milioni più Merkel ed è passato al Monaco per una valutazione complessiva di 17 milioni. Quindi: plusvalenza di oltre 10 milioni per via degli anni di ammortamento a favore del Milan e Merkel che invece, purtroppo, al Genoa non ha reso molto. Boateng: prima pagato 8,5 (sarebbero stati 7,5 se non fosse scattato il bonus dello Scudetto 2011) più Strasser, poi ceduto per 12 milioni allo Schalke 04. Anche qui plusvalenza e scambio tecnicamente non redditizio per il Genoa sul campo. Saranno anche affari, ma magari anche fatti dal Milan. Come con Raiola: ricordiamo che a 16 anni Gianluigi Donnarumma aveva fior di offerte da tutta Europa e poteva partire a Zero, ma forse anche per i buoni rapporti, che spesso sono una risorsa, è rimasto al Milan. Così come Balotelli: Zero euro di commissione al procuratore, Zero euro di prestito al Liverpool, a carico del Milan solo la partecipazione per 2,250 milioni all'ingaggio. Forse si un affare, ma è l'accezione che andrebbe rivista. Insomma fino ad oggi sono accettabili le critiche per Bertolacci, non viviamo sulla luna. Ma discutiamone parlando di calcio, non di cose che abbruttiscono il calcio.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Ancelotti tra Juve e Milan, ma prima i mondiali con l’Italia? Inter, Ramires il centrocampista low cost. Il ritorno su Vidal. Milan su Kakà, quanti dubbi. E mister Li deve rifinanziare il debito 20.10 - Ancelotti se la rideva l’altra sera a Stamford Bridge, divertito da Chelsea-Roma, senza dubbio una gara emozionante. Rideva anche perché nonostante l’esonero del Bayern, è sempre corteggiato da tantissime squadre. Giustamente aggiungo io. Dell’interesse del Milan sappiamo da tempo,...
Telegram

EditorialeDI: Luca Marchetti

Roma che sorpresa, Juve di misura: ecco cosa ci regala la due giorni di Champions. E le risposte del Milan 19.10 - Chiusa la due giorni di Champions e possiamo vedere anche il bicchiere mezzo pieno. La sconfitta del Napoli era probabilmente pronosticabile, come la vittoria della Juve. Il pareggio della Roma è prestigiosissimo sia per come è arrivato sia per il risultato in sé. Del Napoli si è...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve come Tony Montana… Icardi, sms a Sampaoli! Mourinho, il futuro non è in Italia. La Svezia? Il “biscotto” ci motiva… 18.10 - Alla fine ce la giocheremo con la Svezia. Per nostra grazia, Re Zlatan ha deciso di non indossare più la casacca della nazionale e, altra fortuna, è ancora alle prese con i postumi dell’infortunio. Personalmente, Grecia a parte, la considero un’avversaria decisamente “alla nostra...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter: goduria da derby, ma occhio al tranello! Milan: quel che sarà di Montella. Juve: ricordatevi dello “schema Allegri”. Napoli: l’evoluzione di Sarri (in campo e fuori) 17.10 - Ciao. In questo momento è in onda il mondeinait Verona-Benevento, ma non è che dobbiamo storcere il naso. Abbiamo assistito al derby di Milano, a Roma-Napoli, a Juve-Lazio e comunque poteva andare peggio: poteva esserci Verona-Benevento con la nebbia. Oppure Verona-Benevento con speaker...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Allarme Juve. Simone, prenota il posto di Max. Che goduria questo Napoli. Torino, così in Europa non ci vai... 16.10 - Il paradosso del calcio è sempre lo stesso. Molte favole nascono dalla coincidenza, poi c'è quello bravo che le sfrutta (Simone detto Inzaghino perché in campo dei due era il più scarso, anzi, il meno forte) e chi invece sale sul treno sbagliato nel momento sbagliato (vedi Seedorf,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

La moda delle clausole e i giocatori che trattano l'addio (al momento del rinnovo...) prima dei club: così il calciomercato sta cambiando le sue regole e i suoi codici. Donnarumma come Higuain e Neymar: Raiola non ha cambiato idea 15.10 - Non viviamo certamente nel miglior periodo storico possibile. Se ci pensate, a guardarle per un attimo con un occhio quanto possibile esterno, le relazioni umane sono giunte oggi a un livello quantomeno buffo. Tendente al preoccupante. Tutto si svolge tramite il medium dei social,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva, turbolenze e derby. Juve: giri di valzer sulla VAR. Sarri: facile essere belli? 14.10 - Montella non vuole più essere "usato" per detrarre qualcosa ad Andrè Silva. E dal momento che il giocatore sta raggiungendo livelli di rendimento molto importanti, non ci sarà più la sponda del tecnico rossonero. Chi vorrà storcere il naso su Andrè Silva, dopo 9 gol in 10 partite...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Donnarumma andrà via, è lui il big sacrificato dal Milan. Petkovic farà il traghettatore, c’è l’ok. Inter, per la difesa attenti a Jedvaj del Bayer. Capello fa tremare Ventura 13.10 - Fassone è di sicuro un ottimo dirigente e il curriculum parla, ma nelle ultime interviste non ha dato il meglio di sé. Forse risente del momento del Milan. Dopo la sconfitta di Genova, ho già detto, ha sbagliato nel mettere in discussione pubblicamente tutto e tutti. Certe cose vanno...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Pressione per sei: il campionato riparte col botto! Incroci e scontri, arriva il primo bivio. Con una considerazione (ancora) sulla Nazionale... 12.10 - Riapre il campionato. E come riapre. Le prime sei della classifica contro, e potrebbe succedere di tutto. Potrebbe esserci la fuga del Napoli o potrebbero esserci (potenzialmente, visto che la Roma deve recuperare un turno) 4 squadre in 2 punti, oppure ancora 3 squadre in testa alla...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Italia-Conte? Mai nella vita… Spareggi? Evitiamo James McClean! Istituiamo la Pallina d’Oro! Avete sentito? Ibra è uno Jedi… 11.10 - Ho un sogno: trasformarmi in Ant-Man, rimpicciolirmi e ascoltare lo sfogo, tra le propria mura, di Giampiero (Ventura) con la propria consorte Luciana… In TV, il nostro CT, cerca di mantenere il classico aplomb inglese ma, ne sono certo, nella sua mente ha un Santo per ognuno… Appena...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.