HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Inter, Sanchez ko: fiducia a Esposito o ritorno sul mercato?
  Avanti con Politano, Lukaku e Lautaro Martinez: sono più che sufficienti alle esigenze di Conte
  Occhi sul mercato, sia quello degli svincolati che invernale
  Fiducia al giovane Esposito: sarà lui a completare la batteria di attaccanti nerazzurri

La Giovane Italia
Editoriale

Juve, finalmente Sarri: un progetto nuovo e affascinante. Totti, hai fatto la scelta giusta. Napoli, con Manolas e James inizieresti a ragionare da grande. Milan, benvenuto Giampaolo ma quanti rischi

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
17.06.2019 00:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 41206 volte

Finalmente è finita una telenovela lunga un mese; giorno più giorno meno. La Juventus ha avuto sempre le idee chiare, forse poteva fare chiarezza pubblica un pò prima, avrebbe potuto spegnere le voci (false) che rimbombavano sul web ma, giustamente, il club più quotato in Italia avrà pensato che non può perdere tempo con tante falsità di calciomercato. Ogni giorno dovrebbe fare un comunicato stampa. Forse, ripeto forse, questa volta doveva fare una eccezione perché il tormentone Guardiola ha invaso il web, addirittura, da far scrivere ad una Agenzia (Agi) una mattina tranquilla, di quasi estate, che Guardiola era il nuovo allenatore della Juventus, con tanto di ingaggio, giorno di firma e giorno di presentazione. Anche la spiegazione del giorno di chiusura del museum per accogliere in trionfo Pep. Bastava fare una verifica con l'ufficio stampa della Juventus, cosa che abbiamo fatto puntualmente: "Ci sarà un evento legato ad uno sponsor per questo chiudiamo parto dello stadio. Non è la prima volta e non sarà l'ultima". A volte questo è il mestiere più semplice. Soprattutto se gli uffici stampa sono corretti e collaborativi, come quello della Juventus. Non è stata una guerra tra giornalisti ma, sicuramente, questa vicenda ha aiutato l'utente a fare pulizia. Il web è un pericolo: al bar erano tutti allenatori, sui social sono tutti giornalisti. Fabio Paratici ha invece smascherato il giornalismo 2.0 e rivitalizzato quello delle fonti, degli anni di carriera e delle amicizie giuste. Non doveva essere una guerra mediatica ma una "banale" scelta di allenatore. La Juventus aveva dato il benservito ad Allegri, il quale già sapeva che sarebbe stato Sarri il suo sostituto e mentre il popolo sognava Guardiola, e pur di sognare credeva a gente mai conosciuta prima, Paratici era sereno e si faceva le vacanze a Capri con il contratto di Sarri già in tasca. Consegnato dal postino Ramadani. Come lo scorso anno, anche questa estate, Maurizio Sarri ha impiegato un pò di tempo prima di ufficializzare il suo nuovo incarico. Tutti sudavano freddo e quando Alfredo Pedullà, con cinismo e convinzione assoluta, dichiarava che Guardiola era una bufala (buona ma pur sempre bufala) e Sarri aveva già fatto tutto, piovevano insulti come grandine. "A cazzaro"... "Quando arriverà Guardiola licenziati" erano i toni più simpatici ed amichevoli. E' finita come era cominciata. L'ex allenatore del Napoli è stato scelto da Agnelli e Paratici. In conferenza spiegheranno il perché e sarebbe curioso capire anche un altro perché.... di tanto riserbo. Fabio Paratici ha fatto la scelta gusta ma consapevole che quest'anno sarà un'altra storia. La Juventus vincerà ancora, probabile, ma forse non passeggerà come sempre. Per tanti motivi. Innanzitutto passare da Allegri (gestore) a Sarri (insegnante) non è un automatismo scontato: non ci vorranno proprio 5 minuti. Far capire il credo di Sarri ai calciatori della Juventus comporta tempo e impegno. Nell'anno in cui Conte vuole fare a pezzi la Juventus per un senso di rivalsa su Agnelli, il Napoli dopo l'anno di attesa sul mercato ha deciso di giocare con le carte vere e il triangolo Torino-Milano-Napoli questa volta potrebbe dare risposte tutt'altro che scontate. Teniamo fuori dal giro, ma siamo solo a metà giugno, Roma e Milan. Due progetti nuovi, anche qui, ma i problemi societari non consentono grandi sogni almeno nell'immediato. A Roma oggi si consumerà l'addio di Francesco Totti. Bisogna solo fargli i complimenti. Non può restare una bandiera e un tifoso giallorosso così solo per timbrare il cartellino. Lui non è un Direttore Sportivo ma non è neanche un club manager. Non può essere uno yes man e non potrà mai esserlo nella sua Roma. Questo incarico non andava mai accettato ma meglio tardi che mai. Per Totti è un dovere uscire da questo caos societario perché non si può mischiare in una dirigenza che fa della confusione il suo punto forte. Totti è la garanzia per i romanisti, una assicurazione sulla vita. Fa bene ad andare via e a restare il Totti di tutti. Pallotta e Baldini non meritano Francesco in questa società. Meglio un Totti con i Sensi al timone che con Pallotta. La gente avrebbe apprezzato di più, nonostante la crisi e le difficoltà dei Sensi. Lì Francesco avrebbe avuto un senso. Con questa strafottenza romana Totti non ha nulla da condividere e oggi, giustamente, dirà addio. Cosa farà? Sono problemi suoi. Con la simpatia innata che si ritrova potrebbe davvero fare tutto, importante è togliersi da subito la cravatta con la lupa.
Da Manolas a James Rodriguez, i sogni dei napoletani rischiano di diventare realtà pura e sarebbe tremendamente bello per il nostro campionato. Ancelotti fa bene a pretendere giocatori utili al suo scacchiere. Lo fa un anno dopo ma, anche qui, meglio tardi che mai. Manolas sarebbe il rinforzo ideale per la difesa, James è genio e imprevedibilità, il top per i napoletani. Mancherebbe ancora qualcosa a centrocampo ma se dovesse partire con questo piede, Aurelio De Laurentiis, sicuramente sarebbe quello giusto. A patto che non ci saranno cessioni eccellenti.
Al Milan è iniziato il nuovo corso Giampaolo. Una chance meritata, dopo il bagno di umiltà di Cremona e dopo essersi ripreso con forza quello che gli sarebbe spettato già a Torino. E' la prova del 9 nella vita calcistica di Marco Giampaolo. Passa il treno più importante di sempre. Le idee, la professionalità e l'ambizione non gli mancano. Gli manca l'esperienza per guidare una big e gli mancano soprattutto i big nella big. Oggi il Milan è fatto di nomi che potranno diventare dei campioni ma le certezze sono poche e con il cambio modulo, quelle certezze, non troveranno neanche più tanto spazio. I nomi che si fanno sono di belle speranze ma Maldini converrà che un discorso è costruire l'Atalanta, un altro il Milan che dovrebbe rientrare al più presto in zona Champions. Paolo Maldini è un uomo intelligente e una persona seria. Idem Boban. Massara è un ragazzo educato e un buon conoscitore di calcio. Ci sono, però, troppe novità nel nuovo Milan di Scaroni. Tanti professionisti al primo vero esame in questo ruolo delicato. Da Maldini a Boban, da Massara a Giampaolo. Il rischio di bruciarsi è elevatissimo ma l'ambizione non manca e stiamo parlando di tutta gente che il calcio lo conosce bene. Milan è una bella scommessa, tanto poi sarà sempre il campo a dire la verità. Nel frattempo, all'Europeo Under 21, Chiesa si è presentato con due biglietti da visita per Commisso. Trattenerlo a Firenze rischierebbe di diventare un autugol. Va ceduto, ora, che è al top del valore e con quei soldi bisognerà comprare tre grandi calciatori per rifondare la Fiorentina. Chiesa ha lanciato da Bologna due carte per Rocco: una con lo stemma della Juve e una con quello dell'Inter. Tieni, scegli tu. Basta che sia una delle due. Se la prima mossa del nuovo management, riportare in viola Pradè, è stata quella giusta lascia non pochi dubbi la conferma di Montella che avrà la terza occasione a Firenze. Ha più vite lui dei gatti. Chissà se questa volta facendogli anche la squadra forte riuscirà a raggiungere un obiettivo all'altezza della nuova proprietà e della piazza viola.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Matic, l’Inter alza il pressing.  Rakitic, Milinkovic e Tonali gli altri obiettivi. Leonardo vuole Paquetà. Mandzukic sempre più United, vicini i rinnovi di Cuadrado, Matuidi e Szczesny 19.10 - Matic è l’ipotesi più concreta per l’Inter in vista di gennaio. La società nerazzurra non ha ancora programmato in maniera definitiva le sue mosse, ma se ci dovessero essere i presupposti per un centrocampista in grado di alzare ulteriormente il livello qualitativo del reparto si...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Napoli, salta tutto. Adl attacca Insigne, Mertens e Callejon. E mette in vendita Koulibaly. Milan in rosso, giallo Donnarumma. Elliott aspetta lo stadio per vendere e rientrare. Inter, Conte vuole un centrocampista. Ibra, un segnale 18.10 - Ci sono giorni in cui ti prende così e ieri è stato uno di quei giorni in cui Adl, Aurelio De Laurentiis rigorosamente con due i per l’anagrafe, prende cappello e sbotta contro tutto e tutti. Non è la prima volta e non sarà l’ultima, il carattere non lo cambi a settant’anni, la diplomazia...

Editoriale DI: Luca Marchetti

I pensieri in casa Napoli, Milan più rosso che nero, l’Inter stringe i denti (fino a gennaio) 17.10 - A Napoli il processo di crescita continua, ma come in tutte le cose ci sono dei passaggi obbligati e dei nodi da sciogliere. Fra questi sicuramente il rapporto fra Insigne e Ancelotti, che deve essere chiarito fino in fondo, dopo le ultime decisioni dell’allenatore (la tribuna in...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Ecco i 23 convocati per Euro2020. In 16 sono già sicuri: Bernardeschi e Zaniolo devono migliorare, ma il nome a rischio più clamoroso è Romagnoli. Balotelli? No, a meno che... 16.10 - “Se erano qua è perché crediamo in questi giocatori, ma è anche vero che a giugno purtroppo qualcuno bravo dovrà rimanere a casa”. La frase di Roberto Mancini su Di Lorenzo e Cristante, in coda al record di 9 vittorie consecutive raggiunto contro il Liechtenstein, è più importante...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: la verità (sensata) di De Ligt. Inter: gli infortuni, il comandamento di Conte” e le panzane sul “vice Lukaku”. Milan: la logica sulla scelta di Pioli e le mezze verità di Silvio. Italia: è tutto bello, ma non esageriamo 15.10 - Ciao. Il dramma della pausa per la nazionale è che porta con sé molti effetti collaterali a contorno. Il primo è che tutti quelli che parlano di calcio si ritrovano spaesati, non sanno che dire, e allora pur di non ritrovarsi senza opinioni esprimono il loro giudizio su altri argomenti:...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan e Samp, servono i cambi di mentalità. Napoli, per Ancelotti l'anno della verità. Petrachi, se pensi una cosa non ritrattare... 14.10 - Ringraziamo Milan e Sampdoria che ci hanno consentito di lavorare in una settimana, quelle delle Nazionali, che è una autentica mazzata per giornalisti e tifosi. Queste continue soste spezzano e, consentitemi, falsano il campionato. Troppe pause, troppe volte i calciatori devono andare...

Editoriale DI: Andrea Losapio

Bentornata Italia. Inter, perché Lazaro? Milan e Sampdoria, scelte diverse ma uguali: uno paga 150 milioni di euro, altri sbandierano trattative per la cessione, autodestabilizzandosi. De Laurentis e Icardi, l'ammissione di non voler spendere 13.10 - La settima vittoria consecutiva manda Roberto Mancini e la sua Italia agli Europei. Ora c'è il Liechtenstein e il record di Vittorio Pozzo a una sola lunghezza, probabilmente verrà pareggiata proprio nella prossima. Facendo l'avvocato del Diavolo, però, c'è da sottolineare come -...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Milan, Pioli merita fiducia. Primo passo: recuperare Piatek e lanciare Rebic. Inter per giugno obiettivi Tonali e Van de Beek. Napoli, Hysaj verso la Roma. Genoa, tieniti stretto Andreazzoli. Samp, Ranieri non basta 12.10 - Pioli merita fiducia. Non credo sia giusto giudicare a priori chi ancora non ha cominciato a lavorare. Il Milan ha una storia gloriosa e un passato fantastico ma se da 7 anni non riesce ad alzare la testa a certi livelli ci sarà pure un perché. La ripartenza è sempre stata difficile...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Milan, tutta colpa di Elliott. Il fondo deve vendere subito se vuole il bene del Club e non solo dei suoi conti. Boban e Maldini, che delusione. Inter tra Rakitic e Matic per gennaio. La Juve vuole Emerson Palmieri. Ranieri-Samp, ci siamo 11.10 - Con il Milan in pieno caos, dalla Cina arriva la notizia di un’inchiesta su mister Yonghong Li. I cinesi, a quanto pare, vogliono sapere come e dove il presunto magnate con gli occhi a mandorla, abbia fatto i soldi per comprare il Milan. Di riffe e di raffa circa un miliardo di euro....

Editoriale DI: Luca Marchetti

Il Milan e i cambiamenti: un’altra ripartenza. La Samp e una scelta complicata 10.10 - Si è presentato Pioli, ma soprattutto hanno parlato nuovamente Gazidis, Maldini e Boban, nella conferenza stampa del loro nuovo allenatore. Le speranze di Pioli, i suoi buoni propositi, il suo modo di porsi e le idee che intende portare fanno sicuramente parte del suo mondo, del...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510