VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Mercato di gennaio: da quale big i colpi più importanti?
  Juventus
  Roma
  Inter
  Napoli
  Milan
  Lazio

Editoriale

Juve: Gabbiadini al Napoli, gli ultimi dubbi L'Empoli nega Rugani e la Fiorentina non molla Savic. No a Zaza e Berardi, dal Sassuolo arriva Vrsaljko. Ecco come il Milan spendera' i 20 milioni dello sponsor.

Nato ad Aulla (Massa Carrara) il 16/03/54 comincia giovanissimo a collaborare con La Nazione portando la partita che giocava lui. Poi inviato speciale e commentatore, oggi direttore del Qs Quotidiano sportivo della Nazione, Resto del Carlino e Giorno
05.12.2014 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 35360 volte
© foto di Federico De Luca

Manolo Gabbiadini è del Napoli, o quasi. Formalmente sono tutti d'accordo, ieri il procuratore del giocatore ha raggiunto l'intesa di massima con Bigon per l'ingaggio e il contratto, ma adesso alla Juve si sono fatti venire gli ultimi dubbi.

Il giocatore, 23 anni, in comproprietà con la Sampdoria, esterno sinistro d'attacco, ma capace di ricoprire tutti i ruoli offensivi, è un talento che potrebbe fare ancora di più. Può crescere, maturare, ha grandi doti tecniche e atletiche.

Chi l'ha detto che in futuro non può essere da Juventus? E poi undici milioni (5,5 per la metà ai bianconeri) a qualcuno non sembrano molti. I bianconeri non volevano scendere dai 15 iniziali, quando mancano le firme tutto può ancora succedere. Fra l'altro a Torino si sono chiesti anche se è logico rafforzare una potenziale rivale per lo scudetto.

Domande che dovrebbero essere fugate oggi in un senso o in un altro, il giocatore a Napoli dovrebbe andare a ricoprire il ruolo che era di Insigne e all'occorrenza sa fare anche il vice-Hamsik.

Il primo a dare l'ok all'operazione è stato il presidente della Samp Ferrero che è felice per il primo colpo di mercato da mettere in cassa, fa un favore al collega De Laurentiis (non si sa mai) ed è convinto di non indebolire i blucerchiati perché vuol fare il grande colpo mediatico Cassano. Noi tifiamo. Una coppia Ferrero-Cassano è da urlo, mentre qualche perplessità la nutre Mihajlovic. L'allenatore non avrebbe smontato un gruppo che funziona benissimo e (soprattutto) teme che l'arrivo di Cassano possa turbare lo spogliatoio. Fra l'altro c'è uno stipendio molto alto da pagare e se il barese non accetta l'autoriduzione il colpo sarà duro convincerlo a tornare a Genova. Vedremo.

Se la Juventus dirà sì all'operazione Gabbiadini è solo per portare a casa un po' di liquidità da reinvestire subito. I bianconeri erano convinti di non fare nulla a gennaio, ma gli infortuni di Asamoah e Romulo impongono qualche puntello per la difesa, soprattutto sugli esterni. Per questo si sta pensando al nazionale croato Vrsaljko (22 anni) arrivato dal Genoa al Sassuolo grazie alla Signora. Quindi niente Zaza o Berardi (se ne parlerà a giugno), mentre il discorso sul difensore è ben avviato. Non basta.

Marotta pensa di prendere subito anche Rugani dall'Empoli, ma i toscani non mollano e non molleranno. Si vogliono salvare e Rugani e troppo importante e poi la loro metà del cartellino la tengono stretta anche perché Sabatini vorrebbe portarlo alla Roma per fargli fare coppia con Romagnoli, una difesa giovane dal grande talento. Il ds romano ha già fatto le sue avances all'Empoli e sta lavorando a fari spenti, potrebbe nascere un bel braccio di ferro con la Juve con tanto di guadagnato per il ds Carli.

Sempre in tema difensori, la Juve ha incassato anche il no della Fiorentina per Savic. Caso mai se ne potrà riparlare a giugno dopo che il giocatore avrà rinnovato con i viola (scade nel 2016). Sicuramente non a gennaio. E no anche a Giovinco da parte della Fiorentina: guadagna troppo. E poi il giocatore ha deciso: se ne andrà dalla Juve non ora, ma a parametro zero, vuole trovarsi da solo una squadra per guadagnare sul cartellino.

La caccia al difensore resta comunque un tema invernale. Anche Mancini dopo Mazzarri ha bocciato Vidic, se si troverà un amatore sarà liberato da subito, ma è difficile. Così il Mancio ha convinto Nastasic a tornare con lui. Ora c'è da convincere il City a lasciarlo a Milano in prestito per sei mesi: l'operazione si può fare. Il giocatore è giovane e con l'Inter potrebbe rilanciarsi, in questo modo il City potrebbe recuperare parte di quanto speso per comprarlo (25 milioni).

Mancini sta provando anche a convincere Campbell e soprattutto Wenger per avere l'esterno d'attacco costaricense in prestito, mentre l'Atletico e il Psg hanno detto no per Cerci e Lavezzi. Nessuna illusione, Thohir punta sui prestiti e su un mercato di basso profilo, la situazione economica interista è sempre complicata.

Il Milan invece ha tirato una boccata d'ossigeno con i 100 milioni in cinque anni di Emirates. Come saranno investiti i 20 di questa stagione. Finalmente si sta pensando a qualche centrocampista. Il nome sulla lista di Galliani è Brozovic, 22 anni della Dinamo Zagabria, ma la valutazione (8 milioni) spaventa. E poi sul giocatore è arrivata anche l'Arsenal che ha sempre la vista lunga. L'alternativa è italiana si chiama Baselli dell'Atalanta. Nel Milan ricostituirebbe una bella coppia con Bonaventura. Ai bergamaschi sono stati proposti Niang e Saponara. Discorso aperto.

Inzaghi vuole anche un esterno e Galliani sta pensando al prestito di Sergi del Barcellona che Luis Enrique fa giocare poco, ma l'ingaggio spaventa. Soluzione low cost Lazaar del Palermo.

Ieri a Roma ha prolungato De Sanctis e questo significa molte cose, intanto che Neto resterà a Firenze. Il giocatore ha dato mandato al suo procuratore di trattare solo con la Fiorentina, chiede più soldi come è logico che sia, ma ora che si trova bene è convinto che sarebbe sbagliato rimettersi subito in gioco e pensa di poter ancora migliorare. E' giovane (25 anni) e per un portiere la carriera è appena cominciata, caso mai ci potrà essere un'altra occasione in futuro per lasciare Firenze e andare in una grandissima società. L'accordo con i viola si farà prima di gennaio.

Accordo praticamente fatto invece per Pantaleo Corvino come direttore generale del Bologna. Torna nel calcio attivo dopo tre anni, con grandi ambizioni. Con il Bologna ha da tempo una intesa, c'era solo da aspettare che il passaggio di società e le incombenze economiche fossero chiuse. Fatto. Ora si può pensare a siglare il contratto definitivo per Corvino con un piano di lavoro per il pronto ritorno in serie A.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Verdi-Napoli: in estate scopriremo la verità. Milan, fidarsi di Mendes è stato un errore. Cosa fai Monchi? La Roma sta rischiando grosso 21.01 - Ma cosa passa nella testa di alcune persone? Me lo sono chiesto in questi giorni vedendo le reazioni e alcuni messaggi rivolti a Simone Verdi - e persino alla sua compagna - per la scelta di restare al Bologna. Offese personali, addirittura qualche minaccia di morte. Ma perché? Badate...

EditorialeDI: Mauro Suma

Balotelli: il Milan c'entra Buffon: come Rivera l'ultimo anno Thohir: Inter usata in chiave anti Milan? 20.01 - Cosa c'entra il Milan con Mario Balotelli? Niente. Anzi, parliamone. La prima sensazione infatti è che l'apertura di credito a quanto sta facendo Balo in Ligue 1 significa che i cannoni mediatici restano belli accesi e belli carichi proprio sul Milan in relazione a eventuali sviluppi...

EditorialeDI: Luca Serafini

Napoli, Inter, Roma: mercato pro-Juve, ma fanno notizia le ombre del Milan 19.01 - Non cadete nelle trappole propagandistiche. La politica italiana ha così pochi argomenti propositivi che l’unico esercizio remunerativo appare la distruzione verbale dell’avversario. Insulti, minacce, dubbi e sospetti, così l’operazione Berlusconi-Milan cinese è diventato (dopo il...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter avanti per Rafinha, ma spuntano le alternative, le mosse (segrete) del Napoli e quelle (clamorose) delle spagnole: da CR7 a Griezmann... 18.01 - Il primo incontro con il Barcellona ora deve maturare. L'Inter, con il suo direttore sportivo, ha allacciato ufficialmente i rapporti (fra società importanti come Inter e Barca è molto meglio, anche diplomaticamente, parlarne di persona) e ha "lanciato" l'ultima offerta. 35 milioni...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Giù le mani da Nainggolan… Verdi, la risposta è ok! Inter, nomi all’altezza? Quanto vale oggi CR7? 17.01 - A Milano fa freddo… Di colpo, pare che l’inverno si sia ricordato di esistere. Anche il calciomercato pare “bloccato” in una morsa gelida. Non si muove quasi nulla. A chiacchiere stiamo a 1000, come sempre. C’è un nome che continua ad essere scritto a lettere cubitali: RADJA NAINGGOLAN....

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: oltre a Emre Can, un altro colpo per giugno. Inter: la cena con Pastore e la strategia per Rafinha. Milan: un anno di polemiche, la compravendita e altri “misteri”. Napoli: occhio alla risposta di Verdi. E in Figc… 16.01 - Ciao. Siamo in regime di sosta invernale. La sosta a suo tempo ci stava antipatica perché era "sosta della nazionale" ma siamo stati bravi e abbiamo deciso di eliminarla del tutto, infatti per non rischiare non scegliamo neppure un ct ("vuole un ct?". "Sia mai! Poi quello magari pretende...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Cessione Milan, una giustizia col Rolex. Napoli, blinda Sarri: ora o mai più! Sabatini, sei più bravo senza portafogli. Figc, che pasticcio! Serve l'intesa 15.01 - La giustizia con il Rolex ci ha sempre fatto paura. Ciò non significa che le indagini non vadano condotte, ma tempistiche e modalità sono al quanto dubbie. Premesso che non siamo fan di Berlusconi (chi legge questo editoriale con un po' di costanza lo sa bene), non capiamo come mai,...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il primo bilancio del mercato e quello che può accadere da qui a fine mese: le regine sono al contrario. Juve già in ottica futura. Spalletti ritrova il sorriso coi due rinforzi, il Milan resta in bilico. E occhio al valzer dei tecnici in estate 14.01 - A metà del guado. Mancao solo due settimane nel calciomercato italiano e finora cosa è concretamente successo? Le regine sono al contrario, ovvero le formazioni che lottano per non retrocedere. Sugli scudi un Benevento in crisi nera di risultati ma con un presidente, Vigorito, che...

EditorialeDI: Mauro Suma

3 stadi, 3 derby e 3 film diversi. Milan, il vulnus Montella. Nazionale, Conte entra in scena. Ramires, Capello lo vuole in Cina 13.01 - Settimana di pausa campionato ed ecco che i protagonisti non diventano i giocatori o i tifosi, ma la loro cornice, il loro punto di ritrovo naturale: lo stadio, gli stadi. Milano, Genova, Roma: è stata una settimana cruciale su tutti e tre i fronti. Il fil rouge è stato soprattutto...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Inter, ecco Lisandro Lopez. Rafinha vicino, ma Spalletti frena. Deulofeu preferisce Milano, ma il Napoli tratta. Sarri aspetta lunedì l'ok di Verdi. Juve-Barella, vertice 12.01 - Ora è ufficiale, sarà contenta anche la mamma di Spalletti. Che succede? Forse l’Inter compra un centrale e la pista porta dritta a una vecchia conoscenza chiamata Lisandro Lopez del Benfica. Non è un fenomeno, buon giocatore, ma vecchia conoscenza perché il mancato arrivo dell’argentino...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.