VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi vincerà la classifica cannonieri?
  Edin Dzeko
  Ciro Immobile
  Paulo Dybala
  Dries Mertens
  Mauro Icardi
  Cyril Thereau
  Fabio Quagliarella
  Andrea Belotti
  José Callejon
  Luis Alberto
  Adem Ljajic
  Alejandro Gomez
  Lorenzo Insigne
  André Silva
  Nikola Kalinic
  Duvan Zapata
  Leonardo Pavoletti
  Gonzalo Higuain
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Juve-Higuain-Napoli, l'affare si ingrossa: De Laurentiis ha detto una bugia, Marotta due! Ecco dove finirà il Pipita. Inter: in arrivo 3 gioielli, ma il buonsenso non si compra al mercato. Milan: una scelta azzeccata e un mistero

19.07.2016 08:28 di Fabrizio Biasin  Twitter:    articolo letto 223253 volte
© foto di Alessio Alaimo

Ti rendi conto di essere vecchio, bollito, praticamente da buttare, decisamente pronto per andare a fissare il cantiere, quando uno ti dice "ehi matusa, quanti Pokemon hai?" e tu gli rispondi "Cazzo è Pokemon?". A me è capitato. Per rifarmi sono entrato con circospezione nell'universo Pokemon (che col mercato del calcio c'entra nulla, ma volendo anche sì) e ho scoperto un sacco di cose.

Se sul tram una bella manza ti fissa il pacco e ha in mano un cellulare, non è perché improvvisamente sembri Rocco, più probabilmente ti hanno piazzato un Pikachu sul pipino.
Se sul tram una bella manza ti fissa il pacco e NON ha in mano un cellulare, allora forse hai esagerato col cotone.
I Pokemon sono come certe "profumiere": pensi di averle inglobate solo te, e invece sono nella collezione di tutti.
Se hai tempo per andare ad acchiappare un Pokemon a cinque chilometri da casa tua, i casi sono due: 1) Non c'hai un cazzo da fare. 2) Sei Lapo (e quindi non c'hai un cazzo da fare, ma con molta classe).
Se la mappa ti conduce nella camera della tua ragazza, ma non trovi il Pokemon sul letto, controlla nell'armadio.
Viva gli Exogini, abbasso i Pokemon.
Bobo Vieri non ha scaricato PokemonGo, aspetta l'evoluzione del gioco con le ragazze Cin Cin al posto degli scarrafoni.
Ho provato a spiegare a mio padre la roba dei Pokemon. Pensavo di non farcela. Mi ha risposto "Ho capito, coglione. Comunque ai miei tempi si andava a trombare, salutami Pikachu".
Credo abbia vinto lui.
Mi piacerebbe scrivere dei saggi sull'universo dei Pokemon, ma incombe il caso-Higuain.
Il caso-Higuain ha già mandato in pappa il cervello di molti addetti ai lavori. Siamo passati tutti quanti dal "Certamente Higuain andrà alla Juve" al "De Laurentiis batte Marotta 1-0".
Chi legge la lenzuolata di cose che scrivo ogni martedì, sa che sul Pipita ho la mia idea da tempo: il giocatore piace a tanti club ("grazie al cazzo", direte voi), ma da lì a sganciare i famosi 94 milioni ce ne passa. Per settimane abbiamo letto di Higuain che "Piace al Psg, anzi no al Bayern, anzi no al City, al Real, alla Juve, all'Arsenal". Piace a tutti, ma non al punto di tirare fuori il malloppo, almeno per il momento. Il motivo è semplice. 1) 94 milioni per un 29enne sono tanti, anche se ti chiami Higuain e sei un fenomeno. 2) Chi potenzialmente può permettersi questo "azzardo" non ha fretta, soprattutto se è consapevole del fatto che il patron del Napoli mai abbasserà di un centesimo la sua richiesta e, soprattutto, se ha un accordo con il giocatore. 3) Il fratello del Pipita si è ingenuamente esposto senza avere certezze, così facendo si è inimicato la piazza che lo adorava e si è consegnato nelle mani dei club "che forse pagheranno la clausola, ma forse no". Un genio.
In quest'ottica la giornata di ieri ha chiarito almeno un paio di aspetti. De Laurentiis ha modi "originali", ma certamente efficaci. Sa che comunque andranno le cose lui cadrà in piedi, sa che potrà fare nulla per fermare l'eventuale pagamento della clausola (cosa che gli risparmierebbe le critiche dei tifosi), sa che al momento Higuain è il vertice più attaccabile nel triangolo Juve-Napoli-Pipita, sa che a prescindere dal "successo" di ieri è il caso di sondare il mercato alla ricerca di eventuali e valide alternative. Lo sta facendo? Sì. È agitato? Disperato? Preoccupato? Voi lo sareste se l'addio - non del vostro affetto più prezioso, ma di un calciatore - vi portasse in cambio 94 milioni? Suvvia, non scherziamo.
De Laurentiis gongola, non lo può dire e saggiamente snocciola anche qualche piccola bugia. "Ho messo una clausola così alta proprio perché non voglio perdere il ragazzo". Gli si potrebbe ribattere: "Se per te il ragazzo era ed è incedibile, allora bastava evitare di mettere qualsivoglia clausola". Ma son quisquilie: un presidente che prima di tutto è un imprenditore, non solo ha il diritto di poter incassare, ma nell'ottica della "sopravvivenza a lungo termine" ha il dovere di farlo, in particolare se sa come rimpiazzare cotanto bomber. Anche per questo la frase "La Juventus non ci farà questo torto" sa di "pura strategia": se i bianconeri pagano la clausola incassa e gli ha tirato la stoccata, se non lo fanno ha vinto agli occhi delle masse.
Conclusione. De Laurentiis ha parlato e lo ha fatto con intelligenza, ora la palla passa a Higuain: Pipita, Napoli è tutt'orecchi.
Sull'altro fronte la strategia è abbastanza chiara: la Juve ha sondato il terreno per vedere se c'erano margini, ben sapendo che la risposta sarebbe stata "o clausola o niente". La risposta di Marotta: "Non paghiamo la clausola, finisce qui. Per ora..." fa intuire che siamo alle prime scaramucce, ma che non ci sarà una vera e propria guerra, perché non è necessaria. La Juve ribusserà alla porta del Napoli più avanti e se - come probabile - la risposta sarà ancora la stessa ("O clausola o niente") valuterà le varie alternative. 1) Pagare i famosi 94 e spicci, magari "ammortizzando" il tutto con una cessione (il City tornerà alla carica per Bonucci, ma solo in caso di offerta "senza senso" il difensore partirà). 2) Puntare su un altro bomberone (Sanchez è una possibilità che resta assai viva). Anche in questo caso fretta non ce n'é: con Pjaca praticamente chiuso a 22,5 milioni, con Pjanic già in rodaggio, con Dani Alves nel motore, per il "nuovo Morata" si può anche pazientare fino al termine della tournee in Australia.
Al Milan le certezze sono quelle che offre lo sguardo di Montella: rilassato, consapevole, soprattutto molto chiaro con la società. "Galliani sa di cosa ho bisogno", ha detto lunedì. Segno che l'Aeroplanino ha dettato la linea e vuole poter incidere con maggiore certezza sul mercato rispetto ai suoi predecessori. Gli effetti si vedono anche sul campo, pur dopo una sola uscita.
I problemi, semmai, sono fuori dal campo. Ieri Galliani ha fatto visita a Berlusconi per avere il via libera sul mercato, ovvero per poter spendere anche senza dover aspettare la firma del preliminare con i cinesi. Lo slittamento dell'accordo (non prima della fine di luglio) ci fa pensare che il patron darà comunque l'ok ai colpi Musacchio e Zielinski, ben sapendo che Bacca prima o poi troverà una sistemazione "gradita".
Il resto è il solito mistero, tra le voci di chi è certo ("i cinesi ci sono, bisogna solo sistemare i dettagli"), gli scettici ("Berlusconi ha cambiato idea") e gli stra-scettici ("sono i cinesi che non accettano determinate condizioni"). Difficile schierarsi, inutile alimentare la confusione, giusto dire che nel marasma generale, almeno questa volta il club una scelta giusta l'ha fatta: quella relativa alla panchina.
Quindi l'Inter. In casa nerazzurra si sta perdendo una grande occasione. Poteva essere l'avvio di stagione dei sorrisi, della distensione, del "è appena arrivata una nuova proprietà, lavoreremo con senno", invece si è deciso scientemente di fare confusione.
Neanche il tifoso più pessimista poteva immaginare che i problemi potessero essere generati non da questo o quel tesserato, bensì dai due dipendenti più rappresentativi: il capitano e l'allenatore. Allucinante.
L'Inter non è una squadra che ha bisogno di comprare 21312 nuovi giocatori, semmai ha bisogno tre prospetti di prima fascia (e li avrà, per Gabriel Jesus - arrivo non prima di gennaio - offerti 30 milioni), ma con i titoloni sui giornali dettati dall'atteggiamento della sua guida in panchina e del suo giocatore più celebrato, ha prestato il fianco a quelli che "in ritiro c'è casino e sul mercato non succede niente: crisi". Totale: un disastro mediatico la cui responsabilità per una volta non è degli infami giornalisti (o almeno non solo), ma di chi ai sorrisi (magari anche solo di facciata) ha preferito anteporre gli interessi personali, i musi lunghi, i capricci ("voglio Yaya! Yaya è forte! Chi non lo capisce di calcio non capisce!") o le mogli imbizzarrite. Davvero un pessimo inizio alimentato, se vogliamo, anche dalla dirigenza: il direttore sportivo ha il contratto in scadenza e non si sa se sarà confermato, il resto dei rappresentanti fatica a mettere pace tra una dichiarazione "non controllata" e un brontolio da quarta elementare. Un vero peccato.
Parliamoci chiaro, a meno che i capricci non si trasformino in incontrollabili "crisi isteriche", Mancini non se ne andrà, né la sua sostituzione sarebbe un bella notizia: cambiare a metà luglio sarebbe una sciocchezza e il tecnico in fondo non è neppure il disastro che qualcuno vuole far apparire, anzi. Una cosa però al tecnico la vogliamo dire, e la riprendiamo da un pezzo pubblicato qualche giorno fa dal sottoscritto su "ilsensodelgol", sperando che il tecnico finalmente si faccia una risata.
(twitter: @FBiasin @ilsensodelgol Mail: ilsensodelgol@gmail.com)

Caro Roberto,
ciao.
Probabilmente ti hanno ammazzato il gatto. Se è così scusaci, davvero, non sapevamo.
Se invece non è così, ti prego, regalaci uno straccio di sorriso, uno solo.
Fidati, te lo puoi permettere per almeno una decina di motivi.
1- Secondo molti studi scientifici ridere fa bene anche se non arriva Yaya Tourè.
2- Hai il secondo stipendio tra gli allenatori di serie A dietro ad Allegri. Tutto ciò nonostante l'8° e il 4° posto "conquistati" negli ultimi due campionati. Minchia se non ridi tu chi lo deve fare, Froome al Tour de France in versione "Coppa Cobram"?
3- Passi tutto il giorno all'aria aperta. Quando organizzi le partitelle non paghi il campo e con grande arroganza puoi imporre le squadre. Tipo che ti prendi Handanovic e lasci agli altri Nagatomo. Quindi, Roberto, sorridi.
4- Alla peggio Manchester-Milano son due ore scarse di volo. Con Yaya Tourè potete pure organizzare una pizzata a settimana. Vai sereno. E ridi.
5- Robbè, diciamolo, sei un bell'uomo ma hai anche i tuoi 55 anni. Alla tua età col cazzo l'italiano medio si becca una giovine bonazza come quella che ti sei trovato tu. Ti hanno stanato con la moracciona a spasso a Saint Tropez, tra l'altro, non a Viserbella. E fallo un cazzo di sorriso, su.
6- Lo sappiamo, ti dà fastidio che Ranieri, Guidolin, Mazzarri e Conte facciano i fighetti nella "tua" Inghilterra, ma se metti il broncio gliela dai vinta. Stampati sul volto un bel sorriso e cambia il colore del ciuffo, creperanno d'invidia.
7- Da che mondo e mondo per i cinesi il riso è importante. Quindi, ridi.
8- Fa molto caldo, è vero, ma tra non molto tornerà la tua stagione preferita, quella delle sciarpette. Sorridi, in fondo l'attesa del piacere di indossare la sciarpetta non è essa stessa piacere?
9- Se non ridi qualcuno oserà pensare che sei incazzato e tutti parleranno di "crisi Inter". Sorridi, anche solo per banalissima strategia.
10- Il riso abbonda sulla bocca degli stolti, ma difetta su quella degli irriconoscenti. E quindi ridi, su, da bravo.
E facci sapere del gatto, nel caso.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Serie A a 18 squadre, che assurdità. La Juventus ha qualche piccolo problema, il Milan decisamente di più. Europa, qualcosa è cambiato. Ed è merito di Lazio e Atalanta 22.10 - C'è un momento per parlare di calcio giocato e un altro di politica del pallone. Credere che il secondo sia più importante del primo è, certamente, presunzione. Ma pensare che uno non influenzi direttamente l'altro è, davvero, un errore pacchiano. Abbiamo provato, nelle ultime settimane,...
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

Montella: sarto no, stilista sì. Dzeko: il mercato invece dorme. Sarri: attenti alle "facce..." 21.10 - No, Montella non è Lizzola. Nè, per la verità ha fatto discorsi da Lizzola. Chi era intanto costui? Si tratta del sarto che era bravissimo, secondo i racconti di Silvio Berlusconi, a fare i vestiti con la stoffa che aveva. Invece, in quel Marzo 2000, il Milan di Helveg e Bierhoff...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Ancelotti tra Juve e Milan, ma prima i mondiali con l’Italia? Inter, Ramires il centrocampista low cost. Il ritorno su Vidal. Milan su Kakà, quanti dubbi. E mister Li deve rifinanziare il debito 20.10 - Ancelotti se la rideva l’altra sera a Stamford Bridge, divertito da Chelsea-Roma, senza dubbio una gara emozionante. Rideva anche perché nonostante l’esonero del Bayern, è sempre corteggiato da tantissime squadre. Giustamente aggiungo io. Dell’interesse del Milan sappiamo da tempo,...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Roma che sorpresa, Juve di misura: ecco cosa ci regala la due giorni di Champions. E le risposte del Milan 19.10 - Chiusa la due giorni di Champions e possiamo vedere anche il bicchiere mezzo pieno. La sconfitta del Napoli era probabilmente pronosticabile, come la vittoria della Juve. Il pareggio della Roma è prestigiosissimo sia per come è arrivato sia per il risultato in sé. Del Napoli si è...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve come Tony Montana… Icardi, sms a Sampaoli! Mourinho, il futuro non è in Italia. La Svezia? Il “biscotto” ci motiva… 18.10 - Alla fine ce la giocheremo con la Svezia. Per nostra grazia, Re Zlatan ha deciso di non indossare più la casacca della nazionale e, altra fortuna, è ancora alle prese con i postumi dell’infortunio. Personalmente, Grecia a parte, la considero un’avversaria decisamente “alla nostra...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter: goduria da derby, ma occhio al tranello! Milan: quel che sarà di Montella. Juve: ricordatevi dello “schema Allegri”. Napoli: l’evoluzione di Sarri (in campo e fuori) 17.10 - Ciao. In questo momento è in onda il mondeinait Verona-Benevento, ma non è che dobbiamo storcere il naso. Abbiamo assistito al derby di Milano, a Roma-Napoli, a Juve-Lazio e comunque poteva andare peggio: poteva esserci Verona-Benevento con la nebbia. Oppure Verona-Benevento con speaker...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Allarme Juve. Simone, prenota il posto di Max. Che goduria questo Napoli. Torino, così in Europa non ci vai... 16.10 - Il paradosso del calcio è sempre lo stesso. Molte favole nascono dalla coincidenza, poi c'è quello bravo che le sfrutta (Simone detto Inzaghino perché in campo dei due era il più scarso, anzi, il meno forte) e chi invece sale sul treno sbagliato nel momento sbagliato (vedi Seedorf,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

La moda delle clausole e i giocatori che trattano l'addio (al momento del rinnovo...) prima dei club: così il calciomercato sta cambiando le sue regole e i suoi codici. Donnarumma come Higuain e Neymar: Raiola non ha cambiato idea 15.10 - Non viviamo certamente nel miglior periodo storico possibile. Se ci pensate, a guardarle per un attimo con un occhio quanto possibile esterno, le relazioni umane sono giunte oggi a un livello quantomeno buffo. Tendente al preoccupante. Tutto si svolge tramite il medium dei social,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva, turbolenze e derby. Juve: giri di valzer sulla VAR. Sarri: facile essere belli? 14.10 - Montella non vuole più essere "usato" per detrarre qualcosa ad Andrè Silva. E dal momento che il giocatore sta raggiungendo livelli di rendimento molto importanti, non ci sarà più la sponda del tecnico rossonero. Chi vorrà storcere il naso su Andrè Silva, dopo 9 gol in 10 partite...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Donnarumma andrà via, è lui il big sacrificato dal Milan. Petkovic farà il traghettatore, c’è l’ok. Inter, per la difesa attenti a Jedvaj del Bayer. Capello fa tremare Ventura 13.10 - Fassone è di sicuro un ottimo dirigente e il curriculum parla, ma nelle ultime interviste non ha dato il meglio di sé. Forse risente del momento del Milan. Dopo la sconfitta di Genova, ho già detto, ha sbagliato nel mettere in discussione pubblicamente tutto e tutti. Certe cose vanno...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.