VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Juve, il Real su Pogba. Offerti Isco, Morata e 50 milioni. Berardi torna. Inter: Imbula firma, poi Montoya e Zukanovic. Ma Salah resta a firenze. Milan, fatto Bertolacci prova Bacca

Giornalista professionista e scrittore, editorialista del Quotidiano Sportivo che ha rifondato e diretto per cinque anni. Opinionista radio e tv. Twitter @EnzoBucchioni
26.06.2015 07:29 di Enzo Bucchioni   articolo letto 137940 volte
© foto di Federico De Luca

Dopo Manchester City, Paris Saint Germain, Chelsea e Barcellona, è arrivata a Raiola anche l'offerta degli emissari del Real Madrid per Paul Pogba. L'asta continua, ma è destinata ad avere sviluppi clamorosi nelle prossime settimane. Comunque il Real per il giovane francese è disposto a sacrificare due giocatori importanti come il trequartista Isco, uno dei migliori quest'anno, e strappare la clausola di ricompra legata a Morata e mettere sul piatto cinquanta milioni di denaro cash. Non male.

Come vi abbiamo sempre detto, la Juve fa finta di niente, continua a dichiarare Pogba incedibile, per stare alla finestra mentre Raiola si muove e poi decidere.

Come ricorderete il Manchester City ha già fatto sapere di essere disposto ad arrivare a una cifra attorno ai cento milioni inserendo Jovetic e Dzeko nell'operazione. Ora però la Juve è meno interessata visto che è arrivato Mandzukic dall'Atletico e la pista è congelata. Resta l'offerta del Chelsea pronto a discutere mettendo Oscar (che piace ad Allegri) sul piatto oltre a cash e anche quella del Barca che però è ferma a 70 milioni più Dani Alves che ha rinnovato. Più lontano il Psg, visto che ormai Cavani non interessa più e Verratti sembra tutt'ora incedibile.

Nel frattempo, però, la Juve non sta ferma. Come vi avevamo anticipato quasi due mesi fa, Pirlo e Tevez se ne sono andati. Ci dispiace per tutti quei tifosi che ci avevano scritto dubbiosi, ora la nostra verità è verità provata. Tevez al Boca ha fruttato una cifra attorno ai cinque milioni e il diciottenne Guido Vadalà, per qualcuno il nuovo Messi, ma non per il Barcellona che qualche anno fa lo aveva provato e poi restituito al Boca dopo un diverbio con il padre. E' stato anche all'Atalanta, spera di avere più fortuna in bianconero. Nel pacchetto anche Pavon e Cristaldo promessi bianconeri.

Pirlo, invece, si sta ambientando nella grande mela e a giorni firmerà il contratto che lo lega al New York per un anno e mezzo a dodici milioni. Non male.

Non arriverà in bianconero Berardi come avrebbe voluto Allegri. Il Sassuolo l'ha riscattato per dieci milioni, ma l'anno prossimo la Juve lo riprenderà per 15. E' già deciso. L'allenatore bianconero avrebbe voluto subito la coppia del Sassuolo Zaza-Berardi, li avrebbe volentieri testati in ritiro, ma i buoni rapporti fra le due società hanno prevalso, tanto più che il terzino Vrsaliko piace e potrebbe essere un nuovo obiettivo di Marotta.

Facendo due calcoli, in attesa della vicenda Pogba, la Juve ha già preso Mandzukic, Khedira, Dybala, Rugani, Zaza e Neto. Non finirà qui, manca un trequartista di qualità, come detto Oscar o Jovetic e due esterni di difesa. Ma anche i centrocampisti Witsel e Allan sono in stand-by in attesa della decisione finale, non a caso non stanno andando verso altre squadre.

Solo l'Inter ha risposto alla grande alla Juve. I soldi cash non ci sono, l'Uefa sta controllando le operazioni nerazzurre, ma Ausilio sta facendo miracoli con le spalmature dei contratti e dei pagherò. Dopo Kondogbia, Miranda e Murillo, ieri ha chiuso con Imbula che arriverà in prestito dal Marsiglia con il riscatto obbligatorio fra un anno a venti milioni. Non è finita, sempre ieri ceduti Santon e Kuzmanovic al Watford di Pozzo, i nerazzurri hanno chiuso o quasi per l'esterno del Barcellona Montoja in prestito per un anno con riscatto fissato a sette milioni per il 2016 e per Zukanovic del Chievo dove andrà tutto Schelotto e un milione.

E' un'Inter tutta nuova, che si presenta con Handanovic (pronto il rinnovo), Montoya, Murillo, Miranda, Zukanovic; Kondogbia, Imbula e Brozovic. In attacco Icardi e Palacio. Manca il trequartista, ma è in arrivo a Milano Fali Ramadani il procuratore di Jovetic che a Mancini piace molto. Niente da fare invece per Salah. L'egiziano è saldamente in mano alla Fiorentina che ieri ha parlato a lungo con il suo avvocato-agente formulando una proposta giudicata interessante e forse decisiva.

I viola offrono 2,5 milioni di euro (700 mila in più) più una serie di bonus a gol, assist, traguardi e rendimento in genere che potrebbero portare facilmente l'ingaggio di Salah ai tre milioni offerti anche dall'Inter che per altro nell'operazione non avrebbe avuto l'ok dal Chelsea.

La Fiorentina ha inoltre garantito al giocatore che tra gennaio e luglio prossimi, in due rate, eserciterà il diritto di riscatto con il Chelsea fissato a circa 19 milioni con il prestito. Questa soluzione sembra aver convinto Salah che vuole una squadra finalmente sua, vuol giocare, è stanco di finire in prestito e non vuol tornare al Chelsea. I piani di rafforzamento e le idee di Rogg e Pradè che vogliono fare di Salah uno degli uomini-immagine viola dei prossimi anni, sono piaciute, Andrea Della Valle ha dato l'ok economico per l'operazione, a questo punto servono i giorni necessari all'incontro con Salah e alla limatura del contratto, ma c'è grande ottimismo. Ottimismo anche per Baselli dell'Atalanta sul quale ieri sera si è ributtato Pradè offrendo Bittante e Tomovic oltre a contante.

E' tornato il sereno anche in casa Milan. Non abbiamo ben capito se mister Bee esiste ancora, dove sia finito il famoso fondo Doyen, ma Galliani sembra aver chiuso comunque ieri sera un bel colpo. Bertolacci, inseguito da tempo, è tutto rossonero (salvo errori ed omissioni) per una cifra importante attorno ai 20 milioni. Il centrocampista a metà fra Genoa e Roma era stato riscatto pochi giorni fa dai giallorossi che ora se ne liberano con una bella plusvalenza. Non basta.

Gira con insistenza la voce di un'offerta da 25 milioni al Siviglia per l'attaccante Bacca che ha eliminato la Fiorentina in semifinale di Europa League. Piedi di piombo, naturalmente, ricordando Jackson Martinez e compagnia. Bacca, comunque, sarebbe il giocatore ideale negli schemi offensivi di Mihajlovic che tocca ferro.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Troppe Serie A, il calcio sia riformato subito: chi ha la memoria corta non è De Laurentiis. Juve schiacciasassi e Higuain non è diventato un brocco mentre il Torino è ancora vittima degli eccessi di Mihajlovic. 24.09 - I campionati di Serie A vanno avanti. No, non c'è refuso e neppure stortura in questo attacco ma la pura e semplice, nonché amara, verità. La Juventus, il Napoli e la Roma sono da Champions. Inter e Milan degne di una lega d'alto spessore e perché no pure una Lazio mai doma nonostante...
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva: a Suso era andata molto peggio. Moratti: ruolo operativo non significa quote. Napoli: e goditela una volta per tutte! 23.09 - C'è qualcosa di psicologicamente ossessivo e di calcisticamente patologico nei detrattori di Andrè Silva. Dopo la tripletta di Vienna, era la fine del mondo se un talento del genere non giocava contro l'Udinese. Dopo la Spal, è tornato un boomerang da usare contro la campagna acquisti...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Campionato falsato, subito la riforma e premio-promozione. I limiti dell’Inter, a gennaio uno fra Ozil, Draxler e Vidal. Juve, i nodi di un mercato modesto. Howedes rotto, Douglas Costa fantasma. Con Uva in Uefa l’Italia più forte 22.09 - Dopo cinque giornate è già abbastanza chiaro che il campionato è falsato. Facendo una proiezione, a dicembre, ma forse prima, la situazione sarà già ben delineata con 7-8 squadre in corsa per i posti che contano, quattro o cinque in lotta per non retrocedere e le altre (troppe) senza...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il Napoli è devastante, Juve alla tedesca. Il duello è appena iniziato... 21.09 - Impossibile non parlare di calcio giocato nella sera dell'infrasettimanale. Impossibile non parlarne dopo una serata piena di emozioni e che regala al campionato dopo 5 giornate le due prime della classe lassù in testa alla classifica a punteggio pieno con una dimostrazione di forza...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter, buon carattere…. Mondi diversi: Patrick vs Patrik! Sarri perché non parla? E poi CR7 a Lisbona! 20.09 - L’Inter si ferma a quattro vittorie. A Bologna, i nerazzurri non vanno oltre l’1-1. Straordinari i giocatori di Donadoni, bravi a non mollare quelli di Spalletti. Onestamente Icardi (altro gol) e compagni non hanno incantato. Nella prima frazione, il Bologna ha dominato con un Verdi...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incoerenza di chi non vuol vedere (occhio a Higuain...). Inter: c'è un nemico alle porte (ma anche una soluzione). Milan: il rebus del "9" e altre malignità. Napoli: se il problema è fuori dal campo 19.09 - Ciao. Stasera c’è il campionato, domani pure, dunque qualunque cosa io scriva rischia di essere usata contro di me. Per questo e per altri motivi ragioneremo su cose frivole. Per esempio, non so se avete letto, ma la migliore amica della piacente cantante Selena Gomez le ha donato...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ecco tutti gli errori fatti a Barcellona. Processo a Allegri. Douglas Costa non serve. Paragonare Dybala a Messi è follia. Donnarumma deve scegliere il Milan o Raiola. Inter, contatto per Chiesa 15.09 - Conosciamo troppo bene il calcio per non sapere che tirare conclusioni a settembre è roba da ricovero. Soprattutto quando si parla di Juve e di Allegri. Ricordate l’anno dei dodici punti in dieci partite? E comunque la non brillantezza, le partenze in salita a settembre, sono una...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.