HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Lotta per l'Europa: Inter e Milan andranno in Champions?
  Sì, arriveranno entrambe in Champions League
  Solo l'Inter riuscirà nell'obiettivo
  Niente Inter: sarà solo il Milan a raggiungerla
  Nessuna delle due riuscirà ad andarci

La Giovane Italia
Editoriale

Juve, il Real vuole Kean. De Ligt, passi avanti. Conte, scatto della Roma. Un piano con Faggiano come ds. L’ombra del Qatar. Ma l’Inter vuole chiudere in fretta. Skriniar rinnova, Chiesa più lontano. Pioli-Fiorentina alle carte bollate

12.04.2019 07:18 di Enzo Bucchioni   articolo letto 47157 volte
© foto di Federico De Luca

La Juve deve fare in fretta a rinnovare il contratto di Moise Kean in scadenza fra un anno. Dopo la raffica di gol e le capacità tecniche e fisiche messe in mostra dal ragazzo del 2000, mezza Europa lo sta monitorando, ma in particolare è scattata l’attenzione del Real Madrid. Zidane che conosce bene le cose bianconere, ha messo l’attaccante nella lista degli acquisti nel profondo rinnovamento che il Real ha in mente per il prossimo mercato. Florentino Perez non s’è fatto pregare e s’è già mosso con il procuratore Mino Raiola, ma la Juve ha le sue certezze. Da anni Raiola lavora in grande armonia con la Juventus e con Paratici in particolare, da Pogba in giù tutto è filato liscio. La Juve ha già in agenda un incontro con Raiola entro la fine di aprile con l’obiettivo di portare il contratto dal 2020 almeno al 2024 e si aspetta di dover concedere al ragazzo uno stipendio di fascia alta. L’inserimento e le promesse del Real faranno sicuramente alzare il livello della richiesta, ma ci sentiamo di escludere che la vicenda possa prendere pieghe e cifre simili a quelle toccate per Donnarumma. E’ vero che Raiola non fa sconti, ma questa è un’altra storia. E, fra l’altro, con Raiola ci sono in ballo anche altri affari. Primo fra tutto quello relativo al difensore De Ligt ammirato anche l’altra sera nella gara con l’Ajax. In una recente intervista proprio De Ligt parlando del suo futuro fra Barcellona, Juve e altri pretendenti, ha detto chiaramente ‘Deciderà Raiola’ e Raiola sa che nella Juve diventerebbe da subito un punto fermo, sa che la Juve fa crescere i giovani nel modo giusto ed ora questa società è al top in Europa. La richiesta dell’Ajax è molto alta (sugli 80 milioni), ma si sta lavorando. E a dimostrazione che probabilmente la Juve avrà una strada privilegiata, i bianconeri hanno portato a casa un altro giocatore di Raiola, vale a dire il giovane terzino destro brasiliano Wesley del Flamengo, un altro classe Duemila. E’ extracomunitario, la Juve lo girerà a una società satellite in attesa di farlo crescere.

Ma la notizia più clamorosa arriva da Roma. Per la panchina sale la candidatura di Antonio Conte quando sembrava già fatta con l’Inter. In realtà Conte sarebbe molto attratto dalla Capitale e l’avrebbe confidato ad amici, lo intriga l’idea di riportare a Roma lo scudetto dopo quasi vent’anni. Probabilmente dietro a questa idea c’è anche il fondo del Qatar, lo stesso del Psg, che starebbe per fare un’offerta d’acquisto a Pallotta. Conte sarebbe il nome dell’allenatore nel piano tecnico stilato dai quatarioti. Si dice anche che Conte avrebbe indicato in Faggiano del Parma, da lui molto stimato, il nome del direttore sportivo con il quale gradirebbe lavorare. Comunque, anche Pallotta se non dovesse accettare le eventuali offerte arabe, aveva già messo Conte nella lista dei suoi allenatori per il futuro della Roma.

L’Inter resta però in vantaggio. Marotta s’è mosso con largo anticipo, l’offerta da dieci milioni di euro l’anno, un contratto a lunga scadenza e un piano di rafforzamento ben solido programmato da Suning, potrebbero fare la differenza nella scelta di Conte, la decisione arriverà entro la fine del mese. Ricordiamo che c’è in corsa anche il Milan, ma le difficoltà legate al fair play finanziario e alle inchieste dell’Uefa potrebbero far scendere le quotazioni dei rossoneri. Forse non è un caso che oggi, al di là della voglia di compattare l’ambiente, Maldini abbia parlato di Gattuso anche come allenatore del futuro. Bisognerà vedere cosa farà Gattuso, ma questa è un’altra storia. Tornando all’Inter, il piano di rafforzamento e consolidamento passa anche attraverso il rinnovo di Skriniar ufficializzato ieri. Lo slovacco guadagnerà il doppio, circa tre milioni, fino al 2023. Pare invece che siano giudicate troppo alte le valutazioni che girano per Federico Chiesa, indicato come possibile sostituto di Perisic in uscita verso l’Inghilterra. La Juve è in vantaggio con l’idea che abbiamo anticipato qualche settimana fa di proporre 50 milioni più Orsolini e Mandragora, e Marotta non vuol partecipare ad aste. Comunque starà alla finestra sapendo che l’Inter è una società che piace molto, forse quella che piace di più viste le maggiori probabilità di giocare immediatamente da titolare. Una storia tutta da scrivere.

Restando alla Fiorentina, la storia l’ha cambiata in poche ore. Come anticipato esattamente una settimana fa, con una accelerata voluta da Diego Della Valle, Vincenzo Montella siede già sulla panchina della viola. Pioli è un ex, ma con l’appoggio dell’associazione allenatori, ha deciso di difendere la sua immagine e la sua storia personale e professionale con le carte bollate. Il comunicato della Fiorentina con il quale lo si richiamavano alla serietà e alla professionalità per Pioli è andato oltre gli aspetti legati ai risultati ottenuti dalla Fiorentina. Vedremo chi avrà ragione. Comunque brutta storia soprattutto se ricordiamo cosa hanno passato assieme la Fiorentina e Pioli appena un anno fa con il dramma di Astori, qualcosa che affettivamente doveva unire per sempre. Ma il calcio spesso va oltre…


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juve, le plusvalenze non fanno vincere la Champions. Il Milan se ne frega del fair play finanziario, l'Inter riparte da Spalletti? Conte, Tuchel, Sarri e altre leggende 21.04 - La festa Scudetto non è tale quando esci dai quarti di Champions League per mano dell'Ajax. E soprattutto quando potevi farlo una settimana prima, con un pari tranquillo a Ferrara, invece di inserire giocatori di Serie C oppure giovani. La formazione era più forte di quella della...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Juventus, risalgono le quotazioni di Conte. Dybala in partenza, Bayern in prima fila ma c’è anche il Liverpool in un possibile scambio con Salah. Per la difesa spunta anche Jérôme Boateng. Marotta e Paratici, che sfida per Chiesa 20.04 - A fine stagione ci sarà un cambiamento inevitabile. Per la Juventus è già cominciata la fase di riflessione. Il primo nodo resta sempre Allegri. E’ vero che ci sono state le conferme del presidente Agnelli e dello stesso allenatore su un futuro ancora bianconero, ma la sensazione...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Allegri non resterà. Agnelli punta tutto su Conte, l’unico grande motivatore. Arriverà un giocatore super per reparto. Il tentativo per Guardiola di due mesi fa. Napoli, fine del ciclo. Insigne un caso 19.04 - Andrea Agnelli ha confermato Allegri a caldo, subito dopo la bruciante eliminazione dalla Champions e sinceramente penso sia stata soltanto una mossa mediatica. Il tentativo, un classico in questi casi, e niente di più di cercare di deviare l’attenzione dal dramma sportivo per far...

Editoriale DI: Luca Marchetti

La Juve, la Champions, i soldi e il mercato. I programmi della Roma e la “nuova” recompra 18.04 - La mancata qualificazione alle semifinali per la Juventus non è semplicemente una sconfitta che fa male. Perché tradisce le aspettative dei tifosi della Juventus, prima ancora che le ambizioni della società a del suo presidente Agnelli. L’Ajax ha frantumato la Juventus, ha scoperto...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

E’ la disfatta di Allegri, checché ne dica Agnelli: vincere non era l’unica cosa che conta? La Juventus ha giocato solo quando ha dovuto reagire. Rilassatasi con l’Ajax, è crollata. Gli juventini vogliono Allegri? 17.04 - Il ranking. Il nuovo tormentone è il ranking. Uscire da questa disfatta - né più, né meno - contro l’Ajax, e parlare da parte di Agnelli di ranking e degli ultimi cinque anni sempre nei Quarti, ha lo stesso effetto dell’ingaggiare un make-up artist da Oscar per fare agghindare un...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: i rischi della super sfida e il moralismo senza senso sui “ragazzotti”. Inter: la verità tra le parole di Marotta (Icardi, Spalletti e... Conte). Milan: il futuro di Gattuso, spiegato nel presente. Napoli: la coerenza non è un optional 16.04 - Mentre scriviamo brucia Notre Dame e c’è davvero poco da ridere. Qualcuno fa grassa ironia “in fondo non è morto nessuno!”. Ah, pisquani, quanta pochezza. Brucia Notre Dame e noi siam qui a parlare di pallone, del resto di arte capiamo nulla, ma che fastidio accendere la tv e vedere...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan, angeli e demoni. Inter, traguardo vicino. Napoli, che horror! Chievo giustamente in B. Gravina, prima i veri problemi poi il resto... 15.04 - Le lotte per il quarto posto, e per il terzultimo, sono le uniche rimaste a farci divertire. Penserete, giustamente, come sia caduta in basso la serie A. Vero! La Juventus, ormai, deve fare i calcoli per quando festeggiare. Deve decidere solo la data e si organizza per la passerella,...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

La formazione di Allegri è il frutto di un campionato che non funziona. Vincere così non aiuta nessuno, nemmeno la Juve. E Andrea Agnelli lo sa bene... 14.04 - Un esordiente nel massimo campionato con la maglia della Juventus, due esordienti assoluti in Serie A, più Hans Nicolussi Caviglia. Centrocampista classe 2000 che prima di ieri sera aveva giocato in Serie A solo dieci minuti contro l'Udinese (quando il risultato era 4-0). A Ferrara,...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Inter, è Lukaku la prima scelta se parte Icardi. Dzeko e Zapata le altre ipotesi. Juventus, per il centrocampo si continua a monitorare Ndombele del Lione. Svolta Mertens, l’attaccante belga ora potrebbe rimanere. Giuntoli al lavoro per Callejon 13.04 - La fine del campionato è dietro l’angolo e una decisione deve essere presa per forza. La svolta tra l’Inter e Icardi sta per arrivare. L’addio resta l’ipotesi più probabile ma non scontata. Icardi è un grande bomber, ha 26 anni e ora più che mai è un’occasione di mercato per tante...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Juve, il Real vuole Kean. De Ligt, passi avanti. Conte, scatto della Roma. Un piano con Faggiano come ds. L’ombra del Qatar. Ma l’Inter vuole chiudere in fretta. Skriniar rinnova, Chiesa più lontano. Pioli-Fiorentina alle carte bollate 12.04 - La Juve deve fare in fretta a rinnovare il contratto di Moise Kean in scadenza fra un anno. Dopo la raffica di gol e le capacità tecniche e fisiche messe in mostra dal ragazzo del 2000, mezza Europa lo sta monitorando, ma in particolare è scattata l’attenzione del Real Madrid. Zidane...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510