VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
Editoriale

Juve: il solito delirio su Allegri. Milan: Bonucci, Milan e altre esagerazioni. Inter: la grande bellezza di chi trasforma il "culo" in "scudetto". Napoli: occhio a Sarri...

24.10.2017 00:00 di Fabrizio Biasin  Twitter:    articolo letto 27714 volte
© foto di Alessio Alaimo

C’è una marea di gente che va a vedere il pagliaccio nel tombino, persino mio padre.

“Mercoledì vado a vedere il pagliaccio nel tombino”.

“Perché papà?”.

“Perché sono in pensione, il mercoledì fanno i biglietti a due euro e soprattutto perché non c’ho una fava da fare”.

Mi è parsa un’ottima motivazione.

Questa storia del pagliaccio nel tombino è poco credibile, o almeno non lo è ai giorni nostri. Il bambino del film è molto spaventato, un bambino dei giorni nostri, invece, se incontrasse il pagliaccio nel tombino gli direbbe “torna al tuo Paese invece di invadere i nostri tombini”. E poi gli tirerebbe una gomitata tipo Bonucci a Rosi.

Bonucci in questo momento ha il morale nel tombino, come il pagliaccio. In più non c’è uno che gli dica “poverino, è in un momento no”. Sarà che guadagna un sacco di soldi e la gente gode abbastanza (“c’hai la crisi? Cazzi tuoi, risolvitela con i milioni”), sarà che la gente è abituata ai pagliacci nei tombini, ma non ai difensori della Nazionale nel baratro. Persino il motivatore di Bonucci c’è andato leggero (“quando è stato capitano alla Juventus non ha avuto delle grandi prestazioni”). Pare che Bonucci gli abbia risposto: “Dove hai preso la laurea da motivatore? A Topolinia?”. E infatti lo ha sbugiardato su twitter (“mi dissocio”). Pare che il motivatore si sia demotivato.

Non è un momento facile per alcuni giocatori della serie A. Prendete quelli del Benevento. Una volta i giocatori professionisti conquistavano le belle ragazze perché nei locali dicevano “io giuoco in serie A”. E molte crollavano come pere cotte. Pare che a Benevento oggi funzioni la tecnica opposta.

Lui: “Ciao, posso offrirti un gin fizz?”.

Lei: “Ci stai provando? Non sarai mica un giocatore del Benevento”.

Lui: “Scherzi? Io gioco solo a paddle”.

E lei a quel punto accetta il gin fizz, ma fatto con il gin marca “Mare”, che costa di più (vuole vedere se hai i soldi anche se non giochi nel Benevento).

Pare che il noto pagliaccio sia finito nel tombino proprio per una questione di gin fizz molto cari e debiti accumulati. Conta una dozzina di presenze nel Benevento, tra l’altro, e quindi per il momento preferisce restare nel tombino.

Ma torniamo a Bonucci. Anzi, al Milan. Il problema è la fascia da capitano? Montella? Il preparatore atletico che era un problema ma poi non hai sostituito? Il direttore sportivo che parla troppo? Tutte le precedenti? E chi lo sa. Quello che sappiamo è che tutte le difficoltà attuali dei rossoneri sono manna dal cielo per quelli che “io l’avevo detto che era una squadra costruita col culo! Io l’avevo detto che faceva tutto schifo!”. Quelli del “io l’avevo detto” proliferano in tutti i campi della vita e sono i più subdoli. Dicono 100 cose, le mettono in archivio e poi, al momento opportuno, tirano fuori quella più comoda per dire “io l’avevo detto!”. In definitiva sono facili profeti, ma “informatori assai poco informanti”. Scusate la polemica sterile, ma se esistessero tombini non solo per pagliacci ma anche per opportunisti dell’opinione, avremmo fogne affollatissime.

Prendete Spalletti. Dice: “Se vinco mi dite che sono candidato allo scudetto, se pareggio mi chiedete se credo al quarto posto”. E molti si incazzano: “Come si permette!”. Spalletti generalizza e non dovrebbe, ma non ha mica tutti i torti. Guardate cosa è successo nel pre e post Napoli-Inter. Prima: “Che culo smodato l’Inter! Prima o poi i nodi verranno al pettine!”. Dopo: “Questa Inter non si può più nascondere, è una candidata per lo scudetto!”. Le stesse persone. Davvero. Fanno il giro sull’ottovolante e sono pronte ad eseguire altre mirabolanti acrobazie a seconda di come andrà stasera. L’Inter vince? “Spalletti esci lo scudetto!”. Pareggia? “Il culo chiaramente prima o poi doveva finire”. Perde? “Crisi Inter”. Icardi ne fa tre nel derby? “Fenomeno del mondo intero!”. Si sbatte ma non segna contro il Napoli? “Buon giocatore, ma in certe partite forse sarebbe il caso di tenerlo fuori”. Nel 2017, tranne in rarissimi casi, le cose vanno così (io ovviamente faccio parte di quelli che cambiano opinione come banderuole, sia chiaro).

La massima espressione di tutta la faccenda è ben rappresentata da Udinese-Juve 2-6, ma prima di parlare di Udinese-Juve 2-6 volevo raccontarvi una cosa che mi ha abbastanza impressionato e si intitola “Coccole al Grande Fratello”. L’altra sera son tornato a casa dopo aver visto il film col pagliaccio nel tombino e ho acceso sul canale che dà il Grande Fratello 24h perché ci tengo molto che Bossari stia bene e mangi sano.
Sullo schermo sono apparsi due ragazzi di bella presenza. Uno poggiava la testa sulla pancia dell'altro e sorridevano tra loro. Non avevano interessi amorosi, ma si facevano le coccole. Dopodiché sono andati in bagno, si sono messi le creme per la notte e uno dei due si è fatto schiattare i punti neri sul petto da una sua compagna di reclusione. Tutti i presenti si chiamavano l’uno con l’altro “amore”, “tesoro” eccetera eccetera. Ho spento e mi è venuto in mente di quando al liceo, una volta, divisi ingenuamente a metà la mia focaccia con un compagno di classe e tale Marozzi da dietro mi urlò: “Ricchione! Io ora ti ammazzo!”. Nessuno lo dice mai, ma il nostro Paese quanto a “libertà di fare il cazzo che ci pare” ha fatto grandi passi avanti. Meno male.

Ma torniamo a Udinese-Juve 2-6. Dopo il vantaggio dell’Udinese sui social sono fioccati i messaggi: “Allegri maledetto incapace! Pezzo di fango! Vai nel tombino con il pagliaccio!”. Dodici minuti dopo la Juve vinceva e poi è finita come è finita. Codesta vittoria, apparentemente semplice, dice almeno un paio di cose: 1) Allegri non sarà mai il re del bel giuoco, ma è certamente il n° 1 quanto a “messaggi da far recepire ai giocatori”. A Udine hanno giocato tutti con la bava alla bocca (Dybala a parte). 2) Ci vorrebbero più pagliacci per “bambini che dicono cazzate riguardo ad Allegri”. Forse, eviterebbero di parlare a sproposito.

Chiudiamo in fretta che si fa tardi:

1) La storia di Anna Frank con la maglia della Roma è di una piccineria tale che non merita pubblicità, ma solo tanta compassione.
2) Roberto De Zerbi si è preso un patatone bollente, ma essendo il nostro prediletto confidiamo nel “miracolo-salvezza” a Benevento.
3) Se il vostro pagliaccio preferito è quello del tombino siete troppo giovani e non conoscete il Pagliaccio Baraldi.
4) Quelli che rompono i maroni a Sarri perché non fa turnover gli romperebbero le balle se lo facesse. Il dato di fatto è che fa punti. Se poi il suo presidente gli permettesse anche di andare in conferenza stampa non sarebbe affatto male: mille volte meglio il “facce di cazzo” del silenzio senza senso.

Vi lasciamo infine alla consueta rubrica (nel senso che siamo già al terzo appuntamento con): “Cose importanti presenti nelle home page dei più importanti siti sportivi italiani.

A) Michelly esagera su Instagram, Petagna la riprende: "Copriti!"
B) Cercano di catturare un coccodrillo, dalla pozza esce... Godzilla
C) Belen balla con Castrogiovanni e le si strappa il vestito.
D) Gloria grida “Forza Milan!”.

Decidiamo quindi di approfondire la prima notizia

“Michelly Sander da impazzire su Instagram. La nuova fiamma di Andrea Petagna ha pubblicato una foto sul noto social network in cui indossa una camicia bianca senza reggiseno sotto che lascia intravedere tutto. Non poteva mancare la reazione del “geloso” attaccante dell’Atalanta, che nei commenti, dopo diverse faccine, ha scritto un eloquente: “Copriti”.

Fine.

Con il vostro permesso torniamo nella fogna.

(Twitter @FBiasin @ilsensodelgol Mail: ilsensodelgol@gmail.com).


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
La Champions non ci tira su, Malagò a piedi uniti e i giovani veramente giocano? 23.11 - Se il campionato ci aveva ritirato su il morale, riconsegnandoci la voglia di calcio, la Champions un po' ce ne toglie. Insigne, è vero, ci ha fatto vedere che sta arrivando a dei livelli internazionali (e questo fa aumentare il rammarico) Juve e Roma invece non riescono a utilizzare...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Rivoluzione? Invoco il Commissario… Juve, c’è un problema! Roma? Ha ragione Falcao… 22.11 - Sto ancora elaborando il lutto (l’esclusione dal Mondiale) ma mi sta anche salendo quella sana rabbia di chi pretende un cambiamento, non di facciata ma reale!!! Il popolo ha avuto il sangue che bramava: le teste di Ventura e Tavecchio sono rotolate sul selciato… Purtroppo, il resto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: attenti a quelli della “crisi” (e ai nemici in casa). Inter: Icardi e gli strani pensieri. Milan: il dubbio Montella e “la bella reazione”. Riflessione semiseria sul calcio italiano 21.11 - “Gli aspetti formali, tendenti alla verifica dello status quo, ci portano a considerare i rappresentanti delle Leghe, per quanto la situazione sia decisamente inaccettabile. E sì: bisogna riformare il calcio guardando al tutto!”. (Quelli che comandano, che hanno il culo sulla poltrona,...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tavecchio a casa, forse. Ventura fuori Paese ma attenzione ai successori. Gravina? C... Piace! Allegri, sveglia questa Juve. Palermo? Ve lo avevamo scritto un anno fa... 20.11 - E' successo l'impensabile e, allora, è giusto che si volti pagina perché il calcio è un'azienda e bisogna rispettare la meritocrazia. Prandelli e Abete salvarono la faccia e la dignità, qui non c'è stata né la faccia né la dignità. Un Mondiale si può sbagliare ma addirittura non salire...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il disastro economico-sportivo di Tavecchio e Ventura: gli effetti sulle tasche degli italiani e pure sul mercato. Ancelotti, gli specchietti per le allodole e il nome che serve. Allenatori e giocatori: la ricetta per cambiare davvero 19.11 - Carlo Tavecchio che scarica il barile, le colpe e versa pure lacrime rabbiose e di frustrazione no. Carlo Tavecchio ancora in sella, neppure. Invece son due fotografie che questi giorni regalano, istantanee e video che arrivano e che resteranno a lungo in un calcio italiano destinato...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, crocevia Usa. La Nazionale riparte dal Milan. Perisic e i giocatori che vanno attesi 18.11 - Se il New York Times arriva ad occuparsi del Milan, vuol dire che il Milan fa gola. Stupiscono, ma forse fino ad un certo punto, i tempi scelti per lanciare la bomba mediatica, da un autorevole quotidiano che comunque negli ultimi due anni non era mai entrato nelle vicende del closing...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Collina l’uomo nuovo per la Federcalcio. Ancelotti, no alla Nazionale. Non farà la foglia di fico di Tavecchio che deve solo andar via. La colpa è sua: non ha capito la guerra fra Ventura e i giocatori. Tutti i retroscena. L’ex Ct via dall’It 17.11 - C’è solo un uomo in grado di cambiare il calcio in Italia e di rilanciarlo verso il futuro con interventi radicali e riforme illuminate e quell’uomo si chiama Pierluigi Collina. L’attuale capo degli arbitri della Fifa è l’unica personalità di livello mondiale spendibile dal paese...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non è una questione di nomi, ma di programmi. E stavolta sul serio... 16.11 - Lunedì. Lunedì sarà il giorno in cui ci saranno le risposte. Le proposte che Tavecchio (che non si è dimesso) presenterà il nuovo programma da cui ripartire. Uomini e idee. E' lì che si giocherà la vera partita, è lì che misureremo la voglia di cambiamento del movimento calcio italiano. Delle...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Nazionale interessa davvero? Allora nuova “regola”: cinque italiani in campo (minimo) in ogni club!!! 15.11 - La delusione è ancora forte, quasi insostenibile. Come era prevedibile, tutti si sono inorriditi per quanto successo. L’Italia fuori dal Mondiale, una catastrofe, un’apocalisse, la morte del calcio italiano. Tanti presidenti di club si sono espositi in prima persona… Tutti avviliti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Qui muore il calcio italiano 14.11 - Qui muore il calcio italiano, condannato dall'improvvisazione, le cattive abitudini, il malcostume di chi pensa che ce la farà per qualche bislacco diritto divino. Qui muore il calcio italiano. E ci fa male, malissimo, ma guardiamoci in faccia: è dannatamente giusto così. Qui...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.